Logo
Cerca nel forum | Cerca in tutto il sito
Ricerca personalizzata Google
Video Home fitness
sondaggi - vota
Pagina 1 di 7 12345 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 20 di 136

Discussione: Padri separati sotto la soglia di povertà

  1. Registrato da
    05/05/2010
    Messaggi
    7,701

    Padri separati sotto la soglia di povertà

    Dopo la Fiction RAI "Sarò sempre tuo Padre" (8.1 milioni di telespettatori) anche l'Eurispes, primario istituto di ricerca e studio, pubblica dati e considerazioni di rilievo. Sono 4.000.000 i Padri Separati. L'80% di loro non arriva a fine mese. Espulsi, ignorati, violentati negli affetti e deprivati negli averi da ex.mogli e tribunali. Ogni anno per migliaia di loro si aprono le porte della depressione, talvolta del suicidio. Idem per i loro figli.

    "Nonostante la nuova legge 54/2006 obblighi entrambi i genitori a provvedere al sostentamento economico dei figli nati da una unione non più essere - sostiene l'Eurispes -, la realtà dimostra che a patire maggiormente le ristrettezze economiche sono gli uomini i quali, nella gran parte dei casi, devono trovare un nuovo domicilio. Con un matrimonio andato in pezzi, una nuova esistenza da inventare e a cui abituarsi e un equilibrio talvolta precario, bisogna pure fare i conti con il portafoglio, solitamente più che dimezzato quando, oltre all’assegno di mantenimento da versare ai figli, sussistono impegni economici presi in precedenza che non cessano con la rottura dell’unione coniugale; e la spesa per eccellenza è costituita dal mutuo, una tassa da pagare per una casa in cui non si vivrà più".

    Ecco perché, continua l'istituto di ricerca, "sono proprio loro, i papà separati, a finire sempre più frequentemente sul lastrico, a rappresentare una nuova categoria di poveri, a chiedere aiuto alla Chiesa o ai servizi sociali. Secondo la Caritas il 25% degli ospiti delle mense dei poveri sarebbero proprio le persone separate o divorziate; una verità scomoda ma facile da credere, considerando che l’80% dei padri separati non riesce a vivere con ciò che resta del loro stipendio. "

    SEGUE

  2. # ADS
    Padri separati sotto la soglia di povertà
    Video del giorno Circuit advertisement
    Registrato da
    Always
    Messaggi
    Many
     
  3. Registrato da
    05/05/2010
    Messaggi
    7,701

    re: Padri separati sotto la soglia di povertà

    L'ordine Nazionale degli Psicologi giorni fa si è espresso in modo estremamente chiaro e definitivo sulla violazione della legge 54/2006 di affidamento condiviso e quindi della conseguente violazione dell’uguaglianza dei cittadini (art.3 Costituzione Italiana, a discapito dei padri) della conseguente violazione del principio della bi-genitorialità (art.18 Convenzione ONU 1989 a discapito dei figli e della loro sana evoluzione). “Analisi Critica dell’applicazione attuale dell’Affidamento Condiviso. Introduzione. La legge 54/2006 prevede che l’affidamento sia, di regola, disposto a favore di entrambi i genitori, mentre l’affidamento all’uno o all’altro genitore rappresenti un’eccezione. [..] Purtroppo i casi in cui c’è aderenza sono molto più limitati di quelli in cui si mantiene il vecchio modello. Pertanto sono da distinguere tutte quelle situazioni di vita quotidiana in cui la norma è applicata con rigore (principio della bigenitorialità = riferimento al nucleo allevante) e quelle situazioni in cui la norma è applicata secondo il principio del genitore “prevalente”, introducendo il termine “collocatario” che non è coerente con il principio ispiratore della norma, e che è stato introdotto nella giurisprudenza italiana per mantenere nella sostanza il vecchio modello dell’affidamento esclusivo.

    SEGUE

  4. Registrato da
    05/05/2010
    Messaggi
    7,701

    re: Padri separati sotto la soglia di povertà

    Data quindi la totale inidoneità al fine della salute dei figli di un modello che preveda che un solo genitore (quello collocatario o prevalente) sia il permanente punto di riferimento dei figli [..] mentre l’altro si limita ad erogargli il denaro avendo con i figli solo sporadici contatti, in linea generale, le modifiche del disegno di legge DDL 2454 non fanno altro che promuovere la possibilità che il principio della bi-genitorialità (nucleo allevante) non resti un mero principio, ma si inserisca nelle trame della vita quotidiana come applicazione rigorosa del principio stesso, tale da mantenere il processo evolutivo quale “processo”, appunto, e non “fatto”, cioè tale da mantenere sempre aperta la possibilità che su questo processo, incerto nel suo incedere, si possa inserire non solamente UN genitore, ma il nucleo allevante, cioè ciò che mantiene un assetto di terzietà.

    Nel bilancio complessivo della salute del figlio certamente è per lui meno di sacrificio perdere un po’ di tempo a frequentare due case che non perdere la possibilità di avere un riferimento in entrambi i genitori.

    SEGUE

  5. Registrato da
    05/05/2010
    Messaggi
    7,701

    re: Padri separati sotto la soglia di povertà

    [..poi riguardo al DDL 2454 che introduce “frequentazioni paritetiche” per ciascun genitore] – Riteniamo quindi che l’introduzione del concetto di pariteticità vada opportunamente a promuovere l’applicazione del principio della bi-genitorialità come riferimento per l’assetto familiare [..] in modo da poter escludere nell’applicazione della norma la distinzione tra genitore connotato come “prevalente” o “collocatario” e genitore connotato quindi come “marginale/periferico” o “non collocatario”.

    [..dopo una parte a favore del doppio domicilio per il minore, cioè della pari dignità per la casa del padre come per quella della madre, l’ordine riporta alcuni dati sui danni da assenza paterna e monogenitorialità] – [..] Lo studio di Anna Sarkadi, Robert Kristiansson, Frank Oberklaid, Sven Bremberg (Anna Sarkadi et alt., “Fathers’ involvement and children’s developmental outcomes.” Acta Pediatrica 2008, 97/2) mette in evidenza come il coinvolgimento paterno – inteso come tempo di coabitazione, impegno e responsabilità -abbia influenze positive sullo sviluppo della prole. Gli studiosi hanno analizzato retrospettivamente 24 studi longitudinali, svolti in 4 continenti diversi. La conclusione è che il coinvolgimento del padre migliora lo sviluppo cognitivo [..] diminuisce la delinquenza giovanile e riduce la frequenza di problemi connotati come “comportamentali”.

  6. Registrato da
    05/05/2010
    Messaggi
    7,701

    re: Padri separati sotto la soglia di povertà


  7. Registrato da
    28/05/2004
    Messaggi
    17,598

    re: Padri separati sotto la soglia di povertà

    A certe madri andrebbero tolti i figli. Senza se e senza ma.
    "Dite all'azzurro principe che vada a farsi fot.tere . La bella addormentata vuole continuare a dormire"

  8. Registrato da
    10/10/2007
    Messaggi
    21,438

    re: Padri separati sotto la soglia di povertà

    e a certi padri la patria podestà....
    ma poi siamo sempre sicuri che questi santi uomini non abbiano avuto un ruolo determinante nello sfasciarsi di un rapporto
    ok alle donne forse è riconosciuta qualcosa in più, in presenza di figli, ma siamo sicuri che sia proprio tutta colpa loro?
    va bhe io sono di parte e come sempre non faccio testo....
    E ci sono lacrime di gioia e risate
    avvelenate, perché nulla é semplice...
    Paul Valéry

  9. Registrato da
    03/02/2012
    Messaggi
    3,870

    re: Padri separati sotto la soglia di povertà

    Questo tema della separazione è molto delicato, specie con i tempi che corrono
    in cui la crisi ha acuito sempre di più il divario sociale....
    Nemmeno io sono favorevole a far pesare economicamente la separazione solo sul padre.
    Premesso che il nucleo familiare ha la sua funzione di accoglienza e di stato, se vogliamo,
    assistenziale, una successiva rottura del nucleo originario non implica lo sbilanciamento solo verso una figura.
    Quello che trovo importante, e che purtroppo viene a mancare nelle coppie destinate a separarsi,
    è la qualità comunicativa anche nel post matrimonio e il supporto adeguato di strutture che consentano alla coppia di procedere
    alla separazione evitando traumi alla prole e ai rispettivi ex coniugi.
    Alla fine parliamo sempre di persone e sebbene la separazione è figlia degli errori o delle incomprensioni
    di uno o di entrambi i coniugi, occorre ritrovare l'equilibrio e l'armonia perduta.
    E gli equilibri che saltano sono incrociati tra i coniugi e la prole.
    Per cui anche la legge dovrebbe, valutando i vari casi, fornire più indicazioni per raggiungere l'obiettivo
    di rendere entrambi i coniugi indipendenti tra loro ma esclusivamente dedicati al mantenimento della prole,
    proporzionale alle rispettive capacità. Spesso si trascura quanto sia fondamentale il benessere psico fisico della prole
    che inevitabilmente viene anch'esso a mancare... specie quando il clima è intossicato da liti e relativi dispetti, dissensi
    e dissapori nati prima della separazione... il problema è che in questo paese ci sono troppe differenze
    e discriminazioni sotto molti profili: sessuale, di capacità produttiva e molto altro ancora....
    è un paese che necessita di ristrutturazione profonda e di ritorno a valutare le persone
    non in quanto promotori di sessualità ma in quanto portatori di umanità.
    Solo così si eviterebbero queste inenarrabili tristi scene di abbandono...
    "Hirogaru yami no naka kawashiatte kakumei no chigiri" (cit. by Death Note)

  10. Registrato da
    21/06/2011
    Messaggi
    2,819

    re: Padri separati sotto la soglia di povertà

    Citazione Originariamente Scritto da sofix74 Visualizza Messaggio
    e a certi padri la patria podestà....
    ma poi siamo sempre sicuri che questi santi uomini non abbiano avuto un ruolo determinante nello sfasciarsi di un rapporto
    ok alle donne forse è riconosciuta qualcosa in più, in presenza di figli, ma siamo sicuri che sia proprio tutta colpa loro?
    Sofix è innegabile che una separazione ha nella maggior parte dei casi delle ricadute economiche più gravi per i mariti che per le mogli e che non ci sia un'adeguata tutela per i padri separati...

  11. Registrato da
    28/05/2004
    Messaggi
    17,598

    re: Padri separati sotto la soglia di povertà

    Citazione Originariamente Scritto da sofix74 Visualizza Messaggio
    e a certi padri la patria podestà....
    ma poi siamo sempre sicuri che questi santi uomini non abbiano avuto un ruolo determinante nello sfasciarsi di un rapporto
    ok alle donne forse è riconosciuta qualcosa in più, in presenza di figli, ma siamo sicuri che sia proprio tutta colpa loro?
    va bhe io sono di parte e come sempre non faccio testo....
    Tranquilla, io sono di parte nell'altro senso, ci compensiamo
    "Dite all'azzurro principe che vada a farsi fot.tere . La bella addormentata vuole continuare a dormire"

  12. Registrato da
    03/02/2012
    Messaggi
    3,870

    re: Padri separati sotto la soglia di povertà

    Citazione Originariamente Scritto da BUKOVSKI Visualizza Messaggio
    Sofix è innegabile che una separazione ha nella maggior parte dei casi delle ricadute economiche più gravi per i mariti che per le mogli e che non ci sia un'adeguata tutela per i padri separati...
    Non voglio discostarmi dall'argomento di questo topic...
    ma ci sono uomini e uomini
    e di conseguenza padri e padri.
    Ci sono donne che vivono male il trauma della separazione in quanto la figura dominante e prevaricatrice
    è proprio quella dell'ex marito.
    Però appunto, qui si parla del trauma e dei problemi vissuti dai padri.
    Consiglio ai diretti interessati di aprire un topic tematico in cui si concentra il peso del problema
    vissuto dalla ex moglie.
    "Hirogaru yami no naka kawashiatte kakumei no chigiri" (cit. by Death Note)

  13. Registrato da
    28/05/2004
    Messaggi
    17,598

    re: Padri separati sotto la soglia di povertà

    Citazione Originariamente Scritto da DollyFlyParker Visualizza Messaggio
    Non voglio discostarmi dall'argomento di questo topic...
    ma ci sono uomini e uomini
    e di conseguenza padri e padri.
    .
    Si certo. Come ci sono donne e donne e madri e madri.

    Ma essere una buona madre è agevolato dalla legge, fare il buon padre è ostacolato.
    "Dite all'azzurro principe che vada a farsi fot.tere . La bella addormentata vuole continuare a dormire"

  14. Registrato da
    10/10/2007
    Messaggi
    21,438

    re: Padri separati sotto la soglia di povertà

    Citazione Originariamente Scritto da bimbadark Visualizza Messaggio
    Si certo. Come ci sono donne e donne e madri e madri.

    Ma essere una buona madre è agevolato dalla legge, fare il buon padre è ostacolato.
    purtroppo parliamo di casi singoli ma ti posso assicurare che non è sempre così.... ma non voglio dire altro
    E ci sono lacrime di gioia e risate
    avvelenate, perché nulla é semplice...
    Paul Valéry

  15. Registrato da
    14/05/2004
    Messaggi
    27,324

    re: Padri separati sotto la soglia di povertà

    Citazione Originariamente Scritto da bimbadark Visualizza Messaggio
    fare il buon padre è ostacolato.
    quantomeno è ostacolato da gran parte degli avvocati, (almeno tutti quelli con cui ho avuto a che fare io)
    che o ignorano le novità legislative e continuano a consigliare di lasciare l'affidamento alla madre
    perchè dicono :-tanto al 99% il giudice decide così -
    oppure semplicemente perchè così non devono sbattersi e senza sforzo ottegono il loro salato compenso.
    La vita è quello che capita.
    Lascia che capiti!

  16. Registrato da
    28/05/2004
    Messaggi
    17,598

    re: Padri separati sotto la soglia di povertà

    Citazione Originariamente Scritto da dingoman Visualizza Messaggio
    quantomeno è ostacolato da gran parte degli avvocati, (almeno tutti quelli con cui ho avuto a che fare io)
    che o ignorano le novità legislative e continuano a consigliare di lasciare l'affidamento alla madre
    perchè dicono :-tanto al 99% il giudice decide così -
    oppure semplicemente perchè così non devono sbattersi e senza sforzo ottegono il loro salato compenso.
    Il mio ragazzo è stato anche fortunato ad avere l'affidamento congiunto e ad aver trovato un'avvocatessa con le contropalle che gli ha fatto vincere una serie di cause perchè quella voleva più soldi . Ma anche lei 10 anni fa gli aveva sconsigliato di iniziare la battaglia per l'affidamento esclusivo perchè, a meno di dimostrare che lei fosse pazza o simili, non ce l'avrebbe fatta.
    "Dite all'azzurro principe che vada a farsi fot.tere . La bella addormentata vuole continuare a dormire"

  17. Lucianina Ospite

    re: Padri separati sotto la soglia di povertà

    Citazione Originariamente Scritto da bimbadark Visualizza Messaggio
    Il mio ragazzo è stato anche fortunato ad avere l'affidamento congiunto e ad aver trovato un'avvocatessa con le contropalle che gli ha fatto vincere una serie di cause perchè quella voleva più soldi . Ma anche lei 10 anni fa gli aveva sconsigliato di iniziare la battaglia per l'affidamento esclusivo perchè, a meno di dimostrare che lei fosse pazza o simili, non ce l'avrebbe fatta.
    così però sembra che i figli siano proprietà privata della madre, non è giusto

  18. Registrato da
    28/05/2004
    Messaggi
    17,598

    re: Padri separati sotto la soglia di povertà

    Citazione Originariamente Scritto da Lucianina Visualizza Messaggio
    così però sembra che i figli siano proprietà privata della madre, non è giusto
    Si infatti. Peraltro....la madre l'ultimissima cosa che fa è considerare suo figlio come sua proprietà. Oddio in realtà il suo problema è proprio considerare suo figlio.
    Non so se sia stata colpa dell'avvocato, della legge, del mio ragazzo. Ma se quel figlio fosse cresciuto con lui le cose sarebbero molto diverse per quel povero ragazzetto.
    "Dite all'azzurro principe che vada a farsi fot.tere . La bella addormentata vuole continuare a dormire"

  19. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    37,514

    re: Padri separati sotto la soglia di povertà

    la separazione è una fase delicatissima ed ogni famiglia propone una situazione a se stante.... ovvero c'è la cattiveria femminile oppure c'è quella maschile oppure ancora le cattiverie sono ben distribuite.......ed in mezzo a subire ci sono sempre i figli......

    soluzioni che vadano bene per tutti non esistono, si tratta quasi sempre di trovare la meno peggio
    ** relax, take it easy**

  20. emma2 Ospite

    re: Padri separati sotto la soglia di povertà

    Citazione Originariamente Scritto da sofix74 Visualizza Messaggio
    e a certi padri la patria podestà....
    ma poi siamo sempre sicuri che questi santi uomini non abbiano avuto un ruolo determinante nello sfasciarsi di un rapporto
    ok alle donne forse è riconosciuta qualcosa in più, in presenza di figli, ma siamo sicuri che sia proprio tutta colpa loro?
    va bhe io sono di parte e come sempre non faccio testo....
    ehm... sofina la patria podestà non esiste più... dal 1975!
    Del resto l'altro giorno in una conversazioen in bacheca ho letto un'altra forumista parlare del marito come del "capofamiglia", anche lui abolito nel '75... a quanto pare sanihelp è un'isola patriarcale che resiste immutata nei secoli nei secoli... mah!

  21. GoldonX Ospite

    re: Padri separati sotto la soglia di povertà

    Citazione Originariamente Scritto da emma2 Visualizza Messaggio
    ehm... sofina la patria podestà non esiste più... dal 1975!
    Del resto l'altro giorno in una conversazioen in bacheca ho letto un'altra forumista parlare del marito come del "capofamiglia", anche lui abolito nel '75... a quanto pare sanihelp è un'isola patriarcale che resiste immutata nei secoli nei secoli... mah!
    io sento tutt'oggi parlare del capofamiglia in diverse famiglie

    - - - Updated - - -

    Citazione Originariamente Scritto da tbag Visualizza Messaggio

    "Nonostante la nuova legge 54/2006 obblighi entrambi i genitori a provvedere al sostentamento economico dei figli nati da una unione non più essere - sostiene l'Eurispes -, la realtà dimostra che a patire maggiormente le ristrettezze economiche sono gli uomini i quali, nella gran parte dei casi, devono trovare un nuovo domicilio. Con un matrimonio andato in pezzi, una nuova esistenza da inventare e a cui abituarsi e un equilibrio talvolta precario, bisogna pure fare i conti con il portafoglio, solitamente più che dimezzato quando, oltre all’assegno di mantenimento da versare ai figli, sussistono impegni economici presi in precedenza che non cessano con la rottura dell’unione coniugale; e la spesa per eccellenza è costituita dal mutuo, una tassa da pagare per una casa in cui non si vivrà più".

    Ecco perché, continua l'istituto di ricerca, "sono proprio loro, i papà separati, a finire sempre più frequentemente sul lastrico, a rappresentare una nuova categoria di poveri, a chiedere aiuto alla Chiesa o ai servizi sociali. Secondo la Caritas il 25% degli ospiti delle mense dei poveri sarebbero proprio le persone separate o divorziate; una verità scomoda ma facile da credere, considerando che l’80% dei padri separati non riesce a vivere con ciò che resta del loro stipendio. "

    SEGUE
    l'articolo si commenta da se.... come sempre una triste realtà celata alle luci della ribalta, eppure di storie come questa se ne sente parlà tutti i giorni

Pagina 1 di 7 12345 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. figli, padri separati ed affido / novità divorzio 2014
    Di ladyblue nel forum 4 chiacchiere
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 08/01/2014, 12:10
  2. Gli spezzacuori sono buoni padri?
    Di ArthasMenethil nel forum Sesso e Dintorni
    Risposte: 26
    Ultimo Messaggio: 19/04/2013, 12:36
  3. 2012: crisi e povertà.
    Di KittyZampeDiVelluto nel forum ... di tutto un po'
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 15/11/2012, 08:40
  4. Berluska diserta Summit Onu sulla povertà
    Di la_barrosa nel forum Chiacchiere politiche
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 24/09/2010, 02:08
  5. Qual è la soglia del tradimento??
    Di anticonformista nel forum Sesso e Dintorni
    Risposte: 9
    Ultimo Messaggio: 27/04/2005, 22:57

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai LETTORI, sulla base dei dati e delle informazioni qui forniti sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio. Le informazioni qui riportate hanno carattere puramente divulgativo e orientativo; non sostituiscono la consulenza medica. È vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione scritta.
Un dietologo e un dietista a tua disposizione. Prova la dieta online