Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Salute e benessere > Risultato Ricerca Farmaci

VITAMINA K ED ALTRI EMOSTATICI

HAEMATE P

FL 1000UI+FL15ML+SET

CSL BEHRING SpA

Descrizione prodotto

HAEMATE P*FL 1000UI+FL15ML+SET

Principio attivo

FATTORE VIII UMANO DI COAGULAZIONE/FATTORE DI VON WILLEBRAND

Forma farmaceutica

PREPARAZIONE INIETTABILE

ATC livello 3

VITAMINA K ED ALTRI EMOSTATICI

Tipo prodotto

FARMACO ETICO

Prezzo al pubblico

768.07


Codice ATC livello 5:
B02BD06

Codice AIC:
26600078


Non contiene glutine
Non contiene lattosio
Uso veterinario o entrambi


nascondi

Indicazioni terapeutiche

Emofilia A (carenza congenita di fattore VIII)

Trattamento e profilassi di sanguinamenti in pazienti con emofilia A (deficit congenito di fattore VIII).

Questo prodotto può essere usato per trattamento di pazienti con carenza acquisita di fattore VIII e per il trattamento di pazienti con anticorpi anti–fattore VIII (inibitori).

Malattia di von Willebrand (VWD)

Profilassi e trattamento delle emorragie o sanguinamenti chirurgici quando il solo trattamento con desmopressina (DDAVP) è inefficace o controindicato.

nascondi

Composizione

Haemate P 500/1000 si presenta come polvere e solvente per soluzione per iniezione o infusione ed ha un contenuto nominale di 500/1000 UI di attività di fattore VIII (FVIII:C) da plasma umano e di 1200/2400 UI di fattore von Willebrand – attività di co–fattore della ristocetina (VWF:RCo) per flacone.

Fattore VIII

Dopo ricostituzione con 10 ml di acqua per preparazioni iniettabili, Haemate P 500 contiene approssimativamente 50 U.I./ml (pari a 500 U.I./10 ml) di Fattore VIII della coagulazione da plasma umano.

Dopo ricostituzione con 15 ml di acqua per preparazioni iniettabili Haemate P 1000 contiene approssimativamente 66,6 U.I./ml (pari a 1000 U.I./15 ml) di Fattore VIII della coagulazione da plasma umano.

L’attività (U.I.) del Fattore VIII è determinata utilizzando il test cromogenico secondo Farmacopea Europea.

L’attività specifica di Haemate P 500/1000 è di circa 2–6 U.I. di FVIII/mg di proteina.

Fattore von Willebrand

Dopo ricostituzione con 10 ml di acqua per preparazioni iniettabili, Haemate P 500 contiene approssimativamente 120 UI/ml (1200 UI/10 ml) di VWF da plasma umano.

Dopo ricostituzione con 15 ml di acqua per preparazioni iniettabili Haemate P 1000 contiene approssimativamente 160 UI/ml (2400 UI/15 ml) di VWF da plasma umano.

L’attività di Haemate P 500/1000 è, approssimativamente, di 3 – 17 UI di VWF:RCo/mg di proteina.

Per l’elenco degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

nascondi

Eccipienti

Albumina umana

acido aminoacetico

sodio cloruro

sodio citrato

sodio idrossido o acido cloridrico (in piccole quantità per la correzione del pH)

Solvente: acqua per preparazioni iniettabili, 10/15 ml

nascondi

Controindicazioni

Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

nascondi

Posologia

Il trattamento dell’emofilia A e della malattia di VWD deve essere effettuato sotto la supervisione di un medico esperto nel trattamento dei disordini dell’emostasi.

Posologia

Emofilia A

La posologia e la durata della terapia sostitutiva dipendono dalla gravità della carenza di Fattore VIII, dalla localizzazione e dall’entità dell’emorragia nonché dalle condizioni cliniche del paziente.

Il numero delle unità di Fattore VIII da somministrare è espresso in Unità Internazionali (U.I.), con riferimento allo standard attualmente vigente dell’OMS (WHO) per prodotti di Fattore VIII. L’attività di Fattore VIII nel plasma è espressa in percentuale (relativa al plasma umano normale) oppure in U.I. (in conformità allo Standard Internazionale per il Fattore VIII nel plasma).

Una unità internazionale di attività di Fattore VIII è equivalente alla quantità di Fattore VIII in un ml di plasma umano normale.

Il calcolo della dose necessaria di Fattore VIII è basato sul dato empirico che 1 U.I. di Fattore VIII per kg di peso corporeo aumenta l’attività di fattore VIII nel plasma di circa il 2% dell’attività normale (2 U.I./dl). La dose necessaria viene determinata usando la seguente formula:

Unità richieste = peso corporeo [kg] x aumento desiderato di Fattore VIII [% o U.I./dl] x 0.5.

La dose e la frequenza della somministrazione devono sempre essere basate sull’efficacia clinica ottenuta nei singoli casi.

Nel caso dei seguenti episodi emorragici, l’attività del Fattore VIII non deve scendere al di sotto del livello di attività plasmatica indicato (in % del normale o in U.I./dl). La tabella seguente può essere impiegata come riferimento per il dosaggio nel caso di eventi emorragici o di interventi chirurgici:

Gravità dell’emorragia / Tipo di intervento chirurgico Livello richiesto di Fattore VIII (% o U.I./dl) Frequenza delle dosi (ore) / Durata della terapia (giorni)
Emorragia
Emartro in fase iniziale, emorragie intramuscolari o della cavità orale. 20 – 40 Ripetere l’infusione ogni 12–24 ore per almeno 1 giorno fino a risoluzione dell’episodio emorragico o cicatrizzazione, come indicato dalla risoluzione del dolore.
Emartri più estesi, emorragie intramuscolari o ematomi. 30 – 60 Ripetere l’infusione ogni 12–24 ore per 3–4 giorni o più fino alla risoluzione del dolore e dell’invalidità acuta.
Emorragie a rischio per la vita. 60 – 100 Ripetere l’infusione ogni 8–24 ore, fino alla risoluzione dell’evento.
Chirurgia
Chirurgia minore, estrazioni dentarie incluse. 30 – 60 Ogni 24 ore, per almeno 1 giorno, fino al raggiungimento della guarigione.
Chirurgia maggiore 80 – 100 (pre– e post–operatorio) Ripetere l’infusione ogni 8–24 ore fino al raggiungimento di un’adeguata cicatrizzazione; successivamente continuare la terapia per almeno 7 giorni per mantenere una attività di Fattore VIII compreso tra il 30–60% (U.I./dl).

Nel corso del trattamento, è consigliabile eseguire un’appropriata determinazione dei livelli di Fattore VIII per stabilire la dose da somministrare e la frequenza di ripetizione delle infusioni. In particolare, in caso di interventi di chirurgia maggiore, è indispensabile eseguire un attento monitoraggio della terapia sostitutiva per mezzo della determinazione dell’attività plasmatica del Fattore VIII. Singoli pazienti possono presentare variabilità nella propria risposta al Fattore VIII, raggiungendo livelli differenti di recupero in vivo e differente emivita.

Per la profilassi a lungo termine di emorragie in pazienti affetti da emofilia A grave, le dosi usuali sono da 20 a 40 U.I. di Fattore VIII per kg di peso corporeo ad intervalli di 2–3 giorni. In alcuni casi, soprattutto nei pazienti più giovani, possono rendersi necessari intervalli più brevi o dosi più elevate.

I pazienti devono essere monitorati per lo sviluppo di inibitori del Fattore VIII. Se non si raggiungono i livelli plasmatici attesi di attività di Fattore VIII o se l’emorragia non è controllata con una dose adeguata, i pazienti devono essere monitorati per verificare l’eventuale comparsa di inibitore del Fattore VIII. Nei pazienti con elevati livelli di inibitore, la terapia con Fattore VIII può rivelarsi non efficace per cui devono essere prese in considerazione altre misure terapeutiche. In questi casi, inoltre, il trattamento deve essere effettuato sotto la responsabilità di medici esperti nel trattamento dell’emofilia. Si veda anche paragrafo 4.4.

Popolazione pediatrica

Non sono disponibili sufficienti dati clinici nei bambini.

Malattia di von Willebrand

La somministrazione di 1 U.I./kg di VWF:RCo determina, in genere, un aumento del titolo di VWF:RCo in circolo pari a 0,02 U.I./ml (2 %).

Devono essere conseguiti livelli di VWF:RCo > 0,6 U.I./ml (60%) e di FVIII:C > 0,4 U.I./ml (40%).

Di norma, per il conseguimento dell’emostasi si raccomanda la somministrazione di 40–80 U.I./kg di Fattore von Willebrand (VWF:RCo) e di 20–40 U.I. di FVIII:C/kg di peso corporeo.

La somministrazione di una dose iniziale di 80 U.I./kg di Fattore di von Willebrand può risultare necessaria soprattutto per pazienti con malattia di von Willebrand del Tipo 3: in questo caso, infatti, il mantenimento di titoli adeguati può richiedere il ricorso a dosi più elevate rispetto agli altri tipi di malattia di von Willebrand.

Prevenzione dell’evento emorragico in caso di intervento chirurgico o di grave episodio traumatico: per prevenire un eccessivo sanguinamento durante o dopo un intervento chirurgico, la somministrazione deve avvenire 1–2 ore prima dell’intervento stesso.

Dosi adeguate devono poi essere successivamente somministrate ogni 12–24 ore.

La dose da somministrare e la durata del trattamento dipendono dalla situazione clinica individuale, dal tipo e dalla gravità dell’emorragia e dai livelli di VWF:RCo e di FVIII:C.

Quando si usano preparati contenenti Fattore VIII e Fattore von Willebrand il medico deve tenere presente che un trattamento protratto può determinare un aumento eccessivo del titolo di FVIII:C. Per evitare un aumento eccessivo di FVIII:C, dopo 24–48 ore di trattamento deve essere considerata l’opportunità di ridurre la dose e/o aumentare l’intervallo di tempo fra le somministrazioni.

Popolazione pediatrica

Nei bambini la dose è correlata al peso corporeo e, in genere si seguono le stesse linee guida indicate per gli adulti.

Modo di somministrazione:

Il prodotto deve essere ricostituito come descritto al paragrafo 6.6. Prima della somministrazione la preparazione ricostituita deve essere portata a temperatura ambiente o corporea. Iniettare lentamente per via endovenosa, ad una velocità confortevole per il paziente. Una volta che il prodotto è trasferito in siringa deve essere usato immediatamente.

Nel caso in cui sia necessaria la somministrazione di dosi più elevate di Fattore VIII, si può procedere mediante infusione, trasferendo il prodotto ricostituito in un sistema per infusione appropriato.

La velocità di iniezione o di infusione non deve eccedere i 4 ml/minuto. Tenere sotto osservazione il paziente per la comparsa di qualsiasi reazione immediata. Nel caso abbia luogo una qualsiasi reazione correlabile con la somministrazione di Haemate P 500/1000, ridurre la velocità di infusione o interrompere la somministrazione a seconda delle condizioni cliniche del paziente (vedere anche paragrafo 4.4).

nascondi

Avvertenze e precauzioni

Come per qualsiasi altro prodotto di origine plasmatica somministrato per via endovenosa, sono possibili reazioni di ipersensibilità di tipo allergico. I pazienti devono essere informati circa i primi segni di reazioni di ipersensibilità di tipo immediato, compresi: orticaria, orticaria generalizzata, senso di costrizione toracica, dispnea, ipotensione ed anafilassi. I pazienti devono essere informati che, in caso di comparsa di questi sintomi, devono interrompere immediatamente l’utilizzo del prodotto e rivolgersi al proprio medico. In caso di shock devono essere osservate le procedure mediche standard per il trattamento dello shock.

Haemate P 500/1000 contiene fino a 70 mg di sodio per 1000 U.I. Ciò deve essere tenuto in debita considerazione dai pazienti che seguono una dieta controllata per il sodio.

Le misure standard per prevenire infezioni conseguenti all’uso di prodotti medicinali derivati da sangue o plasma umano comprendono la selezione dei donatori, il controllo delle donazioni individuali e dei pool di plasma per specifici marcatori di infezione e l’adozione di procedure di produzione efficaci per l’inattivazione / rimozione di virus. Ciò nonostante, quando si somministrano prodotti derivati da sangue o plasma umano, non può essere totalmente esclusa la possibilità di trasmissione di agenti infettivi. Tale concetto si applica anche a virus sconosciuti o emergenti e ad altri patogeni.

Le misure adottate sono considerate efficaci per i virus capsulati quali HIV, HBV e HCV e per il virus non–capsulato HAV.

Le misure adottate possono essere di limitato valore verso virus non–capsulati quali il parvovirus B19.

Le infezioni da parvovirus B19 possono essere gravi per le donne in gravidanza (infezione fetale) e per gli individui con immunodeficienza o aumentata eritropoiesi (per esempio anemia emolitica).

Per i pazienti che ricevono regolarmente / ripetutamente prodotti derivati da plasma umano, deve essere presa in considerazione l’opportunità di procedere ad un’appropriata vaccinazione (epatite A ed epatite B).

Si raccomanda vivamente che ogni volta che Haemate P è somministrato a un paziente sia registrato il nome e il numero di lotto del prodotto allo scopo di mantenere una correlazione tra il paziente ed il lotto del prodotto somministrato.

Emofilia A

La formazione di anticorpi neutralizzanti (inibitori) il Fattore VIII è una complicanza nota nel trattamento di soggetti affetti da emofilia A. Questi inibitori sono generalmente immunoglobuline IgG dirette contro l’attività procoagulante del Fattore VIII e sono misurati in unità Bethesda (BU) per ml di plasma, utilizzando il test modificato. Il rischio di sviluppare inibitori è correlato all’esposizione al Fattore VIII antiemofilico ed è più elevato entro i primi 20 giorni di esposizione. Raramente gli inibitori possono svilupparsi dopo i primi 100 giorni di esposizione. I pazienti trattati con Fattore VIII plasmatico umano devono essere monitorati attentamente per accertare lo sviluppo di inibitori, mediante adeguate valutazioni cliniche e test di laboratorio. Nei pazienti con un alto titolo di inibitori, la terapia può rivelarsi inefficace e sarà opportuno prendere in considerazione altre opzioni terapeutiche. Vedere anche il paragrafo 4.8 Effetti indesiderati.

Malattia di von Willebrand

Esiste il rischio che si verifichino episodi trombotici, in particolare in quei pazienti in cui sono noti fattori di rischio clinico o laboratoristico. Pertanto, i pazienti a rischio devono essere monitorati per accertare l’insorgenza dei primi segni di trombosi. Se è il caso, deve essere instaurato un regime di profilassi contro il tromboembolismo venoso, in conformità alle vigenti raccomandazioni.

In caso di impiego di prodotti contenenti fattore VIII e VWF, il medico curante deve tener presente che un trattamento protratto può determinare un aumento eccessivo del livello di FVIII:C. I pazienti che ricevono prodotti contenenti FVIII:C e VWF, devono essere attentamente monitorati per evitare un eccessivo aumento dei livelli plasmatici di FVIII:C, con conseguente aumento del rischio di eventi trombotici.

I pazienti con malattia di von Willebrand, specialmente di Tipo 3, possono sviluppare anticorpi neutralizzanti il VWF (inibitori). Se non vengono raggiunti i livelli attesi di attività di VWF:RCo nel plasma o se la dose necessaria somministrata non è in grado di controllare efficacemente l’emorragia, sarà opportuno effettuare un test appropriato in modo da accertare l’eventuale presenza di inibitori del VWF. Nei pazienti con un alto titolo di inibitori, la terapia può rivelarsi inefficace e sarà opportuno prendere in considerazione altre opzioni terapeutiche.

nascondi

Interazioni

Non sono note interazioni di Haemate P con altri farmaci.

nascondi

Effetti indesiderati

Disturbi a carico del sistema immunitario

In casi molto rari sono state osservate reazioni da ipersensibilità o di tipo allergico (che possono comprendere: angioedema, sensazione di bruciore e di puntura nel sito dell’iniezione, brividi, flush, orticaria generalizzata, cefalea, orticaria, ipotensione, letargia, nausea, sensazione di stanchezza, tachicardia, senso di costrizione toracica, formicolio, vomito, dispnea). In taluni casi è stato osservato un progressivo peggioramento fino ad anafilassi grave (incluso lo shock).

Disturbi di carattere generale

In rare occasioni è stato osservato un rialzo della temperatura corporea.

Disturbi a carico del sistema sanguigno e linfatico

In caso siano necessarie somministrazioni di dosi molto elevate o frequentemente ripetute, quando sono presenti degli inibitori o se si attuano provvedimenti pre– e post–chirurgici, è opportuno tenere sotto attento monitoraggio tutti i pazienti, allo scopo di osservare l’insorgenza dei primi segni di ipervolemia. Inoltre, i pazienti con gruppi sanguigni A, B e AB devono essere monitorati per accertare la presenza di eventuali segni di emolisi intravascolare e/o di riduzione del valore dell’ematocrito.

Emofilia A

Disturbi a carico del sistema sanguigno e linfatico

Pazienti con emofilia A possono sviluppare anticorpi (inibitori) neutralizzanti il Fattore VIII. La loro presenza sarà resa direttamente manifesta dall’inadeguatezza della risposta clinica al trattamento effettuato. In tal caso si raccomanda di contattare un centro specializzato nel trattamento dell’emofilia.

L’esperienza acquisita dagli studi clinici con Haemate P 500/1000 in pazienti precedentemente non trattati (PUPs) è molto limitata. Pertanto, non possono essere forniti dati validati sull’incidenza di specifici inibitori clinicamente rilevanti.

Per la sicurezza nei confronti di patogeni trasmissibili, vedere paragrafo 4.4

Malattia di von Willebrand

Disturbi a carico del sistema sanguigno e linfatico

In casi molto rari, pazienti con VWD, specialmente di Tipo 3, possono sviluppare anticorpi neutralizzanti il VWF (inibitori). La loro presenza sarà resa direttamente manifesta dall’inadeguatezza della risposta clinica al trattamento effettuato. Tali anticorpi precipitanti possono presentarsi in concomitanza a reazioni anafilattiche. Pertanto, i pazienti che hanno avuto esperienze di reazioni anafilattiche devono essere valutati per la presenza di inibitori.

In tutti questi casi si raccomanda di contattare un centro specializzato nel trattamento dell’emofilia.

Disturbi a carico del sistema vascolare

Sussiste il rischio di eventi trombotici/tromboembolici, in particolare in pazienti con fattori di rischio conosciuti.

Nei pazienti sotto trattamento con prodotti contenenti fattore VIII e VWF, la presenza di elevati livelli plasmatici di FVIII:C può aumentare il rischio di eventi trombotici (vedere anche paragrafo 4.4).

Gli effetti indesiderati qui riportati si basano sulle esperienze acquisite dall’esperienza post–marketing.

In caso di disponibilità dei dati di frequenza, sono state adottate le seguenti categorie standard:

Molto frequente > 1/10

Frequente > 1/100 e < 1/10

Non frequente > 1/1.000 e < 1/100

Raro > 1/10.000 e < 1/1.000

Molto Raro < 1/10.000

Non noto frequenza non definibile sulla base dei dati disponibili

MedDRA SOC Effetto Collaterale Frequenza
Disturbi del sistema sanguigno e linfatico Ipervolemia Sconosciuta
Emolisi Sconosciuta
Inibizione del VWF Molto rara
Inibizione del FVIII Molto rara
Disturbi in generale e alla sede di somministrazione Febbre Molto rara
Disturbi del sistema immunitario Ipersensibilità (reazione allergica) Molto Raro
Disturbi vascolari Trombosi Molto raro
Eventi trombotici Molto raro

nascondi

Gravidanza e allattamento

Non sono stati condotti studi sulla riproduzione animale con Haemate P.

In considerazione della rarità dell’occorrenza dell’emofilia A nella donna, non sono disponibili esperienze riguardanti l’impiego di Fattore VIII in gravidanza e nell’allattamento.

La situazione è differente per la malattia di von Willebrand, stante la sua ereditarietà autosomica. Le donne affette, rispetto agli uomini, sono maggiormente soggette a rischi emorragici specifici, come mestruazioni, gravidanze, travaglio, parto e complicanze ginecologiche in genere. In base alle esperienze acquisite successivamente alla commercializzazione del prodotto, risulta che può essere raccomandata la sostituzione di VWF nel trattamento e nella prevenzione di eventi emorragici acuti.

Non sono invece disponibili studi clinici concernenti la terapia sostitutiva con VWF durante la gravidanza o l’allattamento.

Pertanto FVIII e VWF dovrebbero essere impiegati durante la gravidanza e l’allattamento soltanto se specificatamente indicati.

nascondi

Conservazione

Haemate P 500/1000 non deve essere conservato ad una temperatura superiore a +25°C.

Non congelare. Conservare il contenuto nella confezione.

nascondi

Malattie Collegate: 1

nascondi

Questo farmaco disponibile in altre 2 forme farmaceutiche:


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Farmadati

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
Ultima modifica: 19-09-2013
Promozioni:

Commenti