Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Salute e benessere > Risultato Ricerca Farmaci

BETABLOCCANTI

NEBIVOLOLO ANG

28CPR 5MG

ANGENERICO SpA

Descrizione prodotto

NEBIVOLOLO ANG*28CPR 5MG

Principio attivo

NEBIVOLOLO CLORIDRATO

Forma farmaceutica

COMPRESSE

ATC livello 3

BETABLOCCANTI

Tipo prodotto

FARMACO GENERICO

Prezzo al pubblico

6.10


Codice ATC livello 5:
C07AB12

Codice AIC:
38134058


Non contiene glutine
Contiene lattosio
Uso veterinario o entrambi


nascondi

Indicazioni terapeutiche

Ipertensione

Trattamento dell’ipertensione essenziale.

Insufficienza cardiaca cronica (IC)

Trattamento dell’insufficienza cardiaca cronica stabile da lieve a moderata in aggiunta alle terapie standard in pazienti anziani (≥ 70 anni).

nascondi

Composizione

Ogni compressa contiene 5 mg di nebivololo equivalenti a 5,45 mg di nebivololo cloridrato.

Eccipiente: 142 mg di lattosio monoidrato per compressa.

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

nascondi

Eccipienti

Croscarmellosa sodica

Lattosio monoidrato

Amido di mais

Cellulosa microcristallina

Ipromellosa 5 cps

Silice anidra colloidale

Magnesio stearato

nascondi

Controindicazioni

•  Ipersensibilità al principio attivo o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

•  Insufficienza epatica o alterazione della funzionalità epatica.

•  Insufficienza cardiaca acuta, shock cardiogeno o episodi di scompenso dell’insufficienza cardiaca che richiedono una terapia inotropa per via endovenosa.

•  Malattia del nodo del seno, compreso il blocco seno-atriale.

•  Blocco cardiaco di II e III grado (senza pacemaker).

•  Storia di broncospasmo e asma bronchiale.

•  Feocromocitoma non trattato.

•  Acidosi metabolica.

•  Bradicardia (frequenza cardiaca < 60 bpm prima dell’inizio della terapia).

•  Ipotensione (pressione sistolica < 90 mmHg).

•  Gravi disturbi circolatori periferici.

nascondi

Posologia

Metodo di somministrazione

La compressa deve essere inghiottita insieme a un’adeguata quantità di liquido (per esempio un bicchiere d’acqua) in corrispondenza o meno dei pasti.

Ipertensione

Adulti

La dose corrisponde a 1 compressa (5 mg) al giorno, da assumere preferibilmente sempre alla stessa ora.

L’effetto antipertensivo diventa evidente dopo 1-2 settimane di trattamento.Occasionalmente l’effetto ottimale viene raggiunto solo dopo 4 settimane.

Associazione con altri farmaci antipertensivi

I beta bloccanti possono essere usati da soli o in associazione ad altri farmaci antipertensivi. Fino a oggi è stato osservato un effetto antipertensivo aggiuntivo solo quando Nebivololo Angenerico 5 mg è stato associato a idroclorotiazide 12,5-25 mg.

Pazienti con insufficienza renale

In pazienti con insufficienza renale la dose iniziale raccomandata è di 2,5 mg al giorno. Se necessario la dose quotidiana può essere aumentata a 5 mg.

Pazienti con insufficienza epatica

I dati in pazienti con insufficienza epatica o alterazione della funzionalità epatica sono limitati. Pertanto la somministrazione di Nebivololo Angenerico in questi pazienti è controindicata (vedere paragrafo 4.3).

Anziani

Nei pazienti di età superiore a 65 anni la dose iniziale raccomandata è di 2,5 mg al giorno. Se necessario, la dose giornaliera può essere aumentata a 5 mg. Tuttavia a causa dell’esperienza limitata in pazienti di età superiore a 75 anni, si deve prestare cautela e questi pazienti devono essere attentamente controllati.

Bambini e adolescenti

A causa della mancanza/insufficienza di dati relativi alla sicurezza e all’efficacia, Nebivololo non è raccomandato nei bambini e negli adolescenti di età inferiore ai 18 anni.

Insufficienza cardiaca cronica (IC)

Il trattamento dell’insufficienza cardiaca cronica stabile può essere iniziato con un graduale aumento del dosaggio fino a raggiungere la dose di mantenimento individuale ottimale.

I pazienti devono avere un’insufficienza cardiaca cronica stabile senza che nel corso delle ultime 6 settimane si sia manifestato uno scompenso acuto dell’insufficienza cardiaca.

Si raccomanda che il medico abbia esperienza nel trattamento dell’insufficienza cardiaca cronica.

Per i pazienti sottoposti a una terapia a base di farmaci cardiovascolari, compresi diuretici e/o digossina e/o ACE-inibitori e/o antagonisti dell’angiotensina II, il dosaggio di questi medicinali deve essere stato stabilizzato nel corso delle 2 settimane precedenti l’inizio del trattamento con Nebivololo Angenerico.

L’aumento iniziale del dosaggio deve essere effettuato per passi a intervalli di 1-2 settimane, in funzione della tollerabilità del paziente: 1,25 mg di nebivololo, da aumentarsi a 2,5 mg di nebivololo una volta al giorno, poi a 5 mg una volta al giorno e infine a 10 mg una volta al giorno.

Il dosaggio massimo raccomandato è 10 mg di nebivololo una volta al giorno.

L’inizio della terapia e ogni aumento di dosaggio devono essere effettuati sotto la supervisione di un medico esperto per un periodo di almeno due ore, per assicurare che lo stato clinico rimanga stabile (in particolare per quanto riguarda pressione arteriosa, frequenza cardiaca, disturbi della conduzione e segni di un peggioramento dell’insufficienza cardiaca).

L’insorgere di effetti indesiderati può impedire che tutti i pazienti vengano trattati con la massima dose raccomandata. Se necessario, il dosaggio raggiunto può essere anche diminuito passo dopo passo e ripristinato come appropriato.

Durante la fase di titolazione, nel caso di manifesti intolleranza o peggioramento dell’insufficienza cardiaca, si raccomanda per prima cosa di ridurre la dose di nebivololo, o di interromperlo del tutto se necessario (in caso di ipotensione grave, peggioramento dell’insufficienza cardiaca con edema polmonare acuto, shock cardiogeno, bradicardia sintomatica o blocco AV).

Il trattamento dell’insufficienza cardiaca cronica stabile con nebivololo è in genere un trattamento a lungo termine.

Il trattamento con nebivololo non deve essere sospeso improvvisamente, poiché ciò può provocare un peggioramento transitorio dell’insufficienza cardiaca. Se si rende necessario interrompere il trattamento, il dosaggio deve essere gradualmente ridotto dimezzandolo settimanalmente.

Pazienti con insufficienza renale

In caso di insufficienza renale da lieve a moderata non è necessario alcun aggiustamento del dosaggio, poiché l’aumento del dosaggio fino alla massima dose tollerata viene aggiustata a livello individuale. Non esiste alcuna esperienza in pazienti con insufficienza renale grave (creatinina serica ≥ 250 mcmol/l). Pertanto l’uso di nebivololo in questi pazienti non è raccomandato.

Pazienti con insufficienza epatica

I dati relativi ai pazienti affetti dal insufficienza epatica sono limitati. Pertanto l’uso di Nebivololo Angenerico in questi pazienti è controindicato.

Anziani

Non è necessario alcun aggiustamento del dosaggio, poiché l’aumento del dosaggio fino alla massima dose tollerata viene aggiustata a livello individuale.

Bambini e adolescenti

A causa della mancanza/insufficienza di dati relativi alla sicurezza e all’efficacia, Nebivololo Angenerico non è raccomandato nei bambini e negli adolescenti di età inferiore ai 18 anni.

nascondi

Avvertenze e precauzioni

Vedere anche paragrafo 4.8.

Anestesia

La continuazione del beta-bloccante riduce il rischio di aritmie durante l’induzione e l’intubazione. Se in previsione di un intervento chirurgico si interrompe il beta-blocco, la terapia con antagonisti beta-adrenergici deve essere interrotta almeno 24 ore prima.

Particolare attenzione va impiegata nell’uso di alcuni anestetici che possono causare depressione miocardica. Il paziente può essere protetto contro le reazioni vagali con somministrazione endovenosa di atropina.

Sistema cardiovascolare

In generale gli antagonisti beta-adrenergici non devono usati in pazienti con insufficienza cardiaca cronica non trattata, fino a quando le loro condizioni non si siano stabilizzate.

In pazienti con cardiopatia ischemica il trattamento con un antagonista beta-adrenergico deve essere interrotto gradualmente, per esempio nel corso di 1-2 settimane. Se necessario, allo stesso tempo deve essere instaurata una terapia sostitutiva per prevenire un’esacerbazione dell’angina pectoris.

Gli antagonisti beta-adrenergici possono indurre bradicardia: se la frequenza del polso scende sotto i 50-55 bpm a riposo e/o il paziente manifesta sintomi riconducibili a bradicardia, il dosaggio deve essere ridotto.

Gli antagonisti beta-adrenergici devono essere usati con cautela in:

•  pazienti con disturbi circolatori periferici (sindrome o malattia di Raynaud, claudicatio intermittens), poiché può verificarsi un peggioramento di questi disturbi;

•  pazienti con blocco AV di I grado, a causa dell’effetto negativo dei beta-bloccanti sul tempo di conduzione;

•  pazienti con angina di Prinzmetal, a causa della mancanza di opposizione alla vasocostrizione coronarica mediata dai recettori alfa: gli antagonisti beta-adrenergici possono aumentare il numero e la durata degli attacchi di angina.

La combinazione di nebivololo con calcioantagonisti del tipo verapamil e diltiazem, con farmaci antiaritmici di Classe I e con medicinali antipertensivi ad azione centrale non è in genere raccomandata; per ulteriori dettagli vedere paragrafo 4.5.

Metabolismo e sistema endocrino

Nei pazienti diabetici nebivololo non interferisce con i livelli di glucosio. Tuttavia va usato con precauzione nei pazienti diabetici, in quanto può mascherare alcuni sintomi di ipoglicemia (tachicardia, palpitazioni).

Gli agenti bloccanti beta-adrenergici possono mascherare sintomi di tachicardia nell’ipertiroidismo. Un’improvvisa sospensione del trattamento può  accentuare i sintomi.

Apparato respiratorio

Nei pazienti con disturbi ostruttivi polmonari cronici gli antagonisti beta-adrenergici devono essere usati con cautela, poiché la costrizione delle vie respiratorie può aggravarsi.

Altri

In pazienti con storia di psoriasi gli antagonisti beta-adrenergici devono essere somministrati solo dopo attenta valutazione.

Gli antagonisti beta-adrenergici possono aumentare la sensibilità verso gli allergeni e la gravità delle reazioni anafilattiche.

L’inizio del trattamento dell’insufficienza cardiaca cronicacon nebivololo necessita di regolare supervisione. Per la posologia e le modalità di somministrazione consultare il paragrafo 4.2. L’interruzione del trattamento non deve essere improvvisa, a meno che non sia chiaramente indicato (vedere anche paragrafo 4.2).

Questo prodotto medicinale contiene lattosio. I pazienti affetti da rari problemi ereditari di intolleranza al lattosio, deficit di Lapp-lattasi o malassorbimento di glucosio-galattosio non devono assumere Nebivololo Angenerico.

nascondi

Interazioni

Interazioni farmacodinamiche

Combinazioni non raccomandate

Antiaritmici di Classe I (chinidina, idrochinidina, cibenzolina, flecainide, disopiramide, lidocaina, mexiletina, propafenone): gli effetti sul tempo di conduzione atrio-ventricolare possono essere potenziati e l’effetto inotropo negativo può accrescere (vedere paragrafo 4.4).

Calcioantagonisti del tipo verapamil/diltiazem: influenza negativa sulla contrattilità e sulla conduzione atrio-ventricolare. La somministrazione endovenosa di verapamil nei pazienti in trattamento beta-bloccante può provocare grave ipotensione e blocco atrio-ventricolare (vedere paragrafo 4.4).

Antipertensivi ad azione centrale (clonidina, guanfacina, moxonidina, metildopa, rilmenidina): l’uso concomitante di farmaci antipertensivi ad azione centrale può provocare un peggioramento dell’insufficienza cardiaca a causa di una diminuzione del tono simpatico centrale (riduzione della frequenza e della portata cardiaca, vasodilatazione - vedere paragrafo 4.4). Un’interruzione improvvisa, in particolare se antecedente a quella del beta-bloccante, può accrescere il rischio di “ipertensione di rimbalzo”.

Combinazioni da usare con cautela

Antiaritmici di Classe III (amiodarone):  l’effetto sul tempo di conduzione atrio-ventricolare può essere potenziato.

Anestetici - alogenati volatili: l’uso concomitante di antagonisti beta-adrenergici e anestetici può attenuare la tachicardia riflessa e aumentare il rischio di ipotensione (vedere paragrafo 4.4). Come regola generale, evitare di interrompere improvvisamente il trattamento beta-bloccante. Quando il paziente assume Nebivololo Angenerico, l’anestesista deve essere informato.

Insulina e altri farmaci antidiabetici orali: sebbene nebivololo non alteri i livelli glicemici, l’uso concomitante può mascherare alcuni sintomi di ipoglicemia (palpitazioni, tachicardia).

Combinazioni da prendere in considerazione

Glicosidi della digitale: l’uso concomitante può aumentare il tempo di conduzione atrio-ventricolare.  Gli studi clinici con nebivololo non hanno mostrato alcuna evidenza clinica di interazione. Nebivololo non influenza la cinetica della digossina.

Calcio-antagonisti del tipo diidropiridinico (amlodipina, felodipina, lacidipina, nifedipina, nicardipina, nimodipina, nitrendipina): l’uso concomitante può  accrescere il rischio di ipotensione. Nei pazienti con insufficienza cardiaca non può essere inoltre escluso un aumento del rischio di un ulteriore deterioramento della funzione di pompa ventricolare.

Antipsicotici, antidepressivi (antidepressivi triciclici, barbiturici e fenotiazine): l’uso concomitante può accentuare l’effetto ipotensivo dei beta-bloccanti (effetto additivo).

Farmaci Antinfiammatori Non Steroidei(FANS): nessuna  influenza sull’effetto di riduzione pressoria di nebivololo.

Agenti simpaticomimetici: l’uso concomitante può contrastare gli effetti degli antagonisti beta-adrenergici. Gli agenti beta-adrenergici possono provocare un’incontrastata attività alfa-adrenergica degli agenti simpaticomimetici con effetti sia alfa- sia beta-adrenergici (rischio di ipertensione, bradicardia grave e blocco cardiaco).

Interazioni farmacocinetiche

Poiché il metabolismo di nebivololo coinvolge l’isoenzima CYP2D6, la somministrazione concomitante di sostanze che inibiscono questo enzima, in particolare paroxetina, fluoxetina, tioridazina e chinidina, può provocare un incremento dei livelli plasmatici di nebivololo associato a un aumento del rischio di bradicardia eccessiva e di eventi avversi.

La somministrazione concomitante con cimetidina aumenta i livelli plasmatici di nebivololo senza modificarne l’effetto clinico. La somministrazione concomitante di ranitidina non influenza le proprietà farmacocinetiche di nebivololo. A patto che Nebivololo Angenerico sia assunto con il pasto e un farmaco antiacido tra i pasti, i due trattamenti possono essere prescritti contemporaneamente.

L’associazione di nebivololo con nicardipina aumenta leggermente i livelli plasmatici di entrambi i farmaci senza modificarne l’effetto clinico. L’assunzione concomitante di alcool, furosemide o idroclorotiazide non ha effetto sulle proprietà farmacocinetiche di nebivololo. Nebivololo non influisce sulle proprietà farmacocinetiche e farmacodinamiche di warfarin.

nascondi

Effetti indesiderati

A causa delle differenze trale due malattie di base, gli effetti indesiderati vengono riportati separatamente per l’ipertensione e l’IC.

Ipertensione

Gli effetti indesiderati riportati vengono elencati nela seguente tabella, suddivisi in funzione della classe sistemica organica e ordinati in base alle frequenza.

CLASSE SISTEMICA ORGANICA Comuni (≥1/100, <1/10) Non comuni (≥1/1000, <1/100) Molto rari (≤1/10.000)
Patologie cardiache   bradicardia, insufficienza cardiaca, rallentamento della conduzione AV/blocco AV  
Patologie del sistema nervoso cefalea, capogiri, parestesia   sincope
Patologie dell’occhio   indebolimento della vista  
Patologie respiratorie, toraciche e mediastiniche dispnea broncospasmo  
Patologie gastrointestinali stipsi, nausea, diarrea dispepsia, flatulenza, vomito  
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo   prurito, rash eritematoso edema angioneurotico, aggravamento della psoriasi
Patologie vascolari   ipotensione, (aumento della) claudicatio intermmittens  
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione stanchezza, edema    
Patologie dell’apparato riproduttivo e della mammella   impotenza  

Inoltre, con alcuni antagonisti beta-adrenergici, sono stati riportati i seguenti effetti indesiderati: allucinazioni, psicosi, confusione, estremità fredde/cianotiche,  fenomeno di Raynaud, secchezza degli occhi e tossicità oculo-mucocutanea practololo-simile.

Insufficienza cardiaca cronica

I dati relativi agli effetti indesiderati sui pazienti affetti da IC derivano da uno studio clinico placebo-controllato su 1067 pazienti trattati con nebivololo e 1061 trattati con placebo. In questo studio un totale di 449 pazienti che ricevevano nebivololo (42,1%) ha riportato reazioni avverse di relazione causale almeno possibile, rispetto a 334 pazienti che ricevevano il placebo (31,5%). Gli effetti indesiderati più comunemente riportati nei pazienti con nebivololo sono stati bradicardia e capogiri, entrambi in circa l’11% dei pazienti. Le frequenze corrispondenti nel gruppo con placebo sono state rispettivamente pari al 2 e al 7%.

Le seguenti incidenze sono state riportate per reazioni avverse (di relazione causale con il farmaco almeno possibile) considerati specificamente rilevanti nel trattamento dell’insufficienza cardiaca cronica:

•  peggioramento dell’insufficienza cardiaca nel 5,8% dei pazienti trattati con nebivololo rispetto al 5,2% dei pazienti trattati con placebo.

•  ipotensione ortostatica nel 2,1% dei pazienti trattati con nebivololo rispetto all’1,0% dei pazienti trattati con placebo.

•  intolleranza al farmaco nell’1,6% dei pazienti trattati con nebivololo rispetto allo 0,8% dei pazienti trattati con placebo.

•  blocco atrio-ventricolare di I grado nell’1,4% dei pazienti trattati con nebivololo rispetto allo 0,9% dei pazienti trattati con placebo.

•  edema degli arti inferiori è stato riportato nell’1,0% dei pazienti trattati con nebivololo rispetto allo 0,2% dei pazienti trattati con placebo.

nascondi

Gravidanza e allattamento

Uso in gravidanza

Gli effetti farmacologici di nebivololo possono provocare effetti nocivi sulla gravidanza e/o sul feto/neonato. In generale i beta-bloccanti riducono la perfusione placentare, un effetto che è stato associato a ritardo nella crescita, morte intrauterina, aborto e parto anticipato. Inoltre nel feto e nel neonato si possono manifestare effetti avversi (per esempio ipoglicemia e bradicardia). Se è necessario il trattamento con betabloccanti, è preferibile usare bloccanti beta1-selettivi.

Nebivololo non deve essere usato durante la gravidanza, a meno che non sia chiaramente necessario. Se il trattamento con nebivololo è considerato necessario si deve monitorare il flusso sanguigno utero placentare e la crescita del feto. Nel caso di effetti nocivi sulla gravidanza o sul feto, deve essere considerato un trattamento alternativo. Il neonato deve essere sottoposto ad attenta osservazione. I sintomi di ipoglicemia e di tachicardia si manifestano in genere entro i primi 3 giorni.

Uso durante l’allattamento

Studi sugli animali hanno dimostrato che nebivololo viene escreto nel latte materno.

Non è noto se nebivololo venga escreto anche nel latte materno umano. La maggior parte dei beta-bloccanti, in particolare i composti lipofilici come nebivololo e i suoi metaboliti attivi, passano nel latte materno, sebbene in quantità variabili. Per questa ragione durante la terapia con nebivololo l’allattamento al seno non è raccomandato.

nascondi

Conservazione

La conservazione di questo prodotto medicinale non richiede alcuna precauzione particolare.

nascondi

Malattie Collegate: 1

nascondi

Questo farmaco disponibile in altre 1 forme farmaceutiche:


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Farmadati

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
Ultima modifica: 19-09-2013
Promozioni:

Commenti