Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Salute e benessere > Risultato Ricerca Farmaci

OSSITOCICI

PROPESS

5DISP VAG 10MG

FERRING SpA

Descrizione prodotto

PROPESS*5DISP VAG 10MG

Principio attivo

DINOPROSTONE

Forma farmaceutica

SISTEMA A RILASCIO VAGINALE

ATC livello 3

OSSITOCICI

Tipo prodotto

FARMACO SOLO USO OSPEDALIERO

Prezzo al pubblico

931.08


Codice ATC livello 5:
G02AD02

Codice AIC:
33372018


Non contiene glutine
Non contiene lattosio
Uso veterinario o entrambi


nascondi

Indicazioni terapeutiche

PROPESS è indicato per l’induzione del processo di maturazione della cervice uterina in pazienti gravide a termine (dalla 38a settimana di gestazione).

nascondi

Composizione

Ogni dispositivo vaginale è costituito da un dispositivo di natura polimerica non-biodegradabile di rilascio che contiene 10 mg di dinoprostone (Prostaglandina E2) disperso nella sua matrice.

Per la lista completa degli eccipienti vedere paragrafo 6.1

nascondi

Eccipienti

Polietilenglicole reticolato (Idrogel).

Filo in poliestere.

nascondi

Controindicazioni

PROPESS non deve essere usato o lasciato nella sede di applicazione nelle seguenti circostanze:

1. quando il travaglio è iniziato.

2. quando siano stati somministrati farmaci ad attività ossitocica.

3. quando la presenza di contrazioni uterine forti e prolungate risulti inopportuna, come ad esempio, nelle pazienti:

a) che hanno già subito un’operazione chirurgica importante a livello uterino come per esempio taglio cesareo, miomectomia, ecc. (si veda paragrafi 4.4 e 4.8)

b) con disproporzione cefalopelvica

c) con presentazione anomala del feto

d) con sospetta o evidente sofferenza fetale

e) che abbiano avuto più di tre parti a pieno termine

f) con precedenti di intervento chirurgico o rottura della cervice

4. quando è presente uno stato infiammatorio a livello pelvico, se non prima di aver istituito un’adeguata terapia.

5. in caso di ipersensibilità al dinoprostone o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

6. quando si è in presenza di placenta previa o immotivate emorragie vaginali durante la gravidanza.

nascondi

Posologia

Inserire un solo dispositivo vaginale in alto nel fornice vaginale posteriore.

Se entro  24 ore lo stato di maturazione raggiunto dalla cervice è giudicato insufficiente, si deve provvedere alla rimozione del dispositivo vaginale.

Si raccomanda un intervallo di almeno 30 minuti prima di procedere alla somministrazione sequenziale di ossitocina, dopo rimozione del dispositivo vaginale.

Somministrazione

PROPESS deve essere rimosso dal freezer solo al momento dell’uso.

Il dispositivo vaginale deve essere inserito in alto nel fornice vaginale posteriore utilizzando solo piccole quantità di lubrificante idrosolubile per favorirne l’inserimento. Dopo l’inserimento, tagliare l’eccedenza del nastro per la rimozione in modo tale da lasciarne all’esterno della vagina una lunghezza sufficiente per consentire la rimozione dello stesso. Si raccomanda di non cercare di inserire la fine del nastro nella vagina poiché questo può renderne più difficoltoso il recupero.

Dopo l’inserimento si consiglia di fare adagiare la paziente per 20-30 minuti. Inoltre poiché il dinoprostone è rilasciato in modo continuo per 24 ore, si raccomanda di monitorare le contrazioni uterine e la condizione del feto ad intervalli regolari e frequenti.

Rimozione

Il dispositivo vaginale può essere rimosso velocemente e facilmente esercitando una leggera trazione sul nastro di recupero.

È necessario rimuovere il dispositivo vaginale per interrompere la somministrazione del farmaco, qualora la maturazione della cervice sia stata giudicata completa o qualora si verificassero le seguenti circostanze:

1. Inizio del travaglio da parto. Qualora PROPESS fosse utilizzato allo scopo di indurre il travaglio, bisogna tenere presente che per inizio di travaglio si definisce quel periodo caratterizzato dalla presenza di contrazioni regolari dolorose dell’utero che si verificano ogni 3 minuti a prescindere dai cambiamenti della cervice. A questo proposito è importante considerare due fattori:

(i) Le contrazioni regolari dolorose che siano state indotte con PROPESS, rimarranno tali per frequenza o intensità tanto a lungo quanto PROPESS rimarrà in situ poiché il dinoprostone continuerà ad essere rilasciato.

(ii) Le pazienti, specie se poligravidiche, possono sviluppare contrazioni regolari dolorose senza che si abbiano evidenti modificazioni della cervice. La scomparsa e la dilatazione del collo dell’utero possono non verificarsi fino a che l’attività uterina non si è instaurata. Ne consegue quindi che una volta che PROPESS in situ ha indotto una regolare attività uterina accompagnata dalla comparsa di dolori, il dispositivo vaginale deve essere rimosso, indipendentemente dallo stato della cervice, al fine di evitare un’eventuale iperstimolazione dell’utero.

2. Rottura spontanea o artificiale delle membrane.

3. Qualsiasi evidenza di iperstimolazione uterina e di contrazioni uterine ipertoniche.

4. Evidente sofferenza fetale.

5. Rilevazione di effetti secondari sistemici al dinoprostone nella partoriente, quali nausea, vomito, ipotensione o tachicardia.

6. Almeno 30 minuti prima di iniziare l’infusione endovenosa di ossitocina.

L’apertura su un lato del sistema di recupero è presente solo per permettere al produttore di includere il dispositivo vaginale nello stesso durante il processo di fabbricazione.

Il dispositivo vaginale non deve mai essere rimosso dal sistema di recupero.

Dopo la rimozione del prodotto dalla vagina, il dispositivo vaginale si sarà gonfiato di 2-3 volte rispetto alla sua dimensione originale e sarà flessibile.

nascondi

Avvertenze e precauzioni

Prima di iniziare la terapia con PROPESS si raccomanda di valutare attentamente lo stato della cervice della paziente. Dopo l’applicazione del dispositivo è bene monitorare regolarmente sia l’attività uterina sia le condizioni del feto.

PROPESS deve essere usato solo se sono disponibili le apparecchiature per il monitoraggio continuo del feto e dell’attività uterina.

Alla comparsa di segni o sintomi che facciano pensare a complicazioni materne o fetali o qualora si verifichino effetti collaterali, il dispositivo vaginale deve essere rimosso dalla vagina.

L’esperienza d’uso di PROPESS in pazienti con rottura delle membrane è limitata. Pertanto PROPESS deve essere usato con cautela in queste pazienti. Poiché il rilascio di dinoprostone dal dispositivo può essere influenzato dalla presenza di fluido amniotico, si deve prestare particolare attenzione all’attività uterina e alle condizioni del feto.

PROPESS deve essere usato con cautela in pazienti che hanno avuto anamnesi di ipertonia uterina, glaucoma o asma.

La terapia con farmaci antiinfiammatori non steroidei, tra cui l’acido acetilsalicilico, deve essere interrotta prima di somministrare dinoprostone.

Qualora si manifestino contrazioni eccessive o prolungate, vi è la possibilità che si verifichi un ipertono uterino o la rottura dell’utero stesso e in questo caso è necessario rimuovere immediatamente il dispositivo vaginale.

È stata segnalata la rottura dell’utero in associazione all’uso di PROPESS, principalmente nelle pazienti nelle condizioni controindicate (si veda paragrafo 4.3). Pertanto PROPESS non deve essere somministrato a pazienti con anamnesi di parto cesareo o di chirurgia a carico dell’utero per il potenziale rischio di rottura uterina e delle conseguenze ostetriche associate.

PROPESS deve essere usato con cautela nei casi di gravidanza multipla, in quanto a questo proposito non sono stati condotti studi specifici.

La ripetuta somministrazione di PROPESS non è raccomandata, in quanto non sono stati studiati gli effetti derivanti da successiva somministrazione.

L’uso del prodotto in pazienti che presentano patologie che possono influenzare il metabolismo o l’escrezione di dinoprostone, come ad esempio quelle polmonari, epatiche o renali, non è stato studiato specificatamente. Si raccomanda pertanto di non usare il prodotto in queste pazienti.

Donne di età uguale o superiore ai 35 anni, donne con complicazioni durante la gravidanza quali diabete gestazionale, ipertensione arteriosa e ipotiroidismo e donne con età gestazionale sopra le 40 settimane, mostrano un più alto rischio di sviluppare coagulazione intravascolare disseminata post-parto (CID). Questi fattori portano ad un aumento addizionale del rischio di CID in donne a cui il parto è stato indotto farmacologicamente (si veda paragrafo 4.8). Quindi dinoprostone e ossitocina devono essere usati con cautela in queste donne. Nell’immediata fase post-parto il medico deve monitorare attentamente ogni segnale precoce di insorgenza di CID (es. fibrinolisi).

nascondi

Interazioni

Le prostaglandine potenziano gli effetti uterotonici di sostanze ossitociche. PROPESS non deve essere usato simultaneamente a farmaci ossitocici.

nascondi

Effetti indesiderati

Gli effetti indesiderati osservati occasionalmente sono quelli comunemente associati alla somministrazione intravaginale di dinoprostone.

Durante e dopo la somministrazione intravaginale di dinoprostone sono state segnalate variazioni del tracciato cardiotocografico (CTG) e sofferenza fetale aspecifica. Si è riscontrato un incremento dell’attività uterina con contrazioni ipertoniche associate o meno a sofferenza fetale.

I rischi di iperstimolazione aumentano qualora il dispositivo vaginale che rilascia dinoprostone non venga rimosso prima dell’inizio della somministrazione di ossitocina poiché è noto che le prostaglandine potenziano gli effetti uterotonici di questa classe di composti.

Frequenza Classificazione Organo-Sistemica MedRA Evento avverso (terminologia MedRA)
Comune (>1/100, < 1/10) Condizioni relative alla gravidanza, al puerperio e al periodo perinatale Parto anomalo con compromissione fetale
  Disturbi della frequenza cardiaca fetale
Sindrome da sofferenza fetale
Ipertono uterino
Non comune (>1/1000, < 1/100) Alterazioni dell’apparato gastrointestinale Nausea, vomito, diarrea
Raro (> 1/10000, < 1/1000) Alterazioni del sangue e del sistema linfatico Coagulazione intravascolare disseminata (CID)
Condizioni relative alla gravidanza, al puerperio e al periodo perinatale Rottura dell’utero
Molto raro (<1/10000) inclusi casi isolati Alterazioni del sistema immunitario Reazioni anafilattiche
Disordini del sistema riproduttivo e della mammella Edema genitale

I risultati di studi pilota per la valutazione dell’efficacia, hanno mostrato che in 5 pazienti (4,9%) su 102  si ha iperstimolazione e di questi, in 3 casi si é verificata una sofferenza fetale. In quattro dei cinque casi l’ipertono uterino si è risolto dopo rimozione del dispositivo.

Nel periodo seguente la commercializzazione del farmaco, la segnalazione di rottura delle membrane associabile all’uso di PROPESS è stata riportata raramente (si veda paragrafi 4.3 e 4.4).

E’ stato riportato un aumento del rischio di coagulazione intravascolare disseminata post-parto (CID) in pazienti il cui parto è stato indotto farmacologicamente, sia con dinoprostone che con ossitocina (si veda paragrafo 4.4).

E’ noto che la PGE2 è responsabile della pervietà del dotto arterioso durante la gravidanza, ma non sono stati riscontrati casi di “blu babies” nel peri

nascondi

Gravidanza e allattamento

Il prodotto è indicato per l’induzione del processo di maturazione della cervice in pazienti gravide a termine qualora l’induzione del travaglio sia appropriata.

PROPESS non è indicato durante i primi mesi di gravidanza e in altra fase della stessa o durante l’allattamento.

nascondi

Conservazione

Conservare in freezer. Conservare il prodotto nel contenitore originale per tenerlo al riparo dall’umidità.

nascondi

Questo farmaco disponibile in altre 1 forme farmaceutiche:


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Farmadati

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
Ultima modifica: 19-09-2013
Promozioni:

Commenti