Logo
Cerca nel forum | Cerca in tutto il sito
Ricerca personalizzata Google
Video Home fitness
sondaggi - vota
Pagina 5 di 14 PrimaPrima 123456789 ... UltimaUltima
Risultati da 81 a 100 di 270

Discussione: Fermenti lattici - Yogurt probiotici

  1. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,008

    Le infezioni urinarie

    Le infezioni urinarie colpiscono soprattutto le donne, che sono anche le più colpite da artrite reumatoide.
    Quando si sono controllati i livelli di anticorpi per il Proteus nei pazienti affetti da artrite reumatoide, si è visto che sono molto più alti del normale.

    Anche nel caso delle malattie autoimmunitarie, dunque, si può ipotizzare che l'integrazione di batteri amici, sia Acidophilus che Bifidus, capaci di togliere spazio ai batteri patogeni, sia utile.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 23/11/2011 alle 11:29

  2. # ADS
    Fermenti lattici - Yogurt probiotici
    Video del giorno Circuit advertisement
    Registrato da
    Always
    Messaggi
    Many
     
  3. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,008

    Attività antibiotica e antibatterica

    In un importante studio giapponese del dr.Ninkaya (Role of bifidobacteria in enteric infection, in Bifidobacteria Microflora, 5, 1984, pp.51-55) è stata dimostrata la capacità dei bifidobatteri di proteggere le cellule intestinali dall'attacco di batteri patogeni quali la shigella.

    Il miglior risultato (riduzione dell'infezione dal 12% all'1.6% delle cellule) è stato ottenuto quando le cellule sono state esposte all'azione dei Bifidibatteri almeno 2 ore prima dell'attacco da parte dei batteri shigella.
    Ciò indica come la miglior terapia sia quella della prevenzione, come cioè sia più efficace mantenere la flora batterica regolarmente in buono stato.

    Lo studio del dr. Ninkaya ha poi rivelato che l'azione antibatterica dei bifidobatteri ha una valenza generale, e non si limita solo ai batteri shigella.
    È stato altresì provato che tale azione si basa sul rilascio, da parte dei bifidobatteri, di sostanze antibiotiche (come la Bifidina, anche se nel caso specifico, le sostanze antibiotiche presenti non sono state individuate).

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 23/11/2011 alle 11:29

  4. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,008

    Colesterolo

    Anche il Bifidus svolge una importante azione di riduzione del colesterolo in eccesso.

    I bifidobatteri, così come anche i lattobacilli, scompongono gli acidi biliari nel tratto gas****ntestinale nei loro costituenti originari, preparandoli così alla riutilizzazione da parte del corpo o alla evacuazione.

    In questo processo, come scrivono Chaitow & Trenev (p.104-5), "il colesterolo è in qualche modo rimosso dai sistemi" degli animali usati per la sperimentazione.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 23/11/2011 alle 11:29

  5. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,008

    Tiroide

    Il batterio Yersinia emterocolitica produce sostanze che attaccano la ghiandola tiroidea, risultando in una iperproduzione dell'ormone tiroideo.

    L'80% dei pazienti affetti dalla malattia di Grave, una disfunzione tiroidea molto seria, producono degli anticorpi immunitari alla yersinia.

    Inoltre, diversi pazienti con alti tassi di yersinia nel corpo tendono a sviluppare malattie autoimmunitarie.
    Anche qui, la reintegrazione di bifidobatteri appare particolarmente importante.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 23/11/2011 alle 11:30

  6. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,008

    Diabete

    Ci sono prove che la condizione diabetica in cui il paziente ha livelli normali di insulina, che però non riesce a svolgere la sua funzione, sia legata ad una eccessiva proliferazione di Escherichia Coli.

    Questo microrganismo produce infatti una sostanza molto simile all'insulina, che si presume blocchi certi recettori nelle cellule che l'insulina deve raggiungere per svolgere la sua funzione adeguatamente.

    Chaitow & Trenev (p. 125) scrivono: "Il ripopolamento dei bifidobatteri, sia tramite integratori alimentari sia tramite una dieta bifidogenica, controlla la crescita della E.coli, e ristabilisce un normale funzionamento".

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 23/11/2011 alle 11:30

  7. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,008

    Costipazione

    Il ripopolamento dei bifidobatteri è ovviamente essenziale per una buona funzionalità dell'intestino crasso, e dunque della evacuazione.
    Un prodotto di qualità che contenga quantità adeguate e resistenti di bifidobatteri, in sinergia con una serie di erbe appropriate, riesce a sbloccare e rivitalizzare gli intestini impigriti o inattivi.
    L'azione lassativa, quando è svolta principalmente dallo stesso Bifidus, "batterio amico", mentre aumenta la peristalsi intestinale, rivitalizza e rafforza il colon.

    Fegato


    Una buona integrazione di Bifidus svolge una parallela azione di pulizia e rafforzamento del fegato, che al colon è strettamente legato.
    Riducendo infatti la quantità di tossine intestinali, evita che queste vadano a depositarsi nel sangue e a sovraccaricare il fegato.

    Combinazione con Klamath

    Come per l'acidophilus, l'integrazione di microalga Klamath aumenta in maniera significativa la vitalità del Bifidobacterium.


    FONTE : NUTRITERAPIA - PROBIOTICI - ENZIMI - ACIDOPHILUS DDS-1 - BIFIDUS - RHAMNOSUS - FUNGO ASPERGYLLUS
    Ultima modifica di anna1401; 23/11/2011 alle 11:30

  8. Registrato da
    09/07/2008
    Messaggi
    1,137

    Come assumerli?

    ma in che forma è meglio prenderli Anna? e in che quantità?
    Ultima modifica di anna1401; 23/11/2011 alle 11:31

  9. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,008

    Re: Come assumerli?

    Dipende dalle esigenze personali del momento...
    Io di regola, ne prendo 1 capsula al giorno come mantenimento della mia salute.
    Nella stagione fredda invernale, ne prendo 2 per aiutare il mio sistema immunitario a combattere contro le para-influenze e influenze che sono sempre in agguato...
    Mentre in caso di malattia, qualsiasi malattia, assumo il dosaggio massimo indicato sulla confezione dei fermenti lattici, perchè aiutano a risolvere bene e più in fretta!

    Riporto qui altre utili info sui fermenti:
    Ultima modifica di anna1401; 23/11/2011 alle 11:32

  10. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,008

    Cool Un mondo di microbi

    (dr Francesco Perugini Billi )

    Memori dei flagelli epidemici del passato e condizionati da una propaganda medica oltremodo microfobica, di solito non abbiamo una grande considerazione del mondo dei microrganismi.
    Eppure è grazie ai microbi che il pane lievita, il vino e la birra fermentano, si produce lo yogurt dal latte e la gran massa di materiale organico del pianeta viene continuamente riciclata.

    In particolare, per quanto riguarda i batteri, questi prosperavano sul Pianeta oltre 3 miliardi di anni prima della comparsa del genere umano (… se le cose continuano così, temo che i microbi sopravviveranno all’uomo per ancora qualche altro miliardo!).
    Secondo una visione biocentrica, il batterio è la forma di vita meglio riuscita e di maggiore successo. Sono tanti, ovunque ed estremamente resistenti.

    Alcuni vivono tranquillamente in mezzo ai ghiacci marini dell’antartico a temperature di 4°C, mentre altri colonizzano ambienti vulcanici con temperature di 110°C!
    Ce ne sono di quelli che amano i terreni acidissimi, altri che preferiscono i laghi di soda e altri ancora le acqua salatissime.
    La superficie terrestre ne è piena, ma alcuni amano le profondità: batteri vivi sono stati trovati fino a 2,5 km sotto la crosta terrestre!

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 23/11/2011 alle 11:32

  11. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,008
    Ne siamo pieni anche noi!

    Il nostro corpo è normalmente colonizzato da una gran massa di microbi. Abbiamo microbi soprattutto sulla pelle e sulle superfici mucose.
    Si calcola che per ogni cellula umana vi siano addirittura 10 cellule microbiche! Alcuni potrebbero farci del male, ma molti altri ci fanno del bene e concorrono al mantenimento della nostra salute.

    Per quanto riguarda i microbi aggressivi, quelli cattivi per intenderci, difficilmente si tratta di microbi davvero patogeni. Per esempio, sono nella gola, nelle orecchie e sulla pelle.
    Siamo portati a credere che le infezioni si contraggano sempre da fuori, ma invece il più delle volte si tratta proprio di microbi già presenti nel nostro corpo che in determinate condizioni di squilibrio si attivano e diventano aggressivi.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 23/11/2011 alle 11:33

  12. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,008
    Le cattive abitudini alimentari, lo stress, l’abuso di farmaci e i cambiamenti climatici, tanto per citare alcuni fattori, possono indebolire le nostre difese e “liberare”, per così dire, i microbi cattivi. Gli antibiotici e gli antimicotici non sempre risultano efficaci e le ricadute sono dietro l’angolo.

    Uccidono sì il microbo, ma lasciano inalterate le vere cause, che sono più profonde e non sono certo microbiche.
    Ecco allora, che le sinusiti, le bronchiti, le cistiti e le vaginiti ritornano.
    In questi casi, non si tratta di sterminare i microbi (almeno, non solo quello), ma di ristabilire un equilibrio.
    Nell’equilibrio l’organismo è in grado di difendersi da solo.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 23/11/2011 alle 11:33

  13. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,008
    La flora intestinale: lo zoo dentro di noi

    Le maggiori concentrazioni di microbi le troviamo nell’intestino ed in particolare nel grosso intestino.
    A questo livello, infatti, la massa microbica può pesare fino ad 1½ Kg!
    Ci sono oltre 400 specie diverse di batteri, ma possono essere presenti anche miceti, protozoi e, secondo alcuni, anche virus. Si tratta della cosiddetta flora intestinale.

    Veramente, “flora” è un termine improprio, ma al tempo dei primi studi sui microbi dell’intestino i batteri erano classificati tra le piante.
    Molti dei batteri presenti nell’intestino possiamo considerarli “amici”.
    Ci aiutano quotidianamente a digerire e assimilare il cibo, producono vitamine, sostanze immunostimolanti, ci difendono dai microbi potenzialmente patogeni già presenti nell’intestino o che giungono dall’esterno e, in generale, ci aiutano a rimanere in salute.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 23/11/2011 alle 11:33

  14. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,008
    L’ecologia intestinale

    Nell’intestino la flora intestinale interagisce con le strutture immunitarie e le cellule del tessuto mucoso e forma un sistema complesso.
    E’, di fatto, un sistema ecologico formato da diverse componenti (flora, superficie mucosa, sistema immunitario) su cui intervengono delle variabili selettive (cibo, farmaci, stress, infezioni, etc.).

    La nostra salute, la salute di tutto l’organismo, dipende da questo sistema ecologico. Le conseguenze di un sistema ecologico per vari motivi alterato si faranno sentire non solo a livello intestinale, ma anche al di fuori dell’intestino.

    Se soffrite ad esempio di ricorrenti episodi di artrite, di tonsillite e di cistite il vostro problema potrebbe essere non dove c’è il male ma nascondersi in uno squilibrio dell’ecologia intestinale.
    Anche l’improvvisa comparsa di una allergia o di una intolleranza alimentare, o l’instaurarsi di un’orticaria cronica potrebbe avere le sue cause nascoste nell’intestino.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 23/11/2011 alle 11:33

  15. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,008
    I probiotici

    Il problema sempre più diffuso della resistenza microbica ai farmaci e la cronicizzazione di alcune patologie, solo apparentemente infettive, ci devono portare a sviluppare nuove e più efficaci strategie terapeutiche.
    Per esempio, in Finlandia, nel tentativo di debellare lo streptococco (batterio che causa la tonsillite), il consumo di eritromicina (un antibiotico) è triplicato nell’ultima decade.

    Come conseguenza, la resistenza di questo microbo all’antibiotico in questione è passata dal 4% del 1988 al 24% del 1999. Pertanto, quando “uccidere” non è sufficiente, la parola d’ordine dovrebbe essere “riequilibrare”!

    La probiotica è una terapia, assolutamente scientifica, che ha ormai circa 100 anni di storia. Impiega microbi “amici”, assunti per bocca, per riportare l’equilibrio a livello della flora intestinale, ristabilendo così le condizioni necessarie per garantire la salute di numerosi apparati anche al di fuori dell’intestino stesso.

    Per la terapia si usano diversi ceppi microbici, principalmente batterici. I più conosciuti sono sicuramente i lattobacilli e i bifidobatteri, che noi comunemente chiamiamo “fermenti lattici”, ma ce ne sono altri come l’Escherichia coli e l’Enterococcus faecalis, che hanno una elettiva azione immunomodulante.
    Tra i probiotici non batterici, spicca l’ottimo Saccaromyces boulardii, che è un lievito.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 25/02/2013 alle 22:48

  16. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,008
    Effetti terapeutici dei probiotici

    A livello scientifico, i probiotici hanno dimostrato i seguenti benefici:

    - prevenzione tumore;
    - prevenzione e cura delle infezioni gas****ntestinali;
    - riduzione dell’ipercolesterole mia;
    - prevenzione e cura della diarrea;
    - immunomodulazione;
    - aumento della fagocitosi;
    - protezione e riparazione dell’epitelio (danni da radiazioni);
    - miglioramento della digestione del lattosio;
    - riduzione dei fenomeni allergici;
    - riduzione della produzione di co-carcinogeni;
    - stimolo della peristalsi intestinale.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 23/11/2011 alle 11:34

  17. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,008
    I “fermenti lattici” nell’alimentazione umana

    Fin da tempi remoti, l’uomo ha inconsapevolmente tratto beneficio dai microbi alimentari. Nelle tradizioni alimentari di tutti i popoli del mondo sono contemplati cibi e bevande fermentati. Venivano fermentate verdure, frutta, pesci, carne e latte.
    La fermentazione non solo permetteva una più lunga conservazione dell’alimento fresco, ma ne cambiava le caratteristiche nutrizionali: i cibi erano parzialmente digeriti, ricchi di enzimi, di vitamine e soprattutto brulicavano di vita.

    Tra gli alimenti fermentati tradizionali, ci sono lo yogurt, il kefir, i crauti, il miso, il tempeh e la birra. Per migliaia di anni i vari popoli si sono nutriti di questi preziosi cibi.

    L’alimentazione moderna invece si basa pochissimo sui cibi fermentati. Molti di noi consumano prevalentemente cibi processati dall’industria alimentare. Sono cibi pastorizzati, assolutamente privi della componente vitale data dai fermenti e dagli enzimi.
    I nostri figli vengono allevati con questi alimenti devitalizzati.

    Secondo alcuni ricercatori, continuare a nutrirsi di alimenti privati di enzimi porta alla fine ad un impoverimento dei nostri di enzimi e ci espone a tutta una serie di malattie.
    Da qui l’importanza di integrare la dieta con probiotici, ma anche di tornare a mangiare in modo naturale consumando il meno possibile alimenti dell’industria.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 23/11/2011 alle 11:34

  18. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,008
    Prodotti commerciali

    In commercio esistono numerosissimi prodotti a base di probiotici, purtroppo non tutti di eguale efficacia.
    Si presentano sotto forma di capsule, bustine, compresse, ovuli vaginali e soluzioni liquide.

    I prodotti in capsule, una volta aperta la confezione, andrebbero rigorosamente tenuti ben chiusi in frigo.
    Lo stesso vale per le preparazioni liquide. Molti fermenti sono sensibili alle variazioni della temperatura e dell’umidità dell’ambiente.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 23/11/2011 alle 11:34

  19. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,008
    La terapia

    - Per una terapia di breve corso nel caso di disturbi occasionali e transitori o dopo l’impiego di antibiotici potete acquistare i probiotici direttamente dalla farmacia o farveli consigliare dal vostro farmacista.

    - Nel caso di patologie croniche, è bene consultare un medico esperto in modo da inserire il probiotico in una strategia terapeutica più ampia e individualizzata.
    A volte, la sola somministrazione di un probiotico non è sufficiente per risolvere i problemi, perché la flora intestinale è solo uno dei componenti dell’ecologia intestinale.
    Allora, bisogna assumere altri prodotti per intervenire su tutto il sistema.

    L’omeopatia, l’omotossicologi a e altre terapie naturali olistiche si associano egregiamente con la probiotica.

    Vorrei sottolineare che, contrariamente a certa pubblicità, i probiotici commerciali non sono in grado di ricolonizzare l’intestino, se non temporaneamente.
    Voglio dire che, finché assumete fermenti questi si riproducono e assolvono al loro benefico compito. Il momento in cui non li prendete più, tempo qualche giorno o settimana, questi scompaiono dal vostro intestino. Pertanto, è importante, soprattutto nelle forme croniche, assumere i probiotici per alcuni mesi.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 23/11/2011 alle 11:34

  20. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,008
    Come si assumono ?

    I probiotici del tipo lattobacilli e bifidobatteri si assumono durante i pasti.
    In questo modo superano meglio la barriera acida dello stomaco. Inoltre, da che mondo e mondo, l’uomo ha assunto i microbi alimentari sempre insieme agli alimenti e mai da soli.

    Il Saccaromyces boulardii può essere assunto in qualsiasi momento.

    La polvere delle bustine deve essere sciolta in una bevanda o in un cibo, purché non caldi!

    Le capsule vanno deglutite con un bicchiere d’acqua, oppure aperte e utilizzate come la polvere delle bustine.

    Per i prodotti liquidi (sciroppi, gocce), attenersi alle istruzioni delle ditte produttrici.


    FONTE : Introduzione alla probiotica
    Ultima modifica di anna1401; 10/11/2013 alle 23:24

  21. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,008

    Lampadina Fermenti lattici - altre info

    Il nome dei fermenti lattici deriva dalla capacità che hanno di ottenere, per mezzo di un processo enzimatico di fermentazione, acido lattico dai carboidrati.

    I fermenti lattici si trovano comunemente nel latte e nel formaggio. Vengono usati per produrre bevande o latte fermentato (yogurt).
    Sono presenti nel latte materno con la funzione di "colonizzazione" dell'intestino del neonato, in cui danno origine, infatti, alla flora batterica, che qui rimarrà per tutto il proseguo della vita dell'individuo, anche se la quantità dei lactobacilli, con l'avanzare dell'età, sarà destinata a regredire progressivamente.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 23/11/2011 alle 11:35

Pagina 5 di 14 PrimaPrima 123456789 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Probiotici per l'intestino - Colon irritabile (?)
    Di erika192 nel forum Malattie, Sintomi e Consigli
    Risposte: 21
    Ultimo Messaggio: 27/04/2015, 02:28
  2. torta allo yogurt senza yogurt
    Di maria*pia nel forum Dolci
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 28/04/2008, 20:58
  3. lo yogurt
    Di pameladuka nel forum Sono a dieta...
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 28/03/2007, 21:49
  4. Cocktail di FERMENTI
    Di luretta nel forum Medicine naturali
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 17/11/2006, 21:24
  5. yogurt
    Di nel forum Sesso e Dintorni
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 25/04/2005, 03:52

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Disattivato
  • [VIDEO] code is Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato
Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai LETTORI, sulla base dei dati e delle informazioni qui forniti sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio. Le informazioni qui riportate hanno carattere puramente divulgativo e orientativo; non sostituiscono la consulenza medica. È vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione scritta.
Un dietologo e un dietista a tua disposizione. Prova la dieta online