Logo
Cerca nel forum | Cerca in tutto il sito
Ricerca personalizzata Google
Video Home fitness
sondaggi - vota
Pagina 3 di 5 PrimaPrima 12345 UltimaUltima
Risultati da 41 a 60 di 95

Discussione: Quali sono i problemi del melting pot?

  1. SP@RROW Ospite
    Citazione Originariamente Scritto da bimbadark Visualizza Messaggio
    il mio intervento andava un po' oltre questo.
    Se vive in Italia e usufruisce del "territorio" è giusto che ne sia cittadina.
    diritti e doveri annessi.
    pensare solo a voler andare in ferie all'estero è ... a mio parere... limitativo.

    sulle tempestiche ripeto, non so come funzioni all'estero. Ma credo sia fatto anche per impedire i matrimoni solo x la cittadinanza.....
    prima erano 2 anni e 6 mesi...

    in Italia quanto ci vuole per determinare se due persone si amano veramente?

    non credo sia questa la strada per risolvere il problema delle cittadinanze "facili".

  2. # ADS
    Quali sono i problemi del melting pot?
    Video del giorno Circuit advertisement
     
  3. SP@RROW Ospite
    Citazione Originariamente Scritto da bbbb Visualizza Messaggio
    Eh, però... Penso che si possano trovare dei sistemi diversi per controllare che non ci siano abusi. Allungare i tempi penalizza molto chi non ha brutte intenzioni, e chissà se seve a impedire matrimoni di convenienza.
    quoto

  4. Registrato da
    14/02/2005
    Messaggi
    9,201
    Citazione Originariamente Scritto da SP@RROW Visualizza Messaggio
    prima erano 2 anni e 6 mesi...

    in Italia quanto ci vuole per determinare se due persone si amano veramente?

    non credo sia questa la strada per risolvere il problema delle cittadinanze "facili".
    Ah sì? Avevo letto prima sei mesi, oggi due anni. Ma tu sarai più informato.

  5. SP@RROW Ospite
    Citazione Originariamente Scritto da bbbb Visualizza Messaggio
    Ah sì? Avevo letto prima sei mesi, oggi due anni. Ma tu sarai più informato.
    dopo che ti sei sposato la legge prevedeva che dovevi aspettare 6 mesi prima di FARE DOMANDA di cittadinanza. (ora lo porteranno a 2 anni)

    dalla data di inoltro della domanda lo stato ha 2 anni per concedere la cittadinanza (e non arriva praticamente mai oltre questo limite )

    quindi si passa da un totale di 2 anni e 6 mesi
    a 4 anni

  6. Registrato da
    28/05/2004
    Messaggi
    17,598
    Citazione Originariamente Scritto da SP@RROW Visualizza Messaggio
    prima erano 2 anni e 6 mesi...

    in Italia quanto ci vuole per determinare se due persone si amano veramente?

    non credo sia questa la strada per risolvere il problema delle cittadinanze "facili".
    a parte che è impossibile determinare se due persone si amano veramente
    Sono d'accordo che si dovrebbe snellire la burocrazia (e quindi i tempi) .. ma non sono a conoscenza dei contro per affermare con certezza che siano tempi assurdi....ti ripeto, non so se all'estero serva cosi tanto x ottenere una cittadinanza, nn so fare paragoni e quindi non ho tutto il quadro completo....
    "Dite all'azzurro principe che vada a farsi fot.tere . La bella addormentata vuole continuare a dormire"

  7. Registrato da
    28/05/2004
    Messaggi
    17,598
    Citazione Originariamente Scritto da SP@RROW Visualizza Messaggio
    dopo che ti sei sposato la legge prevedeva che dovevi aspettare 6 mesi prima di FARE DOMANDA di cittadinanza. (ora lo porteranno a 2 anni)

    dalla data di inoltro della domanda lo stato ha 2 anni per concedere la cittadinanza (e non arriva praticamente mai oltre questo limite )

    quindi si passa da un totale di 2 anni e 6 mesi
    a 4 anni
    in pratica scusa i matrimonio deve "resistere" due anni o quattro?
    "Dite all'azzurro principe che vada a farsi fot.tere . La bella addormentata vuole continuare a dormire"

  8. SP@RROW Ospite
    Regno Unito

    La residenza può essere ottenuta:

    Dopo un anno di matrimonio con un cittadino inglese

    Cittadinanza
    Per diventare un cittadino britannico:

    aver avuto un permesso di residenza nel Regno Unito per almeno 1 anno

    quindi 2 anni in tutto e dopo 1 anno hai la residenza.

  9. SP@RROW Ospite
    Citazione Originariamente Scritto da bimbadark Visualizza Messaggio
    in pratica scusa i matrimonio deve "resistere" due anni o quattro?
    4
    perchè se durante i 2 anni di attesa della cittadinanza ci si separa la richiesta è annullata

  10. Registrato da
    13/12/2007
    Messaggi
    329
    Ciao a tutti,

    mi sono sempre chiesto perchè in alcune persone,(forse sempre troppe), il "diverso" da sè stessi fà paura, o viene allontanato, o è una persona da evitare, penso che uno dei motivi sia "Perchè non lo conosciamo" e finchè non si conosce qualcuno, fà paura, si è cauti ad accettarlo.
    Coloro che accettano subito un immigrato, un buddista, un disabile, ecc, sono persone aperte a tutto, non si fanno molti problemi, sono persone tendenzialmente "Libere dentro".
    Coloro che hanno paura del "diverso", sono tendenzialmente persone con una mentalità chiusa, inquadrata nei propri valori, nella propria cultura, nella propria mentalità, ma perchè dovrebbe esserci solo la notra cultura? Solo la nostra religione? Solo le nostre preferenze di tutti i generi? Solo le cose in cui crediamo noi?
    La prima cosa da cambiare secondo me non sono le leggi, le regole o l'istruzione, la prima cosa da cambiare siamo noi stessi, la nostra mentalità, i nostri atteggiamenti interiori.

    Un caro saluto da psyche
    Ultima modifica di pippofranco; 12/12/2011 alle 17:05

  11. Registrato da
    28/05/2004
    Messaggi
    17,598
    Citazione Originariamente Scritto da SP@RROW Visualizza Messaggio
    4
    perchè se durante i 2 anni di attesa della cittadinanza ci si separa la richiesta è annullata
    ah ecco..quindi riga dritto !!!!
    "Dite all'azzurro principe che vada a farsi fot.tere . La bella addormentata vuole continuare a dormire"

  12. Registrato da
    14/02/2005
    Messaggi
    9,201
    Citazione Originariamente Scritto da SP@RROW Visualizza Messaggio
    dopo che ti sei sposato la legge prevedeva che dovevi aspettare 6 mesi prima di FARE DOMANDA di cittadinanza. (ora lo porteranno a 2 anni)

    dalla data di inoltro della domanda lo stato ha 2 anni per concedere la cittadinanza (e non arriva praticamente mai oltre questo limite )

    quindi si passa da un totale di 2 anni e 6 mesi
    a 4 anni
    Oh, Grande Giove...

  13. Registrato da
    14/02/2005
    Messaggi
    9,201
    Citazione Originariamente Scritto da psyche Visualizza Messaggio
    Ciao a tutti,

    mi sono sempre chiesto perchè in alcune persone,(forse sempre troppe), il "diverso" da sè stessi fà paura, o viene allontanato, o è una persona da evitare, penso che uno dei motivi sia "Perchè non lo conosciamo" e finchè non si conosce qualcuno, fà paura, si è cauti ad accettarlo.
    Coloro che accettano subito un immigrato, un buddista, un disabile, ecc, sono persone aperte a tutto, non si fanno molti problemi, sono persone tendenzialmente "Libere dentro".
    Coloro che hanno paura del "diverso", sono tendenzialmente persone con una mentalità chiusa, inquadrata nei propri valori, nella propria cultura, nella propria mentalità, ma perchè dovrebbe esserci solo la notra cultura? Solo la nostra religione? Solo le nostre preferenze di tutti i generi? Solo le cose in cui crediamo noi?
    La prima cosa da cambiare secondo me non sono le leggi, le regole o l'istruzione, la prima cosa da cambiare siamo noi stessi, la nostra mentalità, i nostri atteggiamenti interiori.

    Un caro saluto da psyche
    Ciao Psyche, hai degli esempi concreti di intolleranza?
    Ultima modifica di pippofranco; 10/01/2012 alle 16:55

  14. SP@RROW Ospite
    Citazione Originariamente Scritto da bimbadark Visualizza Messaggio
    ah ecco..quindi riga dritto !!!!
    beh di certo non è la volontà di ottenere la cittadinanza che fa da collante in un rapporto

  15. SP@RROW Ospite
    Citazione Originariamente Scritto da psyche Visualizza Messaggio
    Ciao a tutti,

    mi sono sempre chiesto perchè in alcune persone,(forse sempre troppe), il "diverso" da sè stessi fà paura, o viene allontanato, o è una persona da evitare, penso che uno dei motivi sia "Perchè non lo conosciamo" e finchè non si conosce qualcuno, fà paura, si è cauti ad accettarlo.
    Coloro che accettano subito un immigrato, un buddista, un disabile, ecc, sono persone aperte a tutto, non si fanno molti problemi, sono persone tendenzialmente "Libere dentro".
    Coloro che hanno paura del "diverso", sono tendenzialmente persone con una mentalità chiusa, inquadrata nei propri valori, nella propria cultura, nella propria mentalità, ma perchè dovrebbe esserci solo la notra cultura? Solo la nostra religione? Solo le nostre preferenze di tutti i generi? Solo le cose in cui crediamo noi?
    La prima cosa da cambiare secondo me non sono le leggi, le regole o l'istruzione, la prima cosa da cambiare siamo noi stessi, la nostra mentalità, i nostri atteggiamenti interiori.

    Un caro saluto da psyche
    perchè SIAMO fondamentalmente degli sbruffoni..non hai idea di quante volte sono andato all'estero con Italiani che pretendevano di comunicare in Italiano... e quando dicevo loro che non capivano la nostra lingua...scandivano meglio le stesse parole... come se fosse inaccettabile che l'italiano non sia parlato un po' ovunque
    Ultima modifica di pippofranco; 10/01/2012 alle 16:55

  16. Registrato da
    14/02/2005
    Messaggi
    9,201
    Citazione Originariamente Scritto da SP@RROW Visualizza Messaggio
    perchè SIAMO fondamentalmente degli sbruffoni..non hai idea di quante volte sono andato all'estero con Italiani che pretendevano di comunicare in Italiano... e quando dicevo loro che non capivano la nostra lingua...scandivano meglio le stesse parole... come se fosse inaccettabile che l'italiano non sia parlato un po' ovunque
    Eh, vabbè...
    Però diciamo che è diverso l'atteggiamento con cui si accoglie un immigrato del Terzo Mondo in Italia e un italiano in un Paese del Terzo Mondo.
    C'è la differenza che passa tra un immigrato e un turista.

    Certo che noi Italiani riusciamo a trattar male pure i turisti, ma questa è un'altra storia.

  17. SP@RROW Ospite
    Citazione Originariamente Scritto da bbbb Visualizza Messaggio
    Eh, vabbè...
    Però diciamo che è diverso l'atteggiamento con cui si accoglie un immigrato del Terzo Mondo in Italia e un italiano in un Paese del Terzo Mondo.
    C'è la differenza che passa tra un immigrato e un turista.

    Certo che noi Italiani riusciamo a trattar male pure i turisti, ma questa è un'altra storia.
    CI TENGO A RICORDARTI CHE L'IDENTITà DELL'ITALIANO ALL'ESTERO DA 10 ANNI A QUESTA PARTE è ANCHE andata oltre al turismo ci sono fior fior di aziende che hanno delocalizzato aprendo reparti produttivi all'estero per abbattere i costi di produzione , per non parlare dell'import/export. solo per farti riflettere sul fatto che anche l'Italia ha i suoi interessi all'estero eccome

  18. Registrato da
    14/02/2005
    Messaggi
    9,201
    Citazione Originariamente Scritto da SP@RROW Visualizza Messaggio
    CI TENGO A RICORDARTI CHE L'IDENTITà DELL'ITALIANO ALL'ESTERO DA 10 ANNI A QUESTA PARTE è ANCHE andata oltre al turismo ci sono fior fior di aziende che hanno delocalizzato aprendo reparti produttivi all'estero per abbattere i costi di produzione , per non parlare dell'import/export. solo per farti riflettere sul fatto che anche l'Italia ha i suoi interessi all'estero eccome
    Non serve il maiuscolo; il fatto di andare all'estero in Paesi spesso molto poveri come turisti o imprenditori influenza la percezione degli autoctoni.
    L'italiano non è l'immigrato che porta via il lavoro, semmai è il bastardo che ti sfrutta e arricchisce il mercato della prostituzione. Però è comunque uno sguardo diverso.

    Non sto dicendo che gli Italiani non siano ignoranti e/o sbruffoni, sai. Su questo sono tristemente d'accordo con te.

  19. SP@RROW Ospite
    Citazione Originariamente Scritto da bbbb Visualizza Messaggio
    Non serve il maiuscolo; il fatto di andare all'estero in Paesi spesso molto poveri come turisti o imprenditori influenza la percezione degli autoctoni.
    L'italiano non è l'immigrato che porta via il lavoro, semmai è il bastardo che ti sfrutta e arricchisce il mercato della prostituzione. Però è comunque uno sguardo diverso.

    Non sto dicendo che gli Italiani non siano ignoranti e/o sbruffoni, sai. Su questo sono tristemente d'accordo con te.
    il maiuscolo era indesiderato credevo si capisse

  20. Registrato da
    28/05/2004
    Messaggi
    17,598
    comunque credo che bbbb parlasse degli stranieri in Italia...non il contrario...
    "Dite all'azzurro principe che vada a farsi fot.tere . La bella addormentata vuole continuare a dormire"

  21. SP@RROW Ospite
    Citazione Originariamente Scritto da bbbb Visualizza Messaggio
    Eh, vabbè...
    Però diciamo che è diverso l'atteggiamento con cui si accoglie un immigrato del Terzo Mondo in Italia e un italiano in un Paese del Terzo Mondo.
    C'è la differenza che passa tra un immigrato e un turista.

    Certo che noi Italiani riusciamo a trattar male pure i turisti, ma questa è un'altra storia.

    Io rispondevo a questo, volevo puntualizzare che l'italiano non va all'estero solo in vacanza .. leggi anche come.. non andiamo li solo per alimentare il loro turismo si và all'estero anche per nostri interessi economici.

Pagina 3 di 5 PrimaPrima 12345 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Pannolini per neonati: quali sono i migliori?
    Di cate83 nel forum Il bebè (0 - 12 mesi)
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 16/10/2013, 21:30
  2. Quali sono i sintomi del distacco di retina?
    Di cloe nel forum ... di tutto un po'
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 19/10/2008, 08:46
  3. quali sono i vostri demoni ?
    Di maxstaff nel forum Psicologia per tutti
    Risposte: 54
    Ultimo Messaggio: 06/09/2008, 15:22
  4. quali sono i tempi giusti?
    Di billa nel forum Sesso e Dintorni
    Risposte: 19
    Ultimo Messaggio: 16/11/2007, 14:15
  5. Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 15/02/2006, 06:59

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai LETTORI, sulla base dei dati e delle informazioni qui forniti sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio. Le informazioni qui riportate hanno carattere puramente divulgativo e orientativo; non sostituiscono la consulenza medica. È vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione scritta.
Un dietologo e un dietista a tua disposizione. Prova la dieta online