Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Esperto risponde > Elenco risposte > La risposta dell'esperto

Domanda #61

calcolosi alla cistifelia


Pubblicato il: 2016-04-05 15:51:51

Buongiorno dottore, da qualche tempo, dopo un forte dimagrimento, non riesco più a digerire bene e ho continuo dolore all'addome e mal di schiena tra le scapole. Potrebbe trattarsi di calcoli alla cistifella?

La risposta degli esperti

Buongiorno,

per aver conferma che il suo problema sia correlato alla colelitiasi, cioè alla presenza di calcoli a livello della colecisti, è necessario eseguire un ecografia dell’addome. Spesso dopo un forte dimagrimento non è rara la comparsa di colelitiasi. Tutto questo, associato alla storia clinica del paziente, con episodi di coliche biliari o vere e proprie colecistiti avvenute in passato, pone indicazione all’intervento chirurgico. Tale intervento è inoltre assolutamente necessario nel caso in cui i calcoli siano di piccole dimensioni, in quanto i calcoli piccoli rischiano non solo di infiammare la colecisti e di dare disturbi quali quelli che lei descrive, ma soprattutto rischiano di spostarsi a livello della via biliare e causare o ittero o addirittura una pancreatite, eventualità rara ma grave. L’intervento chirurgico viene eseguito con tecnica mini-invasiva, in laparoscopia, cioè attraverso quattro piccole incisioni, la maggiore di 1 cm a livello dell’ombelico. Attraverso queste incisioni il chirurgo separa la colecisti dal fegato e dalla via biliare e la asporta completamente, calcoli compresi. Spesso ci viene rivolta una domanda: perché non togliere solo i calcoli, lasciando la colecisti? Il problema della colelitiasi è la colecisti stessa, che funzionando troppo e male rende la bile così densa da solidificarla, andando quindi a formare i calcoli: è pertanto la colecisti malata e i calcoli ne sono la conseguenza. L’intervento, eseguito in laparoscopia e in anestesia generale, è normalmente seguito da una notte di ricovero. La mattina successiva il paziente è dimesso e può tranquillamente tornare alla propria vita normale, eseguendo semplicemente una dieta priva di grassi, fritti ed alcoli per una settimana.

Dott. Stefano Olmi, responsabile Unità di Chirurgia Generale e Oncologica, Centro di Chirurgia Laparoscopica Avanzata del Policlinico San Marco


Ha risposto
Gastroenterologia
Équipe dell'UO di Gastroenterologia dell'IRCCS Policlinico San Donato di San Donato Milanese (Gruppo Ospedaliero San Donato) guidata dal Professor Maurizio Vecchi