Le parole pi¨ cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Enciclopedia medica

lino


antica pianta annuale che cresce spontanea, ma può essere anche coltivata. I suoi semi hanno riconosciute virtù terapeutiche grazie alla presenza di <link>mucillagini, che accelerano il transito intestinale, e di sostanze lenitive che calmano le infiammazioni interne (tubo digerente, vie urinarie) o esterne (pelle). La farina ottenuta dai semi di lino è particolarmente indicata per la preparazione di cataplasmi.

Le proprietà più interessanti di questo arbusto sono quelle del suo olio, caratterizzato da un alto contenuto di acidi grassi insaturi (89% contro l’11% di acidi grassi saturi) e dalla ricchezza in vitamina E e leticina, sostanza importante per il buon funzionamento del sistema nervoso e del cervello.

L’olio di lino è utile in caso di allergie, infezioni recidivanti a carico di polmoni (bronchite), naso e gola (angina, raffreddore, sinusite), vie urinarie (cistite), influenza, malattie cardiovascolari, malattie degenerative quali tumori, sclerosi multipla, poliartrite e disturbi cutanei come la disidratazione e la secchezza. Si può consumare mescolato a formaggio fresco tipo ricotta o allo yogurt, oppure aggiungerlo al condimento dell’insalata. 
Fonti
Ultima modifica: 25-11-2015

Promozioni:

Commenti

Ricerca enciclopedica:
Google