Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Salute e benessere > Risultato Ricerca Farmaci

ANTISTAMINICI PER USO SISTEMICO

LORATADINA TEVA

7CPR 10MG

TEVA ITALIA Srl

Descrizione prodotto

LORATADINA TEVA*7CPR 10MG

Principio attivo

LORATADINA

Forma farmaceutica

COMPRESSE

ATC livello 3

ANTISTAMINICI PER USO SISTEMICO

Tipo prodotto

FARMACO GENERICO

Prezzo al pubblico

3.68


Codice ATC livello 5:
R06AX13

Codice AIC:
37552027


Non contiene glutine
Contiene lattosio
Uso veterinario o entrambi


nascondi

Indicazioni terapeutiche

Loratadina Teva è indicata per alleviare i sintomi associati con la rinite allergica, quali starnuti, rinorrea e prurito nasale, nonché prurito e bruciore oculari. Loratadina Teva è anche indicata per il trattamento dei sintomi dell’orticaria cronica in adulti e bambini di età ≥12 anni.

nascondi

Composizione

Ogni compressa contiene 10 mg di loratadina.

Per gli eccipienti vedere 6.1.

nascondi

Eccipienti

Lattosio monoidrato;

amido di mais;

amido pregelatinizzato;

magnesio stearato.

nascondi

Controindicazioni

La loratadina è controindicata nei pazienti con ipersensibilità o idiosincrasia note alla loratadina o ad uno dei suoi componenti e nei bambini di età inferiore a 2 anni.

nascondi

Posologia

Adulti, inclusi gli anziani:

Una compressa da 10 mg una volta al giorno.

Bambini di età superiore a 12 anni:

Una compressa da 10 mg una volta al giorno.

La compressa deve essere preferibilmente assunta prima dei pasti.

La risposta varia notevolmente tra i diversi individui e se un paziente non mostra un miglioramento dopo tre giorni di trattamento non è molto probabile che possa trarre beneficio da questa terapia.

La durata del trattamento può variare in base ai sintomi.

Pazienti con insufficienza epatica grave: la dose raccomandata deve essere somministrata a giorni alterni (vedere Avvertenze speciali e precauzioni d’impiego).

Nei pazienti anziani e nei pazienti con insufficienza renale non è necessario effettuare un aggiustamento della dose.

Via di somministrazione: orale.

nascondi

Avvertenze e precauzioni

La loratadina deve essere usata con cautela nel trattamento di pazienti con insufficienza epatica grave, poiché la clearance della loratadina potrebbe essere ridotta in questo tipo di pazienti (vedere 4.2 Posologia e modo di somministrazione).

La sicurezza e l’attività della loratadina non è ancora stata dimostrata in bambini di età inferiore a 2 anni. Pertanto loratadina non può essere somministrata a soggetti di questa età (vedere 4.3 Controindicazioni).

Il trattamento con loratadina deve essere interrotto almeno 5 giorni prima di effettuare test di sensibilizzazione cutanea, dato che gli antiistaminici possono mascherare o ridurre le reazioni cutanee positive.

In alcuni pazienti, la loratadina può causare secchezza delle fauci. Dato che la secchezza delle fauci potrebbe aumentare il rischio di carie è quindi importante in questi pazienti una buona igiene orale.

Pazienti con rari problemi ereditari di intolleranza al glucosio, deficit di Lapp lattasi o malassorbimento di glucosio-galattosio non devono assumere questo prodotto.

Nei bambini al di sotto di 12 anni sono più appropriate altre formulazioni.

nascondi

Interazioni

Se assunta in concomitanza con alcool, Loratadina Teva non presenta effetti potenzianti, come dimostrato dagli studi sulle reazioni psicomotorie. La somministrazione di loratadina con il cibo può ritardarne leggermente l’assorbimento (circa 1 ora), senza però alterarne l’efficacia clinica.

In studi clinici controllati, sono stati osservati livelli aumentati di loratadina dopo somministrazione concomitante di ketoconazolo, eritromicina e cimetidina. Questi aumenti non hanno indotto variazioni cliniche rilevati (incluso l’elettrocardiogramma). Altri principi attivi capaci di inibire il metabolismo epatico devono essere somministrati con cautela fino a quando non saranno completati gli studi di interazione.

nascondi

Effetti indesiderati

Patologie del sistema nervoso:

Tra le reazioni avverse più frequenti sono state riportate: fatica, cefalea, secchezza delle fauci.

Rari (>1/10.000, <1/1000): alopecia.

Patologie gastrointestinali:

Aumento dell’appetito, disturbi gastrointestinali come nausea, gastrite, dispepsia, faringite e sanguinamento nasale.

Disturbi del sistema immunitario:

Sintomi allergici come eruzioni cutanee.

Rari (>1/10.000, <1/1000): anafilassi.

Patologie epatobiliari:

Rari (>1/10.000, <1/1000): alterazioni delle funzioni epatiche.

Patologie cardiache:

Sono stati riportati rari casi di tachiaritmia sopraventricolare.

Possono manifestarsi effetti indesiderati cardiaci come allungamento dell’intervallo QT nell’elettrocardiogramma e aritmie come torsione della punta.

nascondi

Gravidanza e allattamento

Negli studi su animali la loratadina non ha avuto effetti teratogeni (vedi punto 5.3). La sicurezza di impiego della loratadina in gravidanza non è stato definita per cui l’uso di loratadina in gravidanza è sconsigliato. La loratadina è escreta nel latte materno, quindi non deve essere somministrata a donne che allattano al seno.

nascondi

Conservazione

Nessuna.

nascondi

Malattie Collegate: 2

nascondi

Questo farmaco disponibile in altre 2 forme farmaceutiche:


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Farmadati

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
Ultima modifica: 19-09-2013
Promozioni:

Commenti