Logo
Cerca nel forum | Cerca in tutto il sito
Ricerca personalizzata Google
Risultati da 1 a 16 di 16

Discussione: tagli alle mani

  1. #1
    Data Registrazione
    04/03/2005
    Messaggi
    3,508

    Domanda tagli alle mani

    Ogni inverno, con il freddo, mi si producono dei tagli molto dolorosi intorno alle unghie delle dita.

    Sapete come prevenirli e curarli?

  2. # ADS
    Google Adsense Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     
  3. #2
    Ospite
    puo' dirci qualcosa di piu', per esempio, che lavoro fa?
    lg

  4. #3
    Data Registrazione
    04/03/2005
    Messaggi
    3,508
    nessun lavoro pesante. Lavoro con la testa e le mani servono solo per scrivere su una tastiera o con una penna e per sfogliare documenti o libri.

    Ciao

  5. #4
    Data Registrazione
    07/04/2004
    Messaggi
    5,932

    Ragadi

    quei fastidiosissimi "tagli" intorno alle unghie delle dita hanno un nome ben preciso, si chiamano RAGADI: si tratta di spaccature molto simili ai crepacci che si formano nei ghiacciai, le quali si originano a livello del DERMA, cioè del tessuto connettivo, che non è solo un sostegno meccanico, ma anche un elemento fondamentale per scambi circolatori e l'innervazione della pelle.
    Questa per così dire "frattura"o spaccatura lacera poi secondariamente l'epidermide, cioe' lo strato epiteliale più superficiale di rivestimento, paragonabile alle mattonelle di un pavimento (e infatti si tratta di un epitelio "pavimentoso" composto).
    v valesi

  6. #5
    Data Registrazione
    07/04/2004
    Messaggi
    5,932
    Il freddo invernale, con i suoi stress e sbalzi termici, crea a livello del DERMA una situazione microcircolatoria e metabolica che lo rende più fragile: tutte le volte che c'è fragilità e quindi minor elasticità, si crea una condizione che favorisce ROTTURE: tutti sappiamo che qualsiasi corpo e oggetto che sia più fragile, è più facilmente soggetto a rompersi quando subisce sollecitazioni meccaniche che in altre condizioni
    sarebero normalmente impattate e ammortizzate senza creare alcun danno: e anche la pelle è soggetta a questa legge fisica. Così pressioni e gesti altrimenti normalissimi, possono diventare elementi sufficienti a determinare queste lesioni, estremamente
    dolorose e sensibili perchè espongono direttamente lo strato dermico, ricchissimo di terminazioni nervose sensitive, soprattutto a livello di alcune zone quali i POLPASTRELLI DELLE DITA, le REGIONI PERIUNGUEALI, i CAPEZZOLI, LA REGIONE PERIANALE.
    A livello delle dita nel linguaggio comune le ragadi sono conosciute anche con il nome di "SETOLE".
    v valesi

  7. #6
    Data Registrazione
    07/04/2004
    Messaggi
    5,932

    ferite pulite

    Intervengono poi altri fattori a far si che queste lesioni tendano a guarire molto lentamente: la reiterazione degli stimoli che le hanno determinate, la non asetticità della zona di pelle interessata che continuamente si trova a contatto con materiali certamente non sterili e quindi esposta a cariche batteriche notevoli. E' di acquisizione comune che una delle condizioni più importanti per favorire la guarigione di una ferita è la sua sterilità o meglio il minor numero di batteri in essa presenti, condiziione che può verificarsi anche naturalmente e con più lentezza, e che può essere accelerata dall'uso di sostanze ad azione antibatterica.
    v valesi

  8. #7
    Data Registrazione
    07/04/2004
    Messaggi
    5,932

    miracoli

    Quindi una delle prime cose da fare per favorire la guarigione di una ragade, ancor prima di ogni intervento ponderale chimico o fitoterapico, o omeopatico-omotossicologico topico-locale o sistemico-generale, è preoccuparsi di proteggere queste lesioni in modo da ridurre gli stess termici,
    gli elementi scatenanti meccanici, il continuo apporto di batteri, i quali possono anche non essere necessariamente patogeni, ma che con la loro stessa presenza in quantità massicce non fanno altro che ritardare la fisiologica riparazione della ragade.
    Non vi sembri strano quindi, che anche la semplice protezione determinata dall'applicazione di un piccolo CEROTTO, non necessariamente medicato, possa fare veri e propri "miracoli".
    v valesi

  9. #8
    Ospite

    cerotti

    Naturalmente il discorso del cerotto, per ovvi motivi, è praticabile solo per le RAGADI localizzate sulle dita.
    v valesi

  10. #9
    Data Registrazione
    04/03/2005
    Messaggi
    3,508
    Grazie per la risposta. In effetti mettere dei cerotti accelera la guarigione o per lo meno, così mi sembra, protegge la parte da urti peraltro dolorosissimi.

    Ma il ceroto alle mani è un pò antiestetico e poi non sempre risolve il problema. Aggiungi che durante la giornata lavorativa, capitandomi di lavarmi le mani più volte, si stacca. Ci vorrebbe qualcosa di più curativo ma soprattutto una azione preventiva. Io metto tutte le sere della pomata all aglicerina ma i risultati sono zero.

  11. #10
    Ospite

    interventi locali

    La protezione meccanica è importante, ma non può risolvere tutto il problema terapeutico;quindi possiamo ricorrere a vari prodotti per favorire e accelerare il processo di riparazione. Dobbiamo distinguere fra interventi locali
    e generali. Fra i primi ricordo quelli praticati con alcuni fitoderivati quali
    l'OLIO di MANDORLE, che ha un'azione lenitiva molto
    apprezzabile anche nelle RAGADI del CAPEZZOLO della donna che allatta,
    il CAPILEN FLUIDO LIPOSOMIALE, l'OLIO di CALENDULA composta, il GEL di ALOE per uso topico, l'OLIO di ELICRISO composto.
    v valesi

  12. #11
    Data Registrazione
    04/03/2005
    Messaggi
    3,508
    A Ospite valesi

    Grazie ancora. un'ultima cosa. I prodotti segnalati si comprano in farmacia o in erboristeria?

  13. #12
    Ospite

    Dr. valesi...

    A cos'altro serve l'olio di mandorle dolci?
    Grazie.

  14. #13
    Data Registrazione
    07/04/2004
    Messaggi
    5,932

    olio di mandorle dolci

    Ha proprietà emollienti, addolcenti, nutrienti, lenitive, utili per lenire prurito e irritazione di varie dermatosi (per esempio il prurito della varicella) nelle smagliature gravidiche e dopo cure dimagranti, anche per ridonare lucentezza ad una capigliatura i cui capelli sono diventati sfibrati e opachi.
    v valesi

  15. #14
    Data Registrazione
    14/07/2013
    Messaggi
    1

    Re: tagli alle mani

    salve, ho letto le domande e le risposte sulle ragadi delle mani: io ho questo problema adesso in piena estate, prima le avevo sui polpastrelli in inverno, adesso in inverno mi vengono sui talloni ed ora le ho nelle pieghe interfalangee delle mani. La cosa che vorrei capire è se c'è un motivo di salute......grazie!

  16. #15
    Data Registrazione
    02/11/2004
    Messaggi
    25,739

    Re: tagli alle mani

    Finché lavoravo nella mia macelleria,dove avevo contatto quotidiano con grasso e sangue,le mani non mi seccavano mai,e ne si spaccava la pelle vicino alle unghie.
    Anche la crema più costosa non fa miracoli...il primo imputato fa parte dei detersivi...ma ora lavo con sapone naturale di marsiglia,e questo aiuta.
    Meglio sarebbe mettere i guanti di gomma.
    Ho notato che quando spremo un limone,e la buccia con il resto della polpa,lo passo sulle mani,la pelle diventa morbida.Ricordo che qualche anno fa una moda passeggero che reclamava l'azione miracolosa degli acidi della frutta.
    Ma ricordo anche una crema che l'ospedale forniva alle infermiere,veramente efficace,era a base di certe vitamine...non ricordo quale.
    E poi una crema preparata da un omeopata/erborista a base di lanoline...lo ebbe mia figlia anni fa,e non abbiamo la formula per farla riprodurre.

  17. #16
    Data Registrazione
    07/04/2004
    Messaggi
    5,932

    Re: tagli alle mani

    Citazione Originariamente Scritto da frederika Visualizza Messaggio
    Finché lavoravo nella mia macelleria,dove avevo contatto quotidiano con grasso e sangue,le mani non mi seccavano mai,e ne si spaccava la pelle vicino alle unghie.
    Anche la crema più costosa non fa miracoli...il primo imputato fa parte dei detersivi...ma ora lavo con sapone naturale di marsiglia,e questo aiuta.
    Meglio sarebbe mettere i guanti di gomma.
    Ho notato che quando spremo un limone,e la buccia con il resto della polpa,lo passo sulle mani,la pelle diventa morbida.Ricordo che qualche anno fa una moda passeggero che reclamava l'azione miracolosa degli acidi della frutta.
    Ma ricordo anche una crema che l'ospedale forniva alle infermiere,veramente efficace,era a base di certe vitamine...non ricordo quale.
    E poi una crema preparata da un omeopata/erborista a base di lanoline...lo ebbe mia figlia anni fa,e non abbiamo la formula per farla riprodurre.
    La ragadi sono fissurazioni, spaccature della pelle dai suoi strati superficiali fino al derma. Dolorosissime, perché sono “esposte” le terminazioni nervose che si trovano nel derma. Le sedi più frequenti sono: dita intorno alle unghie, labbra, naso, zona intorno all’ano , areola intorno al capezzolo. Queste ultime rappresentano un problema per le donne che allattano perché trasformano la poppata in una vera e propria tortura; buoni risultati si ottengono in quest’ultimo caso con l’olio di mandorla. Negli altri casi utili localmente la pomata di calendula, il gel di aloe, l’olio essenziale di lavanda( dal libro " I Rimedi naturali del medico di famiglia" consigli e terapie per le malattie più diffuse, dr Vincenzo Valesi, MACROEDIZIONI)
    dr. vincenzo valesi sanihelp

Discussioni Simili

  1. Iperidrosi
    Di lotti86 nel forum Malattie, Sintomi e Consigli
    Risposte: 34
    Ultimo Messaggio: 01/04/2012, 20:05
  2. Tagli sulle dita delle mani
    Di soramia1 nel forum ... di tutto un po'
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 22/02/2011, 02:26
  3. Dolore Alle Mani Per Masturbazione
    Di santa nel forum Sesso e Dintorni
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 21/06/2008, 15:57
  4. sudorazione alle mani
    Di figliadellaluna nel forum ... di tutto un po'
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 04/07/2005, 14:56
  5. Problema alle mani
    Di lotti86 nel forum ... di tutto un po'
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 22/03/2005, 09:58

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai LETTORI, sulla base dei dati e delle informazioni qui forniti sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio. Le informazioni qui riportate hanno carattere puramente divulgativo e orientativo; non sostituiscono la consulenza medica. È vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione scritta.
Un dietologo e un dietista a tua disposizione. Prova la dieta online