Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Salute e benessere > Risultato Ricerca Farmaci

FARMACI ANTIINFIAMMATORI ED ANTIREUMATICI NON STEROIDEI

Farmaco da Banco

KETALGESIC

30CPS 25MG

MAX FARMA Srl

Descrizione prodotto

KETALGESIC*30CPS 25MG

Principio attivo

KETOPROFENE

Forma farmaceutica

CAPSULE

ATC livello 3

FARMACI ANTIINFIAMMATORI ED ANTIREUMATICI NON STEROIDEI

Tipo prodotto

FARMACO DA BANCO

Codice ATC livello 5:
M01AE03

Codice AIC:
27366018


Non contiene glutine
Non contiene lattosio
Uso veterinario o entrambi


nascondi

Indicazioni terapeutiche

Dolori di varia origine o natura (mal di testa, mal di denti, nevralgie, dolori mestruali, dolori osteoarticolari e muscolari).

nascondi

Composizione

Una compressa contiene:

Principio attivo: ketoprofene mg 25

nascondi

Eccipienti

Eccipienti

Olio vegetale, Oli vegetali parzialmente idrogenati, Olio di soia, Cera gialla, Lecitina di soia.

Costituenti della capsula

Gelatina, Glicerina, Sorbitolo soluzione speciale, Sodio paraidrossibenzoato di etile, Sodio paraidrossibenzoato di propile, Titanio biossido, Ferro ossido rosso, Acqua purificata.

nascondi

Controindicazioni

Gravidanza accertata o presunta. Allattamento, Bambini al di sotto dei 12 anni. Ipersensibilità individuale accertata verso il prodotto o verso acido acetilsalicilico e suoi derivati  o altri antiinfiammatori non steroidei (FANS), manifestatasi con eruzioni cutanee, rinite, asma. Soggetti con ulcera peptica, gastrite e dispepsia cronica, leucopenia e piastrinopenia, soggetti con emorragie in atto o diatesi emorragica, in corso di trattamento con anticoagulanti e soggetti con grave insufficienza renale, epatica e cardiaca.

Ulcera peptica attiva, o precedenti anamnestici di emorragia gastrointestinale, ulcerazioni o perforazione relativa a precedenti trattamenti attivi o storia di emorragia/ulcera peptica ricorrente (due o più episodi distinti di dimostrata ulcerazione o emorragia).

Severa insufficienza cardiaca.

nascondi

Posologia

Una capsula in dose singola o ripetuta 2-3 volte al giorno nelle forme algiche di maggiore intensità, preferibilmente a stomaco pieno. Non superare le dosi consigliate.

nascondi

Avvertenze e precauzioni

Il prodotto, come tutti i farmaci antiinfiammatori non steroidei, interferisce con la sintesi delle prostaglandine e di loro importanti intermedi che sono partecipi di funzioni fisiologiche. Il farmaco pertanto richiede particolari precauzioni, o se ne impone l’esclusione dall’uso, allorché nel paziente siano presenti le seguenti condizioni: stati di ipoperfusione del rene, malattie renali, età avanzata.

Per l’interazione del farmaco con il metabolismo dell’acido  arachidonico, in asmatici e soggetti predisposti può insorgere crisi di broncospasmo ed eventualmente shock ed altri fenomeni allergici.

Tenere fuori dalla portata dei bambini.

L’uso concomitante di KETALGESIC con altri Fans, inclusi gli inibitori selettivi delle cicloossigenasi-2, deve essere evitato. Gli effetti indesiderati possono essere minimizzati con l’uso della dose minima efficace per la durata di trattamento più breve possibile che occorre per controllare i sintomi.

Anziani: i pazienti anziani hanno una frequenza aumentata di reazioni avverse ai FANS, specialmente emorragie e perforazioni gastrointestinali, che possono essere fatali.

Emorragia gastrointestinale, ulcerazione e perforazione: durante il trattamento con tutti i FANS, in qualsiasi momento, con o senza sintomi di preavviso o precedente storia di gravi eventi gastrointestinali, sono state riportate emorragia gastrointestinale, ulcerazione e perforazione, che possono essere fatali.

Alcune evidenze epidemiologiche suggeriscono che Ketoprofene può essere associato a un elevato rischio di tossicità gastrointestinale, rispetto ad altri Fans, soprattutto ad alte dosi (vedi anche sezione 4.2 e 4.3).

Cautela è richiesta (discutere con il proprio medico o farmacista) prima di iniziare il trattamento nei pazienti con anamnesi positiva per ipertensione e/o insufficienza cardiaca poichè in associazione al trattamento con i FANS sono stati riscontrati ritenzione di liquidi, ipertensione ed edema.

Gli effetti indesiderati possono essere minimizzati con l’uso della più bassa dose efficace per la più breve durata possibile di trattamento che occorre per controllare i sintomi (vedere i paragrafi sottostanti sui rischi gastrointestinali e cardiovascolari).

Effetti cardiovascolari e cerebrovascolari

Studi clinici e dati epidemiologici suggeriscono che l’uso di alcuni FANS (specialmente ad alti dosaggi e per trattamenti di lunga durata) può essere associato ad un modesto aumento del rischio di eventi trombotici arteriosi (p.es. infarto del miocardio o ictus). Non sono attualmente disponibili dati sufficienti per escludere un rischio simile per ketoprofene quando esso è sommministrato alla dose giornaliera di una capsula in dose singola o ripetuta 2-3 volte al giorno nelle forme algiche di maggiore intensità, preferibilmente a stomaco pieno.

nascondi

Interazioni

Poiché il legame proteico del ketoprofene è elevato, può essere necessario ridurre il dosaggio di difenilidantoina o di sulfamidici se dovessero essere somministrati contemporaneamente. In corso di terapia con farmaci a base di litio la contemporanea somministrazione di farmaci antiinfiammatori non steroidei provoca aumento dei livelli plasmatici del litio stesso. È opportuno non associare il farmaco con acido acetilsalicilico o con altri antiinfiammatori non steroidei.

nascondi

Effetti indesiderati

A pari di altri analgesici antiinfiammatori non steroidei può indurre disturbi di norma transitoria a carico del tratto gastroenterico, quali pirosi, dispepsia gastralgia, nausea, vomito e flatulenza, diarrea o costipazione. La frequenza e l’entità di tali effetti risultano  sensibilmente ridotte assumendo il farmaco a stomaco pieno.  Più raramente sono stati segnalati effetti a carico del sistema nervoso centrale, cefalea, vertigini, astenia e modificazioni dell’umore. Estremamente raro è il  riscontro di emorragie gastrointestinali e di manifestazioni allergiche quali esantema cutaneo, prurito ed edema.

In associazione al trattamento con i FANS sono stati riportati edema, ipertensione e insufficienza cardiaca.

Studi clinici e dati epidemiologici suggeriscono che l’uso di alcuni FANS (specialmente ad alti dosaggi e per trattamenti di lunga durata) può essere associato ad un modesto aumento del rischio di eventi trombotici arteriosi (p.es. infarto del miocardio o ictus) (vedere Sezione 4.4).

nascondi

Gravidanza e allattamento

La somministrazione di ketoprofene, anche se  sperimentalmente non ha fatto osservare tossicità embriofetale per posologie rapportabili a quelle previste per l’uso clinico, non è consigliabile in gravidanza, durante l’allattamento e nell’infanzia. L’uso del farmaco in prossimità del parto determina il ritardo del parto stesso, inoltre, se somministrato in tale periodo, può provocare alterazioni dell’emodinamica del piccolo circolo del nascituro con gravi conseguenze per la respirazione.

nascondi

Conservazione

In ragione della stabilità del prodotto, KETALGESIC  non richiede particolari precauzioni di conservazione.

nascondi

Questo farmaco disponibile in altre 1 forme farmaceutiche:


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Farmadati

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
Ultima modifica: 19-09-2013
Promozioni:

Commenti