Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Salute e benessere > Risultato Ricerca Farmaci

ANTIBIOTICI CITOTOSSICI E SOSTANZE CORRELATE

EPIRUBICINA AHCL

FL100ML 2MG/M

ACCORD HEALTHCARE ITALIA Srl

Descrizione prodotto

EPIRUBICINA AHCL*FL100ML 2MG/M

Principio attivo

EPIRUBICINA CLORIDRATO

Forma farmaceutica

PREPARAZIONE INIETTABILE

ATC livello 3

ANTIBIOTICI CITOTOSSICI E SOSTANZE CORRELATE

Tipo prodotto

FARMACO GENERICO

Prezzo al pubblico

330.96


Codice ATC livello 5:
L01DB03

Codice AIC:
39244049


Non contiene glutine
Non contiene lattosio
Uso veterinario o entrambi


nascondi

Indicazioni terapeutiche

L’epirubicina è usata nel trattamento di una gamma di malattie neoplastiche, tra cui:

•  Carcinoma della mammella

•  Tumore gastrico

Quando è somministrata per via endovescicale, l’epirubicina ha dimostrato di essere vantaggiosa nel trattamento

•  Del carcinoma della vescica a cellule papillari transizionali

•  Del carcinoma in-situ della vescica

•  Della profilassi delle recidive del carcinoma superficiale della vescica dopo intervento di resezione transuretrale

nascondi

Composizione

Ciascun ml contiene 2 mg di epirubicina cloridrato.

Ciascun flaconcino da 5/10/25/100 ml contiene 10/20/50/200 mg di epirubicina cloridrato.

Eccipiente: contiene sodio 3,54 mg/ml (0,154 mmol).

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1

nascondi

Eccipienti

Sodio cloruro

Acido cloridrico (per la regolazione del pH)

Acqua per preparazioni iniettabili

nascondi

Controindicazioni

L’epirubicina è controindicata in:

•  Pazienti che hanno mostrato ipersensibilità al principio attivo o a uno qualsiasi degli eccipienti.

•  Pazienti con marcata mielodepressione indotta da precedenti trattamenti con altri farmaci antineoplastici o radioterapia nell’area pericardiaca mediastinica e/o che ricevono il trattamento medico con farmaci potenzialmente cardiotossici (vedere paragrafo 4.5).

•  Pazienti trattati con dosi cumulative massime di altre antracicline come doxorubicina o daunorubicina.

•  Pazienti con compromissione cardiaca e infarto miocardico in atto o pregressi.

•  Infezioni sistemiche acute.

•  Insufficienza epatica grave.

•  Grave mucosite del cavo orale, della faringe, dell’esofago e del tratto gastrointestinale.

•  Allattamento al seno.

L’epirubicina è controindicata per la somministrazione endovescicale in caso di:

•  Infezioni delle vie urinarie.

•  Tumori invasivi che penetrano nella vescica.

•  Problemi di cateterizzazione.

•  Infiammazione della vescica.

•  Grande volume di urina residua.

•  Contrazione della vescica.

L’epirubicina può avere effetti genotossici. Di conseguenza si consiglia ai pazienti di sesso maschile trattati con epirubicina di non concepire figli durante e fino a 6 mesi dopo il trattamento e di richiedere consigli sulla conservazione dello sperma prima della terapia a causa della possibilità di sterilità causata dalla terapia con epirubicina. Le pazienti non devono iniziare una gravidanza durante il trattamento con epirubicina. Sia i maschi sia le femmine devono usare un metodo anticoncezionale efficace durante il trattamento e per 6 mesi successivamente.

Prima di iniziare il trattamento con epirubicina i pazienti devono essersi ripresi adeguatamente da stomatite o mucosite grave.

nascondi

Posologia

L’epirubicina è solo per uso endovenoso o endovescicale.

La sicurezza e l’efficacia dell’epirubicina nei bambini non è stata stabilita.

Somministrazione endovenosa

Si consiglia di somministrare l’epirubicina attraverso il deflussore di un’infusione endovenosa continua di soluzione fisiologica dopo aver controllato che l’ago sia correttamente inserito in vena. È necessario prestare attenzione per evitare lo stravaso (vedere paragrafo 4.4). In caso di stravaso, la somministrazione deve essere interrotta immediatamente.

Dose convenzionale

Quando l’epirubicina è utilizzata in monoterapia, la dose consigliata negli adulti è 60-90 mg/m² di superficie corporea. L’epirubicina deve essere iniettata per via endovenosa per 3-5 minuti. La dose deve essere ripetuta a intervalli di 21 giorni, a seconda dello stato ematomidollare del paziente.

Se sono presenti segni di tossicità, incluse neutropenia /febbre neutropenica e trombocitopenia severe (che potrebbero persistere al giorno 21), può essere necessaria la modifica della dose o il rinvio della dose successiva.

Dose elevata

L’epirubicina in monoterapia per il trattamento a dosi elevate del carcinoma polmonare deve essere somministrata secondo i seguenti regimi:

•  Carcinoma polmonare a piccole cellule (non trattato precedentemente): 120 mg/m² giorno 1, ogni 3 settimane.

Per il trattamento a dosi elevate, epirubicina può essere somministrato in bolo endovenoso per 3-5 minuti o infusione di durata massima di 30 minuti.

Carcinoma della mammella

Nel trattamento in adiuvante delle pazienti con carcinoma della mammella iniziale con linfonodi positivi, sono consigliate dosi di epirubicina da 100 mg/m² (come singola dose il giorno 1) a 120 mg/m² (in due dosi divise i giorni 1 e 8) ogni 3-4 settimane, in associazione con ciclofosfamide e 5-fluorouracile per via endovenosa e tamoxifene orale (secondo le linee guida locali).

Dosi inferiori (60-75 mg/m² per il trattamento convenzionale e 105-120 mg/m² per il trattamento a dosi alte) sono consigliate per pazienti la cui funzione midollare è stata compromessa da chemioterapia o radioterapia precedente, dall’età o dall’infiltrazione midollare neoplastica. La dose totale per ciclo può essere divisa nel corso di 2-3 giorni successivi.

Le seguenti dosi di epirubicina sono in genere usate in monoterapia e in chemioterapia di associazione per vari tumori, nel modo indicato:

  Dose di epirubicina (mg/m²)a
Indicazione di tumore Monoterapia Terapia in associazione
Carcinoma ovarico 60-90 50-100
Carcinoma gastrico 60-90 50
Carcinoma polmonare a piccole cellule (SCLC) 120 120
Carcinoma vescicale 50 mg/50 ml o 80 mg/50 ml (carcinoma in-situ)  
Profilassi:
50 mg/50 ml alla settimana per 4 settimane, poi mensilmente per 11 mesi

a Dosi in genere somministrate al giorno 1 o giorno 1, 2 e 3 a intervalli di 21 giorni

Terapia in associazione

Se l’epirubicina è usata in associazione con altri prodotti citotossici, la dose deve essere opportunamente ridotta. Le dosi comunemente usate sono indicate nella tabella sopra. Nello stabilire le dosi cumulative massime di epirubicina (in genere: 720-1000 mg/m²), è necessario prendere in considerazione qualsiasi terapia concomitante con farmaci potenzialmente cardiotossici.

Compromissione della funzione epatica

La principale via di eliminazione dell’epirubicina è il sistema epatobiliare. Nei pazienti con compromissione della funzione epatica, la dose deve essere ridotta in funzione dei livelli di bilirubina nel siero, nel modo seguente:

Bilirubina sierica AST* Riduzione della dose
1.4 - 3 mg/100 ml   50%
>3 mg/100 ml >4 volte il limite superiore normale 75%

* AST - aspartato aminotransferasi

Funzionalità renale ridotta

Non sembra che un moderato danno renale richieda una riduzione della dose, data la quantità limitata di epirubicina escreta attraverso questa via. Nei pazienti con insufficienza renale grave (creatinina nel siero >450 mcmol/l) devono essere considerate dosi iniziali inferiori.

Somministrazione endovescicale

L’epirubicina può essere somministrata mediante somministrazione endovescicale nel trattamento del carcinoma superficiale della vescica e del carcinoma in-situ. Non deve essere somministrata per via endovescicale nel trattamento dei tumori invasivi che hanno penetrato la parete della vescica; in questi casi è più appropriata la terapia sistemica o la chirurgia (vedere paragrafo 4.3). L’epirubicina è stata inoltre utilizzata con successo come agente profilattico per via endovescicale dopo la resezione transuretrale dei tumori superficiali per impedirne la recidiva.

Per il trattamento del carcinoma superficiale della vescica si consiglia il seguente regime, utilizzando la tabella di diluizione sotto:

•  8 instillazioni settimanali di 50 mg/50 ml (diluite in soluzione fisiologica o acqua distillata sterile).

Se si osserva tossicità locale: si consiglia di ridurre la dose a 30 mg/50 ml.

Carcinoma in-situ: fino a 80 mg/50 ml (a seconda della tollerabilità individuale del paziente).

Profilassi: 4 somministrazioni settimanali di 50 mg/50 ml seguite da 11 instillazioni mensili con la stessa dose.

TABELLA DELLA DILUIZIONE DELLE SOLUZIONI PER L’INSTILLAZIONE VESCICALE

Dose richiesta di epirubicina Volume dell’iniezione di epirubicina cloridrato 2 mg/ml Volume dell’acqua iniettabile sterile diluente o della soluzione fisiologica allo 0,9% Volume totale per l’instillazione vescicale
30 mg 15 ml 35 ml 50 ml
50 mg 25 ml 25 ml 50 ml
80 mg 40 ml 10 ml 50 ml

La soluzione deve essere trattenuta nella vescica per 1-2 ore. Per evitare la diluizione indebita con l’urina, il paziente deve essere istruito ad evitare di bere qualsiasi liquido nelle 12 ore prima dell’instillazione. Nel corso dell’instillazione, il paziente deve essere ruotato ogni tanto e al termine del periodo di instillazione deve essere invitato a vuotare la vescica.

nascondi

Avvertenze e precauzioni

L’epirubicina deve essere somministrata sotto la supervisione di un medico esperto qualificato nell’impiego di farmaci chemioterapici. Per la gestione della terapia e delle possibili complicanze dovute alla mielodepressione devono essere prontamente disponibili servizi diagnostici e terapeutici, particolarmente dopo il trattamento con dosi alte di epirubicina.

L’epirubicina può avere effetti genotossici. Di conseguenza si consiglia ai pazienti di sesso maschile trattati con epirubicina di non concepire figli durante e fino a 6 mesi dopo il trattamento e di richiedere consigli sulla conservazione dello sperma prima della terapia a causa della possibilità di sterilità causata dalla terapia con epirubicina.

Le pazienti non devono iniziare una gravidanza durante il trattamento con epirubicina. Sia i maschi che le femmine devono usare un metodo anticoncezionale efficace durante il trattamento e per 6 mesi successivamente.

Lo stravaso di epirubicina dalla vena durante l’iniezione può causare gravi lesioni e necrosi del tessuto. L’iniezione nei piccoli vasi o iniezioni ripetute nella stessa vena possono causare sclerosi venosa.

Un attento monitoraggio basale dei vari parametri di laboratorio e della funzione cardiaca deve precedere il trattamento iniziale con epirubicina

Durante il trattamento con epirubicina, le conte di globuli rossi, globuli bianchi, neutrofili e piastrine devono essere attentamente monitorate sia prima sia durante ciascun ciclo di terapia. La leucopenia e la neutropenia sono in genere transitorie con gli schemi posologici convenzionali e ad alte dosi, e raggiungono un minimo tra il 10º e il 14º giorno; i valori dovrebbero ritornare al normale entro il 21º giorno. La leucopenia e la neutropenia sono più severe con gli schemi posologici a dosi elevate.

La trombocitopenia (<100.000 piastrine/mm³) insorge in pochissimi pazienti, anche dopo dosi elevate di epirubicina.

Prima di iniziare il trattamento con epirubicina i pazienti devono essersi ripresi adeguatamente da stomatite o mucosite grave.

Nello stabilire la dose cumulativa massima di epirubicina, è necessario considerare qualsiasi terapia concomitante con farmaci potenzialmente cardiotossici. Una dose cumulativa di 900-1000 mg/m² deve essere superata soltanto con estrema cautela con dosi di epirubicina sia convenzionali che alte. Al di sopra di questo livello, aumenta considerevolmente il rischio di insufficienza cardiaca congestizia irreversibile. Si consiglia di effettuare l’elettrocardiogramma (ECG) prima e dopo ciascun ciclo di terapia. La comparsa di alterazioni del tracciato dell’elettrocardiogramma, come appiattimento o inversione dell’onda T, depressione del segmento S-T, o l’insorgenza di aritmie, in genere transitorie e reversibili, non devono essere necessariamente considerate come indicazioni per sospendere il trattamento. Con dosi cumulative di <900 mg/m², è evidente che la tossicità cardiaca si verifica raramente. La funzione cardiaca deve essere tuttavia attentamente monitorata durante la terapia per minimizzare il rischio di insufficienza cardiaca del tipo descritto per le altre antracicline.

La cardiomiopatia indotta da antracicline è associata a una persistente riduzione del voltaggio del complesso QRS, al prolungamento oltre i limiti della norma dell’intervallo sistolico (PEP/LVET) e alla riduzione della frazione di eiezione. Il monitoraggio cardiaco del paziente in trattamento con epirubicina è molto importante ed è opportuno valutare la funzione cardiaca con tecniche non invasive, quali elettrocardiogramma, ecocardiografica e, se necessario, la misura della frazione di eiezione con angiografia con radionuclide.

L’insufficienza cardiaca può insorgere diverse settimane dopo la sospensione della terapia con epirubicina e può non rispondere alla terapia medica specifica. Il rischio potenziale di cardiotossicità può aumentare nei pazienti che hanno ricevuto la radioterapia concomitante o precedente nell’area pericardiaca mediastinica e/o che ricevono il trattamento con farmaci potenzialmente cardiotossici (vedere paragrafo 4.5).

Prima di iniziare la terapia con epirubicina, e se possibile durante il trattamento, deve essere controllata la funzione epatica (SGOT, SGT, fosfatasi alcalina, bilirubina) (vedere paragrafo 4.2). Nei pazienti con funzione renale ridotta devono essere controllati regolarmente i livelli di creatinina nel siero prima e durante il trattamento. Nei pazienti con aumento dei valori sierici di creatinina (>450 mcmol/l) deve essere considerata la riduzione della dose (vedere paragrafo 4.2).

Come con altri farmaci citotossici, l’epirubicina può indurre iperuricemia secondaria a rapida lisi delle cellule neoplastiche. Deve essere quindi controllata l’uricemia per poter riconoscere e gestire correttamente questo fenomeno.

L’epirubicina può impartire un colore rosso alle urine per uno o due giorni dopo la somministrazione.

nascondi

Interazioni

L’epirubicina può essere usata in associazione con altri farmaci antitumorali, ma i pazienti devono essere monitorati per la tossicità additiva, particolarmente mielotossicità e tossicità gastrointestinale. L’uso concomitante di altri farmaci che possono essere cardiotossici o possono influire sulla funzione cardiaca deve essere monitorato durante tutto il trattamento. Il paclitaxel ha dimostrato di aumentare le concentrazioni plasmatiche di epirubicina quando viene somministrato prima di epirubicina. Quando il paclitaxel è stato somministrato dopo l’epirubicina, non sono stati osservati cambiamenti rilevabili nelle concentrazioni plasmatiche di epirubicina. Con l’uso concomitante, si consiglia quindi quest’ultimo schema di somministrazione.

Interazioni farmacologiche con epirubina sono state osservate con cimetidina, dexverapamil, dexrazoxano, docetaxel, interferone α2b, paclitaxel e chinino.

Il dexverapamil può modificare la farmacocinetica di epirubicina e possibilmente aumentarne gli effetti depressivi sul midollo osseo.

La somministrazione precedente di dosi elevate (900 mg/m² e 1200 mg/m²) di dexrazoxano può aumentare la clearance sistemica dell’epirubicina e produrre una riduzione dell’AUC.

Uno studio ha trovato che, quando viene somministrato immediatamente dopo l’epirubicina, il docetaxel può aumentare le concentrazioni plasmatiche dei metaboliti dell’epirubicina.

La somministrazione concomitante di interferone α2-b può causare una riduzione sia dell’emivita terminale che della clearance totale di epirubicina.

Il paclitaxel potrebbe influire sulla farmacocinetica di epirubicina e del suo metabolita epirubicinolo. In uno studio, la tossicità ematologica è risultata superiore quando il paclitaxel è stato somministrato prima dell’epirubicina invece che dopo l’epirubicina. Uno studio ha dimostrato che la clearance del paclitaxel è ridotta dall’epirubicina.

La chinina potrebbe accelerare la distribuzione iniziale di epirubicina dal sangue nei tessuti e potrebbe influire sulla ripartizione dell’epirubicina nei globuli rossi.

La cimetidina 400 mg due volte al giorno, somministrata prima dell’epirubicina 100 mg/m² ogni 3 settimane, ha dato luogo a un aumento del 50% dell’ACU dell’epirubicina e un aumento del 41% dell’AUC dell’epirubicinolo (quest’ultima p<0,05). L’AUC del 7-desossi-doxorubicinolo aglicone e il flusso ematico epatico non sono stati ridotti, e di conseguenza i risultati non sono imputabili alla ridotta attività del citocromo P-450. L’epirubicina usata in associazione con altri farmaci citotossici può produrre mielotossicità additiva.

La possibilità di un marcato disturbo della ematopoiesi deve essere considerata con un (pre-) trattamento con farmaci che influiscono sul midollo osseo (come farmaci citostatici, sulfamidici, cloramfenicolo, difenilidantoina, derivati amidopirinici, farmaci antiretrovirali).

Il rischio potenziale di cardiotossicità può aumentare nei pazienti che hanno ricevuto farmaci cardiotossici concomitanti (ad es. 5-fluorouracile, ciclofosfamide, cisplatino, taxani) o radioterapia concomitante (o precedente) nella zona mediastinica.

Quando l’epirubicina viene utilizzata contemporaneamente ad altri farmaci che possono causare insufficienza cardiaca, come i bloccanti dei canali del calcio, la funzione cardiaca deve essere monitorata per tutta la durata del trattamento.

L’epirubicina viene metabolizzata principalmente nel fegato; ciascun farmaco concomitante che influisce sulla funzione epatica può anche influire sul metabolismo o sulla farmacocinetica dell’epirubicina e quindi sulla sua efficacia e/o tossicità.

In genere questo farmaco è sconsigliato in associazione con vaccini vivi attenuati.

nascondi

Effetti indesiderati

Frequenza stimata: molto comune (≥1/10); comune (≥1/100, <1/10); non comune (≥1/1000, <1/100); raro (≥1/10.000, <1/1000); molto raro (<1/10.000) non nota (la frequenza non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

Esami diagnostici

Raro: aumento dei livelli delle transaminasi.

Patologie cardiache

Raro: cardiotossicità (cambiamenti dell’elettrocardiogramma (ECG), tachicardia, aritmia, cardiomiopatia, insufficienza cardiaca congestizia (dispnea, edema, fegato ingrossato, ascite, edema polmonare, effusione pleurica, ritmo di galoppo), tachicardia ventricolare, bradicardia, blocco atrioventricolare (AV), blocco di branca) (vedere paragrafo 4.4).

Patologie del sistema emolinfopoietico

Frequenza non nota: possono insorgere mielodepressione (leucopenia, granulocitopenia, neutropenia, neutropenia febbrile, trombocitopenia, anemia), emorragia e ipossia tissutale (in conseguenza di mielodepressione).

Alte dosi di epirubicina sono state somministrate senza problemi a un numero elevato di pazienti non trattati affetti da tumori solidi di varia natura e hanno causato eventi avversi che non differiscono da quelli osservati alle dosi convenzionali, fatta eccezione per neutropenia grave reversibile (<500 neutrofili/mm³ per <7 giorni) che è insorta nella maggior parte dei pazienti. Soltanto per alcuni pazienti è stata necessaria l’ospedalizzazione e la terapia di supporto per le complicanze infettive severe a dosi elevate.

Molto comune: l’alopecia, normalmente reversibile, si verifica nel 60-90% dei casi trattati; è accompagnata dall’assenza della crescita della barba nei maschi.

Comune: vampate di calore.

Non comune: iperpigmentazione cutanea e delle unghie. Arrossamento della pelle.

Raro: orticaria.

Disturbi del metabolismo e della nutrizione

Raro: iperuricemia (quale conseguenza della lisi rapida delle cellule neoplastiche).

Infezioni ed infestazioni

Frequenza non nota:febbre, infezioni, polmonite, sepsi e shock settico possono verificarsi in seguito a mielodepressione.

Traumatismo, avvelenamento e complicazioni da procedura

Comune: la cistite chimica, in alcuni casi emorragica, viene osservata dopo la somministrazione endovescicale.

Tumori benigni, maligni e non specificati (cisti e polipi compresi)

Raro: leucemia mieloide acuta secondaria con o senza una fase pre-leucemica in pazienti trattati con epirubina in associazione con farmaci antineoplastici che danneggiano il DNA. Queste leucemie hanno una breve latenza (1-3 anni).

Patologie vascolari

Non comune: tromboflebite.

Frequenza non nota:si sono verificati casi coincidenti di eventi tromboembolici inclusa l’embolia polmonare (in casi isolati con esito fatale).

Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione

Comune: la mucosite può insorgere 5-10 giorni dopo l’inizio del trattamento e comporta in genere stomatite con aree di erosioni dolenti, ulcerazione ed emorragie, per lo più lungo i lati della lingua e nella mucosa sublinguale.

Rossore lungo la vena di infusione. Flebite locale, flebosclerosi, dolore locale e necrosi tissutale possono verificarsi (a seguito di iniezione paravenosa accidentale).

Non comune: cefalea.

Raro: febbre, brividi, capogiri, iperpiressia, malessere, debolezza.

Disturbi del sistema immunitario

Comune: reazioni allergiche dopo la somministrazione endovescicale.

Non comune: fotosensibilizzazione o ipersensibilizzazione in casi di radioterapia (“fenomeno di recall da radiazione”).

Raro: anafilassi (anafilassi/reazioni anafilattoidi con o senza shock, comprendenti eruzione cutanea, prurito, febbre e brividi).

Patologie dell’apparato riproduttivo e della mammella

Raro: Amenorrea, azoospermia.

nascondi

Gravidanza e allattamento

Non sono attualmente disponibili dati conclusivi per dimostrare se l’epirubicina possa influire in modo sfavorevole sulla fertilità umana o causare teratogenesi. Tuttavia, i dati sperimentali suggeriscono che l’epirubicina può nuocere al feto. Come la maggior parte degli altri farmaci antitumorali, l’epirubicina ha dimostrato proprietà mutagene e cancerogene negli animali. Sia gli uomini sia le donne che ricevono epirubicina devono essere informati sul rischio potenziale di effetti avversi sulla riproduzione. Le donne in età fertile devono ricevere tutte le informazioni sul pericolo potenziale per il feto qualora iniziassero una gravidanza durante la terapia con epirubicina.

Nella chemioterapia antitumorale, l’epirubicina non deve essere utilizzata nelle donne in stato di gravidanza o nelle donne in età fertile che possono rimanere incinte, eccetto nei casi in cui i potenziali benefici per la madre siano superiori ai possibili rischi per il feto.

L’epirubicina non deve essere normalmente somministrata a pazienti che allattano al seno.

Non è noto se l’epirubicina venga escreta nel latte materno umano. Non è possibile escludere un rischio per il bambino allattato al seno. Durante il trattamento con epirubicina l’allattamento al seno deve essere interrotto.

nascondi

Conservazione

Conservare in frigorifero (2 °C - 8°C). Non congelare.

Conservare il flaconcino nel cartone esterno per tenerlo al riparo dalla luce.

Per la conservazione dopo la diluizione, vedere paragrafo 6.3.

nascondi

Malattie Collegate: 1

nascondi

Questo farmaco disponibile in altre 3 forme farmaceutiche:


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Farmadati

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
Ultima modifica: 19-09-2013
Promozioni:

Commenti