Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Salute e benessere > Risultato Ricerca Farmaci

VACCINI BATTERICI

MENINGITEC

INIET SIR 0,5ML C/A

PFIZER ITALIA Srl

Descrizione prodotto

MENINGITEC*INIET SIR 0,5ML C/A

Principio attivo

VACCINO MENINGOCOCCICO GRUPPO C CONIUGATO CON TOSSOIDE DIFTERICO

Forma farmaceutica

PREPARAZIONE INIETTABILE

ATC livello 3

VACCINI BATTERICI

Tipo prodotto

FARMACO ETICO

Prezzo al pubblico

59.67


Codice ATC livello 5:
J07AH07

Codice AIC:
35438062


Non contiene glutine
Non contiene lattosio
Nessun uso veterinario


nascondi

Indicazioni terapeutiche

Immunizzazione attiva di bambini a partire dai 2 mesi di età, di adolescenti e di adulti per la prevenzione della malattia invasiva provocata da Neisseria meningitidis di sierogruppo C.

L’uso di Meningitec deve essere definito sulla base delle raccomandazioni ufficiali.

nascondi

Composizione

Una dose (0,5 ml) contiene:

Neisseria meningitidis(ceppo C11)

Oligosaccaride di sierogruppo C 10 mcg

Coniugato alla proteina vettrice CRM197 del Corynebacterium diphteriae

approssimativamente 15 mcg

Adsorbito su alluminio fosfato 0,125 mg Al3+

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

nascondi

Eccipienti

Sodio cloruro, acqua per preparazioni iniettabili.

nascondi

Controindicazioni

Ipersensibilità al principio attivo od a uno qualsiasi degli eccipienti.

Ipersensibilità verso qualsiasi vaccino contenente il tossoide difterico o la proteina tossinica difterica non tossica.

Ipersensibilità a seguito di una precedente somministrazione di Meningitec.

Come per gli altri vaccini, in persone con malattia febbrile acuta la somministrazione di Meningitec deve essere posticipata.

nascondi

Posologia

Posologia

Non esistono dati riguardanti l’uso di differenti vaccini meningococcici coniugati di sierogruppo C nell’ambito di serie primarie o per le dosi di richiamo. Ove sia possibile lo stesso vaccino deve essere usato per tutto il periodo vaccinale.

Immunizzazione primaria

Neonati fino a 12 mesi di età: 2 dosi, ognuna di 0,5 ml, la prima dose somministrata non prima dei 2 mesi di età e con un intervallo di almeno 2 mesi tra le dosi.

Bambini oltre i 12 mesi di età, adolescenti e adulti: una dose singola da 0,5 ml.

La cadenza di somministrazione delle dosi deve essere in accordo con le raccomandazioni ufficiali.

Dosi di richiamo

Si raccomanda di somministrare una dose di richiamo dopo il completamento della serie primaria di immunizzazione nei neonati. La cadenza di questa dose deve essere in accordo alle raccomandazioni ufficiali disponibili. Informazioni sulle risposte alle dosi di richiamo e sulla somministrazione contemporanea ad altri vaccini per l’infanzia sono presenti, rispettivamente, ai paragrafi 5.1 e 4.5.

La necessità di dosi di richiamo in soggetti vaccinati con dose singola (cioè soggetti di 12 mesi d’età o più al momento della prima vaccinazione) non è stata ancora stabilita.

Modo di somministrazione

Meningitec è somministrato mediante iniezione intramuscolare; preferibilmente nella zona anterolaterale della coscia nei neonati, e nel muscolo deltoide nei bambini più grandi, negli adolescenti e negli adulti. Meningitec non deve essere iniettato nell’area dei glutei.

Bisogna evitare di effettuare l’iniezione all’interno o nelle vicinanze di nervi o vasi sanguigni.

Il vaccino non deve essere somministrato per via endovenosa (vedere paragrafo 4.4) la sicurezza e l’immunogenicità della somministrazione per via intradermica o sottocutanea non sono state valutate.

Nel caso siano somministrati più vaccini, devono essere individuati siti di iniezione differenti (vedere paragrafo 4.5). Questo vaccino non deve essere miscelato con altri vaccini nella stessa siringa.

nascondi

Avvertenze e precauzioni

Come con tutti i vaccini iniettabili, trattamento e controllo medico appropriati devono essere sempre prontamente disponibili nel caso di una rara reazione anafilattoide/anafilattica conseguente alla somministrazione del vaccino (vedere paragrafo 4.8-Effetti indesiderati).

Come per ogni iniezione intramuscolare, il vaccino deve essere somministrato con cautela ad individui con trombocitopenia o con qualunque tipo di disordine della coagulazione oppure a coloro che ricevono terapia anticoagulante.

Meningitec proteggerà solamente contro la Neisseria meningitidis di sierogruppo C e può non prevenire completamente la malattia meningococcica di sierogruppo C. Non proteggerà verso altri gruppi di Neisseria meningitidis o altri microrganismi che provocano meningite o setticemia. Nel caso di petecchie e/o porpora verificatesi a seguito di vaccinazione (vedere paragrafo 4.8), si deve indagare accuratamente sulla loro eziologia. Devono essere prese in considerazione sia cause infettive che non infettive.

Nonostante siano stati riportati sintomi di meningismo come dolore del collo/rigidità o fotofobia, non sono state riportate evidenze che il vaccino provochi la meningite da meningococco di gruppo C. Bisogna sempre stare attenti, comunque, alla possibilità che insorga contemporaneamente una meningite.

Prima dell’istituzione di un programma di immunizzazione su vasta scala, devono essere considerati il rischio di malattia da Neisseria meningitidis di sierogruppo C in una data popolazione ed i benefici ottenuti da un’immunizzazione.

Non sono disponibili dati circa la validità del vaccino nel controllo di un’epidemia.

La sicurezza e l’immunogenicità nei neonati con meno di 2 mesi di età non sono state stabilite (vedere paragrafo 5.1-Proprietà farmacodinamiche).

Esistono dati limitati su sicurezza e immunogenicità del vaccino nella popolazione adulta, e non vi sono dati per gli adulti di 65 anni d’età ed oltre (vedere paragrafo 5.1).

Sono disponibili dati limitati sull’uso di Meningitec in soggetti immunodeficienti.

Negli individui con risposta immunitaria alterata (sia dovuta a terapia immunosoppressiva, a difetto genetico, ad infezione da virus dell’immunodeficienza umana (HIV), sia dovuta ad altre cause) si potrebbe non ottenere la risposta immunitaria attesa verso i vaccini meningococcici coniugati di sierogruppo C. Le conseguenze sul reale grado di protezione contro l’infezione non sono note, poiché questo dipende anche dal fatto che il vaccino abbia determinato una risposta con memoria immunologica.

In individui con deficit di complemento ed individui con asplenia funzionale o anatomica, può innescarsi una risposta immunitaria ai vaccini coniugati meningococcici di sierogruppo C; pertanto il grado di protezione che sarebbe ottenuto è sconosciuto.

Quando la serie di immunizzazione primaria viene effettuata in neonati molto prematuri (nati a 28 settimane di gestazione o prima), si deve considerare il rischio potenziale di insorgenza di apnea e la necessità di monitorare la respirazione per le 48-72 ore successive alla vaccinazione, ed in particolare per i neonati con una precedente storia di insufficienza respiratoria. Poichè il beneficio della vaccinazione in questo gruppo di neonati è elevato, la vaccinazione non deve essere sospesa o posticipata.

L’immunizzazione con questo vaccino non sostituisce l’ordinaria vaccinazione antidifterica.

Meningitec non deve essere somministrato in nessun caso per via endovenosa.

nascondi

Interazioni

Meningitec non deve essere mescolato con altri vaccini nella stessa siringa. Se si sta somministrando più di un vaccino, devono essere utilizzati siti di iniezione separati.

Negli studi clinici la somministrazione contemporanea di Meningitec (ma utilizzando siti di iniezione differenti per ogni vaccino iniettato) con i seguenti vaccini, non ha ridotto la risposta immunologica di nessuno di questi altri antigeni: vaccino Orale anti-Polio (OPV); vaccino anti-Polio Inattivato (IPV); vaccino dell’Epatite B (HBV); vaccino anti-Tetano e anti-Difterite da soli (T o D), in combinazione (DT o dT), o in combinazione con vaccino anti-Pertosse acellulare o a cellule intere (DTwP o DTaP); vaccino coniugato per l’Haemophilus influenzae di tipo B (Hib da solo o in combinazione con altri antigeni) o vaccini anti-Rosolia–Morbillo–Parotite combinati (MPR).

Nel condurre gli studi sono state osservate piccole variazioni nella media geometrica delle concentrazioni (GMC) o dei titoli (GMT) anticorpali; comunque, la significatività clinica di tali osservazioni, se presente, non è stata stabilita.

I dati che supportano la somministrazione concomitante di Meningitec con il vaccino anti-Pertosse acellulare (cioè DtaP) o con il vaccino Inattivato anti-Polio (IPV) derivano da studi nei quali i soggetti hanno ricevuto o Meningitec o lo stesso sierogruppo meningococcico C coniugato come in Meningitec combinato con un vaccino pneumococcico coniugato sperimentale, e da uno studio di somministrazione concomitante con un vaccino pediatrico combinato (DTaP-HBV-IPV/Hib).

In vari studi con vaccini differenti, la somministrazione concomitante di coniugati meningococcici di sierogruppo C con combinazioni contenenti componenti della pertosse acellulari (con o senza virus polio inattivati, antigeni di superficie dell’epatite B o Hib coniugati) ha mostrato di risolversi in titoli anticorpali (GMT) di anticorpi battericidi sierici (SBA) inferiori rispetto a somministrazioni separate o a co-somministrazione con vaccini a cellule intere della pertosse. Non sono interessate le proporzioni che raggiungono titoli SBA di almeno 1:8 o 1:128. Al momento, sono sconosciute le implicazioni potenziali di queste osservazioni sulla durata della protezione.

In uno studio clinico che confrontava la somministrazione separata con quella concomitante di Meningitec (due dosi a 2 e 6 mesi di età ed una dose di richiamo all’incirca a 12 mesi d’età) e Prevenar (vaccino pneumococcico epta-valente; tre dosi a 2- 3,5 e 6 mesi di età ed una dose di richiamo all’incirca a 12 mesi d’età) non è stata rilevata alcuna evidenza di interferenza immunitaria tra i due vaccini coniugati dopo le dosi della serie primaria o dopo la dose di richiamo.

nascondi

Effetti indesiderati

Nota: le descrizioni seguenti sulla frequenza sono così definite: Molto comuni (≥10%); Comuni (≥1% e <10%); Non comuni (≥0,1% e <1%); Rari (≥0,01% e <0,1%); Molto rari (<0,01%); non noti (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

Reazioni avverse evidenziate negli studi clinici

Le reazioni avverse evidenziate in gruppi di pazienti di tutte le età sono elencate di seguito.

Le reazioni avverse sono state raccolte dal giorno della vaccinazione e per i tre giorni successivi. La maggior parte delle reazioni erano auto-limitanti e si risolvevano entro il periodo di controllo (follow-up).

In tutti i gruppi di età le reazioni al sito di iniezione (comprendenti eritema, gonfiore e indolenzimento/dolore) sono state molto comuni. Comunque, queste reazioni in genere non sono state clinicamente significative. Ove studiati, l’eritema o il gonfiore di almeno 3 cm e l’indolenzimento che abbia interferito con il movimento per più di 48 ore, sono stati poco frequenti. Durante gli studi clinici, è stato riportato indolenzimento al sito di iniezione nel 70% degli adulti.

La febbre di almeno 38,0°C è stata comune nei neonati e nei bambini ai primi passi e molto comune nei bambini in età pre-scolare, ma di solito non ha superato i 39,1°C, soprattutto nei gruppi di età superiore.

Nei neonati e nei bambini ai primi passi dopo la vaccinazione è stato comune il pianto, mentre sono stati molto comuni sonnolenza, disturbi del sonno, anoressia, diarrea e vomito. L’irritabilità è stata molto comune nei neonati e nei bambini ai primi passi e comune nei bambini di età compresa tra i 3,5 e i 6 anni. Non c'è evidenza che questi sintomi fossero legati a Meningitec piuttosto che a vaccini somministrati contemporaneamente, in modo particolare il DTP.

Negli studi clinici che prendevano in esame programmi di somministrazione a tre dosi (2, 3 e 4 mesi o 2, 4 e 6 mesi) nei neonati, la frequenza di eventi avversi non aumentava con le dosi successive ad eccezione della febbre ≥38°C. Tuttavia, si deve considerare che in questi studi ai neonati venivano somministrati altri vaccini previsti in concomitanza con Meningitec.

La mialgia è stata comune negli adulti. La sonnolenza è stata comunemente riportata nei bambini di età compresa tra i 3,5 e i 6 anni e negli adulti. La cefalea è stata comune nei bambini di età compresa tra i 3,5 e i 6 anni e molto comune negli adulti.

Le reazioni avverse verificatesi in tutti i gruppi di età sono riportate di seguito.

Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione:

Molto comuni: reazioni al sito di iniezione (es. eritema, gonfiore, dolore/indolenzimento)

Comuni: febbre ≥38°C

Altre reazioni riscontrate nei neonati (primo anno di vita) e nei bambini ai primi passi (secondo anno di vita) sono riportate di seguito.

Disturbi del metabolismo e della nutrizione:

Molto comuni: anoressia

Disturbi psichiatrici:

Molto comuni: irritabilità

Comuni: pianto

Patologie del sistema nervoso:

Molto comuni: sonnolenza, disturbi del sonno

Patologie gastrointestinali:

Molto comuni: vomito, diarrea.

Altre reazioni riportate in gruppi di età più avanzata, inclusi gli adulti (dai 4 ai 60 anni):

Disturbi psichiatrici:

Comuni: irritabilità (bambini di età compresa tra i 3,5 e i 6 anni)

Patologie del sistema nervoso:

Molto comuni: cefalea (adulti)

Comuni: sonnolenza, cefalea (bambini di età compresa tra i 3,5 e i 6 anni)

Patologie del sistema muscoloscheletrico, del tessuto connettivo e osseo:

Comuni: mialgia (adulti)

Reazioni avverse riportate dalla farmacovigilanza dopo l’immissione in commercio (per tutti i gruppi di età)

Queste frequenze si basano sui dati percentuali ricavati dai rapporti spontanei e sono state calcolate utilizzando il numero dei rapporti ed il numero delle dosi distribuite.

Patologie del sistema emolinfopoietico:

Molto rari: linfoadenopatia

Disturbi del sistema immunitario:

Molto rari: reazioni anafilattiche/anafilattoidi che includono shock, reazioni di ipersensibilità comprendenti broncospasmo, edema facciale ed angioedema.

Patologie del sistema nervoso:

Molto rari: capogiri, svenimenti, attacchi epilettici (convulsioni) compresi quelli febbrili ed attacchi epilettici in pazienti con preesistenti disordini epilettici, ipoestesia/parestesia ed ipotonia (inclusi episodi di ipotonia-iporesponsività [HHE])

Ci sono stati rarissimi episodi di attacchi epilettici in seguito alla vaccinazione con Meningitec; i pazienti hanno di solito recuperato rapidamente. Alcuni degli attacchi epilettici riportati possono essere stati svenimenti. La percentuale di attacchi epilettici riportata era al di sotto della frequenza normalmente osservata per i casi di epilessia nei bambini. Nei neonati gli attacchi epilettici erano associati di solito a febbre e probabilmente si trattava di convulsioni febbrili.

Ci sono stati rapporti spontanei molto rari di episodi di ipotonia-iporesponsività (HHE), una condizione caratterizzata da ipotonia e ridotta risposta, associata a pallore o cianosi, in associazione temporale con la somministrazione del vaccino meningococcico coniugato di gruppo C. Nella maggior parte dei casi il vaccino era stato somministrato in concomitanza ad altri vaccini, la maggior parte dei quali erano vaccini anti-pertosse.

Patologie gastrointestinali:

Molto rari: vomito, nausea, dolore addominale

Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo:

Molto rari: rash, orticaria, prurito, eritema multiforme, sindrome di Stevens-Johnson

Patologie del sistema muscoloscheletrico, del tessuto connettivo e osseo:

Molto rari: artralgia

Patologie renali e urinarie:

Sono stati riportati casi di recidiva di sindrome nefrosica in associazione con i vaccini meningococcici coniugati di gruppo C.

Molto raramente sono state riportate a seguito di immunizzazione petecchie e/o porpora (vedere anche paragrafo 4.4).

Apnea nei neonati molto prematuri (≤ 28 settimane di gestazione) (vedere paragrafo 4.4).

nascondi

Gravidanza e allattamento

Gravidanza

Non vi sono dati clinici sull’uso del vaccino menigococcico coniugato di sierogruppo C in donne in gravidanza. Gli studi sugli animali sono insufficienti per quanto riguarda gli effetti in gravidanza, nello sviluppo embrio/fetale, nel parto e nello sviluppo post-natale (vedere paragrafo 5.3-Dati preclinici di sicurezza). Il rischio potenziale negli esseri umani è sconosciuto.

Tuttavia, considerando la gravità della malattia da meningococco di sierogruppo C, quando il rischio all’esposizione è chiaramente definito, la gravidanza non deve precludere la vaccinazione.

Allattamento

Il rapporto rischio-beneficio deve essere preso in esame prima della decisione di effettuare la vaccinazione durante l’allattamento.

nascondi

Conservazione

Conservare in frigorifero (2°C - 8°C).

Non congelare. Gettare il vaccino nel caso sia stato congelato.

Conservare nella confezione originale.

nascondi

Malattie Collegate: 1

nascondi

Questo farmaco disponibile in altre 1 forme farmaceutiche:


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Farmadati

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
Ultima modifica: 19-09-2013
Promozioni:

Commenti