Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Salute e benessere > Risultato Ricerca Farmaci

DIURETICI E FARMACI RISPARMIATORI DI POTASSIO IN ASSOCIAZ.

SPIRIDAZIDE

20CPS 25MG+25MG

SIT LABORATORIO FARMAC. Srl

Descrizione prodotto

SPIRIDAZIDE*20CPS 25MG+25MG

Principio attivo

SPIRONOLATTONE/IDROCLOROTIAZIDE

Forma farmaceutica

CAPSULE

ATC livello 3

DIURETICI E FARMACI RISPARMIATORI DI POTASSIO IN ASSOCIAZ.

Tipo prodotto

FARMACO ETICO

Prezzo al pubblico

3.43


Codice ATC livello 5:
C03EA01

Codice AIC:
22447015


Non contiene glutine
Non contiene lattosio
Uso veterinario o entrambi


nascondi

Indicazioni terapeutiche

SPIRIDAZIDE è indicata per stati edematosi da iperaldosteronismo secondario (scompenso cardiaco congestizio, cirrosi epatica in fase ascitica, sindrome nefrosica).

nascondi

Composizione

Ogni capsula contiene:

Principi attivi: spironolattone 25,00 mg; idroclorotiazide 25,00 mg.

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

nascondi

Eccipienti

Amido di mais, magnesio stearato. Capsula opercolata: indigotina (E 132), titanio biossido (E 171), gelatina.

nascondi

Controindicazioni

SPIRIDAZIDE è controindicata in presenza di insufficienza renale acuta, anuria, ipersensibilità ai principi attivi, ai tiazidici o solfonamidici o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

nascondi

Posologia

Scompenso cardiaco: la posologia media di SPIRIDAZIDE nello scompenso cardiocircolatorio è di una capsula tre–quattro volte al giorno; questa può essere variata in rapporto alla risposta individuale.

Cirrosi epatica con ascite ed edema: la posologia media di SPIRIDAZIDE nella cirrosi epatica è di una capsula 4 volte al giorno; tale posologia può essere variata in rapporto alla risposta individuale.

nascondi

Avvertenze e precauzioni

In corso di terapia con SPIRIDAZIDE è in genere superfluo fornire un apporto supplementare di potassio. Infatti il maggior vantaggio della SPIRIDAZIDE è rappresentato dall’azione potassioritentiva esplicata dallo spironolattone. Si potrà eventualmente prescrivere un supplemento di potassio solo in caso di contemporanea terapia con glucocorticoidi, dando la preferenza ad una dieta ad elevato tenore potassico. Per la componente tiazidica, nei pazienti affetti da lupus eritematoso, la somministrazione di SPIRIDAZIDE può accentuare la sintomatologia sistemica.

Preparati digitalici possono di per sé modificare il quadro elettrolitico del sangue, ed esaltare pertanto gli effetti metabolici della ipokaliemia nei soggetti che siano contemporaneamente trattati con SPIRIDAZIDE.

I primi sintomi patognomonici di eventuali turbe del ricambio idroelettrolitico sono secchezza delle fauci, sete, astenia, sonnolenza, agitazione, crampi muscolari, ipotensione, oliguria, tachicardia e disturbi gastrointestinali.

Nel corso di trattamenti prolungati con tiazidici sono stati raramente osservati segni di alterato equilibrio funzionale delle paratiroidi, con ipercalcemia ed ipofosfatemia. Comunque non sono mai state segnalate le tipiche complicanze dell’iperparatiroidismo quali litiasi renale ed osteoporosi. I tiazidici possono determinare una riduzione dello iodio sierico legato alle proteine, senza peraltro che ciò sia indice di distiroidismo.

Alcuni pazienti portatori di edema refrattario possono manifestare iperazotemia e iperammoniemia a seguito di trattamento con SPIRIDAZIDE. Tale fenomeno sembra correlato a variazione del filtrato glomerulare (iperazotemia prerenale) piuttosto che a nefrotossicità. Tali manifestazioni regrediscono spontaneamente a seguito della sospensione temporanea della terapia.

La più frequente alterazione del quadro elettrolitico in corso di terapia con SPIRIDAZIDE è l’iponatriemia da diluizione; questa può essere corretta mediante restrizione dell’apporto di liquidi, mediante terapia corticosteroidea oppure con l’impiego di diuretici osmotici (mannitolo, urea) i quali non possono peraltro essere usati nei soggetti uremici e nei portatori di insufficienza renale grave. Raramente in corso di terapia con SPIRIDAZIDE può instaurarsi una sindrome iposalina conclamata che si differenzia dall’iponatriemia da diluizione in quanto non si accompagna a ritenzione idrica.

La correzione di tale condizione si basa sulla temporanea sospensione della terapia diuretica e sulla somministrazione di sali di sodio. Sebbene raramente per la presenza dello Spironolattone può manifestarsi anche iperkaliemia, che però consegue solo a regimi dietetici particolarmente ricchi di potassio, oppure si manifesta in soggetti defedati ed in presenza di spiccata contrazione della diuresi (meno di un litro nelle 24 ore). In tali pazienti è utile la determinazione seriata degli ionogrammi sierici. Una volta che si sia diagnosticato uno stato di iperkaliemia, esso può essere prontamente contrastato mediante infusione rapida di soluzione glucosata ipertonica (20–50%) e insulina pronta (0,25–0,5 unità per grammo di glucosio). Ovviamente si dovrà anche sospendere la somministrazione di SPIRIDAZIDE, evitare supplementi di sali di potassio e limitare la quantità di potassio assunta con il regime alimentare.

I tiazidici possono anche indurre iperuricemia secondaria e ridurre la tolleranza al glucosio, esaltando transitoriamente le turbe metaboliche nei pazienti diabetici. Nei rarissimi casi di edema resistente alla SPIRIDAZIDE, la somministrazione associata di glucocorticoidi (per esempio 15–20 mg di prednisolone al giorno) può migliorare la risposta diuretica.

Come altre sostanze che interferiscono con attività ormonali, lo spironolattone, somministrato a dosi molto più elevate di quelle terapeutiche e per tempi molto prolungati, può talora determinare nel ratto un aumento dell’incidenza di alcuni tipi di processi eteroplastici.

Allo stato attuale delle conoscenze scientifiche non e’ possibile attribuire a queste osservazioni alcun sicuro significato per l’uomo.

Come ogni farmaco ad alta attività biologica il preparato va somministrato nei casi di effettiva necessità.

Nei pazienti trattati con SPIRIDAZIDE che manifestano vomito insistente o che sono contemporaneamente sottoposti a fluidoterapia parenterale, si consiglia di tenere sotto controllo gli elettroliti ematici ed urinari. I primi sintomi patognomonici di eventuali turbe del ricambio idroelettrolitico sono secchezza delle fauci, sete, astenia, sonnolenza, agitazione, crampi muscolari, ipotensione, oliguria, tachicardia e disturbi gastrointestinali.

In soggetti con grave cirrosi epatica o in quelli in trattamento con glucocorticoidi o con ACTH, l’eventuale stato ipokaliemico con diuresi accentuata può essere contrastato mediante adeguato apporto di elettroliti per via orale.

Nei pazienti con grave stato di sofferenza epatica, la somministrazione del solo diuretico tiazidico, determinando deplezione potassica, potrebbe scatenare la rapida evoluzione verso il coma epatico. In questo senso la SPIRIDAZIDE si configura come un farmaco più completo e sicuro, in quanto la componente spironolattonica riduce al minimo gli effetti kaliuretici dell’idroclortiazide.

In corso di anestesie locali o generali si dovrà tenere conto che l’idroclortiazide e lo spironolattone deprimono la sensibilità dei vasi alle catecolamine.

nascondi

Interazioni

I tiazidici possono anche potenziare la risposta alla tubocurarina.

Gli effetti antiipertensivi dell’idroclortiazide possono inoltre essere esaltati nei soggetti simpaticectomizzati.

nascondi

Effetti indesiderati

In corso di trattamento con SPIRIDAZIDE possono raramente verificarsi sonnolenza, torpore, turbe a carico dell’apparato gastroenterico, ginecomastia, turbe dell’erezione, lievi effetti di tipo androgeno, cefalea, eruzioni cutanee, rialzi termici ed atassia.

Sono stati talora segnalati anche: vertigini, xantopsia, fotosensibilizzazione, processi angioitici, ipotensione ortostatica, spasmi muscolari, stati astenici.

In presenza di manifestazioni di intolleranza grave, si consiglia di ridurre il dosaggio o sospendere il trattamento.

nascondi

Gravidanza e allattamento

Gravidanza

Nelle donne in gravidanza presunta o accertata e nelle nutrici, l’impiego di SPIRIDAZIDE richiede che i potenziali effetti terapeutici siano valutati in rapporto con i possibili rischi per la madre e il feto.

C’è limitata esperienza con l’idroclorotiazide durante la gravidanza, specialmente durante il primo trimestre. Gli studi sugli animali sono insufficienti.

L’idroclorotiazide attraversa la placenta. In base al suo meccanismo d’azione l’uso di idroclorotiazide durante il secondo e terzo trimestre di gravidanza può compromettere la perfusione fetoplacentare e può causare effetti fetali e neonatali come ittero, alterazioni del bilancio elettrolitico e trombicitopenia.

L’idroclorotiazide non deve essere usata per il trattamento dell’edema gestazionale, l’ipertensione gestazionale o la preeclampsia a causa del rischio di riduzione del volume plasmatico e di ipoperfusione placentare senza un effetto benefico sul decorso della malattia.

L’idroclorotiazide non deve essere usata per il trattamento dell’ipertensione in donne in gravidanza eccetto che in rare situazioni dove nessun altro trattamento potrebbe essere usato.

Allattamento

Idroclortiazide viene escreta nel latte materno in piccole quantità. I diuretici tiazidici ad alte dosi provocano intensa diuresi che può inibire la produzione di latte. L’uso di SPIRIDAZIDE durante l’allattamento al seno non è raccomandato. Se SPIRIDAZIDE viene assunto durante l’allattamento, le dosi devono essere mantenute ai livelli più bassi possibili.

nascondi

Conservazione

Conservazione nelle normali condizioni ambientali.

nascondi

Malattie Collegate: 5

nascondi

Questo farmaco disponibile in altre 1 forme farmaceutiche:


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Farmadati

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
Ultima modifica: 19-09-2013
Promozioni:

Commenti