Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Salute e benessere > Risultato Ricerca Farmaci

FARMACI CHE AGISCONO SU STRUTTURA OSSEA E MINERALIZZAZIONE

INDUCTOS

IMP PERIOSSEO 12MGKIT

MEDTRONIC BIOPHARMA B.V.

Descrizione prodotto

INDUCTOS*IMP PERIOSSEO 12MGKIT

Principio attivo

DIBOTERMINA ALFA

Forma farmaceutica

FLACONCINI + FIALE SOLVENTE

ATC livello 3

FARMACI CHE AGISCONO SU STRUTTURA OSSEA E MINERALIZZAZIONE

Tipo prodotto

FARMACO SOLO USO OSPEDALIERO

Prezzo al pubblico

7140.00


Codice ATC livello 5:
M05BC01

Codice AIC:
35913019


Non contiene glutine
Non contiene lattosio
Uso veterinario o entrambi


nascondi

Indicazioni terapeutiche

InductOs è indicato per la fusione spinale anteriore lombare a livello singolo (L4–S1) in sostituzione

del trapianto osseo autogeno in adulti con disturbo degenerativo del disco che hanno ricevuto almeno 6 mesi di trattamento non operativo per questa condizione.

InductOs è indicato per il trattamento di fratture traumatiche della tibia nell’adulto, in aggiunta al consueto trattamento di riduzione delle fratture esposte e di fissazione di chiodi endomidollari non alesati.

Vedere paragrafo 5.1.

nascondi

Composizione

Un flaconcino contiene 12 mg di dibotermina alfa*. Dopo ricostituzione InductOs contiene dibotermina alfa alla concentrazione di 1,5 mg/ml.

* dibotermina alfa (proteina–2 ossea morfogenica ricombinante di origine umana; rhBMP–2) è una proteina umana prodotta da una linea cellulare ovarica di criceto cinese (CHO).

Per l’elenco completo degli eccipienti consultare il paragrafo 6.1.

nascondi

Eccipienti

Polvere

Saccarosio

Glicina

Acido glutammico

Sodio cloruro

Polisorbato 80

Sodio idrossido.

Solvente:

Acqua per preparazioni iniettabili.

Matrice:

Collagene bovino Tipo I

nascondi

Controindicazioni

InductOs è controindicato nei pazienti con:

• Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

• Immaturità scheletrica.

• Qualsiasi tumore maligno in atto o in pazienti sottoposti a terapia antitumorale.

• Un focolaio di infezione nel punto di intervento.

• Persistenza della sindrome da compartimento o residui neurovascolari della sindrome stessa.

• Fratture patologiche quali quelle osservate (ma non limitate ad esse) nel morbo di Paget o delle ossa con metastasi.

nascondi

Posologia

InductOs deve essere usato da un chirurgo specializzato nel settore.

Le indicazioni per la preparazione di ciascun kit devono essere seguite esattamente, usando la dose appropriata di InductOs per l’indicazione voluta.

InductOs viene preparato immediatamente prima dell’uso, utilizzando tutti i componenti necessari contenuti nel kit. Una volta preparato InductOs contiene dibotermina alfa alla concentrazione di 1,5 mg/ml (12 mg per flaconcino).

InductOs non deve essere usato a concentrazioni superiori a 1,5 mg/ml (vedere paragrafo 4.9).

Esiste un’esperienza molto limitata dell’efficacia e della tollerabilità di questo medicinale negli anziani (con età > ai 65 anni).

L’uso pediatrico non è raccomandato finché non saranno disponibile ulteriori dati.

Preparazione del prodotto

In campo non– sterile

1. Usando la tecnica sterile, collocare nel campo sterile una siringa, un ago e la matrice nella sua confezione.

2. Disinfettare i tappi dei flaconcini di dibotermina alfa e del solvente.

3. Usando la siringa rimanente e l’ago dal kit, ricostituire il contenuto del flaconcino di dibotermina alfa con 8,4 ml di solvente. Iniettare lentamente il solvente nel flaconcino contenente la dibotermina alfa liofilizzata. Ruotare delicatamente il flaconcino per facilitare la ricostituzione.

Non agitare. Dopo l’uso eliminare questa siringa e l’ago.

4. Disinfettare il tappo del flaconcino di dibotermina alfa ricostituito.

In campo sterile

5. Sollevando il lato superiore, aprire la confezione contenente la matrice e lasciare la matrice nel suo vassoio.

6. Utilizzando la tecnica del trasferimento asettico e la siringa e l’ago della fase 1, prelevare 8 ml di soluzione di dibotermina alfa ricostituita dal flaconcino del campo non sterile, sollevando il flaconcino capovolto per facilitare il prelievo.

7. Lasciando la matrice nel vassoio, distribuire UNIFORMEMENTE la soluzione di dibotermina alfa sulla matrice seguendo lo schema indicato nella figura sottostante.

8. Aspettare ALMENO 15 minuti prima di utilizzare il prodotto InductOs così preparato. Il prodotto deve essere usato entro due ore dalla preparazione.

Per evitare di sovraccaricare la matrice, è importante ricostituire la dibotermina alfa e bagnare la spugna come descritto in precedenza.

9. Seguire le istruzioni relative all’intervento chirurgico pianificato– fusione spinale anteriore lombare o riparazione della frattura traumatica della tibia.

Istruzioni per l’uso nell’intervento di fusione spinale anteriore lombare

Inductos non deve essere usato da solo per questa indicazione, ma deve essere utilizzato con il Dispositivo LT–Cage Lumbar Tapered Fusion.

Una eventuale omissione nel seguire le istruzioni di preparazione del prodotto per InductOs potrebbe compromettere la sua sicurezza ed efficacia. Attenzione e cautela devono essere utilizzate per prevenire un riempimento eccessivo del dispositivo e/o dello spazio intervertebrale (vedere paragrafo 4.4).

Pre–impianto

• Tagliare la matrice bagnata di InductOs in 6 porzioni uguali (all’incirca 2,5 X 5 cm).

Durante il taglio e nel maneggiare la matrice, evitare un’eccessiva perdita di fluido da InductOs. Non strizzare.

• Il numero di porzioni di InductOs necessari è determinato dalla grandezza del Dispositivo LT–CAGE Lumbar Tapered Fusion utilizzato. Usando la tabella qui sotto, identificare il numero di porzioni di InductOs da 2,5 X 5 cm richiesti dalla grandezza del Dispositivo LT–CAGE Lumbar Tapered Fusion.

Grandezza del dispositivo LT–CAGE Lumbar Tapere Fusion (diametro principale per lunghezza Numero di porzioni di InductOs di 2.5 x 5 cm per il dispositivo LT-CAGE Lumbar Tapered Fusion
14 mm x 20 mm 1
14 mm x 23 mm 1
16 mm x 20 mm 1
16 mm x 23 mm 2
16 mm x 26 mm 2
18 mm x 23 mm 2
18 mm x 26 mm 2

Impianto

Usando le pinze chirurgiche per evitare un eccessivo strizzamento, con attenzione arrotolare il numero richiesto di porzioni di InductOs per ogni dispositivo LT–CAGE ed inserire ogni rotolo nel corrispettivo Dispositivo LT–CAGE Lumbar Tapered Fusion, come descritto nella figura sottostante.

Per le istruzioni su come impiantare il Dispositivo LT–CAGE Lumbar Tapered Fusion, fare riferimento al foglietto illustrativo del dispositivo LT–CAGE

Post–impianto

Una volta impiantati InductOs e il dispositivo LT–CAGE, non irrigare la zona della ferita.

Se è necessario un drenaggio chirurgico, posizionare il drenaggio lontano dal sito dell’impianto o, preferibilmente, ad uno strato superficiale al sito dell’impianto.

Istruzioni per l’uso nelle fratture traumatiche della tibia

Pre–impianto

• Prima di procedere all’impianto di InductOs occorre ridurre completamente la frattura, stabilizzarla ed indurre emostasi.

• InductOs non fornisce stabilità meccanica e non deve essere usato per riempire spazi in presenza di forze di compressione.

• Piegare o tagliare InductOs come necessario prima di procedere all’impianto. Durante la manipolazione evitare una eccessiva perdita di liquido da InductOs. Non strizzare. Se l’intervento chirurgico richiede che solo una porzione del prodotto sia utilizzata, prima preparare l’intero prodotto InductOs (seguendo i punti da 1 a 8 sopra riportati), tagliare il prodotto nel formato desiderato e gettare le porzioni non utilizzate.

Impianto

Si procede all’impianto di InductOs dopo aver completato il trattamento standard della frattura e della ferita, vale a dire quando si procede alla chiusura dei tessuti molli. Il numero di kit di InductOs e il volume di InductOs al momento dell’impianto dipendono dall’anatomia della frattura e dall’abilità di chiudere la ferita senza stipare o comprimere eccessivamente il prodotto. In genere è sufficiente il contenuto di un kit per trattare una frattura. Il dosaggio massimo di InductOs è limitato a due kits. Per quanto possibile, con InductOs va ricoperta la superficie accessibile della frattura (linee di frattura e difetti). Disporre InductOs in modo che vada a colmare l’area della frattura e sia bene a contatto con i frammenti distali e prossimali maggiori.

Per ottenere l’effetto desiderato non è necessario sovrapporre il contenuto di più kit.

Utilizzare pinze chirurgiche durante l’impianto di InductOs per evitare la perdita eccessiva di liquido. InductOs può essere collocato in uno spazio vuoto (poco compresso), piegato, arrotolato o avvolto a seconda della geometria della frattura. Non strizzare.

Post–impianto

Dopo aver proceduto all’impianto di InductOs, non irrigare la ferita.

Se è necessario un drenaggio chirurgico, collocare il drenaggio in un punto lontano dal sito dell’impianto o, preferibilmente, ad uno strato più superficiale rispetto al sito dell’impianto.

Al fine di ottenere la massima potenza di efficacia, è importante fare in modo che InductOs dopo il suo impianto risulti completamente coperto da tessuti molli.

nascondi

Avvertenze e precauzioni

Una eventuale omissione nel seguire le istruzioni di preparazione del prodotto per InductOs potrebbe compromettere la sua sicurezza ed efficacia. Attenzione e cautela devono essere utilizzate per prevenire un eccessivo riempimento del dispositivo e/o dello spazio intervertebrale. Edema localizzato associato all’uso di InductOs è stato riportato in pazienti sottoposti a chirurgia spinale cervicale. L’insorgenza dell’edema era tardiva e, in alcuni casi, abbastanza grave da provocare una compromissione delle vie respiratorie. La sicurezza e l’efficacia dell’uso di InductOs in chirurgia spinale cervicale non è stata stabilita e InductOs non deve essere utilizzato in tale situazione.

Formazione di raccolte di liquidi (pseudocisti, edema localizzato, essudato nella sede dell’impianto), a volte incapsulate, in alcuni casi provocanti compressione dei nervi e dolore sono state riportate in pazienti sottoposti a chirurgia spinale associata con l’ uso di InductOs. Molte di queste segnalazioni si sono verificate quando InductOs veniva usato in schemi terapeutici/dispositivi non approvati o in modo non coerente alle istruzioni per l’uso. Un intervento clinico (aspirazione e/o rimozione chirurgica) potrebbe essere richiesto se i sintomi persistono (vedere paragrafo 4.8).

Non esistono dati sull’efficacia e la sicurezza del prodotto nell’uso concomitante a innesti ossei. In assenza completa di esperienza, l’uso ripetuto del medicinale non è raccomandato.

È stata riportata una compressione dei nervi associata a formazione ectopica dell’osso e all’utilizzo di InductOs. Può rendersi necessario un intervento chirurgico aggiuntivo.

InductOs può causare inizialmente il riassorbimento dell’osso trabecolare circostante. Pertanto, in assenza di dati clinici, il prodotto non deve essere usato per una applicazione diretta sull’osso trabecolare quando il transitorio riassorbimento può creare rischi di fragilità dell’osso. Quando InductOs è stato utilizzato con il dispositivo LT–CAGE (vedere paragrafo 4.2) in studi clinici per la fusione spinale anteriore lombare, la frequenza e la gravità di riassorbimento dell’osso, come evidenziato dalle iperdiafanie radiologiche e/o dalla migrazione del dispositivo,erano simili a quelle osservate nei pazienti trattati con trapianto osseo autogeno.

Dopo l’utilizzo di Inductos in interventi chirurgici di fusione spinale può verificarsi migrazione del dispositivo, che può richiedere revisione chirurgica (vedere paragrafo 4.8).

L’uso di InductOs può causare ossificazioni eterotopiche nei tessuti circostanti che possono causare complicazioni. Sono state osservate ossificazioni al sito dell’impianto e una formazione ectopica dell’osso.

InductOs non deve essere utilizzato in pazienti con pregresso o sospetto tumore maligno nel sito di applicazione (vedere paragrafo 4.3)

La sicurezza e l’efficacia dell’uso di InductOs in pazienti con malattie autoimmuni accertate non è stata stabilita. Queste malattie autoimmuni includono artrite reumatoide, lupus eritematoso sistemico, sclerodermia, sindrome di Sjögren e dermatomiositi/polimiositi.

La sicurezza e l’efficacia di InductOs non sono state dimostrate in pazienti con diturbi metabolici ossei.

Non sono stati condotti studi sui pazienti con ridotta funzionalità epatica o renale.

Sia la dibotermina alfa che il collagene bovino di Tipo I hanno provocato reazioni immunitarie nel paziente.

Anticorpi anti–dibotermina alfa: negli studi di fusione spinale anteriore lombare, lo 0,7 % dei pazienti che hanno ricevuto InductOs hanno sviluppato anticorpi contro lo 0,8% dei pazienti che hanno ricevuto il trapianto autogeno dell’osso. Negli studi sulla frattura traumatica della tibia il 4,4% dei pazienti che ricevevano InductOs hanno sviluppato anticorpi, contro lo 0,6% osservato nel gruppo di controllo.

Anticorpi anti–collagene bovino di Tipo I: negli studi di fusione spinale anteriore lombare, il 19% dei pazienti che hanno ricevuto InductOs hanno sviluppato anticorpi al collagene bovino di Tipo I contro il 13% dei pazienti che hanno ricevuto il trapianto autogeno dell’osso. Negli studi sulla frattura traumatica della tibia il 15,7% dei pazienti che ricevevano InductOs hanno sviluppato anticorpi, contro l’ 11,8% nel gruppo di controllo. In entrambe le due indicazioni, nessun paziente risultato positivo agli anticorpi anti–bovino del collagene di Tipo I ha sviluppato anticorpi al collagene umano di Tipo I.

Sebbene negli studi condotti nell’uomo non siano stati osservati manifestazioni cliniche o effetti collaterali, la possibilità che si sviluppino anticorpi neutralizzanti o reazioni di ipersensibilità non è esclusa. Per i pazienti che in precedenza hanno ricevuto collagene per via sistemica deve essere fatta una oculata valutazione del rischio/beneficio (vedere paragrafo 4.3). Nei casi in cui si sospetta che il manifestarsi di reazioni avverse sia legato a precedenti problemi di origine immunologica, occorre valutare la possibilità che il prodotto possa provocare una reazione immunitaria.

Avvertenze speciali e precauzioni d’impiego specifiche per la fusione spinale anteriore lombare

La sicurezza e l’efficacia di InductOs non è stata stabilita nelle seguenti condizioni:

• usato con impianti spinali diversi dal dispositivo LT–CAGE

• impiantato in siti diversi dal livello lombare inferiore L4–S1

• usato in tecniche chirurgiche diverse da approcci anteriori aperti o laparascopici anteriori

Quando il disturbo degenerativo del disco è stato trattato con una procedura di fusione intersomatica posteriore lombare con gabbiette cilindriche filettate e dibotermina alfa, in alcuni casi è stata osservata un’ossificazione posteriore dell’osso.

Avvertenze speciali e precauzioni d’impiego specifiche per le fratture traumatiche della tibia

InductOs è concepito per l’uso in pazienti con le seguenti caratteristiche:

• riduzione e stabilizzazione della frattura, adeguate, per garantire la stabilità meccanica.

• stato neurovascolare adeguato (ad es. assenza della sindrome da compartimento, basso rischio di amputazione).

• emostasi adeguata (che consenta di disporre di una superficie per l’impianto relativamente asciutta).

• assenza di esteso difetto di riparazione delle ossa lunghe, in cui può verificarsi una notevole compressione dei tessuti molli.

L’impianto deve essere posizionato sulla frattura sotto una adeguata visione e con la massima cura (vedere paragrafo 4.2).

Informazioni relative all’efficacia sulla frattura della tibia provengono soltanto da studi clinici controllati nei quali sono state trattate fratture esposte della tibia con inserimento di chiodi endomidollari nell’osso (vedere paragrafo 5.1). In uno studio clinico in cui il canale endomidollare era alesato a "chatter" corticale, è stato osservato un aumento dell’incidenza di infezione nel gruppo trattato con InductOs rispetto al gruppo di controllo sottoposto al trattamento standard (vedere paragrafo 4.8). Non si raccomanda l’utilizzo di InductOs con chiodi alesati nella riparazione delle fratture esposte della tibia.

InductOs non fornisce stabilità meccanica e non deve essere usato per riempire spazi vuoti in presenza di forze di compressione. Il trattamento della frattura di ossa lunghe e dei tessuti molli deve basarsi sulle terapie standard, compreso il controllo dell’infezione.

nascondi

Interazioni

Non sono stati eseguiti studi di interazione. Poiché dibotermina alfa è una proteina e non viene riscontrata nella circolazione corporea, è un candidato improbabile per un’interazione farmacocinetica farmaco–farmaco.

Informazioni da studi clinici sulle fratture traumatiche della tibia indicano che l’uso di InductOs in pazienti sottoposti a terapia con glucocorticoidi non è stato associato alla comparsa di alcun effetto negativo evidente. In studi preclinici la somministrazione contemporanea di glucocorticoidi ha ridotto la ricostruzione dell’osso (misurata come percentuale nei confronti di un gruppo controllo), ma l’efficacia di InductOs non è stata alterata.

In studi clinici sulla frattura traumatica della tibia in cui i pazienti trattati con InductOs ricevevano per un periodo di 14 giorni consecutivi FANS in associazione, si sono manifestati effetti indesiderati medi o moderati correlati alla guarigione (ad esempio con il drenaggio della ferita) in numero maggiore rispetto a quello osservato nei pazienti trattati con InductOs ma che non assumevano FANS. Sebbene il risultato finale per il paziente non sia stato modificato non si può escludere un’interazione tra FANS e InductOs.

nascondi

Effetti indesiderati

Negli studi clinici sono stati valutati oltre 1490 pazienti dei quali più di 955 sono stati trattati con InductOs. I pazienti con frattura delle ossa lunghe trattati con InductOs sono stati oltre 418. Negli studi di fusione spinale anteriore lombare, oltre 288 pazienti sono stati trattati con InductOs.

Sono stati riportati casi post–marketing di edema localizzato in pazienti sottoposti a chirurgia spinale cervicale associata con l’uso di InductOs. L’edema aveva una insorgenza ritardata ed, in alcuni casi, era abbastanza grave da provocare una compromissione delle vie respiratorie (vedere paragrafo 4.4).

Ci sono stati report post–marketing di formazione di raccolte di liquidi (pseudocisti, edema localizzato,essudato nella sede dell’impianto), a volte incapsulati, in alcuni casi provocanti compressione dei nervi e dolore in pazienti sottoposti a chirurgia spinale con InductOs (vedere paragrafo 4.4).

Una compressione dei nervi associata ad una formazione ectopica di osso è stata riportata in pazienti sottosposti a chirurgia spinale con InductOs (vedere paragrafo 4.4).

Dopo l’utilizzo di InductOs in interventi chirurgici di fusione spinale può verificarsi radiculite.

Dopo l’utilizzo di Inductos in interventi chirurgici di fusione spinale può verificarsi migrazione del dispositivo, che può richiedere revisione chirurgica (vedere paragrafo 4.4). In alcuni casi la migrazione del dispositivo è stata riportata in associazione al riassorbimento dell’osso e alla formazione di raccolte di liquidi (pseudocisti, edema localizzato, essudato nella sede dell’impianto).

L’applicazione di InductOs può causare un riassorbimento iniziale dell’osso trabecolare (vedere paragrafi 4.4 e 5.1).

Effetti indesiderati specifici all’uso nella fusione spinale anteriore lombare.

Gli effetti indesiderati osservati nei pazienti con fusione spinale anteriore lombare erano generalmente quelli tipici associabili alla fusione spinale nel trapianto autogeno dell’osso prelevato dalla cresta iliaca.

Effetti indesiderati molto comuni(>1/10): ferita accidentale, nevralgia, dolore lombare e disturbi ossei erano simili sia nel gruppo controllo che nel gruppo trattato con InductOs.

Effetti indesiderati specifici all’uso nella frattura traumatica della tibia Gli effetti indesiderati osservati nei pazienti con fratture delle ossa lunghe erano generalmente quelli tipici associabili tanto al trauma ortopedico quanto all’intervento chirurgico.

Una infezione localizzata specifica dell’arto fratturato si è verificata in > 1/10 pazienti in uno studio clinico in cui il canale endomidollare era alesato a "chatter" corticale. Una frequenza aumentata di infezione è stata osservata nel gruppo trattato con InductOs rispetto al gruppo di controllo sottoposto al trattamento standard (rispettivamente 19% versus 9%; vedere paragrafo 4.4). Per l’uso con chiodi non alesati, le incidenze stimate di infezione in uno studio sono state simili tra i gruppi di trattamento (rispettivamente 21% versus 23%).

Gli effetti indesiderati comuni (da ≥1/100 a <1/10) sono stati osservati con la medesima incidenza nel gruppo controllo e nel gruppo trattato con InductOs, con le seguenti quattro eccezioni che sono state osservate significativamente più frequentemente nel gruppo trattato con InductOs rispetto a quello di controllo:

• aumento dell’amilasi nel sangue (senza evidenti segni di pancreatite nei pazienti trattati con InductOs)

• tachicardia

• ipomagnesiemia

• mal di testa

nascondi

Gravidanza e allattamento

Gravidanza

Non vi sono dati adeguati provenienti dall’utilizzo di dibotermina alfa nelle donne in stato di gravidanza.

Gli studi su animali hanno dimostrato tossicità riproduttiva (vedere paragrafo 5.3).

Il rischio potenziale per le donne è sconosciuto.

Sono stati eseguiti studi su gli animali che non possono escludere effetti degli anticorpi antidibotermina alfa sullo sviluppo embrio–fetale (vedere paragrafo 5.3). Poiché non si conoscono i rischi per il feto associati al potenziale sviluppo di anticorpi neutralizzanti per la dibotermina alfa, InductOs non deve essere usato durante la gravidanza a meno che non sia chiaramente necessario (vedere paragrafo 4.4). Le donne in età fertile devono essere avvisate di utilizzare un efficace metodo contraccettivo per almeno 12 mesi dopo il trattamento.

Allattamento

Non è noto se dibotermina alfa è escreta nel latte umano. L’escrezione di dibotermina alfa non è stata studiata negli animali,l’allattamento non è raccomandato durante il trattamento con InductOs.

nascondi

Conservazione

Non conservare al di sopra dei 30°C. Non congelare.

Conservare nella confezione originale.

nascondi

Questo farmaco disponibile in altre 1 forme farmaceutiche:


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Farmadati

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
Ultima modifica: 19-09-2013
Promozioni:

Commenti