Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Salute e benessere > Risultato Ricerca Farmaci

BETABLOCCANTI ED ALTRI DIURETICI

ATENOLOLO CLORT SAN

100+25MG

SANDOZ SpA

Descrizione prodotto

ATENOLOLO CLORT SAN*100+25MG

Principio attivo

ATENOLOLO/CLORTALIDONE

Forma farmaceutica

COMPRESSE

ATC livello 3

BETABLOCCANTI ED ALTRI DIURETICI

Tipo prodotto

FARMACO GENERICO

Prezzo al pubblico

5.27


Codice ATC livello 5:
C07CB03

Codice AIC:
33455041


Non contiene glutine
Non contiene lattosio
Uso veterinario o entrambi


nascondi

Indicazioni terapeutiche

Ipertensione che non ha risposto in modo soddisfacente al trattamento con un beta-bloccante o con un diuretico somministrati in monoterapia.

nascondi

Composizione

Una compressa di Atenololo/Clortalidone Sandoz 50/12,5 contiene:

Principio attivo

Atenololo 50 mg

Clortalidone 12,5 mg

Una compressa di Atenololo/Clortalidone Sandoz 100/25 contiene:

Principio attivo

Atenololo 100 mg

Clortalidone 25 mg

nascondi

Eccipienti

Magnesio carbonato, amido di mais, gelatina, sodio laurilsolfato, magnesio stearato, idrossipropilmetilcellulosa, polietilenglicole (macrogol 6000), talco, titanio biossido (E171).

nascondi

Controindicazioni

Blocco atrioventricolare di secondo e terzo grado;

scompenso cardiaco che non risponde alla terapia digitalica o ai diuretici;

grave bradicardia (< 45 bpm);

shock cardiogeno;

sindrome del nodo del seno;

feocromocitoma non trattato;

ipotensione;

acidosi metabolica;

gravi disturbi della circolazione periferica;

ipersensibilità all'atenololo, al clortalidone o a qualsiasi altro componente delle compresse;

grave insufficienza epatica

insufficienza renale grave (clearance della creatinina < 35 ml/min).

nascondi

Posologia

Una compressa al giorno. L'effetto clinico viene raggiunto rapidamente e permane per almeno 24 ore dopo la somministrazione di una singola dose orale. L’associazione fissa di Atenololo/Clortalidone Sandoz è particolarmente utilizzata come terapia di mantenimento una volta definita la dose necessaria.

Atenololo/Clortalidone Sandoz non è indicato per i bambini.

nascondi

Avvertenze e precauzioni

Così come per altri beta-bloccanti, anche nel caso di Atenololo/Clortalidone Sandoz il trattamento di pazienti con patologie cardiache di natura ischemica non deve essere interrotto improvvisamente. La dose deve essere gradualmente ridotta in 1-2 settimane  iniziando, se necessario,  contemporaneamente una terapia sostitutiva per evitare l'esacerbazione dell'angina pectoris.

L'interruzione improvvisa può indurre aritmia.

Si deve prestare cautela nella somministrazione in pazienti affetti da angina di Prinzmetal in quanto il trattamento e la durata delle crisi anginose può aumentare a causa della vasocostrizione arteriosa coronarica mediata dagli alfa recettori non compensati.

L'interruzione improvvisa della terapia in pazienti con ipertensione può determinare un rapido incremento della pressione sanguigna.

I beta-bloccanti possono mascherare i sintomi adrenergici dell'ipoglicemia (come la tachicardia nel diabete) e della tireotossicosi.

Nel corso del trattamento con atenololo si possono aggravare i sintomi relativi a disturbi circolatori periferici (malattia o sindrome di Raynaud, claudicatio intermittens).

Il prodotto è controindicato in pazienti affetti da gravi disturbi della circolazione periferica (vedi “Controindicazioni”).

Durante il trattamento con beta-bloccanti i pazienti con anamnesi di reazioni anafilattiche a determinati allergeni possono essere soggetti a reazioni più gravi in seguito alla ripetuta esposizione a tali allergeni.    Quando si somministra adrenalina, occorre tenere presente l'insensibilità alla dose somministrata normalmente in tali situazioni, nonché l'ipotensione mediata dall'effetto beta2-adrenergico associato alla somministrazione di dosi di adrenalina più elevate.

Scompenso cardiaco

I beta-bloccanti hanno un effetto inotropo negativo. Atenololo/Clortalidone Sandoz non deve essere usato in pazienti con scompenso cardiaco non trattato. Il trattamento può essere iniziato solo dopo aver raggiunto un controllo dello scompenso. Qualora lo scompenso si sviluppi durante il trattamento, la somministrazione di Atenololo/Clortalidone Sandoz deve essere temporaneamente  interrotta finchè non si raggiunga il controllo dello scompenso stesso.

Frequenza cardiaca

I beta-bloccanti abbassano la frequenza cardiaca. Nel caso in cui la frequenza cardiaca scendesse al di sotto di 50-55 battiti al minuto, si dovrà ridurre la dose. Gli effetti indesiderati, possibilmente dovuti  ad una frequenza cardiaca eccessivamente bassa, sono un'indicazione per ridurre il dosaggio.

Blocco atrioventricolare

Particolare cautela va rivolta ai pazienti con blocco atrio-ventricolare di primo grado a causa dell’effetto negativo sul tempo di conduzione.

Anestesia

Il blocco continuato dei beta-recettori riduce il rischio di aritmie durante l'induzione e l'intubazione. Tuttavia, in caso di impiego di anestetici quali il ciclopropano, il tricloroetilene e l'etere è necessario prestare una particolare attenzione. La reazione emodinamica allo stress cambia. L'uso di alotano in associazione con  beta-bloccanti  non determina normalmente alcun problema. Il paziente può essere protetto dall'influenza vagale mediante somministrazione endovenosa di 1-2 mg di atropina. Se si decide di interrompere la somministrazione di Atenololo/Clortalidone Sandoz prima dell'intervento chirurgico, occorre attendere per un periodo di tempo di almeno 24 ore.

Apparato respiratorio

Atenololo/Clortalidone Sandoz contiene atenololo (un bloccante cardio selettivo dei beta-recettori), il quale agisce prevalentemente sui beta-recettori  cardiaci. Sotto monitoraggio, esso può essere somministrato a pazienti con malattie croniche e ostruttive dell'apparato respiratorio. Nei pazienti asmatici può essere aumentata  la resistenza delle vie respiratorie così da provocare un’esacerbazione  del respiro affannoso. A differenza del broncospasmo causato da beta-bloccanti non selettivi, l'aumentata resistenza delle vie respiratorie può essere contrastata con l'uso di comuni broncodilatatori quali il salbutamolo o l'isoprenalina.

Metabolismo

Gli effetti metabolici del clortalidone  sono dose-dipendenti. Dal momento che la dose di clortalidone è bassa, i suoi effetti collaterali metabolici sono improbabili; tuttavia essi devono essere tenuti in considerazione:

Livello di potassio

Con l'uso di Atenololo/Clortalidone Sandoz si prevedono solo lievi modificazioni della concentrazione plasmatica di potassio. Poiché il blocco dei beta-recettori determina un trasporto di ioni potassio dall'interno della cellula allo spazio extracellulare, è possibile che si verifichi una deplezione intracellulare di potassio. Pertanto si deve prestare particolare attenzione in soggetti anziani, in pazienti trattati anche con preparati digitalici o con lassativi o che seguono una dieta povera di potassio, nonché in pazienti affetti da patologie gastrointestinali.

Concentrazione serica di acido urico

Atenololo/Clortalidone Sandoz contiene un saluretico che porta ad un moderato incremento della concentrazione di acido urico, in grado di provocare sintomi clinici gottosi.

Glicemia

Il componente saluretico di Atenololo/Clortalidone Sandoz può diminuire la tolleranza al glucosio, che potrebbe determinare la manifestazione o l'aggravamento di un diabete mellito latente.

Funzione renale

Atenololo/Clortalidone Sandoz non deve essere usato in pazienti con una clearance della creatinina inferiore a 35 ml al minuto.

nascondi

Interazioni

Si deve prestare particolare attenzione in caso di associazione di beta-bloccanti con calcio-antagonisti che hanno un effetto negativo sulla contrattilità e la conduzione atrio-ventricolare. Questo si applica in particolare al verapamil e, in minor misura, al diltiazem. Questa associazione è controindicata in pazienti con compromissione della funzione cardiaca. La somministrazione endovenosa di verapamil può essere effettuata solo 48 ore dopo l’interruzione della terapia con Atenololo/Clortalidone Sandoz. Quando si usa l'associazione con i derivati della diidropiridina (p. es. la nifedipina) si deve tenere presente che l'effetto antiipertensivo potrebbe essere potenziato. In pazienti con compromissione della conduzione o con disturbi della funzione cardiaca, la somministrazione concomitante di beta-bloccanti e di derivati della diidropiridina (p. es. la nifedipina) deve essere praticata con la dovuta cautela. Occorre prestare attenzione anche quando si usa l'associazione con i cosiddetti antiaritmici di classe I quali la disopiramide e la chinidina, poiché potrebbe verificarsi un potenziamento dell'effetto sul tempo di conduzione atrioventricolare e un effetto inotropo negativo. Qualora si usi contemporaneamente Atenololo/Clortalidone Sandoz e clonidina, la terapia con clonidina deve essere interrotta solo alcuni giorni dopo la  cessazione della somministrazione dei beta-bloccanti. I beta-bloccanti possono aggravare il rialzo dei valori pressori  dovuto alla sospensione della clonidina. Qualora la clonidina sia sostituta da un beta-bloccante, quest'ultimo deve essere somministrato solo alcuni giorni dopo la cessazione della somministrazione di clonidina. L'effetto di abbassamento della glicemia dovuto all'azione dell'insulina e degli ipoglicemizzanti orali viene aumentato dai beta-bloccanti. Gli anestetici inalatori possono aggravare l'effetto inotropo negativo dei beta-bloccanti. Durante l'uso di anestetici in combinazione con beta-bloccanti occorre usare una particolare attenzione: l'anestesista deve essere informato di tale terapia. Si deve dare la preferenza ad anestetici che presentano la minore attività inotropa negativa. I farmaci antinfiammatori non steroidei possono ridurre l'effetto antiipertensivo dei beta-bloccanti e dei diuretici. L'associazione con i glicosidi cardiaci può portare a dissociazione atrio-ventricolare. L'uso simultaneo di preparazioni al litio e diuretici può ridurre la clearance renale. L’uso concomitante di farmaci simpaticomimetici, come l’adrenalina, può  antagonizzare l’effetto dei beta-bloccanti.

L’uso concomitante di diuretici e farmaci anticoagulanti orali può ridurre l’effetto anticoagulante.

Le resine possono ridurre l’assorbimento del clortalidone a causa del loro legame con il clortalidone; pertanto  devono essere somministrate 1 ora prima o 4 ore dopo l’assunzione di Atenololo/Clortalidone Sandoz.

nascondi

Effetti indesiderati

Possono verificarsi i seguenti effetti indesiderati dovuti alla presenza di atenololo:

bradicardia, rallentamento della conduzione AV o aumento di un preesistente blocco AV, ipotensione, insufficienza cardiaca, estremità fredde e cianotiche, sindrome di Raynoud, parestesia delle estremità, peggioramento di preesistente claudicatio intermittens.

Affaticamento, mal di testa, alterazioni della vista, allucinazioni, psicosi, confusione, impotenza, capogiri, disturbi del sonno, depressioni, incubi.

Disturbi gastrointestinali, nausea, vomito, diarrea.

Broncospasmo in pazienti con asma bronchiale o con anamnesi di disturbi asmatici. Reazioni cutanee, in particolar modo rash cutanei. Secchezza agli occhi.

I beta-bloccanti possono mascherare i sintomi di tireotossicosi o di ipoglicemia.

E’ stato osservato un incremento di anticorpi antinucleo, tuttavia non è chiara la rilevanza clinica.

Possono verificarsi i seguenti effetti indesiderati dovuti alla presenza di clortalidone:

Nausea, vomito, diarrea.

Esantema, vasculite necrotica cutanea, necrosi epidermica (sindrome di Lyell).

Edema periorbitale, disturbi della vista (miopia, edema della retina, xantopsia), coma iperosmolare non chetosico, nefrite interstiziale, ipotensione ortostatica, idiosincrasia, disidratazione, raramente impotenza.

Pancreatite emorragica acuta, raramente  colestasi o ittero.

Ipercalcemia, iperuricemia, alterazioni del metabolismo  glucidico e  lipidico, alterazioni degli elettroliti: carenza di potassio, sodio, magnesio, cloro; agranulocitosi, raramente leucopenia.

Sonnolenza, capogiri.

nascondi

Gravidanza e allattamento

L'atenololo passa attraverso la placenta. La concentrazione nel latte materno è tre volte superiore a quella presente nel sangue. I beta-bloccanti possono teoricamente indurre una riduzione della perfusione placentare che può determinare  morte intrauterina del feto,  parto immaturo o prematuro. Anche durante la gravidanza, il parto o l'allattamento possono verificarsi effetti collaterali (soprattutto bradicardia) a carico del feto o del neonato. Durante il periodo postnatale, il rischio di complicazioni cardiache e polmonari nel neonato è teoricamente aumentato. Durante l'allattamento, nel bambino si trovano solo bassi livelli di atenololo. Comunque, a lungo termine, non si può escludere il manifestarsi di effetti beta-bloccanti nel bambino.

La decisione di usare atenololo - senza aggiunta di clortalidone - durante la gravidanza o l'allattamento può essere fatta solo dopo un'attenta analisi del rapporto rischio-beneficio. Tuttavia, Atenololo/Clortalidone Sandoz non deve essere usato durante la gravidanza o l'allattamento, dal momento che il clortalidone - a causa delle sue proprietà farmacologiche - può causare disturbi della funzione riproduttiva che possono implicare rischi per il feto.

nascondi

Conservazione

Conservare a temperatura  non superiore a 25° C nella confezione originale.

nascondi

Questo farmaco disponibile in altre 2 forme farmaceutiche:


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Farmadati

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
Ultima modifica: 19-09-2013
Promozioni:

Commenti