Le parole pi cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Sanihelp.it > Salute e benessere > Risultato Ricerca Farmaci

ALTRI ANTIBATTERICI BETA-LATTAMICI

CEFIXIMA DOC

5CPR RIV 400MG

DOC GENERICI Srl

Descrizione prodotto

CEFIXIMA DOC*5CPR RIV 400MG

Principio attivo

CEFIXIMA TRIIDRATA

Forma farmaceutica

COMPRESSE RIVESTITE

ATC livello 3

ALTRI ANTIBATTERICI BETA-LATTAMICI

Tipo prodotto

FARMACO GENERICO

Prezzo al pubblico

10.07


Codice ATC livello 5:
J01DD08

Codice AIC:
42117010


Non contiene glutine
Non contiene lattosio
Uso veterinario o entrambi


nascondi

Indicazioni terapeutiche

CEFIXIMA DOC Generici è indicata nel trattamento delle seguenti infezioni quando sostenute da microrganismi sensibili (vedere paragrafi 4.4. e 5.1):

– esacerbazioni acute della bronchite cronica,

– polmoniti acquisite in comunità,

– infezioni delle basse vie urinarie,

– pielonefriti non complicate,

– uretriti gonococciche non complicate, cerviciti o proctiti.

CEFIXIMA DOC Generici può essere utilizzata anche per la cura di:

– otiti medie,

– sinusiti,

– faringiti,

quando l’agente patogeno è noto o si sospetti essere resistente agli altri agenti antibatterici di uso comune o l’insuccesso del trattamento con altri agenti antibatterici di uso comune può causare un rischio significativo.

Va tenuta in considerazione la linea guida ufficiale sull’uso appropriato degli agenti antibatterici.

nascondi

Composizione

Ogni compressa rivestita con film contiene 400 mg di cefixima (equivalente a 447,68 mg di cefixima in forma triidrata).

Per l’elenco completo degli eccipienti, vedere paragrafo 6.1.

nascondi

Eccipienti

Nucleo della compressa:

Calcio idrogeno fosfato, anidro

Amido pregelatinizzato

Idrossipropilcellulosa

Cellulosa microcristallina

Magnesio stearato

Rivestimento della compressa:

Polivinil alcol parzialmente idrolizzato

Titanio diossido

Talco

Lecitina di soia

Gomma xantano

nascondi

Controindicazioni

Ipersensibilità alla cefixima, alla soia, ad altre cefalosporine o ad uno qualsiasi degli eccipienti di CEFIXIMA DOC Generici.

Precedente, immediata e/o grave reazione di ipersensibilità alle penicilline o ad altri antibiotici beta–lattamici.

nascondi

Posologia

Per uso orale.

Modo di somministrazione:

l’assorbimento di cefixima non è modificato significativamente dalla presenza di cibo. CEFIXIMA DOC Generici può essere assunta con acqua prima, durante o dopo il pasto.

Posologia:

Adulti e adolescenti sopra i 12 anni:

La posologia raccomandata negli adulti è 400 mg al giorno, assunti in dose singola o in due dosi da 200 mg (vedere paragrafi 4.4 e 5.1).

La durata abituale del trattamento è di 7 giorni. Può essere prolungato fino a 14 giorni se necessario.

Per il trattamento di uretriti gonococciche non complicate, cerviciti o proctiti si raccomanda l’uso di una singola dose da 400 mg.

Bambini sotto i 12 anni o di peso inferiore a 50 kg:

Le compresse rivestite con film da 400 mg possono non essere la formulazione appropriata per la terapia di pazienti pediatrici di peso inferiore a 50 kg, è consigliabile l’impiego di altre formulazioni di cefixima.

La sicurezza e l’efficacia di CEFIXIMA DOC Generici non sono state stabilite in bambini sotto i 6 mesi.

Anziani:

I pazienti anziani possono assumere la stessa dose raccomandata per gli adulti. E’ necessario verificare la funzionalità renale e aggiustare il dosaggio in caso di grave compromissione della funzionalità renale (vedere "Posologia in pazienti adulti con compromissione della funzionalità renale").

Posologia in pazienti adulti con compromissione della funzionalità renale:

CEFIXIMA DOC Generici può essere assunta in presenza di compromissione della funzionalità renale. Nei pazienti con valori della clearance della creatinina uguali o superiori a 20 ml/min, si può utilizzare la posologia normale. In pazienti con clearance della creatinina inferiore a 20 ml/min si raccomanda di non superare la dose di 200 mg al giorno. La posologia nei pazienti in dialisi peritoneale ambulatoriale cronica o in emodialisi, deve seguire quanto raccomandato per i pazienti con clearance della creatinina inferiore a 20 ml/min.

Cefixima non è dializzabile nè per emodialisi nè per dialisi peritoneale.

nascondi

Avvertenze e precauzioni

La cefixima deve essere somministrata con cautela ai soggetti che abbiano mostrato ipersensibilità ad altri farmaci. Le cefalosporine devono essere somministrate con cautela ai soggetti sensibili alle penicilline, in quanto ci sono evidenze di allergenicità crociata parziale tra le penicilline e le cefalosporine.

I pazienti hanno avuto reazioni gravi (inclusa l’anafilassi) ad entrambe le classi di farmaci.

Particolare cautela è indicata nei pazienti che abbiano avuto qualunque tipo di reazione allergica alle penicilline o ad altri antibiotici beta–lattamici dal momento che può verificarsi allergia crociata (per le controindicazioni legate a reazioni di ipersensibilità note, vedere il paragrafo 4.3).

Se si verifica una grave reazione di ipersensibilità o anafilattica dopo somministrazione di cefixima, l’uso di cefixima deve essere interrotto immediatamente e si devono prendere appropriate misure d’emergenza.

Insufficienza renale

Cefixima deve essere somministrata con cautela nei pazienti adulti che abbiano clearance della creatinina < 20 ml/min (vedere paragrafi 4.2 e 5.2). Non ci sono dati sufficienti riguardo all’uso di cefixima nei gruppi di età pediatrica e adolescenziale in presenza di insufficienza renale: l’uso di cefixima in questi gruppi di pazienti non è raccomandato.

La funzionalità renale deve essere tenuta sotto controllo in corso di terapia combinata di preparazioni di cefixima con antibiotici aminoglicosidici, polimixina B, colistina o diuretici dell’ansa a dosi elevate (es. furosemide) a causa della probabilità di compromissione aggiuntiva della funzionalità renale (vedere paragrafo 4.5). Questo si applica in particolare ai pazienti con funzionalità renale già ridotta.

Il trattamento con cefixima alla dose raccomandata (400 mg) può alterare significativamente la normale flora del colon e portare ad una crescita eccessiva di clostridi. Studi indicano che la tossina prodotta dal Clostridium difficile è la principale causa della diarrea associata agli antibiotici.

Nei pazienti che manifestano diarrea grave durante o dopo l’uso di cefixima, bisogna considerare il rischio di una colite pseudo–membranosa pericolosa per la vita. L’uso di cefixima deve essere interrotto e si deve procedere ad un trattamento appropriato. L’uso di preparati che inibiscono la peristalsi intestinale è controindicato (vedere paragrafo 4.8).

L’uso prolungato di cefixima può provocare la sovracrescita di organismi non sensibili.

Effetto sugli esami diagnostici

Si può verificare un falso positivo nella determinazione del glucosio nelle urine con le soluzioni di Benedict o di Fehling o con le compresse di rame solfato, ma non con test basati sulla reazione enzimatica della glucosio–ossidasi.

E’ stato riportato un falso positivo al test di Coombs durante il trattamento con antibiotici cefalosporinici, perciò si deve tener presente che una positività al test di Coombs può essere dovuta al farmaco.

nascondi

Interazioni

La somministrazione concomitante di sostanze potenzialmente nefrotossiche (come antibiotici aminoglicosidici, colistina, polimixina e viomicina) e di diuretici potenti (es. acido etacrinico o furosemide) induce un aumento del rischio di compromissione della funzionalità renale (vedere paragrafo 4.4).

La somministrazione di cefixima può ridurre l’efficacia dei contraccettivi orali. Si raccomanda perciò di prendere misure contraccettive supplementari non ormonali durante il trattamento con cefixima e per 5 giorni dopo il termine del trattamento.

Come con altre cefalosporine, è stato riportato un aumento del tempo di protrombina in alcuni pazienti. E’ pertanto necessario usare cautela nei pazienti in terapia anticoagulante.

nascondi

Effetti indesiderati

Gli effetti indesiderati sono elencati qui sotto per Sistema organo classe e frequenza. La frequenza è definita come:

Molto comune (≥1/10)

Comune (da ≥1/100 a <1/10)

Non comune(da ≥1/1.000 a <1/100)

Rara (≥1/10.000 a <1/1.000)

Molto rara (<1/10.000)

Non nota (non può essere definita sulla base dei dati disponibili).

MedDRA Sistema organo classe Reazione avversa al farmaco Frequenza
Infezioni e infestazioni Superinfezioni batteriche, superinfezioni fungine Rara
Colite associata ad antibiotici (vedere paragrafo 4.4) Molto rara
Patologie del sistema emolinfopoietico Eosinofilia Rara
Leucopenia, agranulocitosi, pancitopenia, trombocitopenia, anemia emolitica Molto rara
Disturbi del sistema immunitario Ipersensibilità Rara
Shock anafilattico, malattia da siero Molto rara
Disturbi del metabolismo e della nutrizione Anoressia Rara
Patologie del sistema nervoso Mal di testa Non comune
Vertigine Rara
Iperattività psicomotoria Molto rara
Patologie gastrointestinali Diarrea Comune
Dolore addominale, nausea, vomito Non comune
Flatulenza Rara
Patologie epatobiliari Epatite, ittero colestatico Molto rara
Patologie della cute e del tessuto sottocutaneo Rash Non comune
Edema angioneurotico, prurito Non comune
Sindrome di Stevens–Johnson, necrolisi tossica epidermica Molto rara
Patologie renali e urinarie Nefrite interstiziale Molto rara
Patologie sistemiche e condizioni relative alla sede di somministrazione Infiammazione delle mucose, piressia Rara
Esami diagnostici Aumento degli enzimi epatici (transaminasi, fosfatasi alcalina) Non comune
Aumento dell’urea ematica Rara
Aumento della creatinina ematica Molto rara

nascondi

Gravidanza e allattamento

Gravidanza

Non c’è sufficiente esperienza nell’uso umano di cefixima. Cefixima raggiunge l’embrione/feto attraverso la placenta. I dati su animali non mostrano effetti indesiderati sulla riproduzione (vedere paragrafo 5.3).

Come misura precauzionale, cefixima deve essere usata in gravidanza solo dopo attenta valutazione da parte del medico curante del rapporto rischio/beneficio, specialmente nel primo trimestre di gravidanza.

Allattamento

Non è stato dimostrato il passaggio di cefixima nel latte materno. Tuttavia, come misura precauzionale, va valutato se interrompere l’allattamento o evitare l’assunzione di cefixima.

Fertilità

Gli studi sulla riproduzione effettuati su topi e ratti non hanno mostrato effetti negativi sulla fertilità (vedere paragrafo 5.3).

nascondi

Conservazione

Conservare a temperatura inferiore a 25° C.

nascondi

Malattie Collegate: 2

nascondi

Questo farmaco disponibile in altre 1 forme farmaceutiche:


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Farmadati

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
Ultima modifica: 19-09-2013
Promozioni:

Commenti