Logo
Cerca nel forum | Cerca in tutto il sito
Ricerca personalizzata Google
Video Home fitness
sondaggi - vota

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima
Risultati da 1 a 20 di 59

Discussione: Invalidità Civile per cefalea

  1. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116

    Invalidità Civile per cefalea

    Hanno detto al TG5 che la regione Lombardia riconosce l'invalidità civile a chi soffre di cefalea cronica, quindi anche sul lavoro si sarà tutelati. E' una bella notizia che dimostra che qualcosa finalmente si sta muovendo, speriamo che anche altre regioni seguano l'esempio ma penso di sì, l'importante è che qualcuno cominci poi le cose si muovono
    Sempre al TG5 ha parlato il dott. Roberto Sterzi dell'Ospedale Niguarda di Milano e ha detto che ora chi soffre di cefalea ortostatica può fare un intervento ( chiusura di un foro nella meninge ) che pare sia la causa di queste cefalee ).
    Be the change you want to see in the world.
    (Mahatma Gandhi)

  2. # ADS
    Invalidità Civile per cefalea
    Video del giorno Circuit advertisement
    Registrato da
    Always
    Messaggi
    Many


     
  3. Registrato da
    15/10/2006
    Messaggi
    898
    Ho sentito la notizia e sono subito venuta a cercare riscontro nel forum. Anche se vivo in Emilia-romagna sono davvero contenta e spero anch'io che presto altre regioni seguiranno a ruota. Davvero un buon segno.

  4. Registrato da
    07/11/2006
    Messaggi
    5,153
    Citazione Originariamente Scritto da normanna Visualizza Messaggio
    Ho sentito la notizia e sono subito venuta a cercare riscontro nel forum. Anche se vivo in Emilia-romagna sono davvero contenta e spero anch'io che presto altre regioni seguiranno a ruota. Davvero un buon segno.
    viene riconosciuta invalidita' civile ma non impedimeto a lavorare...nel senso che non da' diritto a pensione di invalidita'.

  5. Registrato da
    02/11/2004
    Messaggi
    25,609
    Diana ero venuta a postare la notizia,ma mi hai preceduta.Quel medico intervistato in tv,era uno dei proffessori di mia figlia,quando fece la scuola per infermiere al Niguarda di Mi.
    Cmq anch'io ho detto immediatamente che il 46% non da diritto a nulla.Non so se fa risparmiare qualcosa per le visite o indagini strumentali,esami clinici?
    Quello che vogliono coloro che soffrono di emicrania e cefalea a grappolo,il riconoscimento come malattia a se.Che ti da il diritto di fare assenza dal lavoro,e pagamento delle ore non lavorati.
    Le persone che amano troppo il denaro,devono essere cacciate fuori dalla politica.Jose Mujica, presidente dell'Uruguay.

  6. Registrato da
    07/11/2006
    Messaggi
    5,153
    Citazione Originariamente Scritto da frederika Visualizza Messaggio
    Diana ero venuta a postare la notizia,ma mi hai preceduta.Quel medico intervistato in tv,era uno dei proffessori di mia figlia,quando fece la scuola per infermiere al Niguarda di Mi.
    Cmq anch'io ho detto immediatamente che il 46% non da diritto a nulla.Non so se fa risparmiare qualcosa per le visite o indagini strumentali,esami clinici?
    Quello che vogliono coloro che soffrono di emicrania e cefalea a grappolo,il riconoscimento come malattia a se.Che ti da il diritto di fare assenza dal lavoro,e pagamento
    delle ore non lavorati.
    ..eallora tutti assenti, uffici vuoti.....perche' poi reclamizzeranno per altre malattie.....tipo l'ernia che in certi giorni impedisce di muoverti, ......colite spastica...chi piu' ne ha piu' ne metta!chi sta veramente bene oggi....
    penso invece che si potrebbe ottenere l'esenzione ticket per le visite ele medicine...

  7. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116
    Frederika il 46% serve per potersi iscrivere alle categorie protette e penso che poi a seconda del livello di invalidità si avranno degli agevolamenti. Il difficile secondo me sarà riuscire a stabilire a quale percentuale si appartiene cmq si vedrà, l'importante è che finalmente la cefalea è riconosciuta come patologia. Se qualcuno di voi presenta la domanda ci faccia sapere come procedono le cose.

    Godilia credo che chiunque soffra di una patologia invalidante abbia il diritto di essere tutelato sul lavoro. Ciò non vuol dire che poi si resta a casa e in ufficio non c'è più nessuno. Di solito chi ha la sfortuna di avere patologie croniche si sente quasi in dovere di lavorare anche più degli altri proprio per il timore che gli altri pensino che usi la scusa della malattia per lavorare di meno.
    Il sentirsi tutelati è una sicurezza e una tranquillità che mi pare siano dovute a chi lavora in condizioni meno fortunate di altri.
    Be the change you want to see in the world.
    (Mahatma Gandhi)

  8. Registrato da
    02/11/2004
    Messaggi
    25,609
    Diana,non so se l'hai capito,ma da calimero mi sono trasformata in Frederika!!! I nuovi forumisti mi scambiavano per un maschietto!!
    Le persone che amano troppo il denaro,devono essere cacciate fuori dalla politica.Jose Mujica, presidente dell'Uruguay.

  9. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116
    Quanto al fatto degli uffici vuoti, quante persone sane si fanno fare falsi certificati da medici compiacenti ?......
    Be the change you want to see in the world.
    (Mahatma Gandhi)

  10. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116
    Eh no che non l'avevo capito....... potevi cambiare in Calimera......ihihih ihih, ciao un bacio
    Be the change you want to see in the world.
    (Mahatma Gandhi)

  11. Registrato da
    07/11/2006
    Messaggi
    5,153
    Citazione Originariamente Scritto da diana1 Visualizza Messaggio
    Frederika il 46% serve per potersi iscrivere alle categorie protette e penso che poi a seconda del livello di invalidità si avranno degli agevolamenti. Il difficile secondo me sarà riuscire a stabilire a quale percentuale si appartiene cmq si vedrà, l'importante è che finalmente la cefalea è riconosciuta come patologia. Se qualcuno di voi presenta la domanda ci faccia sapere come procedono le cose.

    Godilia credo che chiunque soffra di una patologia invalidante abbia il diritto di essere tutelato sul lavoro. Ciò non vuol dire che poi si resta a casa e in ufficio non c'è più nessuno. Di solito chi ha la sfortuna di avere patologie croniche si sente quasi in dovere di lavorare anche più degli altri proprio per il timore che gli altri pensino che usi la scusa della malattia per lavorare di meno.
    Il sentirsi tutelati è una sicurezza e una tranquillità che mi pare siano dovute a chi lavora in condizioni meno fortunate di altri.
    quoto ma il difficile sara' come dici tu stabilire illimie fra il vero malato e chi come al solito presena certificati medici uno dietro l'altro..senza essere malato e senza la pauradei licenziamenti per altri vantaggi e protezioni.
    a questo punto a chi e' disoccupato dovrebbero darela pensione ..io pago di tasca mia i lavori pesanti e non percepisco niente anche se operata, per non parlare della tiroide....sono prossima al II intervento ....
    E tutto molto complicato......

  12. Registrato da
    07/03/2004
    Messaggi
    37

    Infelice uffi

    Citazione Originariamente Scritto da normanna Visualizza Messaggio
    Ho sentito la notizia e sono subito venuta a cercare riscontro nel forum. Anche se vivo in Emilia-romagna sono davvero contenta e spero anch'io che presto altre regioni seguiranno a ruota. Davvero un buon segno.

    ...si e a noi che viviamo nelle altre regioni?nulla? non mi sembra tanto una cosa normale, dovrebbe valere in tutta Italia e non solo in Lombardia. Per carità sono contenta x chi vive li', pero' noi dobbiamo stare a guardare???? :-(((

  13. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116
    Gondolina io credo che anche le altre regioni seguiranno prima o poi a ruota la Lombardia.L'importan te è che qualcuno abbia fatto il primo passo, vedrai che le cose cambieranno anche nella tua regione,abbi ancora un pò di pazienza.....
    Be the change you want to see in the world.
    (Mahatma Gandhi)

  14. Registrato da
    29/01/2007
    Messaggi
    3

    Percentuali troppo basse

    Buongiorno a tutti.

    Sono nuovo del forum e quindi auguro a tutti di poter trovare una cura adeguata prima di arrivare all' invalidità.

    Mia moglie soffre da 9 anni di emicrania cervicogenica. Dolore continuo e con attacchi forti che durano anche 15 gg. Non riesce a lavorare ed è refrattaria ai farmaci. Si intossica ma non trova giovamento.

    Ci siamo mossi gia da un anno e mezzo per il discorso invalidità e le hanno riconosciuto il 50%, quindi iscrizione alle liste speciali per il lavoro. Questo è buono per chi ha già un lavoro, ma lei si è sentita rispondere che con la sua patologia non c'erano sbocchi.

    In secondo luogo, il 50% le da diritto alle protesi ed ausili...pannolini e stampelle.

    Io penso che questa iniziativa sia una grandissima cosa, ma penso anche che dovrebbero riconoscere l'esenzione per i farmaci e il rimborso per le visite specialistiche che costano no meno di 100 € alla volta.

    Con le percentuali attuali questo non avviene ed in pratica non cambia di molto a chi ormai, non essendo stato tutelato in passato, non ha più un lavoro.

  15. Registrato da
    02/11/2004
    Messaggi
    25,609
    Litter68,ci hai esposto esattamento ciò che voglio dire...questa invalidità vale nulla.La realtà è ben più drammatico,e chi non l'ha provato,non lo può capire...in nessun caso,perchè non è spiegabile.
    Cmq le visite non è detto che bisogna farli per via privata o intramenia....ci sono i centri cefalee.Dove per la prima vista bisogna aspettare un poco di più,ma dove poi sarà il medico che ti seguè,fissa già il prossimo appuntamento.
    Non so se esistono alternative alla sole vie ufficiali di curarsi.Oltre l'antlantotec,ricord o di aver postato +/- 1 anno fa una cura alternativa,se non sbaglio in medicina naturali.Si trattava di campi magnetici,se ricordo bene.
    Credo non bisogna scartare a priori le cure alternative...perchè avere dolore giorno dopo giorno,non è mortale,ma non è vità...e io ne so qualcosa.
    Le persone che amano troppo il denaro,devono essere cacciate fuori dalla politica.Jose Mujica, presidente dell'Uruguay.

  16. Registrato da
    29/01/2007
    Messaggi
    3
    Ciao Fredrika.

    Nel mio caso i canali convenzionali non hanno portato a niente (non per mancanza di volontà da parte dei medici, ma per loro ammissione non avevano una adeguata preparazione) ed è per questo che ci siamo rivolti a specialisti ed a pagamento.

    Comunque sono d'accordo con te che non bisogna scartare nulla.

    Per quanto riguarda la cura a cui hai accennato sull'utilizzo dei campi magnetici, posso dirti che in America stanno mettendo a punto un congegno che sfrutta questo principio.
    Per semplicità dovrebbe funzionare come gli spazzolini da denti elettrici che si ricaricano per induzione. Lo scopo è di alterare il segnale del dolore tramite campi magnetici.
    Se sei a conoscenza di altre tecniche, potresti darmi indicazioni?

    Grazie

  17. Registrato da
    02/11/2004
    Messaggi
    25,609
    se torni 2 pagine indietro,trovi una lunga serie di cure alternative,postata da Diana.Cmq io di quelle cure con campi magnetici li avevo letto in un primo numere di una nuova rivista medica,che uscì 2 anni fa sotto la supervisione del dott,Veronesi.Quella rivista non so neanche se è ancora in edicola.Ho cercato nel forum di sanihelp,e ricordo di avere chiesto spiegazione al dott.Valesi,ma non lo trovo più.
    Ma ho postata una opinione sulla rivista nel sito Ciao.it...e dovrei trovare delle indicazioni...ora vedo!!!
    Le persone che amano troppo il denaro,devono essere cacciate fuori dalla politica.Jose Mujica, presidente dell'Uruguay.

  18. Registrato da
    29/01/2007
    Messaggi
    3
    Grazie mille.

    Mi ha incuriosito molto il metodo ATLANTOTEC. Vorrei avere qualche info in più da chi l' ha già sperimentata.

  19. Registrato da
    29/01/2007
    Messaggi
    11
    Citazione Originariamente Scritto da frederika Visualizza Messaggio
    Cmq le visite non è detto che bisogna farli per via privata o intramenia....ci sono i centri cefalee.Dove per la prima vista bisogna aspettare un poco di più,ma dove poi sarà il medico che ti seguè,fissa già il prossimo appuntamento.
    Salve ragazzi io ho 36 anni e soffro di emicrania da 16, ho provato diverse cose e diiverse visote ma no ho mai avutro giovamento. Sono stata per + di un anno in cura all'ospedale San RAffaele distaccamento Ville turro al centro cefalea. Beh ogni visita mi partivano 100 e + euro e al momento che ho fatto presente che non potevo continuare a spendere tutti quei soldi mi è stato detto dal medico che mi seguiva che lui aveva già i suoi pazienti conl a asl e non poteva aggiungerne altri. Ho provato a prenotare con la asl ma mi davano appuntamenti a distanza di 6 e + mesi quando invece avevo controlli magari dopo 2 mesi. Mi hanno dato nedicinali di ogni tipo, da cose per la pressione ad antiepilettici. Ho sospeso le cure perchè ad un certo punto ho iniziato ad avere attacchi di panico e crisi di ansia, ora sono in cura solo dallo psichiatra e dalla spicologa che segue le cefalee. COn loro si mi sono trovata bene, ma l'emicrania rimane. Adesso sono in gravidanza e so che avrò qualche mese di sollievo ma so già come mi è capitato la prima volta che dopo 15 gg dal parto mi ritroverò di nuovo a soffrirne.

  20. Registrato da
    29/01/2007
    Messaggi
    11
    Citazione Originariamente Scritto da godilia Visualizza Messaggio
    ..eallora tutti assenti, uffici vuoti.....perche' poi reclamizzeranno per altre malattie.....tipo l'ernia che in certi giorni impedisce di muoverti, ......colite spastica...chi piu' ne ha piu' ne metta!chi sta veramente bene oggi....
    penso invece che si potrebbe ottenere l'esenzione ticket per le visite ele medicine...
    Sinceramente non mi interessa minimanente. Io vado al lavoro anche con l'emicrania e sto a casa solo quando arrivo al livello vomito, e cià nonostante mi guardano sempre come se fosse una scusa, o quanto meno una seccatura per loro prima che per me. Appena capisco come presentare la domanda lo faccio subito, è ora che pensiamo un po a noi e non sempre agli altri.

  21. Registrato da
    02/11/2004
    Messaggi
    25,609
    Citazione Originariamente Scritto da mickymouse Visualizza Messaggio
    Sinceramente non mi interessa minimanente. Io vado al lavoro anche con l'emicrania e sto a casa solo quando arrivo al livello vomito, e cià nonostante mi guardano sempre come se fosse una scusa, o quanto meno una seccatura per loro prima che per me. Appena capisco come presentare la domanda lo faccio subito, è ora che pensiamo un po a noi e non sempre agli altri.
    Se durante la gravidanza l'emy scompare,allora è una emy ormonale.Vedrai che dopo gli 40 anni cambia e dopo qualche anno di menopause scompare. Cmq,non potresti andare al centro cefalee della Besta,il Niguarda....hanno tutti centri cefalee.La Besta lo so che ci vuole 1 anno per avere un appuntamento..però poi ti fissano già loro il prossimo appuntamento.Ti seguino nelle cure.
    Le persone che amano troppo il denaro,devono essere cacciate fuori dalla politica.Jose Mujica, presidente dell'Uruguay.

Pagina 1 di 3 123 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Cefalea Ortostatica oppure Cefalea Tensiva?
    Di Lucia1978 nel forum Cefalea Tensiva
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 09/09/2015, 18:47
  2. decreto d'invalidità
    Di demiccoenzo nel forum Malasanità - buonasanità
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 12/05/2007, 11:13
  3. decreto d'invalidità
    Di demiccoenzo nel forum 4 chiacchiere
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 14/04/2007, 00:26
  4. guerra civile
    Di markolaf nel forum 4 chiacchiere
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 19/04/2006, 12:02
  5. Morte civile?
    Di frederika nel forum 4 chiacchiere
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 24/07/2005, 17:09

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Disattivato
  • [VIDEO] code is Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato
Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai LETTORI, sulla base dei dati e delle informazioni qui forniti sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio. Le informazioni qui riportate hanno carattere puramente divulgativo e orientativo; non sostituiscono la consulenza medica. È vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione scritta.
Un dietologo e un dietista a tua disposizione. Prova la dieta online