Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Enciclopedia medica

acqua


composto chimico diffuso come liquido, solido e vapore e che rappresenta circa il 70% del peso di un organismo umano, divisa in acqua intracellulare ed extracellulare.
Deve essere assicurato un continuo ricambio di acqua nell'organismo affinché funzionino i processi metabolici e gli organi, affinché la termoregolazione sia costante, così come l'equilibrio acido-base e l'eliminazione di scorie.
L'acqua deve essere costante pertanto ne è necessaria l'assunzione e l'eliminazione per mezzo dei reni (800 ml di urine giornaliere), della cute e dei polmoni (vapore dell'aria espirata).

In caso di scompenso cardiaco o nefropatie può verificarsi un accumulo di acqua nei tessuti interstiziali.
 

Il contenuto corporeo di acqua cambia in funzione di fattori quali l'età e il sesso. Ecco alcuni esempi: in un neonato (0-2 giorni) è 77,6% (percentuale media del peso corporeo). In un neonato (2-6 mesi) è 72,2%; in un neonato (6-24 mesi) è 59,5%; in un bambino dai 2 ai 7 anni è 63,1%; in un ragazzo dai 7 ai 16 anni è 58,4%; in un maschio dai 17 ai 30 anni è 58,9%; in un uomo dai 31 ai 60 anni è del 54,7%; in un uomo dai 61 ai 90 anni è del 51,6. In una femmina dai 17 ai 30 anni è 50,9%, mentre nelle donne dai 31 ai 90 anni è del 45,2%.

Fonti
Ultima modifica: 25-11-2015

Promozioni:

Commenti

Ricerca enciclopedica:
Google