Logo
Cerca nel forum | Cerca in tutto il sito
Ricerca personalizzata Google
Video Home fitness
sondaggi - vota
Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12
Risultati da 21 a 37 di 37

Discussione: Blefarite

  1. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Visione naturale

    Indicazioni psichiche

    Manifestazioni psichiche e psicosomatiche dovute a collera contenuta, umiliazioni, vessazioni, dispiacere nascosto, indignazione repressa; staphysagria è il grande rimedio delle collere interiori che si traducono in alternanze di eccitazione e di depressione, di indignazione e di dispiacere, tutto questo su un fondo di nervosismo contenuto.

    Posologia: Staphysagria 15-30 CH 2-3 granuli al di diminuendo in base al miglioramento.
    I granuli vanno assunti lontano dai pasti (10-15 minuti prima o 2-3 ore dopo), da lasciar sciogliere in bocca dato che l'assorbimento sublinguale è fondamentale per l'efficacia del rimedio.

    Peggioramento e miglioramento della sintomatologia in particolari circostanze: la sintomatologia generale peggiora con il minimo contatto delle parti malati.

    Fonte: farmaciadimuria.it
    Ultima modifica di anna1401; 24/03/2019 alle 23:00

  2. # ADS
    Blefarite
    Video del giorno Circuit advertisement
    Registrato da
    Always
    Messaggi
    Many
     
  3. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Cardiospermum

    In molte malattie cutanee, ma soprattutto negli eczemi, l'omeopatia si rivela un'alternativa terapeutica efficace e priva di effetti collaterali. Le pomate omeopatiche vengono applicate 3 volte al giorno sulle zone colpite e massaggiate delicatamente.

    In caso di bisogno, soprattutto se il prurito e’ molto intenso, si possono ripetere le applicazioni piu’ frequentemente.
    La pianta erbacea rampicante Cardiospermum halicacabum, chiamata in tedesco "Herzsamen" (seme a cuore), appartiene alla famiglia delle Saponifere, piante tropicali molto diffuse in India, Sud America ed Africa.

    Il nome di questa famiglia deriva dai frutti che messi in acqua formano schiuma, perche’ contengono una saponina del genere Sapindus.
    Per questo motivo vengono utilizzati da molto tempo nei paesi originari come noci o bacche di sapone per lavare.

    Questa famiglia comprende circa 1200 specie soprattutto piante legnose, alberi o arbusti. La polpa dei frutti a capsula, drupa o a forma di bacca e’ di solito commestibile.

    Il Cardiospermum halicacabum ha fiori piccoli e bianchi. Il nome specifico del genere "Cardiospermum" deriva dall'aspetto dei semi grandi come un grano di pepe, di colore marrone scuro, con un cuore bianco, facilmente riconoscibile.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 24/03/2019 alle 23:01

  4. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Re: Cardiospermum

    La denominazione "halicacabum" proviene dal greco e significa "barile di sale".
    Essa si richiama ai frutti gonfi della pianta, che hanno dato origine al nome tedesco "Ballonrebe".
    Raccolto negli anni cinquanta dal dottor Schwabe in Africa centrale, il Cardiospermum halicacabum fece ingresso con onore nella farmacopea omeopatica.
    Soprattutto le prime ricerche sull'estratto della pianta, a meta’ degli anni ‘70, ne appurarono l'azione antiallergica, calmante il prurito e riducente l'infiammazione.
    Queste osservazioni portarono allo sviluppo di una forma farmaceutica topica di Cardiospermum con il nome di Halicar per uso esterno.

    La sua versione "grassa" contiene come base lanolina e altri particolari componenti che esercitano sulla pelle secca un effetto lenitivo e idratante.
    Per altri tipi di pelle e’ disponibile Halicar "normale", specificamente indicata per la regolarizzazione del contenuto idrico delle zone cutanee malate.

    Entrambi i preparati sono stati testali dermatologicamente e si sono dimostrati privi di allergenicita’. In 140 studi medici in Germania, Austria, Belgio, Spagna e Olanda furono trattati complessivamente 883 pazienti in eta’ compresa tra uno e 91 anni con la crema "grassa" e "normale" o con entrambe.

    Il piu’ delle volte i pazienti soffrivano di neurodermatite, seguita da eczema allergico da contatto, eczemi tossico-degenerativi, eczemi essicanti, eczemi seborroici o presentavano contemporaneamente piu’ tipi di eczema, sia nello stadio acuto della malattia sia in quello cronico.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 24/03/2019 alle 23:03

  5. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Re: Cardiospermum

    Fattori scatenanti erano per lo piu’ stress, detersivi, prodotti chimici, alimentazione e farmaci. L'eczema era localizzato prevalentemente sulle mani, sul viso, o sulle gambe ed i pazienti furono trattati 3-4 volte al giorno.

    Ad intervalli regolari il medico giudicava i risultati del trattamento sulla base della valutazione di otto sintomi tipici dell'eczema. Corticosteroidi o altri farmaci non erano permessi durante lo studio. Alla fine di un periodo di quattro settimane i focolai eczematosi di 4 pazienti su 5 erano guariti o presentavano un chiaro miglioramento. Il successo del trattamento si rispecchiava nella valutazione dei singoli sintomi.

    Tutti i sintomi acuti o cronici analizzati singolarmente presentavano un’evidente guarigione o un grado di miglioramento di oltre l'80%. Solo l'ispessimento della pelle (lichenificazione) quale segno di una malattia cronica e ostinata era, con il 72%, un po’ bassa.

    Parallelamente erano diminuiti i disturbi soggettivi dei pazienti come prurito e dolore ed anche i conseguenti disturbi del sonno, con un grado di successo superiore all'80%.
    La tolleabilita’ e’ stata valutata intorno al 90% dai medici e intorno all'88% dai pazienti. In 26 casi (3,1%) fu osservato un peggioramento transitorio dei disturbi.
    Per lo piu’ si trattava di arrossamento cutaneo, bruciori, secrezioni e dolori. Solo in un unico caso si ipotizzo’ una relazione con la cura.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 24/03/2019 alle 23:05

  6. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Re: Cardiospermum

    La buona tollerabilita’ e’ stata dimostrata anche in uno studio comparato con un farmaco non cortisonico, il principio sintetico Bufexamac, usato frequentemente nel trattamento della neurodermatite. A parita’ di efficacia Halicar ha dimostrato un numero di effetti collaterali minore di due/terzi.

    Per concludere, i risultati di queste ricerche cliniche dimostrano che i processi infiammatori e le tipiche alterazioni cutanee eczematose guariscono in breve tempo o migliorano nettamente con una terapia topica omeopatica. Allo stesso tempo i disturbi soggettivi dei pazienti si attenuano completamente.
    Soprattutto il fastidioso prurito, ma anche i bruciori e i dolori nelle zone cutanee colpite diminuiscono rapidamente.
    Ultima modifica di anna1401; 24/03/2019 alle 23:07

  7. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Re: Cardiospermum

    I preparati omeopatici della linea Halicar, contenenti il principio vegetale Cardiospermum, sono particolarmente adatti ad un uso protratto nel tempo anche in pazienti molto sensibili, come le donne in gravidanza e durante l'allattamento, in modo che l'elevata capacita’ lenitiva dei componenti della pomata unitamente alle proprieta’ antiallergiche e antinfiammatorie del Cardiospermum halicacabum, provvedono al ripristino delle funzioni cutanee naturali contribuendo percio’ in maniera decisiva alla prevenzione di nuove recidive.L’individuo si ammala per una predisposizione e a seguito di un’alterazione dell’equilibrio dell’intero organismo. E ogni patologia presenta sempre due aspetti: una manifestazione locale e un nucleo profondo.

    CARDIOSPERMUM in possesso di una molecola con azione antiallergica e antistaminica simile al cortisone.

    (di Roberto D'Onorio)
    http://www.lapelle.it/pediatria/tera...gli_eczemi.htm
    Ultima modifica di anna1401; 24/03/2019 alle 23:09

  8. Registrato da
    15/01/2007
    Messaggi
    30
    vorrei ringraziare tutti voi per la prontezza e la competenza con la quale mi avete aiutato a risolvere un mio "piccolo" ma grande problema. Stò usando la crema Halicar e la blefarite è ormai quasi un ricordo. Mi sentivo molto isolata e incompresa e questo sito mi ha aiutata a non sentirmi sola.

  9. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890
    Cara alis, mi fa molto piacere che tu abbia risolto il tuo problema
    La "grandezza" di questo, non la si misura in conformità alla gravità della malattia in sè stessa, ma a come la si percepisce in quel determinato momento. E quindi anche un piccolo disturbo, a volte può apparire come il peggior male che si possa avere... se questo può comportare un forte disagio o addirittura un'ansia!
    I risultati positivi danno carica e voglia di proseguire...

  10. Registrato da
    15/01/2007
    Messaggi
    30

    Re: blefarite post calazio - aggiornamento

    il 16 maggio sono andata a fare un controllo per le mie intolleranze alimentari e, dopo 6 mesi di cure questo è il risultato:
    su G.I.(grosso intestino?) presenti solo miceti
    su I.T. (intestino tenue?) " microbatteri

    " nosodi
    " virus

    mi è stata data una cura per tre mesi :
    Maxiflor - 1 cps 2 volte al di
    Biomicor -2 cps 3 volte al di (ad ogni pasto)
    Amelisan -40 gocce 3 volte al di lontano dai pasti (per aiutare la circolazione)
    Oligosyn composè nr. 1 fiala a sere alterne (per prevenire l'osteoporosi)
    Lipoplus gocce Synergiplus 517 - 10 gocce 3 volte al di lontano dai pasti.

    Vorrei sapere se con tutte queste compresse e gocce posso continuare la cura che mi aveva dato il dott. Valesi per la blefarite, ricordo che mi ha consigliato :

    Staphisagria Heel 10 gocce 2 volte al di
    Sulfur Heel - 1 compressa - 2 volte al di
    Graphites Homaccord - 10 gocce - 2 volte al dì.

    Grazie dell'aiuto
    Ultima modifica di anna1401; 24/03/2019 alle 23:12

  11. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,045

    riflessioni

    Sinceramente non sono in grado e nemmeno vorrei dare un giudizio sull'operato di qualcun altro, sul suo ragionamento diagnostico e le sue conclusioni terapeutiche: quindi mi astengo dal farlo. Voglio però fare un discorso di metodo, ed è questo: assemblare troppe cose contemporaneamente non mi sembra l'deale, perchè il paziente è subissato da una serie di informazioni e di doveri, perchè l'organismo riceve un'infinità di informazioni.
    Allora spesso si preferisce procedere per priorità, come con le foglie della cipolla o le matrioske. Potrei rispondere solo che la domanda che poni a me forse avresti dovuto porla all'ultima personache hai consultato, ma sarebbe come scaricare una patata bollente,e siccome non mi chiamo Ponzio Pilato, non lo farò. In virtù delle considerazioni precedenti potrebbe essere una buona soluzione, visto che sei migliorata di quel disturbo, sospendere provvisariamente le cose proposte da me, anche per vedere come va, e per non sovrappore troppe informazioni. Nessuno può escludere, sempre per ragionare, che un lavoro di pulzia e disintossicazione a livello dell'intestino e di miglioramento circolatorio, non possa tradursi anche in un effetto benefico
    a livello di un problema localizzato.
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  12. Registrato da
    15/01/2007
    Messaggi
    30
    grazie del consiglio. Speriamo che il mio intestino si rimetta a posto !!!!

  13. Registrato da
    15/01/2007
    Messaggi
    30
    vorrei segnalare che da quando uso la pomata HALICAR DHU sulle palpebre, ormai da quasi 10 giorni consecutivi, l'arrossamento ed il prurito sono praticamente spariti e ne sono molto felice, ho aspettato qualche giorno per scrivervi per essere sicura ma ora è arrivato il momento di ringraziarvi ancora. Mi piacerebbe consultare un' altro naturopata con l'esperienza del livello del dott. Valesi, mi potete suggerire come fare ?
    Grazie ancora
    Ultima modifica di anna1401; 24/03/2019 alle 23:14

  14. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,045
    Grazie Alis, sei molto gentile. Mandami una mail privatamente indicando la tua residenza, vedo se posso soddisfare la tua richiesta.
    ciao
    dr. valesi
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  15. Registrato da
    06/07/2009
    Messaggi
    1

    Blefarite da due anni

    Citazione Originariamente Scritto da alis13 Visualizza Messaggio
    vorrei ringraziare tutti voi per la prontezza e la competenza con la quale mi avete aiutato a risolvere un mio "piccolo" ma grande problema. Sto usando la crema Halicar e la blefarite è ormai quasi un ricordo. Mi sentivo molto isolata e incompresa e questo sito mi ha aiutata a non sentirmi sola.
    Cara alis, da due anni ho un enorme problema a causa di una blefarite che non vuole guarire.
    Ho iniziato anch'io ad usare Halicar e ho trovato subito dei benefici.
    Mi dici per quanto tempo la hai usata? Tu sei guarita completamente?
    grazie per la risposta, per me è importantissimo!
    Ultima modifica di anna1401; 24/03/2019 alle 23:17

  16. Registrato da
    22/04/2010
    Messaggi
    449

    Blefarite seborroica e rimedi

    La mia è seborroica in quanto soffro anche di dermatite seborroica del cuoio capelluto, e credo dipenda tutto da squilibri ormonali e questo spiegherebbe la loro presenza in contemporanea fin da piccola.

    Per quanto concerne la blefarite non mi crea particolari problemi, non mi da ulcere, nè prurito, nè dolore o problemi di vista o altro. Mi si forma solo la notte, e l'indomani mattina quando mi alzo ho gli occhi per lo più appiccicati da delle crostine che però vengono via facilmente.

    Avevo avuto problemi con gli struccanti, probabilmente perchè ho palpebre e ciglia molto delicate per via di questa affezione cronica e infatti ogni prodotto non specifico mi dava bruciore e fastidio, e mi tirava molto la pelle.

    Poi mi informai e decisi di prendere uno struccante specifico il BLEFASOL, e da quando lo uso, ormai 2 anni, non mi vengono più bruciori nè niente, con lo stesso si può anche pulire il dotto ciliare con un cottonfioc imbevuto di soluzione.

    Per quanto riguarda i rimedi naturali, mi trovo molto bene con la soluzione idrosalina di sale rosa hymalaiano integrale, o anche di altri.
    Mi faccio lavaggi del corpo e del viso e degli occhi con la soluzione satura ed è come se disinfettasse tutto e in più rende tutto morbido e pulito.
    Ultima modifica di anna1401; 09/06/2010 alle 23:11

  17. Registrato da
    24/03/2019
    Messaggi
    1

    Blefarite a quanto pare cronica

    Salve, sono circa 8 mesi che soffro di blefarite posteriore e anteriore con disfunzione delle ghiandole di meibomio in sindrome dell'occhio secco.
    Sono stata da svariati oculisti e dermatologi, già fatto e provato molte terapie tra cui cortisone sia in unguento che per via orale per 10 giorni.
    Ma nonostante tutto non hanno risolto il problema e la blefarite c'è tutt' ora.

    Ho molti sintomi dalla mattina alla sera ogni giorno tra cui: fotofobia accentuata, lacrimazione, bruciore, occhi secchi. Nonostante faccio un'accurata pulizia delle palpebre con garze oculari e instillo negli occhi delle lacrime artificiali 4 volte al giorno, proprio non riesco a stare bene.
    I sintomi non si attenuano neanche con questi rimedi.

    Inoltre ho la psoriasi che tengo molto bene sotto controllo con delle creme specifiche e shampoo antiforfora e un po' di acne.
    C'è chi dice che possono essere collegati, ma la psoriasi con creme è andata via, nonostante questo la blefarite è rimasta. Può essere altro?

    Dagli esami del sangue risulta tutto nella norma, tranne i folati bassi, sto prendendo il Betotal in pastiglie per questo e 3Mil D per la vitamina D tutti i giorni.Inoltre per gli occhi assumo Diabec (integratore di omega 3).

    Ammetto che bevo poco, bevo abbastanza solo durante i pasti, ma poco fuori dai pasti. Mangio una porzione di frutta al giorno e ultimamente cerco di mangiare più verdura. Ho eliminato il latte da anni per via dell'intolleranza al lattosio, faccio una vita sana, non bevo alcolici e non fumo.
    Vi prego aiutatemi!
    Ultima modifica di anna1401; 03/04/2019 alle 13:36

  18. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,045

    Re: Blefarite a quanto pare cronica

    Innanzi tutto vedo opportuna una azione di riequilibrio e ripristino a livello intestinale con opportuni probiotici. Trovandoci di fronte a una problematica autoimmune anche un trattamento di drenaggio della matrice con GALIUM HEEL+LYMPHOMYOSOT+GU NA SOLIDAGO+R 7
    dr. vincenzo valesi sanihelp

Pagina 2 di 2 PrimaPrima 12

Discussioni Simili

  1. Cura Calazio ... consigli ?
    Di miciotta62 nel forum Malattie, Sintomi e Consigli
    Risposte: 56
    Ultimo Messaggio: 23/04/2019, 00:38
  2. post dopo post................ ...
    Di kigia66 nel forum Smettere di fumare
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 18/04/2010, 23:16
  3. Calazio: come curarlo?
    Di carpediemxx nel forum ... di tutto un po'
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 01/11/2008, 12:07
  4. operare il calazio
    Di piccino nel forum ... di tutto un po'
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 19/05/2008, 19:35
  5. post n. 3.000
    Di nel forum Smettere di fumare
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 23/09/2004, 13:26

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai LETTORI, sulla base dei dati e delle informazioni qui forniti sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio. Le informazioni qui riportate hanno carattere puramente divulgativo e orientativo; non sostituiscono la consulenza medica. È vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione scritta.
Un dietologo e un dietista a tua disposizione. Prova la dieta online