Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Salute e benessere > Risultato Ricerca Farmaci

ANTIINFETTIVI INTESTINALI

MYCOSTATIN

OS SOSP FL 100ML

BRISTOL-MYERS SQUIBB Srl

Descrizione prodotto

MYCOSTATIN*OS SOSP FL 100ML

Principio attivo

NISTATINA

Forma farmaceutica

SOSPENSIONE OS

ATC livello 3

ANTIINFETTIVI INTESTINALI

Tipo prodotto

FARMACO ETICO

Prezzo al pubblico

6.34


Codice ATC livello 5:
A07AA02

Codice AIC:
10058030


Non contiene glutine
Non contiene lattosio
Uso veterinario o entrambi


nascondi

Indicazioni terapeutiche

MYCOSTATIN sospensione orale è indicato nella prevenzione e nel trattamento delle infezioni candidosiche (moniliasiche) della cavità orale, dell’esofago e del tratto intestinale. Svolge anche una profilassi efficace contro la candidosi orale (mughetto) dei neonati, specie in quelli le cui madri presentavano colture positive del secreto vaginale.

nascondi

Composizione

Un ml di sospensione orale contiene:

Principio attivo: nistatina 100.000 U.I.

Eccipienti: MYCOSTATIN contiene 500 mg di saccarosio per ml.

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

nascondi

Eccipienti

Saccarosio, glicerolo, sodio saccarinato, carmellosa sodica, sodio fosfato bibasico, metile para-idrossibenzoato, propile para-idrossibenzoato, alcool etilico, aroma imitazione ciliegia, olio menta piperita, cinnamaldeide, acqua purificata.

nascondi

Controindicazioni

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

nascondi

Posologia

Lattanti

Il dosaggio terapeutico usuale è di 2 ml (1 ml in ciascun lato della bocca) pari a 200.000 U.I., quattro volte al giorno; se necessario, si può anche aumentare il dosaggio.

Se somministrato in associazione con un antibiotico per os, è consigliabile protrarre la somministrazione del MYCOSTATIN almeno quanto quella dell’antibatterico.

Per la profilassi nel neonato il dosaggio medio consigliato è di 1 ml una volta al giorno, istillato direttamente in bocca con il contagocce.

Bambini e adulti

Il dosaggio terapeutico usuale per la candidosi orale è di 4 - 6 ml (400.000 - 600.000 U.I.) quattro volte al giorno; porre metà dose in ciascun lato della bocca e mantenervela il più a lungo possibile prima di deglutirla.

Ove lo si ritenga necessario il dosaggio può anche essere aumentato.

Allo scopo di prevenire ricadute è consigliabile protrarre il trattamento per almeno 48 ore dopo la guarigione clinica.

Se i sintomi dovessero peggiorare o persistere (dopo 14 giorni di trattamento), il paziente deve sottoporsi al controllo del medico per la prescrizione di una terapia alternativa.

nascondi

Avvertenze e precauzioni

MYCOSTATIN non deve essere usato nel trattamento delle micosi sistemiche, in quanto la sua attività è essenzialmente locale. In caso di irritazione o allergia si raccomanda la sospensione del trattamento.

Si raccomanda l’uso di striscio con KOH (idrossido di potassio), colture o altri metodi diagnostici per confermare la diagnosi di candidosi e per escludere infezioni causate da altri patogeni.

MYCOSTATIN contiene saccarosio quindi i pazienti affetti da diabete mellito, da rari problemi ereditari di intolleranza al fruttosio, da malassorbimento di glucosio-galattosio, o da insufficienza di sucrasi isomaltasi, non devono assumere questo medicinale.

Questo medicinale contiene piccole quantità di etanolo (alcool) inferiori a 100 mg per dose.

Il medicinale contiene paraidrossibenzoati che possono causare reazioni allergiche (anche ritardate) e, eccezionalmente, broncospasmo.

Informazioni per il paziente

1.  I pazienti in terapia con MYCOSTATIN dovranno attenersi strettamente alla prescrizione del medico.

2.  In caso di miglioramento dei sintomi durante i primi giorni di trattamento, il paziente non dovrà interrompere o sospendere la cura fino a completamento della terapia.

3.  Se si dovesse verificare irritazione, il paziente dovrà avvisare immediatamente il medico curante.

4.  Quando si prescrive MYCOSTATIN avvisare il paziente dell’importanza di una buona igiene orale, anche in caso di protesi e dentiere.

nascondi

Interazioni

Nessuna nota.

nascondi

Effetti indesiderati

La nistatina è generalmente ben tollerata da pazienti di tutte le età, compresi i lattanti debilitati, anche in caso di trattamento prolungato. Dosi orali elevate hanno occasionalmente causato diarrea, disturbi gastrointestinali, nausea e vomito. Si sono verificati rari casi di rash, compresa orticaria, ed occasionalmente è stata riportata sindrome di Stevens-Johnson. Sono stati riportati ipersensibilità e angioedema, incluso edema facciale.

nascondi

Gravidanza e allattamento

Gravidanza

Non sono stati condotti studi sulla riproduzione animale con la nistatina. Non è stato stabilito se la nistatina possa causare danni al feto quando somministrata durante la gravidanza o se diminuisca la capacità riproduttiva. La nistatina dovrà essere somministrata in gravidanza solo se il potenziale beneficio per la madre è decisamente superiore al potenziale rischio per il feto.

Allattamento

Non è stato stabilito se la nistatina è escreta nel latte materno. Nonostante l’assorbimento gastrointestinale sia insignificante, occorre cautela nel prescrivere la nistatina durante l’allattamento.

nascondi

Conservazione

Conservare a temperatura non superiore a 25 °C.

nascondi

Malattie Collegate: 1

nascondi

Questo farmaco disponibile in altre 1 forme farmaceutiche:


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Farmadati

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
Ultima modifica: 19-09-2013
Promozioni:

Commenti