Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Salute e benessere > Risultato Ricerca Farmaci

ANTIFIBRINOLITICI

GABESATO MES.IBI

1F 100MG+F5ML

I.B.I.GIOVANNI LORENZINI SpA

Descrizione prodotto

GABESATO MES.IBI*1F 100MG+F5ML

Principio attivo

GABESATO MESILATO

Forma farmaceutica

PREPARAZIONE INIETTABILE

ATC livello 3

ANTIFIBRINOLITICI

Tipo prodotto

FARMACO GENERICO

Prezzo al pubblico

8.98


Codice ATC livello 5:
B02AB

Codice AIC:
35969017


Non contiene glutine
Non contiene lattosio
Uso veterinario o entrambi


nascondi

Indicazioni terapeutiche

Pancreatite acuta

nascondi

Composizione

Un flaconcino di polvere contiene:

Principio attivo: gabesato mesilato mg 100

Per gli eccipienti v. par. 6.1

nascondi

Eccipienti

Fiala solvente: acqua per preparazioni iniettabili

nascondi

Controindicazioni

Ipersensibilità al principio attivo.

nascondi

Posologia

Iniziare il trattamento con 1-3 flaconcini al giorno (100-300 mg di gabesato mesilato) mediante infusione endovenosa goccia a goccia a velocità non superiore a 8 ml/minuto e ridurre successivamente il dosaggio in relazione al miglioramento del quadro clinico. In caso di necessità è possibile aumentare il dosaggio sopra indicato di 1-3 flaconcini nell’arco della stessa giornata.

Introdurre l’apposito solvente nel flaconcino contenente la polvere liofilizzata.

La soluzione così ottenuta va diluita ulteriormente in 500 ml di soluzione di Ringer o glucosata al 5%.

La soluzione così preparata deve essere utilizzata subito oppure conservata in frigorifero (a 3° C), dove si mantiene stabile per circa 5 giorni.

E’ consigliabile somministrare la soluzione per infusione e.v. lenta, regolando la velocità in modo da non superare 2,5 mg di gabesato mesilato per kg di peso corporeo e per ora.

nascondi

Avvertenze e precauzioni

Durante la somministrazione del prodotto (v. par. 4.2) è consigliabile regolare la velocità di infusione in modo da non superare i 2,5 mg/kg per ora. Il prodotto può esplicare azione anticoagulante.

In alcuni studi condotti nel cane a dosi elevate si è osservata una riduzione del tempo di tromboplastina parziale. Tale evento non è stato finora osservato durante la terapia con gabesato nell’uomo.

nascondi

Interazioni

Non note. In caso di terapia concomitante con altri farmaci per via parenterale è necessario somministrare separatamente il gabesato mesilato

nascondi

Effetti indesiderati

Raramente possono verificarsi

- shock: in caso di caduta della pressione arteriosa, oppressione precordiale e dispnea, il trattamento deve essere immediatamente interrotto;

- flebite: durante la somministrazione il paziente deve essere accuratamente controllato, in quanto dosaggi o velocità di infusione superiori a quelli indicati possono danneggiare la parete vascolare e causare flebite. In caso di dolore, arrossamento o infiammazione nella sede di iniezione, il dosaggio deve essere ridotto e, in caso di persistenza dei fenomeni, il trattamento deve essere interrotto;

- cefalea, riduzione del tempo di tromboplastina parziale, tendenza al sanguinamento, ipotensione, nausea, vomito, diarrea, eruzione cutanea, prurito, congestione facciale: in tali circostanze è opportuno ridurre il dosaggio e, in caso di persistenza, sospendere definitivamente il trattamento.

nascondi

Gravidanza e allattamento

Gravidanza:

In corso di gravidanza accertata o presunta è consigliabile mantenere il dosaggio di gabesato mesilato ai minimi livelli efficaci (è stata osservata nel topo una perdita di peso dei feti con dosi di 100 mg/kg/die) e solo per indicazioni che implichino pericolo di vita per la gestante.

Allattamento:

Non sono disponibili dati sull’eventuale escrezione nel latte materno.

nascondi

Conservazione

Nessuna.

nascondi

Malattie Collegate: 1

nascondi

Questo farmaco disponibile in altre 1 forme farmaceutiche:


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Farmadati

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
Ultima modifica: 19-09-2013
Promozioni:

Commenti