Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Salute e benessere > Risultato Ricerca Farmaci

ALTRI PREPARATI GINECOLOGICI

VASOSUPRINA

RETARD 20CPR 30MG

IST.LUSOFARMACO D'ITALIA SpA

Descrizione prodotto

VASOSUPRINA*RETARD 20CPR 30MG

Principio attivo

ISOXSUPRINA CLORIDRATO

Forma farmaceutica

COMPRESSE

ATC livello 3

ALTRI PREPARATI GINECOLOGICI

Tipo prodotto

FARMACO ETICO

Prezzo al pubblico

7.20


Codice ATC livello 5:
G02CA

Codice AIC:
21279056


Non contiene glutine
Contiene lattosio
Uso veterinario o entrambi


nascondi

Indicazioni terapeutiche

Minaccia di parto pretermine e minaccia di aborto.

nascondi

Composizione

Ogni compressa contiene:

Principio attivo: isossisuprina cloridrato mg 30

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

nascondi

Eccipienti

Idrossipropilmetilcellulosa, lattosio, caolino, acido stearico, talco.

nascondi

Controindicazioni

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Emorragia arteriosa in atto, emorragia cerebrale recente, immediato periodo post-partum.

Vasosuprina non deve essere utilizzata come tocolitico nei pazienti affetti da cardiopatia ischemica pre-esistente o nei pazienti con importanti fattori di rischio per cardiopatia ischemica.

nascondi

Posologia

Nella minaccia di parto pretermine: infusione venosa continua alla velocità di 0,2-0,5 mg/min fino all’arresto delle contrazioni; passare quindi alla somministrazione intramuscolare di 1 fiala ogni 3-8 ore ed alla terapia orale di mantenimento, fino al momento del parto.

Nella minaccia di aborto: 1-3 compresse retard al giorno.

Nella profilassi dell’aborto: 1-2 compresse retard al giorno, a partire dal secondo mese di gravidanza e per 1-2 mesi o più.

nascondi

Avvertenze e precauzioni

Nel trattamento delle minacce di interruzione gravidica, è difficile un risultato favorevole quando le membrane sono rotte e la dilatazione cervicale è superiore ai 4 cm.

L’utilizzo di farmaci simpaticomimetici, come Vasosuprina, può indurre effetti cardiovascolari. I dati post-marketing e quelli riportati in letteratura hanno fornito l’evidenza di eventi di ischemia miocardica in associazione all’impiego di beta agonisti.

Vasosuprina deve essere utilizzata con cautela nella tocolisi, supervisionando le funzioni cardiorespiratorie attraverso il monitoraggio dell’ECG. È necessario interrompere il trattamento qualora si presentassero segni di ischemia (come dolore toracico o modifiche dell’ECG). I pazienti con importanti fattori di rischio per cardiopatia o con cardiopatia pre-esistente non devono utilizzare Vasosuprina come agente tocolitico (vedi sezione 4.3).

Tenere fuori dalla portata dei bambini.

nascondi

Interazioni

Non sono stati effettuati studi di interazione.

nascondi

Effetti indesiderati

Specialmente con la somministrazione parenterale di dosi elevate possono comparire tachicardia, vertigini ed ipotensione arteriosa, più raramente nausea e vomito.

Può manifestarsi eruzione cutanea grave. In tal caso occorre interrompere il trattamento ed istituire, se del caso, una terapia idonea.

Non noti: ischemia miocardica con frequenza sconosciuta (vedi sezione 4.4).

nascondi

Gravidanza e allattamento

L’isossisuprina è indicata nel trattamento della minaccia di parto pretermine e della minaccia di aborto. Se ne sconsiglia l’impiego durante l’allattamento.

nascondi

Conservazione

Conservare in normali condizioni ambientali.

nascondi

Malattie Collegate: 1

nascondi

Questo farmaco disponibile in altre 2 forme farmaceutiche:


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Farmadati

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
Ultima modifica: 19-09-2013
Promozioni:

Commenti