Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Salute e benessere > Risultato Ricerca Farmaci

ANTIINFETTIVI INTESTINALI

HUMATIN

16CPS 250MG

PFIZER ITALIA Srl

Descrizione prodotto

HUMATIN*16CPS 250MG

Principio attivo

PAROMOMICINA SOLFATO

Forma farmaceutica

CAPSULE

ATC livello 3

ANTIINFETTIVI INTESTINALI

Tipo prodotto

FARMACO ETICO

Prezzo al pubblico

10.45


Codice ATC livello 5:
A07AA06

Codice AIC:
16531016


Non contiene glutine
Non contiene lattosio
Uso veterinario o entrambi


nascondi

Indicazioni terapeutiche

Infezioni del tratto intestinale da germi sensibili (da E. coli, Shigelle, Salmonelle, escluso S. Typhi, ecc.). Sterilizzazione del contenuto intestinale nella preparazione ad interventi sull’intestino. Amebiasi intestinale (acuta e cronica). Coadiuvante nel trattamento del coma epatico (per sterilizzazione della flora intestinale produttrice d’ammoniaca).

nascondi

Composizione

HUMATIN 250 mg CAPSULE RIGIDE

Ogni capsula contiene: paromomicina solfato mg 357,2 (pari a mg 250 di paromomicina)

HUMATIN 25 mg/ml SCIROPPO

100 ml contengono: paromomicina solfato g 3,572 (pari a g 2,5 di paromomicina)

Ogni 5 ml (1 cucchiaino) contengono l’equivalente di mg 125 di paromomicina base.

nascondi

Eccipienti

HUMATIN 250 mg CAPSULE RIGIDE

Silice colloidale anidra, magnesio stearato, gelatina, titanio biossido, ossido di ferro giallo, ossido di ferro rosso, ossido di ferro nero.

HUMATIN 25 mg/ml SCIROPPO

Saccarosio, glicerina, saccarina, sodio idrossido, sodio bicarbonato, metile p–idrossibenzoato, propile p–idrossibenzoato, alcool etilico, aroma speziato, acqua depurata.

nascondi

Controindicazioni

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Humatin è inoltre controindicato nei casi di ostruzione o di gravi lesioni ulcerative dell’intestino; nei bambini al di sotto dei due anni; nell’insufficienza renale; nelle sindromi miasteniche; nelle sindromi da malassorbimento.

nascondi

Posologia

Le posologie, espresse in mg di paromomicina base, per le diverse indicazioni, sono le seguenti:

Dissenterie batteriche: 35/50 mg/Kg di peso (negli adulti 2–3 g). E’ consigliabile la sospensione della terapia una volta cessata la sintomatologia legata all’infezione (il trattamento, in genere, non va prolungato oltre i 3–5 giorni).

Amebiasi: 25/35 mg/Kg di peso, somministrati in 3 dosi in corrispondenza dei pasti, per 5–10 giorni. Nelle forme particolarmente resistenti, la dose può essere aumentata a giudizio del medico.

Sterilizzazione pre–operatoria dell’intestino: 35 mg/Kg di peso per 4 giorni.

Sterilizzazione dell’intestino in corso di coma epatico: adulti: dose media 4 g al giorno, opportunamente frazionati nella giornata, per 5–6 giorni.

nascondi

Avvertenze e precauzioni

La paromomicina di norma non viene assorbita dal tubo digerente, ma si può verificare un assorbimento abnorme, ed in misura poco prevedibile, a livello delle lesioni della mucosa intestinale; quindi, poichè l’antibiotico è potenzialmente ototossico e nefrotossico, è consigliabile, specie nelle terapie di lunga durata, eseguire periodici controlli della funzionalità renale ed esami audiometrici. Vanno in ogni caso evitati trattamenti protratti che possono favorire la crescita di ceppi batterici insensibili al preparato.

Cautela richiede il trattamento di pazienti con lesioni epatiche.

La paromomicina, come tutti gli aminoglicosidi, può precipitare o esacerbare crisi miasteniche con un meccanismo di inibizione del rilascio di Acetilcolina dal neurone pre–sinaptico.

Tenere il medicinale fuori dalla portata e dalla vista dei bambini.

nascondi

Interazioni

Non devono essere somministrati contemporaneamente farmaci antichinetosici, perché questi potrebbero impedire il riconoscimento in tempo utile dei primi segni di ototossicità.

Non somministrare l’antibiotico contemporaneamente ad altri agenti potenzialmente nefrotossici quali: kanamicina, streptomicina, neomicina, ecc.

nascondi

Effetti indesiderati

Quando il farmaco viene somministrato a dosi elevate (superiori a 3 g al giorno), è stata osservata in alcuni soggetti la comparsa di diarrea, crampi addominali, sensazione di nausea.

Inoltre, in casi di abnorme assorbimento, specie con dosi elevate o eccessive, sono stati riportati fenomeni di nefrotossicità (con oliguria, albuminuria, ematuria, ecc.) o di ototossicità (con vertigini, ronzii, ipoacusia). Raramente segnalate reazioni di ipersensibilità con eruzioni cutanee di diverso tipo o sede.

nascondi

Gravidanza e allattamento

Nelle donne in stato di gravidanza, il prodotto va somministrato nei casi di effettiva necessità, sotto il diretto controllo del medico.

nascondi

Conservazione

Conservare a temperatura non superiore a 25°C. Conservare il medicinale nel contenitore originale per tenerlo al riparo dalla luce e dall’umidità.

nascondi

Questo farmaco disponibile in altre 2 forme farmaceutiche:


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Farmadati

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
Ultima modifica: 19-09-2013
Promozioni:

Commenti