Vorrei chiedere un vostro parere per una cosa che mi crea parecchia ansia e preoccupazione.

Lavoro da 5 anni in un'azienda come impiegata amministrativa.
Ho 25 anni e questo lavoro è monotono e ripetitivo.. ormai sto soffrendo per questa situazione da almeno 2 anni.
Non ho mai avuto il coraggio di cambiare.. piu' che altro per la delusione che avrei provocato nei miei titolari che ci tengono particolarmente a me.. hanno anche mandato a casa la ragazza che c'era prima di me per far sì che io prendessi il suo posto.
Ma ormai sono passati 5 anni e io mi trovo in serie difficoltà a stare qui.

Fatto sta che ultimamente è successa una cosa:
al mio ragazzo non rinnoveranno il contratto di lavoro e quindi si troverà in serie difficoltà qui.
Qualche mese fa però suo zio gli aveva proposto di andare a lavorare nella sua azienda (che si trova in un'altra città) e avrebbe piacere di inserirlo in azienda come socio.
Il mio ragazzo ha anche un appartamento in quella città, perchè sua mamma è nata lì e i suoi parenti sono di lì.
Inoltre suo zio sarebbe disposto anche ad assumere me come dipendente al posto di una ragazza che c'è ora con cui non si trova molto bene.
Il dilemma a sto punto è: avendo questa grande opportunità, per voi faccio bene a lasciare tutto e a trasferirmi lì con il mio ragazzo per intraprendere questo nuovo progetto?

L'azienda di suo zio so che va piuttosto bene.. sono 2 soci e con il mio ragazzo diventerebbero 3.. e so che suo zio avrebbe bisogno di una nuova persona perchè hanno parecchio lavoro, quindi in teoria dovrebbe essere tutto ok...

Voi ve la sentireste??