Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Enciclopedia medica

corticosteroidi


(o corticoidi, o ormoni corticosurrenalici), ormoni a struttura steroidea derivanti dal nucleo di base del colesterolo, e sintetizzati nella corteccia surrenale in tre zone anatomicamente distinte della corteccia: la secrezione dei mineraloattivi è sotto il controllo del sistema renina-angiotensina, mentre la regolazione per gli altri due gruppi, glicoattivi e androgeni, dipende dall'ormone ipofisario ACTH.

I corticosteroidi circolano nel sangue legati a proteine, dette globuline, di produzione epatica, e svolgono numerose azioni complesse: i glicoattivi influenzano il metabolismo glicidico, hanno proprietà antinfiammatorie e antiallergiche e intervengono in condizioni di stress, mentre i mineraloattivi agiscono sull'equilibrio idrosalino promuovendo l'escrezione di potassio e il riassorbimento di sodio.

Tra le condizioni patologiche che interessano la secrezione dei corticosteroidi sono da ricordare il morbo di Addison, la sindrome di Cushing, la sindrome di Conn e la sindrome adrenogenitale.

I corticosteroidi vengono prescritti in malattie infiammatorie o allergiche in associazione con altri farmaci, in patologie debilitanti di varia origine e nella terapia delle endocrinopatie.
L’uso sistemico di corticosteroidi è proibito dalla legislazione antidoping. È autorizzato invece l’uso anale, otoiatrico, dermatologico, inalatorio nasale e oftalmologico, ma non rettale. Non sono autorizzate le iniezioni intra-articolari e locali di corticosteroidi.
Fonti
Ultima modifica: 25-11-2015

Promozioni:

Commenti

Ricerca enciclopedica:
Google