Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Salute e benessere > Risultato Ricerca Farmaci

ANTIPSORIASICI PER USO TOPICO

XAMIOL

GEL FL 30G

LEO PHARMA A/S

Descrizione prodotto

XAMIOL*GEL FL 30G

Principio attivo

CALCIPOTRIOLO MONOIDRATO/BETAMETASONE DIPROPIONATO

Forma farmaceutica

GEL

ATC livello 3

ANTIPSORIASICI PER USO TOPICO

Tipo prodotto

FARMACO ETICO

Prezzo al pubblico

25.26


Codice ATC livello 5:
D05AX52

Codice AIC:
38767024


Non contiene glutine
Non contiene lattosio
Uso veterinario o entrambi


nascondi

Indicazioni terapeutiche

Trattamento per via topica della psoriasi del cuoio capelluto negli adulti.

nascondi

Composizione

Un grammo di gel contiene: calcipotriolo 50 mcg (come monoidrato) e betametasone 0,5 mg (come dipropionato).

nascondi

Eccipienti

Paraffina liquida

Poliossipropilene–15–stearil–etere

Olio di ricino idrogenato

Idrossitoluene butilato (E321)

All–rac–α–tocoferolo

nascondi

Controindicazioni

Ipersensibilità ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Il medicinale è controindicato nella psoriasi eritrodermica, esfoliativa e pustolosa.

Per la presenza di calcipotriolo, il farmaco è controindicato in pazienti con pregressi disturbi del metabolismo del calcio.

Per la presenza di un corticosteroide, il prodotto è controindicato nelle seguenti condizioni: lesioni cutanee causate da virus (ad esempio, herpes o varicella), infezioni cutanee di tipo micotico o batterico, infezioni da parassiti, manifestazioni cutanee dovute a tubercolosi o a sifilide, dermatite periorale, atrofia cutanea, strie atrofiche, fragilità capillare, ittiosi, acne volgare, acne rosacea, ulcere, ferite, prurito perianale e genitale.

nascondi

Posologia

Il gel deve essere applicato sulle aree interessate una volta al giorno. Il periodo di trattamento raccomandato è di 4 settimane. Se è necessario continuare o riprendere il trattamento dopo questo periodo di tempo, il trattamento deve essere continuato dopo riesame medico e sotto regolare supervisione medica.

Quando si usano farmaci contenenti calcipotriolo, la dose massima giornaliera non deve superare i 15 g. L’area trattata con farmaci contenenti calcipotriolo non deve superare il 30% della superficie corporea.

Tutte le zone del cuoio capelluto affette da psoriasi possono essere trattate con il prodotto. In genere un quantitativo da 1 g a 4 g al giorno, è sufficiente per il trattamento del cuoio capelluto (4 g corrispondono a un cucchiaino da tè).

Popolazioni speciali

Insufficienza renale ed epatica:

la sicurezza e l’efficacia del medicinale in pazienti con grave insufficienza renale o gravi disturbi epatici non è stata valutata.

Popolazione pediatrica:

la sicurezza e l’efficacia del gel in bambini al di sotto dei 18 anni di età non è stata valutata. Non sono disponibili dati.

Metodo di applicazione:

il flacone deve essere agitato prima dell’utilizzo e il farmaco deve essere applicato sulle aree affette. Il prodotto non deve essere applicato direttamente sul viso o sugli occhi. Le mani devono essere lavate accuratamente dopo l’uso. Per ottenere un effetto ottimale, non è raccomandabile lavarsi i capelli subito dopo l’applicazione del gel. Xamiol gel deve rimanere applicato sul cuoio capelluto durante la notte o durante il giorno.

nascondi

Avvertenze e precauzioni

Effetti sul sistema endocrino:

il medicinale contiene un potente steroide di classe III pertanto deve essere evitato il trattamento concomitante con altri steroidi sul cuoio capelluto. Le reazioni avverse osservate in seguito ad un trattamento sistemico con corticosteroidi, come la soppressione corticosurrenale o l’interferenza con il controllo metabolico del diabete mellito, possono verificarsi anche durante il trattamento topico con corticosteroidi, a causa del loro assorbimento sistemico.

Deve essere evitata l’applicazione del prodotto con bendaggi occlusivi, poichè questi aumentano l’assorbimento sistemico dei corticosteroidi. Deve essere evitata l’applicazione su vaste aree di cute danneggiata o su mucose o in pieghe cutanee, dato che questo aumenta l’assorbimento del corticosteroide.

In uno studio condotto su pazienti affetti da psoriasi su aree estese sia del cuoio capelluto che del corpo, a seguito dell’uso di alte dosi del farmaco (sul cuoio capelluto) in combinazione con alte dosi di Dovobet unguento (sul corpo), 5 pazienti su 32 hanno manifestato una diminuzione al limite della normalità del cortisolo in risposta alla stimolazione dell’ormone adrenocorticotropico (ACTH) dopo 4 settimane di trattamento.

Effetti sul metabolismo del calcio:

data la presenza del calcipotriolo, se si supera la dose massima giornaliera (15 g) può verificarsi ipercalcemia. I livelli sierici di calcio, tuttavia, si normalizzano rapidamente con la sospensione del trattamento.

Il rischio di ipercalcemia è minimo quando si rispettano le raccomandazioni relative all’uso del calcipotriolo.

Deve essere evitato il trattamento di oltre il 30% della superficie corporea.

Reazioni avverse locali:

la cute del viso e dei genitali è molto sensibile ai corticosteroidi. I farmaci non devono essere applicati su queste aree. Si sono verificate reazioni avverse locali non comuni (come ad esempio irritazione degli occhi o della cute del viso), quando il medicinale è entrato accidentalmente in contatto con le aree cutanee del viso, degli occhi o delle congiuntive. Il paziente deve essere istruito sul corretto uso del farmaco in modo da evitare l’applicazione o il contatto accidentale con il viso, la bocca e gli occhi. È necessario lavarsi le mani dopo ogni applicazione per evitare il contatto accidentale con tali aree.

Infezioni cutanee concomitanti:

nel caso in cui le lesioni cutanee vadano incontro a sovrainfezione devono essere trattate con terapia antibatterica. Tuttavia, se l’infezione peggiora, il trattamento con corticosteroidi deve essere interrotto.

Interruzione del trattamento:

quando il trattamento della psoriasi con la terapia a base di corticosteroidi viene interrotto, vi è il rischio che si manifestino psoriasi pustolosa generalizzata e un effetto rebound. Occorre pertanto continuare il controllo medico nel periodo post trattamento.

Uso prolungato:

con l’uso prolungato, vi è un aumentato rischio di reazioni avverse sia locali che sistemiche. Il trattamento deve essere interrotto nel caso in cui si manifestino reazioni avverse correlate all’utilizzo a lungo termine del corticosteroide.

Usi non studiati:

non vi sono esperienze sull’uso del medicinale nella psoriasi guttata.

Trattamenti concomitanti ed esposizione UV:

dovobet unguento per le lesioni psoriasiche del corpo, è stato utilizzato in associazione al farmaco per le lesioni psoriasiche del cuoio capelluto, ma non vi è alcuna esperienza clinica sull’uso combinato del prodotto con altri farmaci antipsoriasici di tipo sistemico nè con la fototerapia.

Durante il trattamento con il medicinale il medico deve consigliare al paziente di limitare o evitare l’eccessiva esposizione alla luce solare, sia naturale che artificiale.

Il calcipotriolo per via topica deve essere somministrato in concomitanza con l’esposizione a radiazioni UV solo se medico e paziente ritengono che i potenziali benefici siano superiori ai potenziali rischi.

Reazioni avverse agli eccipienti:

il farmaco contiene idrossitoluene butilato (E321) che può causare reazioni cutanee locali (come dermatite da contatto), irritazione degli occhi e delle membrane mucose.

nascondi

Interazioni

Non sono stati condotti studi di interazione.

nascondi

Effetti indesiderati

Gli studi clinici condotti col farmaco hanno finora coinvolto più di 4400 pazienti, di cui più di 1900 sono stati trattati con il medicinale. Circa l’8% dei pazienti trattati ha riportato effetti indesiderati non gravi. Queste reazioni sono generalmente lievi e sono principalmente riferite a differenti tipi di reazioni cutanee, di cui il prurito è la più comune.

Sulla base dei dati ottenuti dagli studi clinici e dall’uso post–marketing, vengono riportati i seguenti effetti indesiderati del prodotto.

Le reazioni avverse sono elencate secondo la classificazione MedDRA ed i singoli eventi sono elencati a partire dai più frequenti. All’interno di ogni gruppo di frequenza, gli effetti sono elencati in ordine decrescente di gravità.

La seguente terminologia è stata utilizzata per classificare la frequenza degli effetti indesiderati:

molto comune: ≥1/10;

comune: ≥1/100 e <1/10;

non comune: ≥1/1000 e <1/100;

raro: ≥1/10.000 e < 1/1000;

molto raro: <1/10.000;

frequenza non nota (impossibile eseguire una stima con i dati disponibili).

Patologie dell’occhio
Non comune Irritazione oculare
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo
Comune Prurito
Non comune
Esacerbazione della psoriasi
Sensazione di bruciore della cute
Dolore cutaneo o irritazione
Follicolite
Dermatite
Eritema
Acne
Cute secca
Rash
Rash pustoloso

I seguenti effetti indesiderati sono considerati relativi rispettivamente alle classi farmacologiche di calcipotriolo e betametasone.

Calcipotriolo:

gli effetti indesiderati comprendono reazioni nel sito di applicazione, prurito, irritazione cutanea, sensazione di bruciore o di puntura, secchezza cutanea, eritema, eruzione cutanea, dermatite, eczema, aggravamento della psoriasi, fotosensibilità e reazioni di ipersensibilità, inclusi casi molto rari di angioedema ed edema facciale.

Effetti sistemici quali ipercalcemia ed ipercalciuria, possono comparire molto di rado in seguito all’applicazione topica.

Betametasone (come dipropionato):

le reazioni locali che possono verificarsi dopo l’applicazione topica, specie se prolungata, comprendono atrofia cutanea, telangiectasia, strie, follicolite, ipertricosi, dermatite periorale, dermatite allergica da contatto, depigmentazione cutanea, milio colloidale. Durante il trattamento della psoriasi vi è il rischio che insorga una psoriasi pustolosa generalizzata.

Le reazioni sistemiche dovute all’uso topico di corticosteroidi negli adulti sono rari, tuttavia essi possono essere gravi. Possono verificarsi soppressione corticosurrenalica, cataratta, infezioni, impatto sul controllo metabolico del diabete ed aumento della pressione intraoculare, in particolare dopo trattamento prolungato. Gli effetti collaterali di tipo sistemico sono più frequenti se l’applicazione viene praticata in condizioni occlusive (bendaggio occlusivo, pieghe cutanee), se viene fatta su aree cutanee estese e nel caso di trattamenti prolungati.

nascondi

Gravidanza e allattamento

Gravidanza

Non vi sono dati adeguati riguardanti l’uso del calcipotriolo e del betametasone in donne in gravidanza. Gli studi su animali hanno evidenziato una tossicità riproduttiva (vedere paragrafo 5.3), tuttavia studi epidemiologici non hanno evidenziato anomalie congenite in neonati nati da madri trattate con corticosteroidi durante la gravidanza. Il rischio potenziale per il genere umano non è noto. Pertanto, durante la gravidanza Xamiol gel deve essere utilizzato solo quando il possibile beneficio giustifichi il potenziale rischio.

Allattamento

Il betametasone viene escreto nel latte materno, ma alle dosi terapeutiche si ritiene che il rischio di insorgenza di effetti indesiderati nel lattante sia improbabile. Non vi sono dati circa l’escrezione del calcipotriolo nel latte materno. Il medico deve usare cautela nel prescrivereXamiol gel alle donne durante il periodo di allattamento al seno.

Fertilità

Studi su ratti, con dosi orali di calcipotriolo o betametasone dipropionato dimostrano che non vi sono effetti sulla fertilità maschile e femminile.

nascondi

Conservazione

Non tenere in frigorifero. Conservare il flacone nell’astuccio per proteggerlo dalla luce.

nascondi

Malattie Collegate: 1

nascondi

Questo farmaco disponibile in altre 1 forme farmaceutiche:


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Farmadati

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
Ultima modifica: 19-09-2013
Promozioni:

Commenti