Logo
Cerca nel forum | Cerca in tutto il sito
Ricerca personalizzata Google
Video Home fitness
sondaggi - vota
Pagina 6 di 7 PrimaPrima ... 234567 UltimaUltima
Risultati da 101 a 120 di 122

Discussione: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

  1. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

    (Tratto da : metodokousmine.it)


    VITAMINE ecc..


    Le vitamine, i sali minerali, i microelementi della nutrizione sono assunti in modo sufficiente attraverso l'alimentazione. Solo in caso di malattia o di carenze accertate conviene ricorrere ad integratori, secondo il consiglio del medico kousminiano.

    Assumere vitamine in modo artificiale e disequilibrato si è spesso rivelato controproducente od addirittura dannoso.
    Il nostro organismo, attraverso il processo evolutivo, è ottimizzato per utilizzare tutti questi complessi elementi nel mix con cui si presentano in natura, con il delicato equilibrio di interconnessioni e sinergie che hanno tra di loro.

    Il modo migliore per avere tutte le vitamine che servono è quello di avere un'alimentazione:
    • varia, anche per evitare intolleranze
    • con prodotti di qualità, il più freschi possibile
    • cotti - se devono esserlo - in modo dolce.


    Tutti i cibi che consumiamo contengono vitamine. Ma differenti per quantità e qualità: non sono uguali le vitamine dei cereali, quelle della verdura e frutta, quelle delle carni, quelle dei grassi…
    Ma anche all'interno delle singole categorie qualità e quantità sono diverse: la zucca ha vitamine e sali minerali diversi dal finocchio, la ciliegia dalla mela…

    Consumiamo rigorosamente frutta e verdura di stagione.
    La possibilità di trovare nei supermarket prodotti fuori dalla loro stagionalità, ha indotto cattive abitudini alimentari.
    I pomodori, le melanzane, i vari frutti si trovano ormai tutto l'anno: non è un caso che siano aumentate vertiginosamente le intolleranze alle solanacee e ad alcuni frutti.

    Le principali fonti di vitamine (soprattutto delle idrosolubili ma non solo) e di altri antiossidanti (bioflavonoidi, indoli, licopene, ecc.) sono certamente verdura e frutta.

    segue..

  2. # ADS
    l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione
    Video del giorno Circuit advertisement
    Registrato da
    Always
    Messaggi
    Many
     
  3. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

    (Tratto da : metodokousmine.it)



    Alcune osservazioni:

    La frutta

    Ê importante consumare frutta tutti i giorni, a partire dalla colazione (uno dei momenti migliori per assumerla).
    La frutta è importante, ma meno essenziale degli ortaggi: evitiamo di consumarne troppa: 150-250 gr di frutta al giorno potrebbero essere un consumo ragionevole.
    Meglio mangiarla a colazione e tra i pasti, evitate di consumarla dopo i pasti: potrebbe aumentare fermentazioni intestinali dannose, soprattutto con frutta zuccherina come i fichi e l'uva.
    Ideali sono naturalmente i frutti di bosco: mirtilli, lamponi, fragole, ribes, more, ecc.


    Le verdure

    Intendo per verdure tutti gli ortaggi non farinacei (come le patate).
    Sono la fonte più importante delle vitamine idrosolubili e di essenziali sali minerali. Vanno consumate in notevole quantità.
    Noi consigliamo con fermezza di introdurre ogni pasto con una ciotola abbondante di verdure crude in insalata, alternandole tra quelle di stagione (radicchi, cicoria, lattuga, finocchi, carote, pomodori, peperoni, sedano, cavoli, ecc.).

    Più abbondanti verdure cotte come contorno ai piatti successivi.
    L'abitudine di consumare verdure solo come contorno del secondo piatto non permette di raggiungere la quantità di verdure consigliata dalle linee guida dell'OMS.

    La cottura distrugge o riduce alcune vitamine, peggio ancora la cottura in acqua. Ma migliora l’assimilazione di altre: per es. il betacarotene è più assimilabile nelle carote cotto che in quelle crude (fino a quattro volte di più).
    Il licopene è assimilabile solo nel pomodoro ben cotto e non nel pomodoro crudo.
    Quindi è bene abbinare verdure crude e cotte.

    segue..

  4. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

    (Tratto da : metodokousmine.it)


    Privilegiate cotture dolci come la cottura a vapore, al cartoccio (con carta da forno), al sugo.
    Ogni volta che potete consumate le verdure crude.
    Anche i cavoli, i cavolfiori, ecc. possono essere consumati crudi, tagliati finemente.
    Le verdure della famiglia dei cavoli perdono molte proprietà nutritive se troppo cotte o non ben masticate.
    Tritate le verdure o preparatele julienne all'ultimo momento, appena prima di servirle, altrimenti ci sarebbero dannosi processi di ossidazione.


    Le altre fonti di vitamine

    Ovviamente ci sono altre fonti di vitamine, altrettanto importanti.
    Le vitamine liposolubili sono prevalentemente contenute nei prodotti animali.
    In questo senso una dieta strettamente vegetariana (senza neppure uova o pesce) può essere pericolosa. Difficilmente potrebbe fornire per es. il quantitativo sufficiente di VIT B12.
    Tenete conto che anche i legumi sono fonti importanti di vitamine, soprattutto dopo un ammollo prolungato che, iniziando la germinazione, aumenta notevolmente la percentuale di alcune vitamine.

    segue..

  5. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

    (Tratto da : metodokousmine.it)

    L' ACQUA

    Siamo animali acquatici. Sia per la nostra origine evolutiva, provenendo remotamente da animali che si sono sviluppati in un ambiente acquatico. Sia per i componenti del nostro organismo: Sono composti di acqua:
    Il 60% nel bambino
    Il 45% nell’adulto


    L’acqua è essenziale

    • per i processi biochimici del nostro organismo
    • per il trasporto delle sostanze nutritive
    • per lo smaltimento dei rifiuti.


    Il fabbisogno idrico del nostro corpo varia da 2,5 litri a 4,4 litri, di diversa origine:

    • Endogena, dai fenomeni di ossidazione (circa 400 ml)
    • Esogena, introdotta dall'esterno: da liquidi ingeriti (deve essere almeno 1 litro e mezzo) e da cibo (circa 1 litro e mezzo).



    Il meccanismo fisiologico della sete

    • Disidratazione cellulare
    • Disidratazione extracellulare (osmorecettori).

    I meccanismi della sete vengono disturbati da
    • Consumo eccessivo di caffè e di alcol
    • Consumo eccessivo di zucchero
    • Consumo eccessivo di carne
    • Vecchiaia.

    segue..

  6. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

    (Tratto da : metodokousmine.it)


    Squilibri nel consumo dell’acqua

    Per eccesso
    • Diluizione eccessiva dei sai nell’organismo con squilibrio della pompa sodio potassio
    • Se assunti durante i pasti eccessi di acqua possono dare difficoltà digestive

    Per difetto
    • Calcoli renali
    • Iperuricemia
    • Scarso smaltimento degli azotati
    • Stitichezza
    • Squilibrio della pompa sodio potassio -> ischemia cardiaca.



    Quale acqua?
    Ovviamente l’acqua deve essere
    • Priva di inquinanti (fertilizzanti, pesticidi, solventi clorurati…)
    • Non troppo “dura” (mineralizzata). I Sali delle acque non sono quasi mai utilizzabili dal nostro organismo
    • Non troppo clorata
    • Non troppo fredda
    • Non gasata.

    L’acqua degli acquedotti italiani è tra le migliori del mondo, migliore spesso dell’acqua minerale in bottiglia. Salvo particolari situazioni, preferite l'acqua del rubinetto.

  7. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

    (Tratto da : metodokousmine.it)


    Le intolleranze


    I meccanismi della tolleranza


    Il nostro sistema immunitario (SI) ha, tra gli altri compiti, quello fondamentale di distruggere ogni aggressore.
    Il suo problema fondamentale è distinguere tra il sé e l’altro da sé; ciò comporta la costruzione di un sistema di neutralizzazione delle aggressioni verso il sé, il cui apprendimento inizia già prima della nascita, ma si sviluppa soprattutto già nei primi mesi di vita del bambino.

    La tolleranza immunitaria è appunto lo stato in cui il SI non reagisce distruttivamente contro le strutture dell’organismo o contro antigeni che vengono prodotti dall’organismo stesso 1. (sono gli antigeni self, contrapposti agli antigeni non self, cioè gli antigeni esogeni che aggrediscono l’organismo).

    (note: 1. Strutture potenzialmente antigeniche sono presenti anche nelle cellule, a livello dei nuclei, del citoplasma e delle membrane cellulari o possono essere secrete in circolo)

    Un sistema immunitario che funziona bene ha la capacità di distinguere gli antigeni self e gli antigeni non self, in modo da rispondere distruttivamente solo agli antigeni provenienti dall’esterno.
    Perché questo avvenga, una serie di meccanismi neutralizzano queste risposte distruttive
    • il non funzionamento
    • o l’eccessivo funzionamento di questi meccanismi
    crea allergie e intolleranze.
    Dobbiamo capire la differenza fondamentale che distingue le allergie e le intolleranze, ma anche le loro reciproche relazioni.

    segue..

  8. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

    (Tratto da : metodokousmine.it)


    ALLERGIE

    * Risposta immediata anche in presenza di minime quantità

    * Implicano l’intervento
    - delle IgE (ad alta intensità= reagine)
    - e quindi dei mastociti
    * Suppongono una predisposizione ereditaria all’abnorme attività immunologica (atopia)
    * Sono facilmente constatabili

    INTOLLERANZE


    * Risposta lenta

    * Attivazione delle cellule Th
    - rispondono alla ripetizione dello stimolo
    - per un tempo prolungato
    * In un certo senso il SI riconosce il nemico e lo tiene d’occhio, cercando di limitare i danni
    * Scoppiano solo se si supera la soglia di controllo
    * Più difficili da constatare, spesso subdole


    segue..

  9. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

    (Tratto da : metodokousmine.it)


    I meccanismi dell’intolleranza

    Interferenze tra allergie e intolleranze.
    L’immunoflogosi a distanza per intolleranza alimentare

    E’ ormai noto come i processi infiammatori in corso di allergopatie siano mediati da modificazioni tissutali conosciute con il termine di immunoflogosi allergica (Kaplan A.P., Non allergic allergies, cytokine networks, & Welcome to San Francisco, ACI News, 1991;3;1-3).

    Le cellule immunitarie presenti sulla parete intestinale si attivano e producono sostanze attivanti l’infiammazione (tipo istamina, ecc.)
    Le sostanze infiammatorie e le interleuchine regolatorie rilasciate dalle cellule non rimangono “in sede” ma si diffondono a tutto l’organismo.
    Alla fine compare in loco (naso o gola o bronchi o epidermide…) un fenomeno flogistico su base immunitaria (Kaplan A.P., Non allergic allergies, cytokine networks, & Welcome to San Francisco, ACI News, 1991;3;1-3).

    Perché questo avvenga si richiedono normalmente due presupposti:

    • una predisposizione dell’organismo, legata spesso alla familiarità, che caratterizza persone atopiche, predisposte alle allergie, ma anche alle intolleranze. Queste persone presentano in genere un alta presenza di IgE;
    • uno stato di infiammazione minima persistente.

    Questo sottolinea ancora una volta l'importanza dell’alimentazione e la centralità dell’intestino nell’equilibrio immunitario. Il loro disordine è una delle principali cause dell’infiammazione minima persistente.

    segue..

  10. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

    (Tratto da : metodokousmine.it)


    L’infiammazione minima persistente
    È meno di dieci anni che è stato scoperto e definito il concetto di infiammazione minima persistente (Congr. Europeo di Allergologia, Birmingham 1998/6).
    È legata a molti fattori di disturbo, ma soprattutto all’alimentazione non corretta e/o al fumo e/o allo stress.

    L'infiammazione minima persistente
    • sostiene e amplifica la reattività dell’organismo
    • anche in presenza di modeste quantità di IgE.

    Di qui il verificarsi di fenomeni patologici anche in distretti lontani dell’organismo.
    Per es.
    • un mal di testa refrattario a qualsiasi cura
    • un’infezione resistente
    • la distruzione di parti del sistema nervoso (mielina), ecc.
    • disturbi cutanei: acne, dermatosi atopiche, ecc.
    • disturbi cardiaci non correlati a problemi vascolari

    segue..

  11. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

    (Tratto da : metodokousmine.it)

    Intolleranze e psiche

    Molti disturbi del comportamento possono essere legati alle intolleranze

    Legami diretti:
    • Il SI è in stretta correlazione con la rete nervosa (Bulloch e D.Felten, Noradrenergic and peptidergic innervation of lymphoid tissue, J. Immunol. 1985; 135;755-765)
    • è in grado di produrre recettori per i principali neurotrasmettitori (cerebrali e ipotalamici) e neuropeptidi


    Legami indiretti:
    • Produce neurormoni e altre sostanze in grado di influenzare il sistema nervoso (Pert C. et al. Neuropeptides and their receptors: a psychosomatic network, J. Jmmunol. 1985; 2: 135. Blalock J. E., Neuroendocrinoimmuno logy, III ed., Karger, Basel, 1997)Per es. l’istamina, la serotonina, numerose interleuchine.
    • La psiche e il corpo hanno una relazione bidirezionale
    • La psiche influenza il corpo
    • Ma il corpo influenza la psiche. In particolare uno stato infiammatorio dell’apparato gastrointestinale (soprattutto del tenue e del colon) può creare depressione, nervosismo, apatia, ecc.


    Alcuni esempi di influenza delle intolleranze sulla psiche:

    Il bambino
    • che non sta mai fermo
    • che tocca tutto nervosamente
    • che stenta a mantenere la concentrazione
    • con sonno agitato
    • con scrittura improvvisamente disordinata.

    L’adulto con
    • insonnia
    • irritabilità
    • depressione.

    segue..

  12. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

    (Tratto da : metodokousmine.it)

    Per uscirne

    Cure mediche e allergie

    L’allergia non è (come si pensava) un eccesso di difesa dell’organismo, ma un segnale di debolezza e di disordine. Curare i sintomi con terapie che rimuovono il segnale, diminuendo le difese immunitarie, è aggravare lo stato di salute del paziente.
    Ovviamente di fronte a situazioni di urgenza occorre intervenire immediatamente sui sintomi non sopportabili, ma occorre grande cautela.

    In particolare con l’uso di:
    • antibiotici
    • antipiretici
    • cortisonici
    • degli analgesici.

    Attenzione anche alla presenza di metalli pesanti (per es. il mercurio delle amalgame dentarie).

    RIMUOVERE I DIFETTI DELL’ORGANISMO, NON LE SUE DIFESE!

    segue..

  13. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

    (Tratto da : metodokousmine.it)

    Gli alimenti che più frequentemente scatenano allergie e intolleranze

    Le allergie

    Praticamente tutti gli alimenti possono creare intolleranze.
    Due sono i principali fattori che possono scatenarle, all’interno della situazione di fondo della infiammazione minima persistente:

    • una predisposizione generica legata al genotipo (cioè al patrimonio ereditario di quella persona), che vede la sensibilità dei leucociti alle lectine di quel tipo particolare di nutriente;
    • l’assunzione frequente, senza intervalli, di quel cibo.
    Basti pensare a chi consuma pasta e pane tutti i giorni, in abbondanza;
    o a chi mangia pomodori tutto l’anno;
    o a chi assume notevoli quantità di latte;
    a chi consuma - quasi sempre senza accorgersi - derivati dalla soia tutti i giorni…
    Molto probabilmente le allergie sono sempre precedute e “preparate” da una o più intolleranze, che creano lo stato infiammatorio.
    È impossibile diminuire o addirittura eliminare le allergie senza identificare quali sono le intolleranze alimentari che sono a monte del fenomeno allergico.


    Le allergie alimentari sono abbastanza rare, a differenza delle intolleranze.

    Diamo l’elenco delle più diffuse:
    • latte e latticini (lattosio e diverse proteine del latte);
    • uova;
    • arachidi;
    • pesci e molluschi conchigliati (tipo vongole, cozze, ecc);
    • soia
    • frumento (l’allergia al frumento è diversa dal morbo ciliaco, più grave e che si estende a tutti i cereali con glutine);
    • noci e semi oleosi vari.

    Sono tutte identificabili nell’abito ospedaliero.

    segue..

  14. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

    (Tratto da : metodokousmine.it)

    Il cammino di guarigione

    • Identificare le sostanze che destano intolleranza
    • Eliminarle dalla dieta per un tempo sufficiente
    • “riallenare” l’organismo a tollerare le sostanze senza reazioni devastanti


    Identificare le sostanze
    Il modo più semplice:
    • astinenza (meglio con un digiuno). Seguita da
    • provocazione controllata e ripetuta a distanza
    • Gli esami ospedalieri convenzionali (ma sono pochi, solo su alcuni alimenti)
    • Gli esami non convenzionali
    • Energetici (vega e derivati, electroagopuntura secondo Voll e DRIA TEST)
    • Citotossici


    Eliminazione della reazione
    Meglio un digiuno di almeno cinque giorni, a sola acqua. È:
    • il modo più efficace e rapido
    • ha poche controindicazioni

    Oppure una dieta a bassi allergeni
    • Riso o quinoa e verdure tollerate (biete, zucchini, zucca, tacchino, carne magra di manzo, ecc.)
    • Comunque abolizione completa di
    • tutto ciò che contiene frumento
    • tutti i latticini (spesso anche uova)
    • i lieviti (il pane!!)
    • i prodotti di frumento
    • il pesce
    • le uova
    • I frutti oleosi
    • gli additivi alimentari (p.e. Tartrazina) --> sostituire ai cibi pronti cibi naturali
    • per un tempo adeguato

    segue..

  15. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

    (Tratto da : metodokousmine.it)

    “Riallenare” l’organismo

    Non è sempre possibile far accettare all’organismo, dopo un periodo di astinenza, sostanze che avevano scatenato risposte immunitarie violente.
    Ma in molti casi è possibile, ricordando però che i cibi che aveva provocato intolleranze rimarranno sostanze “sospette”: da reintrodurre gradualmente e da consumare (per sempre!) in modo saltuario e limitato.
    Come procedere?

    Dopo un periodo sufficiente di riposo, più breve per le intolleranze, molto più lungo per le allergie (talvolta per sempre: i ciliaci veri) si può provare a reintrodurre piccole quantità (per es. 60 gr. di pasta o mezza pizza, per chi ha avuto intolleranza al grano) dei cibi a cui si è risultati intolleranti una volta alla settimana

    • uno per gruppo di alimenti. Per gruppo si intendono alimenti affini. Per es. nel gruppo del frumento vi è anche il grano Kamut, il farro e la spelta e altri cereali afini. Nel gruppo dei fagioli vi sono anche gli altri legumi a cui si è eventualmente intolleranti).
    • non più di due alimenti (ovviamente di gruppi diversi) alla settimana, a due-tre giorni di intervallo.
    Per es. se sono intollerante a frumento, orzo, fagioli e soia non posso:
    • assumere al mercoledì una piccola porzione di pasta e la domenica un piccolo piatto di orzo;
    • oppure: assumere al mercoledì una porzione di fagioli e bere la domenica del latte di soia.
    Invece potrei:
    • assumere al mercoledì un piatto piccolo di spaghetti;
    • e alla domenica una porzione di fagioli o di soia.

    È probabile che ci sia qualche piccola reazione al cibo: non importa, l’organismo deve riabituarsi. Ma se le reazioni fossero più forti, quando torneremo a consumarlo dobbiamo prenderne in quantità inferiori ed eventualmente più dilazionate nel tempo.
    È più opportuno concordare con il terapeuta un piano dettagliato di reintroduzione.

    segue..

  16. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

    (Tratto da : metodokousmine.it)

    Non sottovalutiamo questa fase della terapia, che è ancora più importante del periodo di astinenza dai nutrienti che hanno indotto intolleranza.
    Accelerare troppo questa fase o sottovalutarla ha portato molti al fallimento di tutta la terapia di uscita dalle intolleranze. Così nascono molti fallimenti e molta sfiducia.



    Per i malati gravi

    Tutti i malati di malattie autoimmuni con malattie con frequenti fase attive dovranno attenersi ad una dieta più rigorosa.
    Probabilmente:
    • no per sempre alle sostanze “dannose” (quelle che inducono processi infiammatori: per es. oli fritti, oli industriali (Cis-trans), grassi idrogenati) che sono comunque proibite nel metodo Kousmine.
    • molta cautela con le altre, maggiore di quella indicata più sopra.
    • attenta osservazione dopo aver reimparato ad ascoltare il proprio corpo
    • Astinenza e dieta depurativa o digiuno ad ogni crisi della malattia.

    segue..

  17. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

    (Tratto da : metodokousmine.it)

    GLOSSARIO dell' ALIMENTAZIONE


    I NURIENTI

    Molte sostanze diverse costituiscono i nutrienti della nostra alimentazione e diverse sono le loro funzioni.
    È importante che facciamo conoscenza con loro, ne impariamo i nomi: questo ci aiuterà a comprendere meglio le pagine di questo sito.



    I nutrienti fondamentali sono:


    • i CARBOIDRATI
    • le PROTEINE
    • i LIPIDI
    • le VITAMINE e AFFINI
    • i SALI MINERALI
    • l’ ACQUA



    segue..

  18. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

    (Tratto da : metodokousmine.it)

    GLOSSARIO dell' ALIMENTAZIONE


    I CARBOIDRATI

    il “carburante” dell’organismo
    Sono la fonte “normale” di energia del nostro organismo.
    Noi possiamo trarre energia anche da altri nutrienti, come le proteine e i grassi, ma non è questa la loro funzione.
    I principali fornitori di energia devono essere i carboidrati (o glucidi).

    Sono presenti soprattutto nel mondo vegetale e nei latticini. Si distinguevano tradizionalmente in zuccheri semplici, come quelli contenuti nella frutta o come il s accarosio (il normale zucchero di cucina) e in zuccheri complessi, come l’amido dei cereali o delle patate.

    Si diceva (e lo troverete ancora anche su libri abbastanza recenti) che gli zuccheri semplici sviluppano energia prontamente disponibile mentre quelli complessi forniscono energia lentamente, prolungando così nel tempo la loro azione alimentare. Non è vero.
    Gli studi recenti hanno definitivamente assodato che la rapidità di assimilazione degli zuccheri è legata a fattori complessi: composizione chimica, presenza di fibre, robustezza della membrana cellulare, ecc.
    Tutto questo oggi viene riassunto nell'indice glicemico, che indica la rapidità con cui un cibo si trasforma in glucosio nel sangue.
    Si è così scoperto che cibi con zuccheri complessi come il riso o la patata hanno un indice glicemico molto più alto degli zuccheri della frutta (fruttosio)…

    I carboidrati producono circa 4 calorie per grammo.
    Un particolare gruppo di carboidrati è costituito dalle fibre alimentari.

    segue..

  19. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

    (Tratto da : metodokousmine.it)

    GLOSSARIO dell' ALIMENTAZIONE



    Le FIBRE ALIMENTARI

    Un particolare gruppo di carboidrati è costituito dalle fibre alimentari.
    Per definizione le fibre sono carboidrati (presenti quasi esclusivamente nel mondo vegetale) che non sono digeribili dal nostri succhi gastrici e pancreatici.
    Molte possono però essere quasi completamente digerite attraverso i batteri presenti nel nostro intestino.
    Sono nutrienti utilissimi, indispensabili nella difesa contro le malattie.
    Si pensava servissero soltanto a fluidificare le feci, ma in realtà compiono numerosi altre funzioni, legate al metabolismo dei grassi, alla produzione di acidi grassi a catena corta, al mantenimento di una sana flora intestinale.



    Le PROTEINE

    materiale di costruzione dell’organismo
    Le proteine - anzi, gli aminoacidi che le compongono - sono il principale materiale di costruzione del nostro organismo: muscoli, pelle, ossa, ghiandole sono costituiti da aminoacidi. Ma anche globuli rosii, enzimi, ormoni, anticorpi sono fatti di proteine.
    Il nostro organismo riesce a fabbricare circa metà degli aminoacidi che gli servono.
    Un’altra decina - definiti essenziali - devono essere introdotti con l’alimentazione equilibrata.
    Sono presenti nei prodotti animali in forma completa. Ma in forma altrettanto completa nell’abbinamento di cereali e legumi.

    segue..

  20. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

    (Tratto da : metodokousmine.it)

    GLOSSARIO dell' ALIMENTAZIONE



    I CEREALI

    I cereali (grano, riso, orzo, segale, miglio, mais, avena, farro, spelta, ecc), i quasi cereali (grano saraceno, quinoa, amaranto, ecc.) ed i loro derivati (pasta, pane, polenta, biscotti, pizze, fiocchi, ecc.) sono la principale fonte di carboidrati.
    Ma hanno una quantità non trascurabile di proteine, che però andrebbero in gran parte perse perché mancano di lisina, un aminoacido essenziale. Per questo devono essere combinate con i legumi, che la posseggono in abbondanza.



    I LEGUMI

    I legumi (soia, fagioli, fagioli dell’occhio, piselli, ceci, fave, lenticchie, cicerchie, lupini, ecc.) sono la principale
    fonte vegetale di proteine.
    Ma anche le proteine dei legumi (tranne quelle della soia) sono solo limitatamente assimilabili da sole, perché sono carenti di aminoacidi solforati, essenziali.
    Abbinate ai cereali, che posseggono in abbondanza metionina ed altri aminoacidi solforati, forniscono una quota di proteine equivalenti a quelle della carne.
    Per questo piatti tradizionali come pasta e fagioli, riso e fagioli, pasta e ceci, polenta con fagioli in umido, riso e lenticchie, puré di fave con fette di pane, ecc, hanno un grande valore nutritivo.
    Anche le proteine forniscono circa 4 calorie per grammo.

    segue..

  21. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Re: l Metodo Kousmine per una sana e naturale alimentazione

    (Tratto da : metodokousmine.it)

    GLOSSARIO dell' ALIMENTAZIONE



    I GRASSI:

    importanti con moderazione!
    I grassi o lipìdi, sono un importante materiale di costruzione delle membrane cellulari, ma anche di numerosi ormoni. Sono un’importante fonte di calorie (9 cal per grammo) e un importante veicolo delle vitamine liposolubili.

    Si distinguono in tre categorie:

    - saturi (senza doppi legami): quasi esclusivamente animali (ma anche l’olio di cocco, di palma e palmisti sono ricchi di grassi saturi), pericolosi se presi in eccesso perché proinfiammatori, precursori dell’eccesso di colesterolo favorendo così malattie cardiocircolatorie e stati infiammatori. Si presentano solidi a temperatura ambiente;
    - monoinsaturi (con un solo doppio legame): nell’alimentazione sono rappresentati prevalentemente dall’olio di oliva, il principale condimento della nostra dieta;
    - polinsaturi (con due o più doppi legami): prevalentemente vegetali, sono importanti nella dieta perché contengono uno o entrambi gli acidi grassi essenziali antinfiammatori (acido linoleico e alfalinolenico).

    Bisogna prestare attenzione comunque che siano assunti sempre, ma in misura moderata, perché essendo fragilissimi si possono trasformare in radicali liberi.
    I grassi vanno usati in tutti i pasti, ma con moderazione.
    Le calorie prodotte dai grassi non dovrebbero superare il 20-25% delle calorie totali.


    segue..

Pagina 6 di 7 PrimaPrima ... 234567 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Ottimismo cieco o sana consapevolezza?
    Di SP@RROW nel forum Chiacchiere politiche
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 12/05/2009, 19:16
  2. sana alimentazione
    Di emma2 nel forum 4 chiacchiere
    Risposte: 31
    Ultimo Messaggio: 05/11/2008, 12:20
  3. Per una vita sana...
    Di sofix74 nel forum 4 chiacchiere
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 02/10/2008, 17:33
  4. Un po' di sana paura dei fantasmi...
    Di stefano28 nel forum 4 chiacchiere
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 14/01/2008, 20:42
  5. Dieta sana
    Di russelpro nel forum Sono a dieta...
    Risposte: 65
    Ultimo Messaggio: 02/05/2007, 10:35

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Disattivato
  • [VIDEO] code is Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato
Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai LETTORI, sulla base dei dati e delle informazioni qui forniti sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio. Le informazioni qui riportate hanno carattere puramente divulgativo e orientativo; non sostituiscono la consulenza medica. È vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione scritta.
Un dietologo e un dietista a tua disposizione. Prova la dieta online