Salve ragazzi,
ho 19 anni e purtroppo soffro di emicrania cronica senz'aura ad alta frequenza da quando ne avevo 15. Prima gli episodi erano occasionali, tanto da non farci quasi caso, ma la situazione č nettamente peggiorata lo scorso anno. Da allora, dopo numerosi accertamenti, ho iniziato a curare questa malattia con, ahimč, scarsi risultati. Sono stata seguita al Centro Cefalee di Isernia, laddove mi hanno prescritto una cura terribile! Topiramato 2 pillole per 2 volte al giorno, Fluoxetina 1 volta al giorno, in seguito aggiungendo anche Adepril 1 volta al giorno. Il tutto integrato con magnesio, Mag 2 e anche con melatonina per un po'. La cura ha funzionato per un po', gli attacchi non sono scomparsi, ma sono diminuiti. Prima di iniziarla, la situazione era ingestibile: mal di testa ogni giorno anche per tutto il giorno. Purtroppo poi gli effetti collaterali di quei farmaci si sono fatti sentire: sonnolenza eccessiva, stanchezza, difficoltā di concentrazione. Per questo motivo, al San Raffaele Pisano di Roma mi hanno cambiato la terapia, prescrivendomi Flumagen che ora assumo da oltre 3 mesi. I risultati? Scarsissimi. Ultimamente sto accusando sonnolenza proprio come prima, per non parlare della fame innaturale che causa. Ma la cosa peggiore č che da circa 2 settimane gli attacchi sono ritornati: intensitā forte che va calando durante il giorno e poi si rinforza come se niente fosse. Prima usavo Auradol e riuscivo a placare il dolore: ora non mi fa pių alcun effetto! Ho scritto via mail alla neurologa che mi segue, sto attendendo risposta, ma intanto vi chiedo un consiglio su questa situazione che mi sta particolarmente scoraggiando. Sono una studentessa universitaria e mi ritrovo a non poter aprire libro. Da quanto ho notato, lo studio non solo peggiora le cose, ma a volte č proprio il fattore scatenante. Il mio mal di testa č uno dei motivi per cui ho smesso di seguire all'Universitā. C'č qualcosa che posso fare? Vi ringrazio.