Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Enciclopedia medica

sindrome del burn out


particolare condizione che deriva da disagio professionale che colpisce in particolar modo le persone impegnate in professioni di aiuto.

La sindrome del burn-out (dall’inglese letteralmente cotto, scoppiato, bruciato) secondo la una patologia caratterizzata da quattro elementi principali. I primi tre sono stati enunciati da Christina Maslach il quarto da Fabio Folghereiter.

  1. affaticamento fisico ed emotivo (si riferisce all’aver ecceduto delle proprie risorse fisiche ed emozionali, al sentirsi svuotato, senza alcuna possibilità di ricaricarsi
  2. atteggiamento distaccato, cinico ed apatico nei rapporti interpersonali
  3. mancanza di coinvolgimento e mancanza di realizzazione delle proprie aspettative che porta a un sentimento di frustrazione
  4. perdita di capacità del controllo, ovvero lo smarrimento di quel senso critico che dà all’attività lavorativa la giusta dimensione, per cui la professione viene ad avere un significato smisurato nella vita sociale e relazionale dell’individuo che non riesce a staccare e può lasciarsi andare a reazioni emotive impulsive e violente)
Il disturbo evolve attraverso una fase di idealismo, una di stagnazione e una finale di frustrazione manifesta (in questa fase compaiono assenteismo, presenteismo non produttivo etc).

I sintomi attraverso cui si manifesta sono:



  • fisici: tachicardia, cefalea , nausea
  • aspecifici: irrequietezza, insonnia, stanchezza, apatia
  • psichici: depressione, rabbia, senso di colpa, calo di stima, sentimenti di fallimento, indifferenza, isolamento, sospettosità, paranoia
  • I soggetti affetti da sindrome del burnout sono a rischio per patologie da abuso.
Fonti
Ultima modifica: 25-11-2015

Promozioni:

Commenti

Ricerca enciclopedica:
Google