Logo
Cerca nel forum | Cerca in tutto il sito
Ricerca personalizzata Google
Video Home fitness
sondaggi - vota
Pagina 12 di 14 PrimaPrima ... 2891011121314 UltimaUltima
Risultati da 221 a 240 di 270

Discussione: Fermenti lattici - Yogurt probiotici

  1. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,005

    Re: Saccaromyces Boulardii

    BIBLIOGRAFIA
    • Blehaut H., Manot J., Elmer G.W., Levy R.H. Disposition kinetics of Saccharomyces Boulardii in man and rat Biopharmaceutics and Drug Disposition, (1989), 10, 353-364.
    • Bleichner G, Blehaut H, Mentec H, Moyse D. Saccharomyces Boulardii prevents diarrhea in critically ili tube-fed patients. A multicenter, randomized, double-blind placebo-controlled trial. Intensive Care Med 1997 ; 23 : 517-23.
    • Boody A.V, Elmer G.W., Mc Farland L.V, Levy R.H. Influente of antibiotics on the recovery and kinetics of Saccharomyces Boulardii in rata. Phannaceutical Research, (1991), 8, 796-800.
    • Buts J.P Traitement par Saccharomyces Boulardii des diarrhées liées à Clostridium difficile chez l'enfant. Interdisciplinary World Congress on Antimicrobial and Anticancer Drugs, (1992), Genève, 31 Mars.
    • Buts J.P., Bernasconi P, Vaerman J.P, Dive C. Stimulation of secretory IgA and secretory component of immunoglobulins in small intestine rata treated with Saccharomyces Boulardii. Dig. Dis. Sci., (1990), 35, 251-256.
    • Buts J.P, Bernasconi P., Van Craynest M.P., Maldague P., De Meyer R. Response of lumen and rat small intestine mucosa to ora) administration of Saccharomyces boulardii. Pediatric Research, (1986), 20, 192-196.
    • Buts JP, Corthier G, Delmee M. Saccharomyces Boulardii for Clostridium difficile-associated enteropathies in infanta. J Pediatr Gastroenterol Nutr 1993 May ; 16 : 419-25.
    • Castaglínolo L, Papadimitriu G., Jaffer A., Kelly C.P, Le Mont J.T, Pothoulakis C. Saccharomyces Boulardii inhibe la liaison de la toxine A avec son récepteur et son entérotoxicité par le biais d'une protéine. American Gastroenterology Association, (1993), 1S-16 Mai, Boston.


    segue..

  2. # ADS
    Fermenti lattici - Yogurt probiotici
    Video del giorno Circuit advertisement
    Registrato da
    Always
    Messaggi
    Many
     
  3. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,005

    Re: Saccaromyces Boulardii

    • Casti F., Corthier G., Jouvert S., Elmer G.W., Lucas F. Prevention of Clostridium difficile induced experimental pseudomembranous colitis by Saccharomyces Boulardii : a scanning electron microscopie microbiologica) study. journal of Genera) Microbiology, Q 990), 136, 1085-1089.
    • Chapoy P. Traitement des diarrhées aigües infantiles. Annales de Pédiatrie, (1985), 32, 1-3. 101
    Corthier G., Dubos F., Ducluzeau R. Prevention of Clostridium difficile induced mortality in gnotobiotic mite by Saccharomyces Boulardii. Canadian Journal of Microbiology, (1986), 894-896.
    • Czerucka D., Nano J.L., Bernasconi P., Rampa) P Réponse aux toxines A et B de Clostridium difficile d'une lignée de cellules épithéliales intestinales de rat IRD98. Effet de Saccharomyces Boutardii. Gastroentérologie Clinique et Biologique, (1991), 15, 22-27.
    • Czerucka D., Roux L, Rampa) P La substance sécrétée par Saccharomyces Soulardii et neutralisant la toxine cholérique a un impact cellulaire direct American Gastroenterology Association, (1993), 15-16 Mai, Boston.
    • Ducluzeau R., Ben Saceda M. Effet comparé de l'administration unique ou en continu de Saccharomyces Boulardii sur l'établis sement de diverses souches de Candida dans le tractus digestif de spuria gnotoxéniques. Annales de Microbiologie de l'Institut Pasteur, (1982), 133B, 491-SOI.
    • Ducluzeau R., Raibaud P Ecologie microbienne du tube digestif INRA, (1979), Masson, Paria.
    • Elmer G.W., Corthier G. Modulation of Clostridium difficile induced mortality as a function of the dose and the viability of the Saccharomyces Boulardii used as a preventive agent in gnotobiotic mite. Canadian Journal of Microbiology, (1991), 37, 315-317.


    segue..

  4. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,005

    Re: Saccaromyces Boulardii

    • Elmer GW, Surawicz CM, Mcfarland LV Biotherapeutic agents. A neglected modality, for the treatment and prevention of selected intestina) and vagina) infections. JAMA 1996 ; 275 : 870-6.
    • Fede A.M.: Intolleranze alimentari come cause di malattie locali o a distanza. In Atti del Convegno di Medicina Natural,Milano,1955.
    • Harms H.K, Bertele-Harms R.M, Bruer-Kleis D. Enzyme substitution therapy with the yeast Saccharomyces cerevisiae in congenita) sucrase-isomaltase deficiency. N Engl J Med 1987 ; 316 :1306-9.
    • Kigothier M.C., Macearcio l., Wong P .N., Gayral P H. Effet des levures Saccharomyces Boulardii sur les trophozdides
    d'Entamoeba histolytica in et dans l'amibiase caecale dejeunes rata. Annales de Parasitologie, (1990), 65, 51-60.
    • Massot l., Sanchez 0., Couchy R., Astoin J., Parodi A.L. Batterio-pharmacological activity of Saccharomyces Boulardii in clindamycin induced col the hamster. Arzneimittel Forschung Drug Research, (1984), 34, 794-797.
    • McFarland LV, Surawicz CM, Greenberg RN, Fekety R, Elmer GW, Moyer KA, et al. A randomized placebo-controlled trial of Saccharomyces Boulardii in combination with standard antibiotica for Clostridium difficile. DAMA 1994 ; 2711913-8.
    • McFarland, L.V, C.M. Surawicz, G.W. Elmen, K.A. Mayer, S.A. Melcher, R.N. Greenberg, K. Bowen. 1993. Multivariate Analysis of the Clinica) efficacy of a Biotherapeutic Agent, Saccharomyces Boulardii, for the Prevention ofAntibiotic Associated Diarrhea. Annua) Meeting of the Society for Epidemiologic Research, June 1993. Keystone, CO.
    • McFarland, L.V, C.M. Surawicz, R.N. Greenberg, G.W. Elmer, K.A. Moyer, S.A. Melcher, K.E. Bowen and J.L. Cox. (1995) Prevention of Beta-lactam associated diarrhea by Saccharomyces Boulardii compared with placebo. Amer. J. Gastroenterology, 90:439-448.


    segue..

  5. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,005

    Re: Saccaromyces Boulardii

    • McFarland, L.V., C.M. Surawicz, R.N. Greenberg, R. Fekety, G.W. Elmer, K.A. Moyer, S.A. Melcher, K.E. Bowen, J.L. Cox, Z. Noorani, G. Harrington, M. Rubin, and D. Greenwald. 1994. A Randomized placebo - Controlled trial of Saccharomyces Boulardii in combination with standard antibiotica for Clostridium difficile diseases. JAMA 271: 1913-1918.
    • Plein K, Hotz J. Therapeutic effects of Saccharomyces Boulardii on mild residuai symptoms in a stable phase of Crohn's disease with special respect to chronic diarrhea &endash; a pilot study. Z Gastroenterol 1993 ; 31 : 129-34.
    • Saint Marc T, Rosselo-Prato L, Touraine J.L. Efficacité de Saccharomyces Boulardii dans le traitement des diarrhées du SIDA. Am. Med. Int., (1991), 142, 64-66.
    • Surawicz C.M. Moyens écologiques de traiter la diarrhée. Interdisciplinary World Congress on Antimicrobial and Anticancer Drugs, (1992), Gene, Mars.
    • Surawicz C.M., Elmer G.W., Spielman P, McFarland L.V, Chinn J., Van Belle G. Prevention of antibiotic-associated diarrhea by Saccharomyces Boulardii, Gastroenterology, (1989), 96, 981-988.
    • Surawicz C.M. Mc Farland L.V Elmer G.W., Chinn J. Treatment of recurrent Clostridium difficile colitis with vancomycin and Saccharomyces Boulardii. The American Journal of Gastroenterology, (1989), 84, 1285-1287.
    • Tempe LD., Steidel AL, Blehaut H., Hasselmann M. Lutun PH., Maurier F. Prévention par Saccharomyces Boulardii des diarrhées de l'alimentation intestinale à continu. La semaine des hôpitaux de Paria, (1993), 59, 1409-1412.
    Toothaker R.D., Elmer G.W. Prevention of clindamycin-induced mortality in hamsters by Saccharomyces Boulardii. Antimicrobial Agents and Chemotherapy, (1984),26,52-56.



    FONTE : holus.it/pages/articoli - di Silvano Mantovani Consulente di Medicina Olistica

  6. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,005

    Lactobacillus Salivarius calma l'ILEO e COLON irritato

    (Tratto da: Erboristeriabarberin i.com)


    Dalla più avanzata ricerca nutrizionale e dalla più avanzata tecnologia microbiologica nasce , lo straordinario probiotico che calma l’ileo-colon irritato.
    E’ un prodotto di ultima generazione che ha l’obbiettivo di contrastare le disbiosi specifiche dell’ileo-colon e ripristinare l’eubiosi ed il metabolismo ad essa collegato.

    Utile per calmare in maniera significativa le irritazioni-intolleranze neurointestinali e per contribuire al ripristino fisiologico-funzionale della mucosa e del muco coinvolti.

    A livello gastrointestinale lo strato mucoso può essere inteso come una barriera fisica costituita da cellule epiteliali con secrezioni di muco (mucina) in grado di proteggere l’organismo dalle sostanze tossiche formatevi nei processi digestivi e/o fermentativi che avvengono a livello del lume intestinale ; il muco è reso idrofobico da uno strato surfattante di fosfolipidi che costituisce a sua volta una linea di difesa nei confronti di batteri patogeni.

    Al mantenimento della funzionalità della mucosa concorre inoltre la presenza nello strato mucoso di una flora probiotica L.A.B. che svolge un ruolo regolatore di tutta la flora endogena e costituisce altresì una potente barriera biologica contro i patogeni.

    In anni recenti si è scoperto che il complesso delle mucose è molto influenzato da fattori neuronali essendo lo stesso fortemente innervato oltre che dalle divisioni simpatica e parasimpatica del sistema nervoso vegetativo, anche da centinaia di milioni di neuroni ubiquitari nel sito che costituiscono il cosiddetto secondo cervello detto anche cervello viscerale.

    segue..

  7. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,005

    Re: Lactobacillus Salivarius calma l'ILEO e COLON irritato

    (Tratto da: Erboristeriabarberin i.com)


    La moderna ricerca nel settore dei probiotici ha messo in luce che alcuni specifici batteri lattici hanno una grande potenzialità nel trattamento di alcune sindromi infiammatorie intestinali, apparentemente legate ad una compromissione dell’integrità o della permeabilità e della funzionalità della membrana intestinale ( colite ulcerosa , morbo di Crohn, sindrome del colon irritabile ), i cui sintomi portano qualche volta a diagnosticare inesistenti intolleranze alimentari.

    Dall’esame delle caratteristiche specifiche del Lactobacillus Salivarius si evince che :


    1. non va confuso con lo Streptococcus Salivarius che è solo un protecnologico non probiotico usato per fare lo yogurt
    2. Ha lo status di “ generally recognized as safe (gras) “ da parte della FDA americana e quello di “ sale for human consumption in food “ da parte delle autorità CEE
    3. E’ acidofilo e quindi supera indenne la barriera gastrica
    4. Ha un ottimo profilo di resistenza agli antibiotici
    5. Ha un’attività metabolica utile per l’uomo
    6. Produce peptici ed altri agenti antimicrobici ad alta attività di contrasto contro i patogeni intestinali.
    7. E’ dotato di una altissima adesività all’epitelio intestinale nei riguardi del quale esercita funzioni restitutive e riparatrici.

    segue..

  8. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,005

    Re: Lactobacillus Salivarius calma l'ILEO e COLON irritato

    (Tratto da: Erboristeriabarberin i.com)


    Il Lactobacillus Salivarius è stato inoltre oggetto di studi clinici recenti in Irlanda che ne hanno confermato , con metodologia doppio-cieco su animali e in confronto diretto con gli steroidi su 25 pazienti volontari, l’efficacia pratica in caso di sindromi intestinali infiammatorie e particolarmente nel caso del Crohn , anche in assenza totale di steroidi.

    L’uso dei probiotici ( ad esempio il L. Achidophilus cfr biblio 4 e 5 ) per il Crohn era conosciuto da tempo , ma è solo con l’associazione del Lactobacillus Salivarius che si possono ottenere oggi risultati decisamente efficaci.

    Schematicamente si può dire che i processi infiammatori della mucosa iniziano con un patogeno che riesce a superare la barriera muco-probiotica e quindi a presentare i suoi antigeni a livello epiteliale e transepiteliale provocando una reazione infiammatoria, seguita da una compromissione più o meno vistosa dello strato di muco ed epiteliale ; che solo dopo modulazione della risposta immunitaria e l’intervento dei fibroblasti da un lato e dei probiotici dell’altro si riesce a riparare , restituendo quindi alla mucosa la sua funzionalità fisiologica .

    Fonte:

    Bibliografia Collins J.K.Demonstracion of functional properties lactic acid bacteria (L.Salivarius) ind.Latte (2001) XXXVII (1-2)pg39-61
    TESTOLIN G. Casiraghi M.C. Batteri Lattici nella funzionalità dell’apparato gastro intestinale Ind.Latte (2000) xxxvi (1-2) pg 49-63


    segue..

  9. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,005

    Re: Lactobacillus Salivarius calma l'ILEO e COLON irritato

    (Tratto da: Erboristeriabarberin i.com)

    Fonte:

    Philippe Marteau,Christophe Collier Immunological Effects of biotherapeutic agents charter 5 pg 121-144 from Biotherapeuticagents and infectius diseases edited by G.W.Elmer ,Umana Press (1999)
    M.F. Bernei, D.Brassart,j.R.Neese r, A.L.Servin Lactobacillus Acidophilusbinds to cultured human intestinal cellins and inhibits cellattachment and cell invasion by enterovirulent bacteria,Gut 1994;35,483-489
    M.L.Mc Cann Reflorastation/therapy for infiammatiry bowel disease (IBD). Crohn’s disease and ulcerative colits (UC); journal of allergy clinical immunology 359(jan 1993)
    Slesinger & Fortra’s gastrointestinal and liver disease ; 7 th edition ; saunders (2002)pg 2007
    Harrison’s principies of internal medicine ; 15th ed . vol2, Mc Graw Hill (2001) cap 287-288pg 1679-1695
    Micheal D. Gershon The second Brain Harper Perennial , New York ( 1998)
    R.H. Rhoades G.A.Tanner Medical Physiology edizione italiana Edises (1996), cap.26 sistema nervosa enterico.


  10. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,005

    I PREbiotici

    (Tratto da: besport.org/sportmedicina/speciale fermenti lattici.html - a cura di Maria Teresa Carani – farmacista )


    Si tratta di alimenti che non sono digeriti nell’intestino tenue e, nell’intestino crasso, stimolano la crescita e l’attività di batteri benefici, come il BIFIDOBACTERIUM e i lactobacilli.
    Vi appartengono: pane, pasta, patate, germe di grano, soia e le fibre (ad es., l’inulina contenuta nella cicoria, nei carciofi, negli spinaci, nella cipolla e nell’aglio).
    La combinazione di probiotici e prebiotici (come avviene nei simbiotici) è particolarmente efficace per il riequilibrio della flora intestinale.

    Anche le fibre, non digeribili dagli enzimi del nostro apparato digerente, contribuiscono al benessere dell’intestino e quindi dell’intero organismo perché, non essendo digerite e non avendo valore nutritivo, nel loro percorso attraverso il tubo digerente producono diversi effetti:


    • regolano la funzione intestinale sia in caso di stipsi sia di feci troppo liquide
    • aumentano la massa e l’idratazione della massa fecale, che transita quindi più agevolmente lungo il lume intestinale
    • stimolano i movimenti peristaltici dell’intestino
    • esercitano un’azione detossificante grazie all’aumento della velocità di transito che contribuisce ad espellere le tossine
    • sono un ottimo substrato di crescita per la microflora intestinale, favorendo l’EUBIOSI.


    segue..

  11. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,005

    Re: I PREbiotici

    (Tratto da: besport.org/sportmedicina/speciale fermenti lattici.html - a cura di Maria Teresa Carani – farmacista )


    Le fibre dovrebbero rientrare nella dieta come componenti essenziali nella quantità di 30 grammi al giorno.

    Si classificano in FIBRE SOLUBILI e FIBRE INSOLUBILI secondo il loro comportamento in acqua:

    - quelle solubili, utili anche in caso di mucose intestinali infiammate, si trovano nella frutta (mele ed agrumi), in alcuni cereali (avena), nei legumi, nei semi del genere PLANTAGO, della famiglia delle LINACEE, e nella radice della cicoria. Le fibre solubili assorbono acqua e formano un gel molto denso che favorisce la formazione di feci morbide e mantengono in “allenamento” il colon. Il loro uso non ha pressoché controindicazioni, tranne che per coloro che presentano diverticoli con pareti molto sottili
    - quelle insolubili si trovano nei cereali integrali, nella crusca di frumento, nella segale, nel riso integrale e nelle verdure in genere, ed esercitano uno stimolo per la peristalsi. Se assunte in quantità massicce e per lunghi periodi, possono essere lievemente irritanti per l’intestino.

    segue..

  12. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,005

    I PRObiotici

    (Tratto da: besport.org/sportmedicina/speciale fermenti lattici.html - a cura di Maria Teresa Carani – farmacista )


    Come scegliere i PROBIOTICI giusti? (A cura della Dott.ssa Di Fabio)


    Ma come scegliere correttamente i PROBIOTICI utili per affrontare patologie di lieve entità, senza dover ricorrere ai farmaci? Ovviamente i prodotti più idonei saranno consigliati dal medico o dal farmacista, a seconda delle necessità individuali.
    Riportiamo nella successiva tabella uno schema riassuntivo, utile a scegliere i probiotici giusti per risolvere patologie di lieve entità:

    DIARREE ACUTE (per uso di antibiotici e/o per tossinfezioni) AZIONE IMMUNOSTIMOLANTE INFEZIONI VAGINALI INFEZIONI VIE URINARIE
    1. Lactobacillus plantarum
    2. Bifidumbacterium bifidum
    3. Lactobacillus rhamnosus GG
    4. Lactobacillus acidophilus
    5. Saccharomyces boulardii
    6. Streptococcus thermophilus
    7. Bacillus clausii
    8. Lactobacillus bulgaricus
    1. Lactobacillus plantarum
    2. Bifidumbacterium bifidum
    3. Lactobacillus rhamnosus GG
    4. Lactobacillus acidophilus
    5. Lactobacillus casei
    1. Lactobacillus acidophilus
    2. Lactobacillus bulgaricus
    3. Lactobacillus crispanus
    1. Lactobacillus acidophilus


    segue..

  13. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,005

    Re: I PRObiotici

    (Tratto da: besport.org/sportmedicina/speciale fermenti lattici.html - a cura di Maria Teresa Carani – farmacista )


    Come scegliere i PROBIOTICI giusti? (A cura della Dott.ssa Di Fabio)


    INTOLLERANZA AL LATTOSIO DETOSSIFICAZIONE BARRIERA PATOLOGIE DELLA PELLE (allergie, eczema topico)
    1. Lactobacillus acidophilus
    1. Lactobacillus bulgaricus
    2. Lactobacillus plantarum
    1. Lactobacillus plantarum
    2. Bifidumbacterium bifidum
    3. Lactobacillus rhamnosus GG
    4. Lactobacillus bulgaricus
    PATOLOGIE INTESTINALI (diverticoli, Morbo di Crohn) GONFIORI ADDOMINALI (stipsi, diarrea) ARTRITE REUMATOIDE
    1. Lactobacillus plantarum
    2. Bifidumbacterium bifidum
    3. Lactobacillus rhamnosus GG
    1. Lactobacillus acidophilus
    2. Bifidumbacterium bifidum
    3. Lactobacillus rhamnosus GG
    4. Lactobacillus casei
    1. Bifidumbacterium bifidum

  14. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,005

    Pollice in su Prebiotici e salute

    Una corretta prebiosi come base dell’implementazione dello stato di salute

    (Tratto da: infomedicaintegrata. it - Dott. A.Bertuccioli il 10 giugno 2013)


    La salute dell’apparato digerente è strettamente correlata alla salute dell’intero organismo.
    È molto semplice riscontrare come alterazioni a livello di questo apparato possano compromettere i 2 processi che stanno alla base del funzionamento del complicatissimo sistema chimico che è la vita: alimentazione e nutrizione.
    Con alimentazione si intende definire tutti quei processi correlati all’assunzione di alimenti e alla loro degradazione in forme molecolari assorbibili, mentre parlando di nutrizione ci si riferisce a tutti quei processi che implicano l’assorbimento e la distribuzione dei principi nutritivi.
    L’organo direttamente implicato nella nutrizione è senza ombra di dubbio l’intestino.

    Questo ruolo chiave comporta una serie di problematiche da affrontare per il corretto svolgimento della sua attività:

    1) Contatto con il materiale “esogeno” nelle fasi finali della digestione
    2) Corretto assorbimento dei nutrienti
    3) Contatto con i materiali di scarto prima dell’escrezione

    segue..

  15. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,005

    Re: Prebiotici e salute

    Una corretta prebiosi come base dell’implementazione dello stato di salute

    (Tratto da: infomedicaintegrata. it - Dott. A.Bertuccioli il 10 giugno 2013)


    Ognuna di queste fasi presenta una precisa criticità. Per quanto riguarda il contatto con il materiale nelle fasi finali della digestione che il contatto con i materiali di scarto, esiste la problematica dovuta all’eventuale presenza di sostanze contaminanti, molecole reattive o sostanze antinutrienti.
    Queste molecole possono essere naturalmente presenti negli alimenti di origine o secondarie ai processi digestivi.
    Inoltre l’intestino si ritrova continuamente a dover fronteggiare le specie batteriche patogene vive e vitali che per diversi motivi possono raggiungerlo.

    Oltre alla gestione di queste criticità, come accennato, l’epitelio enterico deve garantire il funzionale ed efficiente assorbimento dei principi nutritivi garantendo allo stesso tempo “l’impermeabilità” a molecole non utili o potenzialmente dannose.
    Nello svolgere questa complicatissima gamma di funzioni la simbiosi con specie batteriche quali Lactobacilli e Bifidobetteri riscuote un ruolo fondamentale nella nostra specie.

    Infatti la colonizzazione intestinale, che inizia immediatamente dopo la nascita secondariamente ai primi atti nutritivi, è fonte di notevoli reciproci vantaggi sia per le specie batteriche che per l’organismo ospite.

    Una corretta e funzionale colonizzazione, definita appunto eubiosi, è alla base infatti di vantaggi dal punto di vista digestivo, nutrizionale e immunitario dell’organismo ospite
    .

    segue..

  16. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,005

    Re: Prebiotici e salute

    Una corretta prebiosi come base dell’implementazion e dello stato di salute

    (Tratto da: infomedicaintegrata. it - Dott. A.Bertuccioli il 10 giugno 2013)


    Proprio per questa serie di vantaggi reciproci, quando si presenta un’alterazione a livello della microflora batterica intestinale si configura una situazione di disbiosi, con una sintomatologia caratteristica:


    • Meterorismo
    • Gonfiore addominale
    • Stipsi
    • Diarrea
    • Alvo alterno
    • Dolore intestinale


    La ricerca e la pratica clinica hanno da tempo dimostrato come il reinserimento di opportune varietà di Lactobacilli e Bifidobatteri, nelle forme farmaceutiche necessarie per veicolarli a livello enterico vivi e vitali, possa fornire innumerevoli vantaggi utili a ristabilire le condizioni di eubiosi, quindi nelle manifestazioni acute con la suddetta sintomatologia rappresentano indubbiamente la prima scelta per ripristinare rapidamente le condizioni tipiche di equilibrio.

    Il problema, una volta ristabilito l’equilibrio, risiede nel mantenerlo nel lungo periodo, ed è qui che entra in gioco la prebiosi.

    segue..

  17. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,005

    Re: Prebiotici e salute

    Una corretta prebiosi come base dell’implementazion e dello stato di salute

    (Tratto da: infomedicaintegrata. it - Dott. A.Bertuccioli il 10 giugno 2013)

    Mentre sulla base di quanto è stato detto è possibile definire un PROBIOTICO come un microrganismo che si dimostra in grado, una volta ingerito in adeguate quantità, di esercitare funzioni benefiche per l’organismo, un PREBIOTICO può essere invece definito come una sostanza non digeribile dall’uomo, di origine alimentare che, assunta in quantità adeguata, favorisce selettivamente la crescita e l’attività di uno o più batteri già presenti nel tratto intestinale o assunti insieme al prebiotico.
    Alla luce di questa definizione emerge prepotentemente il concetto di specificità di un prebiotico: relativamente alle peculiarità metaboliche delle principali famiglie di microrganismi chiamati in causa, ovvero Lactobacilli e Bifidobatteri è possibile effettuare una suddivisione dei relativi substrati energetici in:

    FIBRE PREVALENTEMENTE BIFIDOGENE


    • Inulina
    • Galattoligosaccaridi (GOS)
    • Fruttoligosaccaridi (FOS)
    • Lattosaccarosio
    • Pirodestrine
    • Soia-oligosaccaridi
    • Trans.Galatto-Oligosaccaridi
    • Xilo-Oligosaccaridi


    FIBRE PREVALENTEMENTE LLATTOGENICHE


    • UIsomaltoligosaccari di (IMO)
    • Lattulosio
    • Polidestrosio
    • Lactitolo


    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 12/01/2015 alle 16:07

  18. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,005

    Re: Prebiotici e salute

    Una corretta prebiosi come base dell’implementazion e dello stato di salute

    (Tratto da: infomedicaintegrata. it - Dott. A.Bertuccioli il 10 giugno 2013)

    Oltre a questa suddivisione, considerando anche la distribuzione quantitativa di Bifidobatteri presenti con ordine di grandezza di 109 rispetto ai Lactobacilli presenti in ordine di grandezza di 108 (con un rapporto in pratica vicino a 10:1), risulta fondamentale anche bilanciare opportunamente le proporzioni delle relative fibre, onde promuovere uno sviluppo equilibrato(1-5). Anche la scelta delle fibre da utilizzare, relativamente al summenzionato rapporto 10:1, non può essere casuale, ma dovrà essere effettuata considerando le specifiche necessità metaboliche dei microrganismi implicati, come pure le dinamiche di sviluppo che portano, dalla nascita in poi, un individuo alla condizione di eubiosi. Sulla base di queste considerazioni è possibile prevedere una formulazione che preveda i seguenti rapporti(6-21) :

    FIBRE PREVALENTEMENTE FIBRINOGENICHE 90%
    (6-13)

    • Inulina 45%
    • Galattoligosaccaridi (GOS) 40%
    • Fruttoligosaccaridi (FOS) 40%


    FIBRE PREVALENTEMENTE LATTOGENICHE 10%
    (14-21)


    • Isomaltoligosaccarid i (IMO) 5%
    • Lattulisio 2,5%
    • Polidestrosio 2,5%


    segue..

  19. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,005

    Re: Prebiotici e salute

    Una corretta prebiosi come base dell’implementazione dello stato di salute

    (Tratto da: infomedicaintegrata. it - Dott. A.Bertuccioli il 10 giugno 2013)


    Una volta chiariti gli aspetti fondamentali della prebiosi e le caratteristiche che una buona formula prebiotica dovrebbe avere, è possibile chiarire i principali effetti legati all’utilizzo razionale di un prebiotico.

    Senza ombra di dubbio tra i principali effetti legati alla prebiosi vi è la produzione, secondaria alla fermentazione delle fibre solubili da parte della microflora intestinale, di acidi grassi a corta catena tra cui è possibile rinvenire principalmente acido acetico, acido propionico e acido butirrico.

    Questi acidi ricoprono ruoli fondamentali per il benessere, l’efficienza e la prevenzione dei disturbi intestinali (21-22)


    segue..

  20. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,005

    Re: Prebiotici e salute

    Una corretta prebiosi come base dell’implementazione dello stato di salute

    (Tratto da: infomedicaintegrata. it - Dott. A.Bertuccioli il 10 giugno 2013)


    ACIDO ACETICO

    L’ acido acetico viene facilmente assorbito a livello enterico, la sua presenza contribuisce al benessere degli enterociti in quanto con la normale alimentazione solitamente vengono ingeriti quantitativi estremamente ridotti di questo acido grasso a corta catena.
    Viene assorbito con efficienza e una volta raggiunto il torrente ematico può essere utilizzato come substrato energetico anche a livello del tessuto muscolare.

    ACIDO PROPIONICO

    Anche l’acido propionico viene a sua volta facilmente assorbito a livello enterico, esercita degli effetti positivi a livello enterocitario in quanto anche nel suo caso con la normale alimentazione solitamente ne vengono ingeriti quantitativi estremamente ridotti. La parte di acido propionico che arriva nel torrente ematico viene solitamente captata a livello epatico dove viene utilizzata come substrato energetico.

    ACIDO BUTIRRICO

    L’acido butirrico rappresenta molto probabilmente l’acido grasso a corta catena dai maggiori effetti benefici: costituisce infatti una delle maggiori fonti energetiche per gli enterociti, contribuendo quindi in maniera estremamente importante al benessere intestinale.
    Il suo ruolo è talmente importante che in caso di carenza si manifestano veri e propri stati di atrofia delle mucose.
    A cagione di questo fondamentale ruolo numerosi autori attribuiscono all’acido butirrico un ruolo preventivo nei confronti del cancro al colon.


    segue..

  21. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,005

    Re: Prebiotici e salute

    Una corretta prebiosi come base dell’implementazione dello stato di salute

    (Tratto da: infomedicaintegrata. it - Dott. A.Bertuccioli il 10 giugno 2013)


    Gli effetti positivi dell’integrazione con fibre prebiotiche, comunque, non si limitano esclusivamente a quanto appena riportato, infatti ci sono una serie di altri effetti positivi riportati in letteratura.
    In primo luogo è stato possibile osservare come l’ingestione di fibre prebiotiche sia in grado di esercitare anche attività in ambito ormonale: nel modello animale, tali fibre si sono dimostrate in grado di stimolare la secrezione di GPL-1 ottimizzando i processi biochimici implicati nell’assorbimento e nel metabolismo del glucosio(23).

    Oltre a questo le fibre prebiotiche, sempre nel modello animale, sono state identificate come fattori in grado di ottimizzare anche l’assorbimento proteico secondariamente al ruolo trofico esercitato a livello delle mucose(24).

    Alla luce di questi effetti la prebiosi può rivelarsi quindi anche un ottimo strumento (affiancato alle comuni strategie nutrizionali) per affrontare tutte quelle situazioni potenzialmente a rischio di malnutrizione, sia calorica che calorico-proteica.

    Ultimo, ma non meno importante, è sicuramente l’impatto positivo che la fibra solubile può manifestare a livello del sistema immunitario.

    segue..

Pagina 12 di 14 PrimaPrima ... 2891011121314 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Probiotici per l'intestino - Colon irritabile (?)
    Di erika192 nel forum Malattie, Sintomi e Consigli
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 27/04/2015, 02:28
  2. torta allo yogurt senza yogurt
    Di maria*pia nel forum Dolci
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 28/04/2008, 20:58
  3. lo yogurt
    Di pameladuka nel forum Sono a dieta...
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 28/03/2007, 21:49
  4. Cocktail di FERMENTI
    Di luretta nel forum Medicine naturali
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 17/11/2006, 21:24
  5. yogurt
    Di nel forum Sesso e Dintorni
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 25/04/2005, 03:52

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Disattivato
  • [VIDEO] code is Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato
Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai LETTORI, sulla base dei dati e delle informazioni qui forniti sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio. Le informazioni qui riportate hanno carattere puramente divulgativo e orientativo; non sostituiscono la consulenza medica. È vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione scritta.
Un dietologo e un dietista a tua disposizione. Prova la dieta online