Logo
Cerca nel forum | Cerca in tutto il sito
Ricerca personalizzata Google
Video Home fitness
sondaggi - vota
Pagina 1 di 9 12345 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 20 di 177

Discussione: Mononucleosi (malattia del bacio) Epstein Barr Virus

  1. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Domanda Mononucleosi (malattia del bacio) Epstein Barr Virus

    (tratto da:Mononucleosi infettiva - Wikipedia)
    leggi anche:

    Mononucleosi infettiva (detta comunemente malattia del bacio) è una malattia causata dal virus di Epstein-Barr (EBV). Ha un periodo di incubazione che va dalle quattro alle otto settimane.

    Si manifesta con stato febbrile, stanchezza, astenia, in alcuni casi si avverte un ingrossamento della milza, la comparsa di linfonodi sul collo, sulla nuca e sulle ascelle, mal di gola intenso eventualmente accompagnato da alterazione delle tonsille, che si ricoprono di un muco di colore verdastro.

    In molti casi, si può manifestare esantema.
    In casi eccezionali (meno del 15%), dovuti a mancanza di cure appropriate, si può manifestare encefalite, spesso purtroppo con decorso infausto.

    La febbre, che può essere anche piuttosto elevata, può manifestarsi anche per due settimane. Il decorso è naturale, e sempre benigno.

    È facile poter confondere la mononucleosi con una tonsillite in quanto i sintomi sono pressoché gli stessi se non fosse che la cura antibiotica in genere prescritta è completamente inefficiente.

    In questi casi prima di ogni allarmismo può essere utile ricorrere al test, che non va alla ricerca del virus ma degli anticorpi presenti come reazione del nostro sistema immunitario.

    segue..
    Ultima modifica di francyfre; 23/12/2011 alle 15:28

  2. # ADS
    Mononucleosi (malattia del bacio) Epstein Barr Virus
    Video del giorno Circuit advertisement
    Registrato da
    Always
    Messaggi
    Many
     
  3. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890
    Modalità di contrazione del virus

    Questa infezione è molto contagiosa e si propaga soprattutto attraverso saliva e urine. Il contagio avviene per:

    • via sessuale, o anche tramite un semplice bacio (nella cultura popolare tale patologia viene definita anche malattia del bacio).
    • via aerea (ambienti molto affollati)
    • a causa di forte stress psicologico (esami, concerti, agenda fitta d'impegni).


    Prognosi e guarigione dal virus

    Contro la mononucleosi, essendo di origine virale, non vi sono cure, ad eccezione degli antivirali di ultima generazione, consigliati però solo in casi particolarmente gravi.
    Il trattamento antibiotico, invece, può avere addirittura effetti nocivi.

    Nella maggioranza dei casi, comunque, la malattia decorre in non più di 2 mesi senza ripercussioni di alcun tipo.
    Dopo l'infezione primaria il virus di Epstein-Barr stabilisce un'infezione latente; si possono verificare delle riattivazioni dell'infezione, dato che l'individuo rimane un portatore del virus per tutta la vita.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 18/05/2010 alle 16:08

  4. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890
    Rare complicazioni

    È in alcune condizioni caratterizzate da grave immunosoppressione congenita o acquisita che il virus di Epstein-Barr può riattivarsi o persistere nella fase litica, dando origine a forme cliniche molto gravi

    Il virus di Epstein-Barr è stato, infatti, associato con un gran numero di malattie, anche neoplastiche, per molte delle quali è ormai definitivamente accertato il suo ruolo eziopatogenetico

    In alcuni individui, probabilmente predisposti per cause congenite o acquisite che alterano la risposta immunitaria contro il virus, l'infezione primaria non è controllata ed il virus di Epstein-Barr continua a replicarsi provocando un'infezione cronica attiva (CAEBV) di cui si conoscono forme molto gravi o severe (SCAEBV)

    Questa sindrome ha avuto diverse definizioni, anche perché si sovrappone con altre non ben definite come la sindrome da stanchezza cronica e la sindrome da emofagocitosi EBV correlata

    Contrariamente a quanto asserito negli anni passati, nei pazienti con CAEBV si segnalano sempre più frequentemente neoplasie linfoidi originate dalle cellule T e dalle cellule NK e non dai linfociti B, come generalmente si osserva nelle malattie linfoproliferative post-trapianto EBV positive.

    In rarissimi casi, e di quei pochi quasi sempre limitatamente alle donne, la mononucleosi può portare ad una sindrome da stanchezza cronica a causa degli squilibri che questa può apportare al sistema endocrino, che è concretamente una malattia invalidante ma comunque diagnosticabile.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 18/05/2010 alle 16:09

  5. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Consigli

    È importante, se la malattia viene identificata, evitare di fare troppi sforzi per un periodo di almeno 3 mesi per assicurarsi che il decorso sia terminato in quanto il virus tende a far ingrossare la milza, che nei casi peggiori, può rompersi.

    Nella maggior parte dei casi comunque la malattia decorre in maniera asintomatica come avviene per la maggior parte della popolazione.

    La diffusione di questo tipo di virus è - secondo le statistiche - maggiore di quello che si potrebbe pensare e si ritiene che il 90% della popolazione adulta sia entrata in qualche modo a contatto con il virus ricavandone una immunizzazione.
    I più soggetti alla infezione - sempre secondo le statistiche - sono i giovani.

    Fonte wikipedia.org

  6. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Mononucleosi - altre info

    (a cura del dr. Attilio Speciani, allergologo e immunologo clinico)

    La mononucleosi, detta spiritosamente “malattia del bacio” a causa delle frequenti epidemie che si verificano nei college americani, non è una malattia che si trasmette solo così.

    Infatti il virus responsabile si trasmette anche per via salivare, quindi come per il morbillo o per il raffreddore ne possono essere causa anche i baci, ma soprattutto starnuti, vicinanza stretta, ambienti affollati, e per questa malattia, in modo particolare, sono sicure concause lo stress, la carenza di minerali e la scarsa efficienza del sistema immunitario.

    Considerazioni generali

    Nel trattamento di questa forma possono essere di estrema utilità sia le sostanze che hanno una veloce azione di controllo della infezione virale: Manganese Rame Zinco, Selenio, Vitamina C, Rimedi omeopatici per la febbre, Olio di Ribes, Oscillococcinum

    sia i rimedi che consentono efficacemente di intervenire sui momenti successivi, cioè sul recupero della stanchezza e della fatica connesse con questa malattia: Cellfood, Coenzima Q10, Oximix, Inositolo, Aleurone PF1, Arsenicum album

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 18/05/2010 alle 16:11

  7. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890
    Quel particolare antibiotico (Amoxicillina - uno dei più diffusi) determina nei soggetti con mononucleosi in corso una tipica reazione similallergica per cui il volto (e talora il corpo) si riempie di macchie pruriginose che rendono spesso necessario l'uso di antistaminici e cortisonici (con ulteriore riduzione della capacità immunitaria) per trattare la reazione al farmaco.

    È una reazione transitoria: le persone che hanno questa reazione non restano allergici a quell'antibiotico, anche se la cautela nell'uso degli stessi rimane sempre d'obbligo per moltissimi altri motivi.

    La prevenzione della mononucleosi si attua attraverso tutti gli strumenti che migliorano le difese immunitarie.

    La prevenzione antivirale si fa con una sana alimentazione e con l'integrazione minerale e vitaminica adeguata.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 18/05/2010 alle 16:12

  8. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,044

    inopportunità

    Infatti statisticamente le faringotonsilliti virali rappresentano circa i 2/3 di tutte le faringotonsilliti: si riconoscono per i loro caratteri clinici (e il medico è in grado di farlo). Gli antibiotici in questi casi, ben lungi che essere una panacea, sono del tutto inutili: sicchè ci esponiamo al rischio dei loro effetti collaterali
    senza averne nessun vantaggio pratico.
    Pertanto una automedicazione antibiotica da parte del paziente, è quasi sempre un intervento inopportuno, se non addirittura dannoso.
    Ultima modifica di francyfre; 27/12/2011 alle 10:22
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  9. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Arrow Cure naturali per mononucleosi

    (Dottor Attilio Speciani - allergologo e immunologo clinico)

    Una volta precisato che la mononucleosi, se complicata, merita una valutazione medica, va anche detto che la maggior parte delle infezioni mononucleosiche decorre in modo "semplice" assomigliando appunto ad una forte faringite, e il trattamento di supporto può anche essere di tipo naturale, gestibile quindi da chiunque.

    Ricordiamo, come già detto, che gli antibiotici, in questa malattia non sono solo inutili, ma potenzialmente anche dannosi.

    Tra i rimedi omeopatici da utilizzare per la febbre e la faringite, ricordiamo:

    Mercurius solubilis 9CH,
    Belladonna a qualsiasi diluizione compresa tra la 5CH e la 30 CH, e
    Orthohistaminum 9 CH.

    In caso di tonsille molto gonfie si può utilizzare Hepar sulfur 30 CH al posto di Mercurius solubilis.

    Importante è la immediata azione di supporto con Manganese-Rame-Zinco e con Rame-Oro-Argento.
    Si tratta di due mix di minerali importantissimi per il controllo delle forme infettive virali.

    A questa va associata una integrazione a base di Vitamina C e di Selenio.

    Manganese, Zinco, Rame, Selenio, Vitamina C sono infatti rimedi importanti che consentono di difendersi da virus potenti come quello di Ebola, e indubbiamente dalla mononucleosi e dall'influenza.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 18/05/2010 alle 16:13

  10. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890
    Normalmente una persona smette di essere infettiva dopo circa 5-7 giorni dalla cessazione dei sintomi più evidenti.

    In realtà la eliminazione del virus per via salivare è oltremodo variabile, ma quel tempo è ritenuto in genere sufficiente per riprendere la vita di relazione scolastica o di ufficio.

    Un dato su cui è meritevole porre attenzione è la possibilità della splenomegalia, l'ingrossamento della milza, che evidenzia l'unica importante complicazione non batterica della mononucleosi.

    In alcuni casi è infatti possibile che la milza si ingrossi, e in quel caso fino al recupero delle dimensioni originali è indispensabile mantenere un riposo attivo (la persona cioè può cautamente andare in ufficio o a scuola, ma non può mettersi a correre e saltare o fare ginnastica per le possibili complicazioni che ne possono derivare).
    In quel caso il medico visitando può percepire l'ingrossamento, e in alcuni casi può essere utile verificare la riduzione con una ecografia.

    Fonte eurosalus.lycos.it
    Ultima modifica di anna1401; 18/05/2010 alle 16:13

  11. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890
    Importanza attuale

    Perché la mononucleosi è oggi così importante, e così tante persone ne parlano?
    Il problema origina dal fatto che questo virus il cosiddetto virus di Epstein Barr (EBV) è un virus che dopo l'infezione si ferma nelle cellule del sistema immunitario e lì si localizza, dormiente.

    La possibile inefficienza del sistema immunitario, dovuta a stress, a momenti di depressione, a carenze nutrizionali o ad eccessi di trattamento farmacologico, può favorirne la riattivazione (un po' come avviene con il virus della epatite C e con quello della epatite B).

    Infatti è spesso evidenziabile anche una forma di sofferenza epatica causata dal virus, che si risolve quando il sistema immunitario si riprende.

    In molti casi invece, proprio perché l'infezione avviene per motivi di inadeguatezza della funzione immunitaria, la guarigione è lenta, ritardata, e l'organismo non rimette in ordine il proprio sistema immunitario.

    In questi casi si sviluppa una profonda astenia, che va trattata con aspetti di integrazione alimentare, minerale e vitaminica.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 18/05/2010 alle 16:15

  12. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890
    In molti casi di patologie croniche (fibromialgia, artrite reumatoide, malattie autoimmuni) si ritrova il virus della mononucleosi presente nell'organismo.

    In quei casi non si può certo dire che il virus sia la causa, ma spesso le condizioni di malessere e di incapacità di risposta che il sistema immunitario patisce, sono le stesse che portano poi a favorire la reazione e l'insorgenza di patologie diverse di tipo infiammatorio o degenerativo.

    Chi ha una mononucleosi dovrebbe riconoscere i segni della "benattia" (non mal-attia) che arriva.

    È una forma virale che deve richiamare una persona a riflettere sul proprio stile di vita.

    Non si tratta di diventare dei "santi" o dei digiunatori, ma semplicemente di riconoscere che alimentazione, attività fisica e integrazione minerale sono degli aspetti della propria vita su cui riflettere.

    Si tratta di una malattia simbolo, e diventa importante ragionarci con attenzione.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 18/05/2010 alle 16:16

  13. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Arrow

    Aspetti immunologici

    Uno dei problemi più importanti che spesso si evidenziano è la corretta lettura degli esami di riferimento per diagnosticare la malattia.
    Oltre all'esame emocromocitometrico (da cui si evidenziano il numero totale di Globuli Bianchi e la percentuale di Monociti, di solito molto elevati nella fase acuta) sono rilevanti i seguenti esami:

    Monotest (evidenzia le mononucleosi recenti, ma spesso può dare dei falsi negativi)

    Anticorpi anti EBV EA (early antigen) sia IgG sia IgM . Si tratta di anticorpi presenti nelle prime fasi della mononucleosi (le IgM) mentre le IgG si possono ritrovare anche a distanza di mesi nel sangue e non significano che uno stia facendo la mononucleosi ma semplicemente che la ha già fatta. Dopo un po' questi anticorpi spariscono.

    Anticorpi anti EBV VCA (virus capsigen antigen) sia IgG sia IgM . Si tratta di anticorpi presenti per alcune settimane dalla infezione e le IgM indicano uno stato di attività del virus.
    Quando le IgM calano e restano solo le IgG significa che l'infezione è totalmente superata.

    Le IgG si possono ritrovare anche a distanza di anni nel sangue e non significano che uno stia facendo la mononucleosi ma semplicemente che la ha già fatta.

    Per gli anticorpi Anti EBNA si rimanda all'intervento dello specialista o comunque del medico di riferimento.

    FONTE: Fonte eurosalus.lycos.it
    Ultima modifica di anna1401; 18/05/2010 alle 16:16

  14. Registrato da
    26/10/2007
    Messaggi
    20

    La mia storia

    Nessuno si rende conto del dolore e dell'angoscia sia fisica che psicologica che comporta la CFS(Chronic Fatigue Syndrome)

    io la vivo da 4 anni ed è un inferno che si vive giorno per giorno, ha cambiato la mia esistenza. Nonostante gli sforzi per restare me stessa mi ha snaturalizzata e come me centinaia di persone. abbiamo un forum.

    questa malattia non ti fa morire ma ti uccide ogni giorno.. ho perso lavoro, amici, vitalità, memoria, concentrazione, capelli, sono solo un pallido ricordo di ciò che ero...

    tentativi, fallimenti e tentativi e fallimenti..e ogni giorno il terrore di prendere un colpo d'aria di sentire freddo perchcè significa tosse certa, febbre certa, polmonite o tonsillite..che non puoi curare con antibiotici perchè altrimenti il tuo sistema immunitario impazzisce ancora di più e stai peggio..solo cure naturali e nemmeno quelle a volte..

    per me la mononucleosi ha segnato la fine della donna che sono sempre stata: tutti si ricordano di me come " Uni.. spaccava il capello in quattro "ora sono ciò che sono.. un fragile relitto che non trova pace nonostante stia un poco meglio rispetto a 3 anni fa dove non riuscivo a guidare nemmeno e passavo le giornate a letto incapace di reggermi sulle gambe

    ora riesco a uscire per le visite mediche, riesco a fare le scale fermandomi ogni tre, e dentro la voglia di guarire sta lasciando il posto alla frustrazione all'ìmpotenza.. nonostante questo perchè la qualità di vita è orribile

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 18/05/2010 alle 16:17

  15. Registrato da
    26/10/2007
    Messaggi
    20
    Tutti i rimedi scritti da Anna sono stati usati e ancora di più... da me e da altri... al centro di Chieti danno solo omega tre e olio di pesce per sfiammare... ad Aviano danno Cortisone e Carnitina...

    la carnitina un poco aiuta a volte, altre volte la butti giù ed è come acqua fresca... non si sa come reagiamo noi cfssini...

    Ozonoterapia... CMR... mi hanno aiutata un poco... Ora il mio omoeopata mi sta dando curaro... e la mia mente si sta sbloccando un pochino ma è letargica lenta... come il corpo...

    Scusatemi ma dovevo dire queste cose perchè a volte la gente pensa che la sindrome da fatica cronica sia una malattia di comodo... da sfaticati che non hanno voglia di far nulla e si adagiano... un malato di CFS vuole guarire, vuole correre vuole lavorare, sentire il piacere di fare ginnastica invece è pieno di acido lattico solo se si muove... e le sue braccia pesano quintali come le gambe...

    La gente pensa che non si abbia la forza di volontà per scrollarsi di dosso la stanchezza... non è così, io per due anni ho dormito semisvenuta.. con la sensazione di svenimento come se il mio corpo affondasse nel letto senza nemmeno la forza di girarmi tra le coperte... è una debolezza che non si può controllare..l e surrenali non producono sufficienti ormoni... tutto è al di fuori del tuo controllo...

    Universi
    Ultima modifica di anna1401; 19/11/2007 alle 18:07

  16. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,044

    atti di volontà e atti di ignoranza

    Si può pensare che la sindrome da stanchezza cronica", la vera sindrome da stanchezza cronica
    si possa scrollare di dosso con un atto di volontà, solo per un atto ignoranza.
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  17. Registrato da
    26/10/2007
    Messaggi
    20
    Dottore mi ha commossa... ho due lacrime che scendono senza ritegno...grazie di cuore per queste parole... un medico mi disse anche faccia un figlio così la terrà occupata... oppure ...lasciamo stare...

    Uni

  18. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,044
    un figlio puoi anche farlo se ti piace, ma...per altri motivi...
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  19. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Riferiemtno: La mia storia

    Grazie cara universi per la tua testimonianza sulla sindrome da stanchezza cronica (Chronic Fatigue Syndrome). Segnalaci pure il forum, che magari può essere un utile riferimento per qualche interessato.
    Ultima modifica di francyfre; 27/12/2011 alle 10:20

  20. Registrato da
    26/10/2007
    Messaggi
    20

    Forum sulla CFS

    Vi ringrazio ... a volte tante persone giungono al forum dopo anni di sofferenze senza sapere cosa hanno... dopo che sono stati trattati con psicofarmaci per il loro male immaginario o per attacchi di panico come il creatore del forum che è un mio caro amico malato di cfs da oltre venti anni ma riconosciuto a chieti solo da 4 anni...

    FORUM sulla "sindrome da affaticamento cronico"
    Ultima modifica di francyfre; 23/12/2011 alle 15:29

  21. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890
    grazie universi per la segnalazione del forum

Pagina 1 di 9 12345 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Mononucleosi?
    Di Alessandro89 nel forum ... di tutto un po'
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 26/08/2013, 17:53
  2. Malattia infettiva o riattivazione virus Epstein-Barr
    Di scared85 nel forum Malattie, Sintomi e Consigli
    Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 02/07/2012, 11:58
  3. Epstein Barr + Cytomegalovirus + Candida
    Di alraune nel forum Malattie, Sintomi e Consigli
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 14/06/2010, 13:41
  4. Mononucleosi
    Di xteen nel forum Sesso e Dintorni
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 03/05/2010, 01:34
  5. mononucleosi
    Di luca90 nel forum Sesso e Dintorni
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 30/06/2006, 11:12

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai LETTORI, sulla base dei dati e delle informazioni qui forniti sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio. Le informazioni qui riportate hanno carattere puramente divulgativo e orientativo; non sostituiscono la consulenza medica. È vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione scritta.
Un dietologo e un dietista a tua disposizione. Prova la dieta online