Logo
Cerca nel forum | Cerca in tutto il sito
Ricerca personalizzata Google
Video Home fitness
sondaggi - vota

Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima
Risultati da 21 a 40 di 43

Discussione: Diagnostica strumentale per le cefalee

  1. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116

    Riferimento: Diagnostica strumentale per le cefalee

    Angio Tc e Angio Rm

    Quanto sono attendibili e sufficienti per una buona diagnosi i risultati dell’angio TC?

    Irisultati dell’angio TC sono attendibili e sufficienti sempre. Se l’esame è stato correttamente eseguito, se si è tenuto in dovuto conto l’età del paziente, che dà evidentemente il tempo di circolo completo del sangue (nel corpo di un ragazzo di vent’anni è più rapido che in quello di un signore di un’ottantina di anni), il risultato dovrebbe essere adeguato, pur non esistendo in medicina la certezza al 100%.

    Anzi, dal punto di vista diagnostico, il risultato dell’angio TC, che comunque presuppone un quesito clinico molto preciso (non si fa un’angio TC delle arterie o delle vene degli arti inferiori senza neanche sapere se si tratta di una stenosi arteriosa o di una varice venosa) proprio perché è un esame molto delicato, è molto preciso e dettagliato, perché fornisce più informazioni di quanto non possa fare l’angiografia tradizionale.

    Per una corretta esecuzione dell’esame, il quesito dev’essere quindi focalizzato in modo molto preciso e questo di solito si ha con un preventivo esame ecocolordoppler dei distretti vascolari, da esaminare successivamente.

    segue
    Be the change you want to see in the world.
    (Mahatma Gandhi)

  2. # ADS
    Diagnostica strumentale per le cefalee
    Video del giorno Circuit advertisement
    Registrato da
    Always
    Messaggi
    Many


     
  3. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116

    Riferimento: Diagnostica strumentale per le cefalee

    Angio Tc e Angio Rm


    Come si situa l’angio TC nei confronti dell’ecocolordoppler ?

    Un’angio TC dovrebbe essere in qualsiasi distretto sempre preceduta da un esame ecocolordoppler. Per esempio, nello studio degli arti inferiori si deve preventivamente sapere dall’ecocolordoppler se c’è il sospetto di una stenosi o di una occlusione arteriosa, anche perché questo comporta lievi, ma importanti modificazioni della tecnica di esecuzione dell’angio TC.

    L’ecocolordoppler, pertanto, non è stato sostituito dall’angio TC, ma continua ad essere il punto di partenza. Questo essenzialmente per due motivi: anzitutto perché a volte è sufficiente, da solo, a fare una corretta analisi; in secondo luogo perché è in grado di fornire preziose informazioni al radiologo circa i tempi di infusione del mezzo di contrasto. Tra l’altro l’ecocolordoppler è un esame relativamente poco costoso.

    Per quanto riguarda i tempi di esecuzione, invece, bisogna considerare un insieme di fattori: per fare un esame ecocolordoppler delle vene degli arti inferiori si impiega come minimo una mezz’ora, mentre per fare un’angio TC il paziente sta coricato sul lettino il tempo di mettere l’ago nella vena e successivamente l’acquisizione, quando si parte dal torace fino ad arrivare al terzo superiore della gamba, dura non più di 40 secondi, tenendo conto che il paziente, quando si è arrivati alla coscia, può tranquillamente respirare. Quindi l’angio TC è molto più rapida dell’ecocolordoppler .


    segue
    Be the change you want to see in the world.
    (Mahatma Gandhi)

  4. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116

    Riferimento: Diagnostica strumentale per le cefalee

    Angio Tc e Angio Rm


    Tuttavia, l’angio TC richiede dei passaggi, delle tappe successive, necessarie per la rielaborazione dell’esame: tutte le immagini che vengono acquisite in questi 40 secondi devono essere successivamente rielaborate in una work-station, per ottenere un’immagine assolutamente confrontabile con quella dell’angiografia tradizionale.

    Dicevamo che l’ecocolordoppler resta il punto di partenza di una corretta diagnosi. Solo successivamente viene eseguita l’angio TC o l’angio RM, a seconda dei distretti interessati. Sta al radiologo valutare quale delle due procedure è più adatta, a seconda della situazione.

    Per fare qualche esempio, l’angio TC, più veloce, è senz’altro adatta per quei pazienti che si muovono molto, come pure per i portatori di pacemaker e i claustrofobici, che potrebbero mal tollerare la RM; al contrario, l’angio RM si rivela più adatta per coloro che non vogliono sottoporsi ai raggi.

    Solo in terza battuta, dopo l’ecocolordoppler e l’angio TC o l’angio RM, si può procedere, ovviamente quando necessario, all’intervento chirurgico o angioplastica.

    segue
    Be the change you want to see in the world.
    (Mahatma Gandhi)

  5. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116

    Riferimento: Diagnostica strumentale per le cefalee

    Angio Tc e Angio Rm


    L’angio TC eseguita mediante TC multibanco come differisce dall’angio RM?


    L’angio TC differisce completamente dall’angio RM. Quello della Tac e della Risonanza Magnetica sono due principi, due tecniche, due apparecchiature completamente diverse.

    Si arriva a ottenere la stessa immagine prendendo però due mezzi completamente diversi, come può essere diverso un treno rispetto a un aereo. In realtà il risultato finale è abbastanza simile, ma il percorso per cui ci si arriva è completamente differente.

    Ci sono vantaggi dell’una e dell’altra metodica. Sicuramente il maggiore vantaggio della RM è quello di non utilizzare radiazioni ionizzanti, ma semplicemente di ottenere le immagini grazie a impulsi a radiofrequenza in un campo magnetico; la TC spirale, oggi, ha soltanto il vantaggio della maggior velocità e di un maggior numero di positività rispetto all’angio RM.

    Il numero di informazioni che fornisce oggi l’angio TC con apparecchiature multibanco rispetto alla RM sono in questo momento superiori: non sul profilo endoluminale del caso, per intenderci quello evidenziato dal mezzo di contrasto, ma per lo studio della parete del vaso, non studiabile con la RM.

    Per di più la RM, siccome non fa che captare un segnale, spesso va a confondere delle stenosi molto serrate, cioè dei restringimenti del vaso in cui c’è una diminuzione del calibro del vaso superiore al 90% con delle occlusioni, perché non riesce a rilevare il segnale all’interno del punto ristretto.

    Fonte:Chirurgiatorac ica.org
    Be the change you want to see in the world.
    (Mahatma Gandhi)

  6. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116

    Riferimento: Diagnostica strumentale per le cefalee

    Passiamo alle ecografie che sfruttano l'effetto doppler:

    Eco Doppler ed Eco Color Doppler.

    Principio del Doppler: nel tratto di un vaso sanguigno ristretto, i globuli rossi del sangue, o eritrociti, aumentano la loro velocità di flusso. Cambia così la frequenza degli ultrasuoni riflessi ('effetto Doppler').


    L'Eco Doppler e l'Eco Color Doppler sono ecografie che sfruttano appunto l’effetto Doppler. Esso si basa sulla misurazione di variazioni di frequenza fra fascio incidente e fascio riflesso da un corpo in movimento (nelle applicazioni mediche i corpi in movimento sono rappresentati dagli eritrociti (globuli rossi), o meglio dagli ammassi di eritrociti, e quindi dal sangue).

    La variazione di frequenza degli echi riflessi è in relazione alla velocità ed alla direzione dell’elemento riflettente. In clinica, ciò consente di calcolare la velocità del movimento della struttura in esame.

    segue
    Be the change you want to see in the world.
    (Mahatma Gandhi)

  7. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116

    Riferimento: Diagnostica strumentale per le cefalee

    Eco Doppler ed Eco Color Doppler

    Esistono due sistemi fondamentali di acquisizione doppler:

    1) ad onda continua (CW), in cui il trasduttore è costituito di 2 cristalli montati sullo stesso supporto, uno continuamente emittente e l’altro continuamente ricevente, ed emette un'oscillazione costante. Consente uno studio morfodinamico (cioè della morfologia e del movimento) dei flussi.



    2) pulsato (PW), in cui l’emissione è fasica, in relazione alla funzione alternata trasmettitore/ricevitore di un unico cristallo; questo sistema permette di ottenere informazioni anche sulla distanza superficie riflettente/trasduttore. Gli apparecchi ad emissione pulsata possono essere di due tipi differenti: i Color Doppler e gli Eco-Color Doppler (definiti anche duplex).

    segue
    Be the change you want to see in the world.
    (Mahatma Gandhi)

  8. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116

    Riferimento: Diagnostica strumentale per le cefalee

    Eco Doppler ed Eco Color Doppler

    L’efffetto doppler è perciò il principio su cui si basano molte tecniche ecografiche in cui si esplorano tessuti biologici in movimento.

    È quel fenomeno fisico per cui la frequenza di un’onda sonora che incontra una struttura in movimento subisce una variazione che è direttamente proporzionale alla velocità del movimento stesso.

    Gli apparecchi doppler funzionano paragonando tra loro le frequenze emessa e riflessa e misurandone la differenza; da questa misurazione è possibile risalire alla velocità del sangue ed al verso di percorrenza dello stesso.


    segue
    Be the change you want to see in the world.
    (Mahatma Gandhi)

  9. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116

    Riferimento: Diagnostica strumentale per le cefalee

    Eco Doppler ed Eco Color Doppler

    Il color-doppler si basa sullo stesso principio del doppler pulsato: tale sistema, infatti, integra l’informazione relativa ai flussi e l’immagine bidimensionale in tempo reale dove, per convenzione, i flussi in avvicinamento hanno colore rosso e quelli in allontanamento hanno colore blu.

    Nel caso della presenza di una turbolenza, per esempio in sede di biforcazione del vaso, si avrà un’alternanza di chiazze blu e rosse. È così possibile differenziare la direzione dei flussi in relazione alla sonda; tali sistemi, inoltre, aiutano a valutare la velocità ed il regime laminare (a proiettile) o turbolento del flusso.


    segue
    Be the change you want to see in the world.
    (Mahatma Gandhi)

  10. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116

    Riferimento: Diagnostica strumentale per le cefalee

    Eco Doppler ed Eco Color Doppler

    Eco doppler ed Eco-color doppler permettono di individuare la presenza di :

    Restringimenti ed occlusioni arteriose, soprattutto dovute a placche di aterosclerosi;

    Trombosi venose profonde, soprattutto degli arti inferiori;

    Varici (vene varicose) e reflussi venosi.

    Gli apparecchi Eco-color doppler consentono di ottenere, simultaneamente ed in tempo reale, informazioni su morfologia e struttura degli organi esaminati e sulle caratteristiche di flusso nei vasi al loro interno, rappresentandole sotto forma di punti variamente colorati.

    Ogni immagine color doppler, quindi, è il risultato di processi diversi, avvenuti in momenti successivi.

    L’ecocolordoppler aggiunge perciò il colore al segnale del flusso; in tal modo le variazioni del flusso sono più facilmente individuabili.
    Be the change you want to see in the world.
    (Mahatma Gandhi)

  11. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116

    Riferimento: Diagnostica strumentale per le cefalee

    Eco-color-Doppler Transcranico-TCCD

    L'EcocolorDoppler-Transcranico (TCCD) è un esame alternativo o meglio complementare per la diagnosi di PFO ( forame ovale pervio ): utilizza la tecnica Doppler per registrare il flusso nell'arteria cerebrale media. Il mezzo di contrasto viene iniettato con le stesse modalità dell'ecocardiografia e se è presente uno shunt destro-sinistro vengono visualizzate delle microbolle in un arteria cerebrale intracranica dopo pochi cicli cardiaci.

    Il TCCD è un test utile, non invasivo, e secondo studi recenti piu' sensibile delle altre metodiche utilizzate ma meno specifico non potendo fornire notizie sulle caratteristiche anatomiche e fornendo comunque solo informazioni indirette: non può valutare il tipo di shunt intracardiaco con certezza ma solo con probabilita', la struttura e la funzione cardiaca ed eventuali altre fonti emboligene.

    Si possono avere inoltre esiti falsamente positivi in caso di shunt intrapolmonare. Per queste ragioni il TCCD può essere considerato una valida alternativa all'ECO-TEE ( ecocardiogramma transesofageo ) in situazioni cliniche selezionate che andranno quindi valutate caso per caso; certamente puo' considerarsi in tutte le condizioni in cui si ricerchi una fonte emboligena cardiaca un esame complementare.
    Be the change you want to see in the world.
    (Mahatma Gandhi)

  12. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116

    Riferimento: Diagnostica strumentale per le cefalee

    Ecocardiogramma Transesofageo


    E' un particolare tipo di ecocardiogramma, detto anche ecocardiografia transesofagea. L'ecocardiogramma è un esame che permette di valutare le strutture del cuore. Allo scopo si utilizzano gli ultrasuoni, che sono onde sonore non percepibili dall'orecchio umano, che, quando incontrano un ostacolo, sono riflessi (cioè, tornano indietro).

    Come accade per gli altri tipi di ecografia, la tecnica è basata sulla riflessione degli ultrasuoni, che, nello specifico dell'ecocardiogramma , è effettuata dalle singole strutture del cuore. Gli ultrasuoni sono emessi da una sonda (uno speciale "tubo") applicata dal medico sul torace del paziente e sono riflessi man mano che incontrano le varie strutture nel torace.
    Essi ritornano così allo strumento, che li rileva e che ricostruisce l'immagine.

    L'ecocardiografia transesofagea è una variante dell'ecocardiogramma utilizzata in certi casi particolari in cui tale tecnica produrrebbe risultati incompleti. Spesso, infatti, problemi toracici o polmonari impediscono una completa valutazione di tutte le strutture del cuore con la normale tecnica ecografica.

    A ciò si ovvia con l'ecocardiografia transesofagea, che sfrutta il fatto che all'interno del torace c'è l'esofago, che passa dietro al cuore. Allora, attraverso l'esofago s'inviano al cuore gli ultrasuoni, che altrimenti non gli arriverebbero.

    segue
    Be the change you want to see in the world.
    (Mahatma Gandhi)

  13. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116

    Riferimento: Diagnostica strumentale per le cefalee

    Ecocardiogramma Transesofageo


    Come si esegue?

    Il paziente deve sdraiarsi su un lettino, disponendosi sul fianco sinistro. A questo punto gli viene inserita attraverso la bocca una particolare sonda nell'esofago (il "tubo" che dalla gola arriva fino allo stomaco), da dove vengono poi ottenute le immagini del cuore.

    L'esame dura circa una ventina di minuti. L'inserimento della sonda è alquanto fastidioso, ma può essere facilitato da un'anestesia locale (simile a quella eseguita dal dentista).
    Be the change you want to see in the world.
    (Mahatma Gandhi)

  14. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116

    Riferimento: Diagnostica strumentale per le cefalee

    Un altro esame ( molto più semplice dei precedenti ) che può essere necessario fare è

    L'elettroencefalogra mma



    L’ELETTROENCEFALOGRA MMA E’ LA REGISTRAZIONE DELL’ATTIVITA’ ELETTRICA DELLE CELLULE CEREBRALI OTTENUTA DALLO SCALPO.

    E’ UN TEST SEMPLICE, NON FASTIDIOSO E NON DANNOSO, ANCHE SE RIPETUTO FREQUENTEMENTE. PUO’ ESSERE ESEGUITO SU TUTTI I SOGGETTI, SENZA ALCUN TIPO DI CON****NDICAZIONE.

    Quando è utile fare un Elettroencefalogramm a?

    La registrazione dell’attività elettrica cerebrale è utile in alcuni disturbi del Sistema Nervoso Centrale quali perdita di coscienza, manifestazioni accessuali crisi epilettiche, disturbi del sonno, disturbi della memoria e in generale tutte le condizioni che si associano ad alterazioni transitorie o prolungata dello stato di coscienza


    segue
    Be the change you want to see in the world.
    (Mahatma Gandhi)

  15. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116

    Riferimento: Diagnostica strumentale per le cefalee

    L'elettroencefalogra mma


    Cosa è necessario fare prima di eseguire un Elettroencefalogramm a?

    • Lavarsi i capelli almeno la sera prima dell’esame.
    • Non usare lacca, schiuma o gel per la messa in piega.
    • NON E’ NECESSARIO SOSPENDERE L’ASSUNZIONE DEI FARMACI.
    • Portare con sé referti di visite specialistiche o esami relativi al problema per cui si esegue l’esame.
    • NON E’ NECESSARIO IL DIGIUNO.
    • Ricordate di spegnere il telefono cellulare prima di iniziare l’EEG.


    segue
    Be the change you want to see in the world.
    (Mahatma Gandhi)

  16. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116

    Riferimento: Diagnostica strumentale per le cefalee

    L'elettroencefalogra mma


    Come si svolge l’esame?

    L’esame viene effettuato da personale esperto, con specifica competenza culturale e tecnica.

    Siederete in una poltrona comoda e vi verranno richieste informazioni sulle vostre condizioni di salute e sui disturbi per cui effettuate l’esame.

    RICORDATE SEMPRE, PRIMA DI INIZIARE L’ESAME, DI SEGNALARE EVENTUALI PATOLOGIE CARDIACHE, SE SIETE PORTATORI DI PACE-MAKER CARDIACI O STIMOLATORI ELETTRICI, SE SIETE AFFETTI DA DISTURBI RESPIRATORI CRONICI.

    Indosserete una cuffia elastica, su cui sono predisposti gli elettrodi che, appoggiati al cuoio capelluto, registrano l’attività elettrica cerebrale.



    segue
    Be the change you want to see in the world.
    (Mahatma Gandhi)

  17. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116

    Riferimento: Diagnostica strumentale per le cefalee

    L'elettroencefalogra mma


    Il tecnico applicherà all’interno degli elettrodi un GEL elettroconduttore (inodore, incolore, anallergico) che consente il contatto elettrodi – cuoio capelluto.

    L’esame dura circa 20 minuti. Si svolge quasi per intero ad occhi chiusi.

    Durante i primi 10 minuti vi chiederemo di aprire e chiudere gli occhi più volte.

    Durante i restanti 10 minuti vi faremo eseguire due semplici e non dolorose manovre: una respirazione profonda prolungata ed una stimolazione luminosa intermittente.


    segue
    Be the change you want to see in the world.
    (Mahatma Gandhi)

  18. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116

    Riferimento: Diagnostica strumentale per le cefalee

    L'elettroencefalogra mma

    Dopo l’esame

    Non si verifica alcun tipo di fastidio o disturbo legato al test svolto.
    Una volta asciugato, il gel non lascia traccia.

    Vi verrà consegnato un foglio con le indicazioni precise su data, giorno e orario del ritiro del referto.
    Be the change you want to see in the world.
    (Mahatma Gandhi)

  19. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116

    Riferimento: Diagnostica strumentale per le cefalee

    Rachicentesi (Puntura Lombare - PL)

    CHE COS'E' -

    È un esame invasivo attraverso cui si può prelevare una quantità di liquido cerebro-spinale, o liquor cefalo-rachidiano, da esaminare come si fa, ad esempio, con i prelievi di sangue.

    Il liquor circonda e protegge il cervello ed il midollo spinale, serve sia da "cuscinetto" protettivo che per il nutrimento e lo smaltimento delle sostanze da eliminare.

    segue
    Be the change you want to see in the world.
    (Mahatma Gandhi)

  20. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116

    Riferimento: Diagnostica strumentale per le cefalee

    COME SI ESEGUE -

    Viene eseguito da un medico che, in modo assolutamente sterile, utilizza un sottile ago facendolo penetrare tra due vertebre a livello lombare, dove non vi è possibilità di danneggiare il midollo.

    Si esegue la misurazione della pressione liquorale e si preleva poi il liquor da inviare in laboratorio per le analisi del caso.

    Si possono effettuare anche delle manovre per valutare come la cavità lombare che contiene il liquor sia in connessione con le cavità che lo contengono a livello cerebrale (ventricoli, cisterne e spazi meningei).

    Si possono infine, in situazione particolari, iniettare nel liquor dei farmaci per curare direttamente malattie che interessano il cervello.

    segue
    Be the change you want to see in the world.
    (Mahatma Gandhi)

  21. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116

    Riferimento: Diagnostica strumentale per le cefalee

    A CHE COSA SERVE -

    L'analisi del liquor fornisce informazioni su eventuali stati infiammatori, come nelle meningiti, nelle encefaliti o negli ascessi cerebrali.

    Può evidenziare la presenza di sangue per un'emorragia subaracnoidea anche quando la TAC sia risultata negativa.

    Possono essere rilevate cellule tumorali o ancora possono essere scoperte alterazioni proteiche o immunologiche, come nella sclerosi multipla.

    Informazioni importanti si possono ottenere misurando la pressione del liquor e infine il liquor stesso può essere un veicolo utilissimo per diffondere farmaci che devono agire direttamente sul cervello.


    segue
    Be the change you want to see in the world.
    (Mahatma Gandhi)

Pagina 2 di 3 PrimaPrima 123 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 213
    Ultimo Messaggio: 13/06/2009, 16:01
  2. Risposte: 104
    Ultimo Messaggio: 06/03/2009, 01:37
  3. Quale centro cefalee?
    Di roberth nel forum Le cefalee
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 07/01/2008, 11:10
  4. Ancora sulle cefalee
    Di godilia nel forum Emicrania
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 01/08/2007, 19:37
  5. Cefalee e inquinamento elettromagnetico
    Di monicax nel forum Cefalee varie
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 27/07/2006, 17:42

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Disattivato
  • [VIDEO] code is Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato
Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai LETTORI, sulla base dei dati e delle informazioni qui forniti sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio. Le informazioni qui riportate hanno carattere puramente divulgativo e orientativo; non sostituiscono la consulenza medica. È vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione scritta.
Un dietologo e un dietista a tua disposizione. Prova la dieta online