Logo
Cerca nel forum | Cerca in tutto il sito
Ricerca personalizzata Google
Video Home fitness
sondaggi - vota

Pagina 4 di 7 PrimaPrima 1234567 UltimaUltima
Risultati da 61 a 80 di 134

Discussione: Emicrania (con o senza aura) cure "alternative"

  1. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116
    DIAGNOSI E CURA DELLA CEFALEA

    Poichè, come detto, in medicina convenzionale non c'è la possibilità di effettuare una reale diagnosi patogenetica (proprio perchè la cefalea è la patologia funzionale per eccellenza), il problema viene in genere liquidato dicendo al paziente che è stressato. Tra l'altro bisogna notare che ben pochi medici conoscono realmente il significato del termine "stress" che fu coniato negli anni '30 dal premio Nobel di biochimica Hans Selye: la sigla "stress" significa letteralmente "sindrome da adattamento funzionale delle ghiandole surrenali". Oggi, invece, la parola stress viene usata troppo spesso e imprudentemente tutte le volte che il medico o la medicina non sono in grado di dare risposte valide ai sintomi del paziente. Questo, purtroppo, accade sempre più spesso in quanto la maggior parte delle patologie hanno basi funzionali e quindi non rilevabili dai normali esami di routine (vedi Check-up funzionale - la visita ideale).

  2. # ADS
    Emicrania (con o senza aura) cure "alternative"
    Video del giorno Circuit advertisement
    Registrato da
    Always
    Messaggi
    Many


     
  3. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116
    CEFALEA E MEDICINA BIOLOGICA

    Prima di curare alla radice e per sempre un caso di cefalea è necessario saper effettuare una corretta diagnosi differenziale che ne individui con esattezza la causa e le eventuali concause. Successivamente, in base a quanto rilevato, sarà facile predisporre la terapia più mirata possibile.

    Come si può vedere dallo schema che segue, le possibili cause della cefalea sono molte e ricercate con successo solo con un approccio realmente globale al paziente.

    1) intolleranze alimentari

    2) incompatibilità verso sostanze chimiche (farmaci, sostanze tossiche, ecc.)

    3) squilibrio energetico di organi i cui meridiani riflessi o di agopuntura arrivano al cranio (per es. la cistifellea)

    4) stress psichico o neurovegetativo (soprattutto per le cefalee muscolo-tensive)

    5) cause endocrine (soprattutto nelle situazioni premestruali)

    6) carenze nutrizionali (oligoelementi, vitamine, enzimi)

    7) cause odonto-stomatologiche (ATM, precontatti)

    8) problemi osteopatici e/o posturali (dismetria del bacino, ecc.)

    9) foci o campi di disturbo (dentali, ORL, ecc.)

    10) aumento abnorme dell'elettricità nel cavo orale

    11) elettrostaticità (vestiti sintetici, scarpe di gomma, ecc.)

    12) disbiosi, cioè alterazione della flora batterica intestinale (candidosi, ecc.)

  4. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116
    Dallo schema di capisce che le cause di un mal di testa sono quasi sempre su base funzionale e, in genere, un check-up funzionale ben eseguito è in grado di fare una reale diagnosi differenziale, permettendoci di individuare la causa precisa del mal di testa.

    Successivamente, in base alla diagnosi, verrà effettuata la terapia più idonea per quello specifico caso che, in genere, prevede un ideale protocollo nutrizionale unito a terapie biologiche da scegliere di volta in volta (omeopatia, omotossicologia, fitoterapia, ecc.). Solo nei casi più radicati si potrà ricorrere anche all'agopuntura (ciclo di 10 sedute a cadenza settimanale).

    Come sempre accade per una terapia biologica ben effettuata, i risultati sono duraturi nel tempo proprio perché il problema viene affrontato e risolto alla radice.

  5. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116
    La natura ci ha fornito tutto, anche i rimedi per curarci, vedi che è importante parlare con la gente perchè quasi ogni giorno si scopre qualche notizia nuova che può essere interessante. Hai fatto bene a fare pubblicità al nostro forum, speriamo che si aggiunga qualcuno, così avremo modo di scambiarci le notizie

  6. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116

    Messaggio Inno al magnesio !

    Ho trovato queste notizie sul "nostro" magnesio e ve le posto.

    I benefici associati a un adeguato consumo di questo elemento
    al centro del dibattito degli esperti riuniti a Lisbona
    Lisbona – È un minerale prezioso, essenziale per la nostra
    salute, ma in Italia le sue potenzialità sono quasi sconosciute. Il magnesio è
    fondamentale per l’attività di tutte le cellule, per il corretto funzionamento del
    sistema nervoso centrale, dei muscoli, compreso il cuore. Stanchezza, scarsa
    concentrazione, ansia, irritabilità, insonnia ma anche mal di testa, dolori
    muscolari, mestruazioni dolorose possono segnalare la mancanza di questo
    minerale, costituente base del nostro organismo. La carenza può nascere da
    condizioni di stress, da un’alimentazione sbagliata, da diete troppo ricche di
    proteine, dall’uso di alcuni farmaci. Spesso è sottostimata e non viene affrontata.
    L’importanza del magnesio – ben nota in America e in molti paesi europei – è
    trascurata in Italia, dove a volte non sempre l’Istituto Italiano di Nutrizione lo cita nelle tabelle della composizione degli alimenti, come invece fa correttamente con altri sali minerali come calcio e potassio. E questa scarsa conoscenza ha pesanti ricadute sulla vita quotidiana: gli italiani, secondo gli esperti, seguono una dieta troppo povera di magnesio, un apporto di circa 260 mg al giorno rispetto ai 420 consigliati.

  7. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116
    segue

    “Il magnesio – spiega la professoressa Anna Arnoldi, del dipartimento scienze
    molecolari agroalimentari dell’Università di Milano – è presente in quantità importanti
    nell’organismo, e presiede a più di 300 reazioni enzimatiche necessarie per il
    metabolismo di tutto l’organismo. Ma nel nostro Paese l’interesse della ricerca
    nutrizionale per il magnesio è stato – ed è – molto più scarso rispetto al calcio, che
    peraltro possiede alcune caratteristiche chimiche simili al magnesio e lo accompagna
    normalmente negli alimenti.
    Eppure la sua importanza è chiara: non solo piccoli disturbi ma addirittura patologie
    importanti sono dovute – secondo i più recenti studi – ad una insufficiente presenza di
    magnesio nell’organismo. “A livello dell’apparato cardiovascolare – spiega il dottor
    Francesco Visioli, del dipartimento di Scienze Farmacologiche dell’Università di
    Milano – apporti insufficienti di magnesio provocano modificazioni
    elettrocardiografich e, aritmie, innalzamento della pressione arteriosa. Alcuni studi
    hanno riportato un miglioramento della prognosi di pazienti infartuati a cui è stata
    consigliata una supplementazione con magnesio”. Integrazioni del minerale sono
    risultate efficaci anche nel miglioramento della risposta insulinica nelle persone colpite
    da diabete di tipo 2.

  8. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116
    segue

    Ma se in tutte in tutte le fasce di età il benessere è legato a un corretto livello di
    magnesio, ad essere più a rischio sono gli anziani: poiché il 50% di magnesio si trova
    nelle ossa, una sua carenza può provocare danni all’apparato scheletrico, in particolare
    favorire lo sviluppo di osteoporosi. “Due studi clinici – aggiunge il dr. Visioli – hanno
    dimostrato che la somministrazione di magnesio nelle donne in menopausa è in grado di
    aumentarne la densità ossea”. Il magnesio ha effetti benefici non solo in menopausa, ma in tutte le età della donna. Spiega la dottoressa Alessandra Graziottin, ginecologa,
    oncologa e direttore del centro di Ginecologia e Sessuologia Medica ‘San Raffaele
    Resnati’ di Milano: “Il magnesio contribuisce a migliorare il quadro clinico di pazienti
    affette da sindrome premestruale e dismenorrea, svolge un ruolo preventivo importante
    durante la gravidanza, perché riduce le possibilità di aborto nel primo trimestre, di parto
    pretermine, ipertensione, patologia fetale e neonatale. Si è dimostrato efficace durante la
    convalescenza in oncologia, nefrologia ed epatologia”.

  9. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116
    segue

    Il livello di magnesio va tenuto sotto controllo in particolari situazioni. “La pratica
    clinica – ha dichiarato il dottor Ovidio Brignoli, vicepresidente della Società Italiana
    Medicina Generale (SIMG) – suggerisce tre particolari indicazioni per l’utilizzo di
    magnesio. È utile negli episodi di aritmia cardiaca e tachicardia ventricolare; nelle
    situazioni in cui il magnesio viene eliminato eccessivamente o scarsamente assorbito,
    negli individui affetti da disturbi come sindromi da malassorbimento, episodi di vomito
    e diarrea frequenti, colite ulcerosa, alcolismo.

  10. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116
    segue

    Ma anche in tutti quei casi dove il
    paziente lamenta sintomi aspecifici come stanchezza, ipereccitabilità del sistema
    nervoso, disorientamento, disturbi del sonno, incapacità di concentrarsi, crampi notturni.
    Sta al medico escludere altre cause e valutare l’opportunità di una terapia a base di
    magnesio. Sta al paziente, informato ed educato, associare questi sintomi alla possibile
    carenza di magnesio”.
    Alcuni casi di deficit di magnesio possono anche essere indotti da disturbi del
    comportamento alimentare: “Sono spesso riscontrabili nelle donne, soprattutto nelle
    giovani – afferma la dottoressa Graziottin – che ricorrono a diete sbilanciate per perdere
    peso, utilizzando apporti eccessivi di fibre, quindi di fitati che riducono l’assorbimento
    del minerale, abusando di lassativi e diuretici o facendo ricorso al vomito auto-indotto”.
    È importante che vengano conosciuti gli effetti negativi associati a un consumo
    insufficiente di magnesio. In questo senso il ruolo del medico di famiglia appare
    importante. “Molte difficoltà che incontriamo nella pratica clinica – conclude il dottor
    Brignoli – derivano dalla scarsa conoscenza delle funzioni del magnesio anche da parte
    del medico, oltre che dalla impossibilità di avvalersi di misure di riferimento precise che
    documentino con certezza la carenza anche quando la quantità presente nel sangue
    risulta normale”.

  11. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116

    Pollice in su Magnesio e prevenzione del mal di testa

    Non solo antidolorifici e analgesici quando si è in preda alla cefalea, ma una costante e corretta opera di prevenzione per non cadere nell’abuso di farmaci. E’ questo l’approccio più attuale suggerito da uno dei massimi esperti mondiali di mal di testa, il professor Alexander Mauskop, direttore del New York Headache Center. Parte dallo studio dei meccanismi che scatenano le crisi per arrivare a individuare i rimedi più efficaci, integrando metodi ‘naturali’ alle più tradizionali molecole, talvolta gravate da notevoli effetti collaterali. Professor Mauskop, il mal di testa, nelle sue diverse forme, colpisce milioni di persone. Come affrontate il problema nel vostro centro, uno dei più famosi al mondo? Molti pazienti che soffrono di mal di testa ricorrono con successo a terapie cosiddette alternative ed è importante che anche per i medici riconoscano il valore terapeutico di questi rimedi. Nell’ attività clinica del New York Headache Center, la maggior parte dei pazienti giunge all’osservazione dopo una lunga storia di mal di testa, spesso con una storia familiare di cefalea. Il primo approccio terapeutico che adottiamo nel mio centro consiste nel suggerire al paziente di usare integrazioni di prodotti come il magnesio, la vitamina B2 e alcuni supplementi naturali derivati dalle piante.

  12. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116
    segue

    Ci sono anche tecniche come il biofeedback, una sorta di addestramento al rilassamento programmato al computer. E’ importante raccomandare al paziente di seguire un regolare programma di esercizio aerobico e di evitare la caffeina. Riteniamo che una combinazione di questi approcci sia sempre da preferire e che possono essere adottati anche da chi assume i farmaci tradizionali, poiché ci attendiamo un effetto additivo.
    Perché ritiene che questi metodi alternativi siano efficaci? Il meccanismo che rende efficaci queste sostanze deriva dal fatto che c’è sempre una loro carenza alla base del mal di testa. Ad esempio, si è riscontrato che il 50% degli individui che soffre di emicrania ha bassi livelli di magnesio nel sangue. La mancanza di questa sostanza porta ad una costrizione e spasmo dei vasi sanguigni del cervello. Le ragioni della carenza di magnesio sono da ricercare nello stress, quantità troppo basse di magnesio nei cibi e nell’acqua, ma in anche motivi genetici. Quindi il magnesio potrebbe rivelarsi elemento chiave nel trattamento del mal di testa? Una volta appurato che la causa del mal di testa è la carenza di questo minerale, basta provvedere a integrare il magnesio mancante per curare il mal di testa.

  13. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116
    segue

    Il medico può usare il magnesio sotto forma di iniezioni per risolvere un attacco molto severo, o
    consigliare i supplementi orali in funzione preventiva: nel 50% dei pazienti il magnesio si è rivelato estremamente efficace nel prevenire ulteriori attacchi. Che cosa è importante ricordare a chi volesse assumere magnesio? La terapia non provoca alcun disturbo se presa ai giusti dosaggi. Queste cure sono altrettanto efficaci rispetto ai medicinali per la prevenzione dell’emicrania, gravati da pesanti effetti collaterali. Esistono in commercio in America alcuni prodotti che contengono magnesio insieme ad altri supplementi erboristici, ma ritengo sia opportuno somministrare solo il magnesio perchè l’effetto delle piante è poco conosciuto. Questo vale soprattutto nelle donne in gravidanza. Il magnesio è in uso da moltissimo tempo anche nella prevenzione della cefalea, ma solo negli ultimi anni sono stati condotti studi scientifici che ne hanno dimostrata l’efficacia.

  14. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116
    segue

    Il magnesio quindi è di estrema importanza per prevenire e curare gli attacchi di mal di testa. Qual’ è la dieta corretta per un giusto in****to di questo oligoelemento? La dieta migliore per avere il corretto quantitativo di magnesio include vegetali a foglia larga, noci e nocciole, piselli e cereali integrali. Anche certi tipi di acqua minerale sono da preferire perchè contengono una maggiore percentuale di magnesio. Inoltre è importante ricordare che una dieta ricca di grassi può provocare difficoltà nell’assorbimento del magnesio e che una perdita anche consistente di magnesio nei cibi avviene in seguito alla cottura.

  15. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116
    Il mal di testa è un disturbo in costante crescita. Colpisce oltre il 90% della popolazione italiana almeno una volta nella vita e comporta una spesa notevole per il sistema sanitario nazionale: si calcola infatti che il costo sociale di questa malattia, tra farmaci, visite specialistiche e giornate lavorative perse, si aggiri intorno ai 6.000 miliardi l’anno. La tendenza, sviluppatasi negli ultimi anni, a ricorrere a un uso eccessivo di farmaci contro il mal di testa ha inoltre contribuito all’aumento di casi di cosiddetta ‘cefalea da abuso’, che colpisce oggi circa 2 milioni di italiani. Ricerche recenti hanno messo in luce che il ricorso a sostanze come il magnesio e altri antiossidanti potrebbe ridurre l’insorgenza degli attacchi e quindi a diminuire il ricorso a analgesici e antidolorifici. Il mal di testa, per quanto spesso sottostimato, è una vera malattia, riconosciuta a livello internazionale e compresa tra le 20 malattie più diffuse al mondo. I meccanismi alla base dell’insorgenza di questo disturbo non sono ancora del tutto chiari e spesso sono riconducibili a fattori diversi. Studi sul livello di magnesio nel sangue e nella saliva di persone colpite da mal di testa, sia durante gli attacchi che nei periodi di riposo, offrono interessanti spunti di ricerca.

  16. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116
    segue

    In particolare i risultati di uno studio condotto su giovani affetti da emicrania, con e senza aura, suggeriscono come durante gli attacchi sussista una situazione di deficit di magnesio a livello di cellule cerebrali e come, partendo da questa considerazione, si potrebbe identificare la soglia per gli attacchi emicranici e di cefalea.
    Il professor Alexander Mauskop del New York Headache Center, uno degli studiosi più noti a livello mondiale, concorda sulla opportunità di somministrare magnesio a chi soffre di cefalea, in particolare come provvedimento preventivo. Il meccanismo che rende efficace questa sostanza deriva dal fatto che c’è sempre una sua carenza alla base del mal di testa: secondo il prof. Mauskop il 50% degli individui che soffre di emicrania ha bassi livelli di magnesio nel sangue. Sarebbe proprio questo fattore a provocare costrizione e spasmo dei vasi sanguigni del cervello. Le ragioni del deficit di magnesio sono da ricercare nello stress, quantità troppo basse di magnesio contenute nei cibi e nell’acqua, ma anche in motivi genetici.

  17. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116
    Ho trovato questa notizia e ve la posto (orse ne avete già sentito parlare anche voi).Non so se sarà efficace questo sistema alternativo per curare l'emicrania però almeno sappiamo che c'è chi si sta dando da fare per cercare di debellarla . Buona giornata a tutti

    Una scossa contro l'emicrania
    Negli Usa proposto un trattamento per il caratteristico mal di testa fondato su una stimolazione magnetica «casalinga» .

    L'emicrania è un problema che affligge milioni di persone e spesso arriva inaspettata nei momenti peggiori della giornata. Per contrastarla si ricorre di solito agli antidolorifici; ma l'uso prolungato dei farmaci può talvolta procurare dei problemi. Due studi presentati al congresso della Società Americana dell'Emicrania sembrerebbero far balenare però nuove possibilità di trattamento grazie a una terapia basata sulla stimolazione magnetica transcranica (TMS, Transcranial Magnetic Stimulation).
    LA SCOSSA E IL SOLLIEVO - A somministrarla un apparecchio che genera un intenso campo magnetico e che, posto a contatto con la base del cranio, impedirebbe l'insorgere dell'emicrania se utilizzato ai suoi primi segnali (o meglio ai suoi prodromi, cioè la cosiddetta «aura»).

  18. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116
    segue

    L'uso del magnetismo in campo neurologico, non solo per il mal di testa, è, in realtà in sperimentazione già da qualche anno ma , la novità è che le ricerche presentate al congresso americano sono state condotte con uno strumento «portatile» che, secondo i produttori, potrebbe essere addirittura utilizzato a casa dai pazienti stessi (assomiglia a un phon). I risultati , in termini di sollievo (soprattutto da alcuni sintomi, come per esempio il fastidio alla luce) sarebbero molto incoraggianti e gli effetti collaterali apparentemente non degni di nota. Tuttavia molti esperti invitano a non farsi prendere da facili entusiasmi. Prima di tutto perchè «i numeri» dellle sperimentazioni in questione sono molto esegui (23 persone in uno studio e 12 in un altro) alla cautela e quindi è ovvio che sia necessario aspettare prove su un numero ben più imponente di pazienti prima di protersi pronunciare sull'efficacia e sulla sicurezza di un trattamento.

  19. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116
    Ecco Litter ti riporto a galla questa discussione così puoi vedere se trovi qualcosa di interessante per tua moglie alla quale mando un abbraccio di solidarietà e l'augurio di poter stare un pò meglio.
    Be the change you want to see in the world.
    (Mahatma Gandhi)

  20. Registrato da
    08/12/2006
    Messaggi
    148

    Terapia Mam per il dolore

    Ciao a tutti. Ho trovato un articolo interessante, dedicato al trattamento del dolore per tutti quei casi che non rispondono alle più moderne terapie farmacologiche. Si tratta di un metodo non farmacologico appunto, che si basa sull'utilizzo di onde di un certa frequenza (a seconda del caso) che ha liberato e continua a liberare un sacco di persone.
    E' rivolto in particolar modo alla cura dei dolori di origini muscolare: si è infatti scoperto che la maggior parte di essi non è provocato da un infiammazione dei tessuti ma dei muscoli.
    Viene utilizzato per diversi problemi, ma anche per le cefalee (sopratutto di origine tensiva).

    Naturalmente non è un trattamento che potrete sostenere in strutture pubbliche purtroppo, poichè è privato. Non intendo fare nessuna pubblicità al dottore che lo utilizza, in quanto sono venuto a conoscenza dello stesso mediante internet, quindi... ditemi un po che ne pensate
    Ultima modifica di francyfre; 18/04/2012 alle 16:50

  21. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,116
    Mah...che dirti Roberth, ho guardato ora il sito ma di fretta perchè ho poco tempo, me lo riguarderò con più calma. Sai ogni tanto saltano fuori queste notizie di trattamenti quasi " miracolosi"
    può essere che funzionino.....però bisognerebbe provare.....
    Be the change you want to see in the world.
    (Mahatma Gandhi)

Pagina 4 di 7 PrimaPrima 1234567 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 25/03/2009, 19:25
  2. ma quando avremo le ricariche telefoniche senza "pizzo"?
    Di 123stella nel forum 4 chiacchiere
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 02/03/2007, 23:33
  3. "amore sono indisposta" alternative
    Di ginevra84 nel forum Sesso e Dintorni
    Risposte: 70
    Ultimo Messaggio: 01/07/2006, 02:55
  4. emicrania "trasformata" e meditazione
    Di Xs4u nel forum Emicrania
    Risposte: 12
    Ultimo Messaggio: 07/04/2006, 00:27
  5. Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 16/03/2006, 23:38

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Disattivato
  • [VIDEO] code is Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato
Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai LETTORI, sulla base dei dati e delle informazioni qui forniti sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio. Le informazioni qui riportate hanno carattere puramente divulgativo e orientativo; non sostituiscono la consulenza medica. È vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione scritta.
Un dietologo e un dietista a tua disposizione. Prova la dieta online