Logo
Cerca nel forum | Cerca in tutto il sito
Ricerca personalizzata Google
Video Home fitness
sondaggi - vota
Pagina 4 di 5 PrimaPrima 12345 UltimaUltima
Risultati da 61 a 80 di 99

Discussione: Cellulite e problemi relativi

  1. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,102

    Riferimento: Ho la cellulite anche se bevo molto

    E' chiaro che il problema non sono solo i jeans stretti, che certamente comunque non sono salutari. Possono concomitare tutta un'altra serie di fattori anche costituzionali e genetici, ormonali, abitudini di vita, alimentari ma alla fine il primum movens, l'inizio del problema, un'alterazione del microcircolo che innesca una serie di eventi che finiscono poi per autoalimentarsi.
    La comprensione di questi fenomeni fondamentale per chiederci che cosa ci possiamo e cosa non ci dobbiamo aspettare da qualsiasi intervento terapeutico rivolto verso la cellulite.

    Quindi fatta questa premessa sull'inizio del processo, una cosa sicuramente opportuna "togliere l'acqua dalla barca che affonda": cio operare un bel drenaggio a livello della matrice in modo da portare via tutto quello che, di origine microvasale o altro, sporca questa prima linea attraverso cui avvengono gli scambi respiratori e metabolici, in modo da "togliere paglia dal fuoco" e attenuare tutti quei fenomeni infiammatori reattivi responsabili dell'evoluzione progressiva del processo.

    In questo senso ci viene in aiuto l'OMOTOSSICOLOGIA che fa del "drenaggio" un aspetto molto importante-anche se non l'unico- della propria strategia di azione
    dr. vincenzo valesi
    Ultima modifica di anna1401; 18/05/2010 alle 15:14
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  2. # ADS
    Cellulite e problemi relativi
    Video del giorno Circuit advertisement
    Registrato da
    Always
    Messaggi
    Many
     
  3. Registrato da
    17/05/2010
    Messaggi
    8

    Cellulite e stasi linfatica venosa di base

    SAlve, Dott Valesi!Tanto per restare in tema volevo delle dritte per quel che riguarda l'omeopatia e cellulite.
    Intanto mi presento dicendo che ho 25 anni, sono mamma di un bimbo di 11 mesi.
    La cellulite attanaglia le mie gambe da anni, ache se ovviamente stata peggiorata dalla gravidanza e dal fatto che col bimbo (e un p di restrizione economica) non ho potuto fare sport.

    Di base ho una stasi linfatica e venosa (anche venuzze in evidenza che aumentano sempre pi). Sono alta 1,75 e peso 67 kg.
    Dovrei perdere pochi chili e ci non sar difficile perch seguo da sempre una corretta alimentazione e mia madre ha deciso di regalarmi un tapis roulant in modo che possa fare un p di moto.

    L'angiologo mi ha prescritto l'anno scorso Proidema (Troxeritina, Cumarina eVitis vinifera).
    In effetti con 2 coprsse al d le gambe sono un p pi sgonfie, ma la cellulite resta.

    Volevo sapere, quali sono le cure omeopatiche pi adatte al mio caso?
    Mi hanno parlato di Natricum e Grafites, ma vorrei un parere autorevole come il suo.

    Auguro buona giornata a lei e al forum!
    Ultima modifica di anna1401; 17/05/2010 alle 15:34

  4. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,102

    Riferimento: Cellulite e stasi linfatica venosa di base

    La CELLULITE si chiama anche PANNIC ULOPATIA EDEMATOFIBROSCLEROTI CA,
    termine che evidenzia in maniera chiara la fisiopatologia di questa affezione, in cui si realizza una vera e propria sofferenza degli adipociti, la quale coinvolge anche il derma, ed evolve da una fase di EDEMA ( 1 stadio o cellulite dura) agli stadi della FIBROSI e infine di SCLEROSI, con disorganizzazione della struttura ordinata del tessuto adiposo e cedimenti tessutali (aspetto molle, cadente, della cosiddetta cellulite "molle").

    Vi spesso anche un interessameno del DERMA, pi superficiale rispetto al tessuto adiposo, che pu essere interessato dalla retrazione fibrosclerotica sottostante determinando quell'aspetto che viene definito " a buccia d'arancia")

    Spesso le varie fase sono contempraneamente presenti, e allora si parla di CELLULITE INTERMEDIA o di TRANSIZIONE, che quella che pi comunemente si riscontra dal punto di vista statistico.

    Nella CELLULITE vi una marcata sofferenza dell'ADIPOCITA
    e va distinta dall'ADIPOSITA' LOCALIZZATA, dove l'ADIPOCITA solo pi grosso e contiene pi grasso.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 03/06/2010 alle 22:53
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  5. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,102
    L'innesco di questo complesso processo determinato soprattutto da una disregolazione del microcircolo: si verifica un aumento della presione all'interno dei capillari, e questo porta a trasudazione eccessiva di siero e proteine plasmatiche.
    Questo aumento della pressione idrostatica legato probabilmente a un iperafflusso di sangue per una difettosa regolazione da parte degli sfinteri precapillari, strutture microscopiche che hanno il ruolo di disciplinare l'affllusso di sangue ai capillari sanguigni.

    Questo fenomeno pu verificarsi anche per aumento della pressione venosa a livello degli arti inferiori. Importanza anche dei fattori ormonali, nel senso di un iperestrogenismo assoluto o relativo.
    E' chiaro che anche l'impostazione terapeutica dovr tenere conto sia dei fattori causali che dello stadio devolutivo della CELLULITE stessa.

    In linea di massima il trattamento naturale, che soprattutto di tipo omotossicologico, comprende una terapia locale effettuata attraverso la tecnica della MESOTERAPIA (microiniezioni nello spessore del derma) con composti omotossiicologici mirati ad a gire sulla componente circolatoria, sulla componente ormonale, sulla fase di rimozione delle tossine dal tessuto connettivo, sulla attivazione di metabolismi eventualmente rallentati;

    E una terapia domiciliare di supporto che consiste soprattutto nel drenaggio mesenchiamale o connettivale, nonch nella regolazione della funzione degli organi emuntori fegato e reni

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 03/06/2010 alle 22:56
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  6. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,102
    E' chiaro che non si pu agire sulla componenete puramente fibrosclerotica, ma siccome il processo non uniformememte e sincronamente diffuso, si pu lavorare sulle aree di tessuto sano o in fase di interssamento iniziale, ancora reversibile, migliorando anche la microcircolazione locale che rapprsenta il bersaglio dei vari fattori patogenetici, con risultati apprezzabili dal punto di vista estetico, a cui corrisponde un miglioramento dello stato di salute. Si realizza effettivamente il motto tanto caro agli antichi greci del "bello e buono", che identificava la bellezza dell'individuo con l'effettivit del suo stato di buona salute.
    dr. vincenzo valesi
    Ultima modifica di anna1401; 03/06/2010 alle 22:56
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  7. Registrato da
    17/05/2010
    Messaggi
    8

    Riferimento: Cellulite e stasi linfatica venosa di base

    La ringrazio per la chiarezza con cui ha esposto l'argomento relativo alla cellulite.
    Ora mi chiedo, per la lipolisi, lo smaltimento delle scorie ed il rafforzamento della circolazione, cosa sarebbe miglore?
    La lipolisi, potrebbe essere affidata ai vari Calcium o meglio puntare su Natrium e Grafites?
    Ultima modifica di anna1401; 03/06/2010 alle 22:57

  8. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,102

    Riferimento: Cellulite e stasi linfatica venosa di base

    Dipende da che a cosa ci si riferisce: se all' All'adiposit localizzata o alla Pannic ulopatiaEdematoFibro Sclerotica (comunemente definita "CELLULITE")
    perch come detto si tratta di due entit fisiopatologiche distinte, sicch di conseguenza anche la terapia deve essere diversificata.
    dr. vincenzo valesi
    Ultima modifica di anna1401; 03/06/2010 alle 22:58
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  9. Registrato da
    17/05/2010
    Messaggi
    8

    Riferimento: Cellulite e stasi linfatica venosa di base

    Giustissimo dottore! Allora a giudicare dalla "diagnosi" fatta da me considerando le sue spiegazioni potrei dire con certezza che la mia vera cellulite associata ad edema e cattiva circolazione.
    Grazie e mi scusi sempre del disturbo.
    Ultima modifica di anna1401; 03/06/2010 alle 22:59

  10. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,102

    Riferimento: Cellulite e stasi linfatica venosa di base

    Anche nel campo della CELLULITE la strategia terapeutica orientata sulla base
    della fase evolutiva.
    Infatti negli stadi iniziali di cellulite cosiddetta "dura" dove prevalgono i fenomeni infiammatori e di imbibizione idrica tessutale si orientati su un intervento "riduttivo" facilitato da GRAPHITES INJEEL o HOMACCORD, nelle fasi pi avanzate di CELLULITE in cui prevalgono i macronoduli e i cedimenti tessutali si orientati su un trattamento rassodante soprattutto con SOLANUM COMPOSITUM e THUYA COMPOSITUM INJEEL.

    La maggior parte delle celluliti per sono di tipo intermedio o di transizione dove associandosi i due fenomeni si terr conto dell'uno e dell'altro.
    Sempre poi si dovr tenere conto dell'aspetto circolatorio, ormonale, di deposito delle tossine.
    La strategia terapeutica molto affidata all'intervento locale mesoterapico, e deve pertato tenere conto di tutti questi fattori fisioptaologici ed evolutivi.
    dr. vincenzo valesi
    Ultima modifica di anna1401; 03/06/2010 alle 23:01
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  11. Registrato da
    17/05/2010
    Messaggi
    8

    Riferimento: Cellulite e stasi linfatica venosa di base

    Intanto ancora grazie per le dritte.
    Se non disturbo con le mie domande mi piacerebbe sapere:
    1) molti mi hanno consigliato Natrium, ma non citato da lei come terapia anticellulite. Quindi, a cosa serve?
    2) come fare per distinguere la cellulite da una adiposit localizzata o dalla ritenzione idrica.
    3) a questo punto avrei bisogno della posologia di Grafites injeel e mi piacerebe sapere se la devo associare a qualche altro rimedio lipolitico per la cellulite di transizione.

    Spero sempre di non arrecarle disturbo...
    Ultima modifica di anna1401; 03/06/2010 alle 23:02

  12. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,102

    Riferimento: Cellulite e stasi linfatica venosa di base

    NATRUM SULPHURICUM un rimedio della cellulite della donna che ha forma a pera, cio con gambe sottli e seno piccolo, cosce grosse e fianchi larghi.
    La CELLULITE pu essere diagnosticata con la TELETERMOGRAFIA ed ECOGRAFIA DEI TESSUTI SUPERFICIALI, ma anche su base cliinica: tensione dolorosa dei tessuti nelle fasi iniziali, poi cute a buccia d'arancia, dolorabilit al pizzicotto.
    Mentre invece l'adoposit localizzata non dolorosa e non presenta i fenomeni suddetti, e inoltre spesso localizzata all'addome residuata dopo una cura dimagrante.

    La ritenzione idrica pu non essere un'entit a se stante, ma rappresentare uno dei sintomi della cellulite iniziale, o essere legata a una stasi circolatoria o linfatica, o a patologie endocrine quali l'ipotiroidismo

    La posologia di GRAPHITES INJEEL di 1 fiala alla settimana preferibilmente in mesoterapia x 10 settimane nella cellulite dura;
    se la cellulite di tranzizione dopo le prime 5 volte bene alternarla con SOLANUM COMPOSITUM e/o THUYA COMPOSITUM.

    E' opportuno continuare con un mantenimento, il primo dopo un mese, i successivi dopo 2-3 mesi.
    dr. vincenzo valesi
    Ultima modifica di anna1401; 03/06/2010 alle 23:05
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  13. Registrato da
    17/05/2010
    Messaggi
    8

    Riferimento: Cellulite e stasi linfatica venosa di base

    Il problema che non posso fare mesoterapia (per ora)...e se volessi prendere la fiala per bocca???
    Comnque, si, sono una "donna pera"...dovrei aggiungere il Natrium sulphuricum alla Graphites?

    EDIT:Edito dicendo che sono una "pera" ma non sono in sovrappeso...

    PS:mi spiace troppo doverla disturbare,ma la stimo molto e mi interessa molto il suo parere.
    Ultima modifica di anna1401; 03/06/2010 alle 23:06

  14. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,102

    Riferimento: Cellulite e stasi linfatica venosa di base

    Non detto che non possa dare qualche giovamento anche per bocca.
    Ma la via mesoterapica pi specifica per questo tipo di problema.
    dr. vincenzo valesi
    Ultima modifica di anna1401; 03/06/2010 alle 23:06
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  15. Registrato da
    17/05/2010
    Messaggi
    8

    Riferimento: Cellulite e stasi linfatica venosa di base

    Ah, buono a sapersi...prender in questo caso le gocce o gli ovuli?
    Ultima modifica di anna1401; 03/06/2010 alle 23:07

  16. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,102

    Riferimento: Cellulite e stasi linfatica venosa di base

    I prodotti a cui ci riferivamo nei precedenti post esistono solo in fiale, anche bevibili.
    Su gocce e/o ovuli, di cui non conosco n nome n composizione, non posso esprimere alcun punto di vista.
    dr. vincenzo valesi
    Ultima modifica di anna1401; 03/06/2010 alle 23:07
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  17. Registrato da
    17/05/2010
    Messaggi
    8

    Riferimento: Cellulite e stasi linfatica venosa di base

    Ok!!! Questo non l'avevo capito...
    Per la mesoterapia va iniettata una fiala a settimana e per bocca,come devo assumerla???
    Ultima modifica di anna1401; 03/06/2010 alle 23:08

  18. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,102

    Riferimento: Cellulite e stasi linfatica venosa di base

    La MESOTERAPIA una tecnica iniettiva che richiede manu medica.
    Per quanto riguarda la somministrazione orale la frequenza media di assunzione pu essere due volte alla settimana, per via sublinguale, cio trattenendo il liquido il pi possibile a contatto della mucosa sublinguale, prima di deglutirlo.
    dr. vincenzo valesi
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  19. Registrato da
    17/05/2010
    Messaggi
    8

    Riferimento: Cellulite e problemi relativi

    L'ultima cosa e poi le giuro che levo il disturbo...
    Alla fine dei conti,va presa 1)una fiala a settimana(quindi dividendola in due parti) o 2) due fiale intere a settimana?
    Se la prima opzione,la restante parte va conservata in frigo?

  20. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,102

    Riferimento: Cellulite e problemi relativi

    Citazione Originariamente Scritto da superirene Visualizza Messaggio
    L'ultima cosa e poi le giuro che levo il disturbo...
    Alla fine dei conti,va presa 1)una fiala a settimana(quindi dividendola in due parti) o 2) due fiale intere a settimana?
    Se la prima opzione,la restante parte va conservata in frigo?
    Sempre in riferimento all'assunzione per via sublinguale, dei composti suddetti,la dose standard di 1 fiala intera due volte alla settimana(non si pone quindi il problema della conservazione in frigo)
    Nessun disturbo, normale essere curiosi.
    dr. vincenzo valesi
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  21. Registrato da
    29/08/2009
    Messaggi
    34

    Riferimento: Cellulite e problemi relativi

    Se si esercita una lieve pressione con il dito e ne rimane l'impronta molto pi chiara, che significa? E ritenzione idrica o cellulite,a quale stadio?

Pagina 4 di 5 PrimaPrima 12345 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Cellulite...?
    Di EleonoraMaggio nel forum Consigli di bellezza
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 04/07/2019, 22:46
  2. thermage x la cellulite?
    Di moreagirl nel forum Consigli di bellezza
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 31/05/2009, 12:44
  3. cellulite
    Di kate60 nel forum Consigli di bellezza
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 26/01/2008, 08:57
  4. CELLULITE... si salvi chi pu!
    Di lau77 nel forum Consigli di bellezza
    Risposte: 95
    Ultimo Messaggio: 24/05/2007, 18:34
  5. cellulite
    Di malvinca1976 nel forum Sono a dieta...
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 07/02/2005, 11:45

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai LETTORI, sulla base dei dati e delle informazioni qui forniti sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio. Le informazioni qui riportate hanno carattere puramente divulgativo e orientativo; non sostituiscono la consulenza medica. vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione scritta.
Un dietologo e un dietista a tua disposizione. Prova la dieta online