Logo
Cerca nel forum | Cerca in tutto il sito
Ricerca personalizzata Google
Video Home fitness
sondaggi - vota
Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123
Risultati da 41 a 59 di 59

Discussione: Gli OGM (organismi Geneticamente Modificati)

  1. Registrato da
    12/12/2008
    Messaggi
    26,252

    Re: Gli OGM (organismi Geneticamente Modificati)

    Riprendo la discussione per postare questo articolo http://cattaneo-lescienze.blogautore...criminal-mais/
    "Populista: aggettivo usato dalla sinistra per designare il popolo quando questo comincia a sfuggire al suo controllo"

  2. # ADS
    Gli OGM (organismi Geneticamente Modificati)
    Video del giorno Circuit advertisement
    Registrato da
    Always
    Messaggi
    Many
     
  3. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,899

    Esito votazioni in California

    California: NO etichette su cibi Ogm
    (Tratto da: “Corriere.it – Ambiente - 08 Novembre 2012 )

    Gli elettori della California hanno respinto il referendum sull'etichettatura dei cibi geneticamente modificati, svoltosi contemporaneamente alle elezioni presidenziali.
    Se approvata, la California sarebbe stata il primo stato americano a imporre questa misura.
    I risultati finali appena resi noti dicono che la "Proposition 37", chiamata "Right to know", e' stata rifiutata col 53% contro il 47%, nonostante i sondaggi pre-voto vedessero un consenso del 60%.

    Sull'esito potrebbe aver influito una massiccia campagna pubblicitaria da 46 milioni di dollari finanziata da alcune societa' alimentari e biotech, secondo cui l'etichettatura anti-Ogm avrebbe aumentato difficolta' produttive e confusione, facendo levitare i prezzi all'ingrosso.
    Gli Stati Uniti sono il primo mercato mondiale di cibi preparati con ingredienti biotech: molti alimenti, dai cereali della prima colazione al latte di soia, sono fatti con soia, mais e altre piante transgeniche.

  4. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,899

    Re: Esito votazioni in California

    California: esito del Referendum per l’etichettatura degli OGM
    (Tratto da: “ogmbastabugie.blogs pot.it “ - giovedì 8 novembre 2012

    L’esito del Referendum, tenutosi il 6 novembre in California, volto all’introduzione dell’etichettatura degli alimenti OGM è risultato negativo.
    Il 53,1% dei votanti ha respinto la Proposta 37 contro il 46.9% a favore.
    L’approvazione della proposta sembrava sicura, in considerazione del risultato dei sondaggi che hanno preceduto il referendum.

    E’ ovvio che tale esito lascia a dir poco perplessi, in quanto la proposta 37, nel prevedere l’etichettatura dei prodotti OGM, consentiva un’informativa più trasparente, nel rispetto del diritto dei consumatori e dei loro figli di sapere cosa contiene il cibo che consumano.

    La proposta avrebbe implicato una radicale trasformazione degli attuali sistemi produttivi perché, benché confinata ad un solo Stato, costituisce in realtà parte di un programma di cambiamento più generale che mette in discussione il predominio delle multinazionali su tutta la produzione agro-alimentare.

    segue..

  5. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,899

    Re: Esito votazioni in California

    Per questo motivo le più importanti aziende del settore alimentare e biotech, quali Monsanto, DuPont, Dow Chemical, Pepsico, Kellog, Mars, Kraft e Coca Cola, hanno investito 46 milioni dollari (circa un milione al giorno) in una campagna pubblicitaria, chiamata "No on 37", condotta massicciamente su stampa e televisione, e tesa a convincere i californiani che l’etichettatura degli OGM avrebbe comportato un incremento dei prezzi e confuso le idee ai consumatori.

    Contro la “Proposta 37” si è schierata anche l’Associazione Americana per l’Avanzamento della Scienza (AAAS), secondo la quale gli sforzi per etichettare gli OGM non sono motivati dal fatto che essi siano realmente rischiosi, e che la scienza, invece, li ritiene sicuri.
    Nonostante la sconfitta, gli attivisti del “ food movement” hanno annunciato di aver già iniziato la raccolta delle firme necessarie per presentare analoghe iniziative in diversi Stati, a partire da quelli di Washington, Maine, Oregon, e New Mexico.

    Adesso si scatenerà il pandemonio nei Paesi dell’Unione Europea, in quanto l’esito del Referendum determinerà una marea di prese di posizione a favore degli OGM.

    (Tratto da: “ogmbastabugie.blogs pot.it “ - giovedì 8 novembre 2012)

  6. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,899

    Re: Esito votazioni in California

    Usa: Ogm in etichetta, vince il NO.
    (Tratto da: “slowfood.it” - 12/11/2012 - Articolo di Jacopo Corazzo - Da La Stampa di domenica 11 novembre 2012 )

    Tra le varie questioni per cui si è votato il 6 novembre negli USA, c’è un referendum che ha avuto meno eco di quelli a favore dei matrimoni gay o contro la pena di morte.
    In California la Proposta 37 chiedeva di esprimersi sul rendere obbligatoria l’etichettatura dei cibi contenenti organismi geneticamente modificati.

    Hanno vinto i No, con 560 mila voti di vantaggio su 9 milioni di votanti, un risultato prevedibile considerando la sproporzione delle forze in campo.
    L’iniziativa popolare si è fronteggiata con i soldi della grande industria: la campagna per il No contava sugli ingenti finanziamenti delle grandi aziende, Monsanto in primis, ed è riuscita a raccogliere 46 milioni di dollari contro i 7 totalizzati dagli attivisti del Sì.

    segue..

  7. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,899

    Re: Esito votazioni in California

    Eppure, anche se non è passato, il tam tam suscitato dal referendum ha rappresentato un momento importante per chi ha a cuore un cibo prodotto in maniera sostenibile.
    Come sostiene Michael Dimock, presidente di Roots of Change, una delle organizzazioni più attive nella battaglia per il Sì: «Ogni tanto è positivo perdere una battaglia: ti dà una svegliata e capisci che devi giocare meglio le tue carte.

    Questo referendum è una chiamata per i food movements: è un segno che stiamo diventando un soggetto politico».
    La campagna per il Sì aveva anche ricevuto una sorta d’investitura da Michael Pollan, autorevole pensatore di sostenibilità alimentare, che dalle pagine del New York Times Magazine aveva esortato i vari food movements, spesso attivi in ordine sparso, a unirsi in un’unica battaglia politica: non solo una crociata anti-OGM, ma una lotta per il diritto di informazione dei consumatori.

    Un tema su cui Slow Food è sensibile da sempre e che sta concretizzando con il progetto delle etichette narranti, presentate al Salone del Gusto e Terra Madre, per raccontare, oltre agli ingredienti, la storia che sta dietro un prodotto, le tecniche di produzione, i valori nutrizionali, in un percorso di sempre maggior trasparenza e chiarezza che ci dia le informazioni necessarie per effettuare acquisti responsabili.


    ( Tratto da: “slowfood.it” - 12/11/2012 - Articolo di Jacopo Corazzo - Da La Stampa di domenica 11 novembre 2012 )

  8. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,899

    Agricoltura, Ue elabora nuove regole. Le associazioni: “Regalo per Ogm”

    (Tratto da ilfattoquotidiano.it - di Alessio Pisanò - 9 giugno 2013 )

    Save our seeds: "Così si avvantaggiano multinazionali come la Monsanto e Dupont Pioneer, le uniche in grado di percorrere l'iter amministrativo determinato dalla nuova normativa"


    La nuova proposta Ue sulla commercializzazione di sementi e materiali di propagazione vegetale mette sotto scacco il biologico?
    Meglio non saltare subito alle conclusioni, ma di sicuro tra gli addetti al settore la paura è tanta.
    La Commissione europea ha recentemente pubblicato una proposta di nuovo regolamento del settore che ha come scopo ufficiale quello di rendere più sicura l’agricoltura europea e abbattere la burocrazia.
    Ma ecco che alcune Ong e associazioni di categoria parlano di regalo alle multinazionali, mortificazione dei piccoli coltivatori e addirittura di cavallo di ***** degli Ogm.

    segue..

  9. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,899

    Re: Agricoltura, Ue elabora nuove regole. Le associazioni: “Regalo per Ogm”

    Si tratta della proposta di regolamento europeo “Seed and plant propagating material”, che dovrebbe raggruppare le 12 direttive oggi vigenti in materia in un unico regolamento che entrerà in vigore nel 2016 (dopo aver attraversato le varie fasi del lungo processo legislativo comunitario).
    Sì perché quelle della salute pubblica e delle attività produttive ad essa collegate sono tra le normative europee più corpose e complesse, sia per la delicatezza della materia che per la difficoltà di stabilire standard utili per 27 Paesi diversi.
    Tra i capisaldi di questa proposta troviamo un miglioramento del sistema di registrazione delle sementi utilizzate in Europa, l’istituzione di un organo di controllo che analizzi e approvi ogni pianta e seme coltivati e maggiori controlli per quanto riguarda la coltivazione industriale.

    Quanto basta per far saltare sulla sedia tutti quei piccoli coltivatori e soggetti di mercati di nicchia, come quello del biologico non di vasta scala, che i semi li scambiano al mercato e li conservano per la semina successiva.
    La Ong tedesca Save our Seeds, ad esempio, ha parlato subito di “regalo fatto a multinazionali come la Monsanto e Dupont Pioneer”, le uniche in grado di percorrere l’iter amministrativo profilato dalla nuova normativa, se non fosse altro che per una questione di costi.
    “Con la scusa della semplificazione, della difesa della biodiversità e della tutela della piante, questa proposta consegna nella pratica tutte le sementi europee nelle mani dell’industria e dei loro certificati e brevetti”, denunciano le associazioni di categoria Réseau semences paysannes e la Coordination Européenne Via Campesina.

    segue..

  10. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,899

    Re: Agricoltura, Ue elabora nuove regole. Le associazioni: “Regalo per Ogm”

    Il primo passo verso l’istituzione dei brevetti per tutti i semi.
    Non ha dubbi Benedikt Haerlin della Sos, secondo il quale questa proposta va guardata alla luce degli scenari futuri che si delineerebbero nel mercato europeo, ovvero porte aperte alle grandi multinazionali.

    Per l’associazione, infatti, la paura maggiore si chiama appunto Monsanto, protagonista assoluta del modello agricolo americano dove tre multinazionali controllano la metà dell’intero mercato di semi.
    Ovviamente parlare della Monsanto vuol dir parlare di Ogm.
    Non è un segreto, infatti, che i semi maggiormente controllabili e lucrativi per questi giganti dell’agricoltura siano quelli geneticamente modificati.

    Solo per fare un esempio, negli Usa il 93% dei fagioli di soia sono Ogm.
    E nonostante il passo indietro fatto dalla Monsanto in Europa annunciato proprio in questi giorni, il vecchio continente costituisce da sempre un mercato più che ghiotto per la multinazionale americana.
    Non a caso Greenpeace riferisce che la società sta cercando di registrare un centinaio di brevetti di semi proprio in Europa, una dozzina dei quali sono stati già accettati.

    segue..

  11. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,899

    Re: Agricoltura, Ue elabora nuove regole. Le associazioni: “Regalo per Ogm”

    Ma come detto, stiamo parlando di scenari futuri.
    Solo una cosa è per il momento certa: almeno i piccoli coltivatori che producono per uso privato possono stare tranquilli, visto che la proposta della Commissione si applicherà solo a chi coltiva a scopi commerciali.

    Nelle prime ore dopo la presentazione della proposta della Commissione, anche i proprietari di piccoli orti e giardini privati avevano infatti temuto il peggio.

    Me se loro possono dormire sonni tranquilli, non vale lo stesso per chi di agricoltura prova a camparci, tant’è che le associazioni di categoria italiane invitano Bruxelles a fare chiarezza sui risvolti pratici sull’attività degli agricoltori e sui costi aggiuntivi che questo nuovo regolamento comporterebbe.


    FONTE : ilfattoquotidiano.it/ - di Alessio Pisanò - 9 giugno 2013

  12. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,899

    OGM: Italia conferma all’UE la messa al bando nazionale

    (Tratto da greenstyle.it - articolo di Claudio Schirru - 1/10/2015)


    L’Italia conferma alla Commissione Europea la propria volontà di messa al bando delle colture OGM.
    Una decisione che vede il Governo di Roma in buona compagnia: altri 13 Stati membri hanno scelto di percorrere il cammino italiano verso il pieno divieto di coltivare organismi geneticamente modificati.
    A tutti gli effetti il bando nazionale degli OGM è stato richiesto, oltre che dall’Italia, anche da altri 9 Paesi (Austria, Croazia, Francia, Grecia, Ungheria, Lettonia, Lituania, Olanda e Polonia) e una Regione, la Vallonia.

    A completare il gruppo di 13 vi sarebbero le notifiche, segnalate come “in arrivo” da Greenpeace, di Danimarca, Germania, Slovenia e Bulgaria, alle quali si aggiungerebbero Scozia e Irlanda del Nord (considerate Regioni).
    L’insieme delle nazioni e delle Regioni coinvolte porterebbe il fronte del no agli OGM a rappresentare il 65% della popolazione UE e il 66,2% dei terreni coltivabili in Europa.

    segue..


  13. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,899

    Re: OGM: Italia conferma all’UE la messa al bando nazionale

    (Tratto da greenstyle.it - articolo di Claudio Schirru - 1/10/2015)


    Come ha sottolineato Federica Ferrario, responsabile Campagna Agricoltura Sostenibile di Greenpeace Italia:
    Con l’invio odierno alla Commissione Europea delle richieste di esclusione di coltivare tutti gli OGM autorizzati a livello europeo sull’intero territorio nazionale, l’Italia si conferma Paese libero dagli OGM.

    Invii per i quali ci sarà tempo fino al 3 ottobre, data ultima di scadenza per la presentazione delle notifiche di bando nazionale.
    Bandi che riguarda sia l’unica coltivazione OGM già approvata dall’UE, il mais della Monsanto MON810, che le altre ancora in attesa di autorizzazione.

    Come ha concluso Ferrario:
    Adesso dobbiamo bloccare l’approvazione di nuovi OGM e rivedere completamente il processo di valutazione dei rischi e di autorizzazione degli OGM a livello europeo. È un impegno che il Commissario Jucker deve mantenere.

  14. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,899

    OGM: Parlamento UE boccia divieto per i singoli Stati

    (Tratto da greenstyle.it - articolo di Claudio Schirru - 28/10/2015)


    È arrivata come previsto la bocciatura da parte del Parlamento UE sulla normativa che consentiva il divieto agli OGM per i singoli Stati membri.
    Il progetto di legge comunitario avrebbe permesso a ciascun Paese di vietare la vendita e la coltivazione sul proprio territorio anche di alimenti geneticamente modificati già approvati dalle istituzioni europee.

    Netta la bocciatura da parte del Parlamento UE, avvenuta con il voto favorevole di 579 eurodeputati (106 contrari e 5 astenuti), per il progetto di legge che avrebbe consentito ai singoli Stati di vietare gli OGM.
    A giustificare tale rifiuto le preoccupazioni espresse da alcuni Paesi circa la possibilità che tali divieti fungessero da "apripista per nuove barriere alla circolazione dei beni tra i Paesi comunitari".

    Portavoce di questo dissenso l’eurodeputato italiano del PPE Giovanni La Via, relatore della proposta di rigetto, che ha dichiarato:
    Il voto di oggi ha inviato alla Commissione europea un chiaro segnale. Questa proposta potrebbe andare contro ciò che si è ottenuto con il mercato unico e con l’unione doganale. Non è stata fornita nessuna valutazione sulle potenziali conseguenze o su altre opzioni percorribili.

    segue..

  15. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,899

    Re: OGM: Parlamento UE boccia divieto per i singoli Stati

    (Tratto da greenstyle.it - articolo di Claudio Schirru - 28/10/2015)


    Credo che questa proposta potrebbe avere conseguenze negative sull’agricoltura comunitaria, che dipende fortemente dalle forniture di proteine provenienti da fonti OGM, e potrebbe anche avere effetti negativi indiretti sulle importazioni.
    Infine, sussistono preoccupazioni circa la possibilità che questa proposta possa essere applicata, poiché non ci sono controlli alle frontiere nell’UE.
    Il Parlamento UE ha poi rivolto un invito alla Commissione Europea affinché presenti un nuovo progetto di legge in materia.

    Critica in merito al probabile rifiuto da parte dell’assemblea comunitaria Greenpeace, che già prima del “verdetto” europeo aveva affermato, attraverso Franziska Achterberg (ufficio europeo di Greenpeace), il suo scetticismo riguardo l’atteggiamento comunitario in materia:

    La proposta della Commissione europea verrà probabilmente rigettata dall’Europarlamento e l’ostilità degli eurodeputati verso il piano è anche il risultato del fatto che la Commissione europea non abbia rivelato le sue reali motivazioni.

    Abbiamo richiesto una serie di documenti sul piano di ‘opt-out’ di cibi e mangimi OGM, ma quello che abbiamo ricevuto sono dei fogli che non rivelano nulla di più di un grande entusiasmo della Commissione per un evidenziatore nero.

    Il fatto che una questione sia controversa non significa che la Commissione possa ignorare le regole europee sulla trasparenza.

  16. Registrato da
    28/10/2015
    Messaggi
    6

    Re: Gli OGM (organismi Geneticamente Modificati)

    gli ogm sono il male minore...pensate a quanto fa male il cellulare, piuttosto! a confronto i mandaranci sono un toccasana

  17. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,899

    Re: Gli OGM (organismi Geneticamente Modificati)

    Citazione Originariamente Scritto da rintintin701 Visualizza Messaggio
    gli ogm sono il male minore...pensate a quanto fa male il cellulare, piuttosto! a confronto i mandaranci sono un toccasana
    Abbiamo parlato anche di quello in questa discussione--> http://www.sanihelp.it/forum/medicin...ght=telefonini

  18. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,899

    Pesticidi e OGM: Monsanto a processo per ecocidio

    (Tratto da: Greenstyle.it)


    La multinazionale biotecnologica Monsanto verrà processata simbolicamente da un gruppo di associazioni civiche, ambientaliste e agricole per crimini contro l’ambiente e l’umanità.
    L’annuncio è arrivato nei giorni scorsi dall’Organica Consumers Association, una delle associazioni promotrici dell’iniziativa ribattezzata Monsanto Tribunal.

    L’OCA ha indetto una conferenza stampa in concomitanza con la COP21 di Parigi spiegando che il colosso americano dovrà rispondere di ecocidio davanti a un tribunale civico composto da scienziati, attivisti e ambientalisti.
    Il procedimento si svolgerà dal 12 al 16 ottobre 2016 all’Aja in Olanda.

    La “sentenza” verrà emessa il 16 ottobre in occasione della Giornata mondiale dell’alimentazione.

    Secondo Ronnie Cummins, direttore internazionale dell’OCA, i suoli sono ormai divenuti incapaci di assorbire i gas serra in eccesso a causa della deforestazione, dell’agricoltura intensiva e dell’inquinamento imputabile all’industria biotecnologica. Per via dell’impoverimento dei suoli il riscaldamento globale è destinato a peggiorare.
    L’atmosfera continuerà a riempirsi di CO2 e metano.

    segue..

  19. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,899

    Re: Pesticidi e OGM: Monsanto a processo per ecocidio

    (Tratto da: Greenstyle.it)


    Le associazioni che hanno di deciso di processare la Monsanto si finanziano grazie al crowdfunding e vogliono andare ben oltre un processo simbolico.

    La giuria civica valuterà le accuse e le prove contro la Monsanto accertando i crimini commessi dalla multinazionale nei confronti della salute pubblica e dell’ambiente.

    Malgrado alla multinazionale non possano essere inflitte pene gli attivisti sperano di poter dimostrare per la prima volta che l’ecocidio è un crimine e andrebbe perseguito penalmente a livello internazionale.

    Secondo Vandana Shiva è tempo che la Monsanto paghi per i crimini commessi contro l’ambiente. L’attivista indiana paladina della biodiversità sostiene che la compagnia si è macchiata di molti reati gravi contro la società e la Natura:

    dal depauperamento del suolo al sovrasfruttamento delle risorse idriche;
    dall’estinzione di diverse specie al fallimento di milioni di piccoli agricoltori in tutto il mondo.

    Gli attivisti sostengono che centinaia di agricoltori hanno tentato il suicidio a causa delle pressioni della Monsanto.
    Migliaia di persone si sarebbero ammalate e sarebbero morte per via delle tonnellate di sostanze tossiche disperse nell’ambiente.

    segue..

  20. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,899

    Re: Pesticidi e OGM: Monsanto a processo per ecocidio

    (Tratto da: Greenstyle.it)


    I prodotti sotto accusa sono
    il PCB, pericoloso per la fertilità umana e gli animali;
    l’erbicida RoundUp;
    l’erbicida Lasso già messo al bando in Europa;
    le sementi geneticamente modificate.

    Secondo gli ambientalisti questi prodotti avrebbero causato gravi danni ambientali e sanitari.

    Tra i prodotti del colosso finiti sotto inchiesta figura anche un composto impiegato per realizzare un’arma chimica nota come Agent Orange che causa malformazioni congenite e cancro.

    La decisione di processare simbolicamente la Monsanto è stata accolta con favore da molti gruppi ambientalisti e associazioni di agricoltori.

    Non sono però mancate le critiche sull’utilità di un simile procedimento.
    Il tribunale non è una corte riconosciuta a livello internazionale e non può in alcun modo punire la Monsanto in caso di una sentenza di colpevolezza.

    I promotori dell’iniziativa replicano alle critiche spiegando che questo processo verrà utilizzato come punto di partenza per una vera e propria causa contro la Monsanto.

    La giuria in questa fase valuterà se ci sono gli elementi per procedere a tutti gli effetti contro la multinazionale biotech americana.

Pagina 3 di 3 PrimaPrima 123

Discussioni Simili

  1. Italiani geneticamente domati per essere schiavi
    Di luca468 nel forum Chiacchiere politiche
    Risposte: 107
    Ultimo Messaggio: 03/08/2014, 12:34
  2. OGM - cibi geneticamente modificati
    Di nel forum Alimentazione
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 25/03/2005, 16:46

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Disattivato
  • [VIDEO] code is Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato
Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai LETTORI, sulla base dei dati e delle informazioni qui forniti sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio. Le informazioni qui riportate hanno carattere puramente divulgativo e orientativo; non sostituiscono la consulenza medica. È vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione scritta.
Un dietologo e un dietista a tua disposizione. Prova la dieta online