Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Salute e benessere > Chirurgia plastica > Riduzione della ginecomastia - Chirurgia plastica

Chirurgia plastica

Riduzione della ginecomastia

di Redazione Sanihelp.it
Pubblicato il: 2014-06-10 18:30:00

Sempre di più, anche gli uomini hanno il "seno". Un inestetismo che si riduce in anestesia locale, con un piccolo intervento

© Thinstock 
Parte del corpo:
Chirurgia plastica tronco uomo
Per chi: Chirurgia plastica uomo
Durata: 30-60 minuti

Sinonimi:
riduzione delle mammelle nell'uomo

Tipo di anestesia:
solitamente locale

Durata dell'intervento:
Trenta minuti per la sola lipoaspirazione, 60 minuti per l'intervento che abbina lipoaspirazione e rimozione di una porzione di ghiandola.

Riposo successivo:
Un giorno di riposo in caso di lipoaspirazione. 2-3 gg. se alla lipoaspirazione si abbina l'asportazione di una porzione di ghiandola, con inserimento di drenaggi. 

Per chi:
Per gli uomini che presentano uno sviluppo eccessivo delle mammelle (ginecomastia). Si tratta di una patologia sempre più diffusa, soprattutto nei giovani, probabilmente a causa del sovrappeso  e per fattori legati all'alimentazione.

Come si fa:
Quando l'alterazione non è particolarmente accentuata si ricorre a una semplice lipoaspirazione. Tramite incisioni di pochi mm praticate vicino all'ascella si inseriscono piccole cannule collegate ad una siringa nella quale si crea una pressione negativa. I depositi di grasso localmente presenti in eccesso vengono così rimossi. Nei casi nei quali la ginecomastia è presente in un grado più severo, all'intervento descritto sopra si abbina l'eliminazione di una porzione di ghiandola mammaria. In questo caso, è necessario praticare un'incisione nella parte inferiore dell'areola che a fine intervento viene suturata. Raramente è necessaria l'asportazione della cute in eccesso. Nei casi maggiori può essere necessaria l'introduzione di un drenaggio ad aspirazione.
Il trattamento avviene in sala operatoria e richiede un'anestesia locale o una lieve sedazione. Raramente l'anestesia generale. È opportuno rispettare al massimo le misure di sterilità soprattutto quando è richiesta l'asportazione della ghiandola mammaria.

Dopo:
Per favorire l’adesione dei tessuti, si fa indossare al paziente una guaina elastica, precedentemente confezionata, per un paio di settimane. È possibile ritornare al lavoro solitamente dopo due giorni. Se sono stati introdotti i drenaggi, vanno rimossi dopo 2-3gg. In questo caso la ripresa del lavoro slitta di un paio di giorni. si può riprendere l'attività sportiva gradualmente, a partire dal 15mo giorno. 

Prezzo:
Dai 3.000-4.000 euro (solo lipoaspirazione), ai 4.000-8.000 euro (lipoaspirazione ed eliminazione di una parte di ghiandola).

Quando no:
Anche nel maschio, la mammella è un organo bersaglio di ormoni. L'intervento di riduzione della ginecomastia è sconsigliato quando se ne prevede l'assunzione, frequente nella cura di alcuni tumori, come ad esempio quello alla prostata. In questi casi, l'effetto dell'intervento sarebbe  vanificato.

Alternative:
L'unica possibilità di ridurre la mammella negli uomini è quello di abbinare dieta ipocalorica e attività fisica, anche se questo tipo di adiposità localizzata si rivela solitamente molto resistente. Nella grande maggioranza dei casi, i benefici sono poco apprezzabili. 

FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
prof. Riccardo Mazzola, Società Italiana di Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica, SICPRE

© 2017 sanihelp.it. All rights reserved.