Logo
Cerca nel forum | Cerca in tutto il sito
Ricerca personalizzata Google
Pagina 6 di 6 PrimaPrima ... 23456
Risultati da 101 a 119 di 119

Discussione: Osteoporosi

  1. #101
    Data Registrazione
    23/03/2006
    Messaggi
    24

    Riferimento: Osteoporosi: prodotti naturali?

    DR. Valesi,
    scusi se disturbo ancora ma volevo chiarire che Estromineral l'ho assunto di mia volontà, su consiglio del farmacista.
    In realtà la mia diagnosi di osteoporosi è recentissima e non sono in cura da nessuno, per cui posso anche sospenderlo.

    Il medico di base mi ha consigliato di assumere quanto sopra, ma è al corrente che, difficilmente, mi curo con i farmaci convenzionali quindi mi ha lasciato libera di optare per altre cure, ovviamente a mio rischio e pericolo.
    (domani ritiro gli esami del sangue)

    Tenga presente che, per quanto riguarda il climaterio l'unico sintomo importante è il disturbo alle ossa.
    Chiarito ciò, vorrei sapere le dosi dei prodotti che mi ha consigliato, se devo aggiungere altro e per quanto devo assumerli.

    L'ultima cosa: i rimedi sopra citati si possono considerare come sostitutivi della cura proposta dal medico di base (calcio vit. D e bifosfonati)?
    Se non c'è il rischio di peggioramento io userei solo ciò che mi consiglierà.

    In passato ho seguito i suoi consigli e mi sono trovata bene.
    Grazie del suo aiuto prezioso.
    Rita

  2. # ADS
    Google Adsense Circuit advertisement
    Data Registrazione
    Always
    Messaggi
    Many
     
  3. #102
    Data Registrazione
    27/02/2011
    Messaggi
    32

    Osteoporosi e Oligolito

    Per curare l'osteoporosi vabene Ooligolito Osteum 1 fiala tutti i giorni?
    il medico curante dici che e' acqua fresca e che andrebbe preso qualcosa del tipo Osseor associato a vitamina D.
    Lei cosa ne pensa?
    Spero di avere una risposta dal dotto.valesi.
    Ultima modifica di anna1401; 01/03/2011 alle 09:38

  4. #103
    Data Registrazione
    07/04/2004
    Messaggi
    5,931

    Re: Osteoporosi e Oligolito

    Ti risponderò in una maniera molto morbida e non faziosa, che è molto lungi dal mio modo di vedere le cose. Penso quello che di solito penso quando si deve scegliere se utilizzare un farmaco convenzionale e uno non convenzionale. Come molti farmaci chimici l'effetto è dovuto a una stimolazione o a una inibizione di meccansimi fisiologici, quali in questo caso l'attività di osteoblasti(costrutt ori dell'osso) e osteoclasti(rimodell anti l'osso).
    Non si tratta di aprire diatribe di lana caprina fra medicina naturale e convenzionale, sugli effetti collaterali e indesiderati, sulla maggiore o minore efficacia.
    Da un punto di vista giuridico la medicina naturale è svantaggiata: nel senso che se un evento non gradito si verifica dopo l'uso di un farmaco chimico, rientra nell'ordine delle cose; se dopo l'uso di un farmaco naturale può essere considerato una grave colpa, perchè la scienza "ufficiale" afferma che non esistono dimostrazioni di comprovata efficacia. Questo la legge prescriva che si dica ai pazienti. La maggior parte di quelli che si rivolgono alla medicina naturale già lo sanno, e accettano questo
    "rischio" di cui il medico ha il dovere di informarli.

    Al di là di ogni polemica mi limiterò a dire che la strategia antiosteoporotica non è demandabile solo ai farmaci, ma rientra in una visione più generale che contempla anche a un corretto stile di vita, alimentazione, attività fisica, nonche atteggiamento psicoemozionale che riduca le cause dello stress.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 01/03/2011 alle 09:39
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  5. #104
    Data Registrazione
    07/04/2004
    Messaggi
    5,931
    Quindi o sono tutti stupidi e masochisti, con i relativi medici "imbroglioni", tanto è vero che su una celebre rivista scientifica si invitava i medici che la praticano ad astenersi dall'esercitare un certo tipo di medicina. Ho troppo rispetto per la dignità e l'intelligenza dei pazienti e dei medici per ritenerli tali. Ognuno è poi libero di fare le sue scelte, nel rispetto delle leggi e della sua e altrui dignità.
    Ultima modifica di anna1401; 01/03/2011 alle 09:40
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  6. #105
    Data Registrazione
    27/02/2011
    Messaggi
    32

    Re: Osteoporosi e Oligolito

    Carissimo Dott.,
    La ringrazio tanto per avermi risposto. Concordo su tutto quando ha scritto.
    Comunque a mio avviso sta di fatto che al rischio di incorrere in effetti collaterali preferisco non avere nessun beneficio.
    Innanzitutto la persona per la quale le ho posto questa questione è mia zia la quale 72 anni con nessun problema a livello articolare (mai fratture, o dolori articolari) ma con T SCORE paria a -2,9 e z score pari a -0,6. altezza 150 e peso 52. Questo esame è stato il punto di partenza per iniziare a valutare una terapia mineralizzante.

    Io francamente le ho proposto di prendere le fiale Osteum inquanto riequilibrano e aiutano ad un corretto metabolismo osseo.
    A questo aggiungo che però mia zia ha dei problemi molto spesso di reflusso e quindi di acidità di stomaco che probabilmente è uno degli elementi che va considerato per quando concerne l'osteoporosi.
    In ogni caso mi piacerebbe sapere Lei cosa consiglia ai suoi pazienti di alternativo da omeopata-omotossicologo.
    La ringrazio anticipatamente!!
    saluti!!
    Ultima modifica di anna1401; 01/03/2011 alle 09:41

  7. #106
    Data Registrazione
    07/04/2004
    Messaggi
    5,931

    Re: Osteoporosi e Oligolito

    Come terapia complementare io generalmente consiglio OSTEOBIOS gocce 15 x3, OS SUIS INJEEL e TESTIS SUIS (perchè nell'osteoporosi c'è perdita della massa ossea quindi anche della matrice proteica), acidi grassi essenziali Omega 3 che inibiscono gli osteoclasti, stabilizzano i fosfolipidi di membrana intervenendo anche, inibendo, la sintesi della prostaglandine proinfiammatorie; infatti oggi la perdita di massa ossea viene connessa al sistema immunitario e all'infiammazione cronica, così che le citochine infiammatorie cronicamente aumentate agiscono in senso di stimolo sugli osteoclasti (da cui l'opportunità di prevenire e ridurre anche l'adiposità periviscecrale che è una fonte cronica di citochine proinfiammatorie).

    E' utile anche alcalinizzare, perchè l'aumento dell'acidità favorisce la mobilizzazione di Calcio dall'osso, e questo può esser fatto sia con una dieta basificante che integrando con sali alcalinizzanti quali ALKIMO, REGOBASIC, BASEN PULVER e tanti altri che svolgonop la stessa funzione.

    Importante anche una adeguata attività fisica perchè le sollecitazioni meccaniche e gravitazionali agiscono postivizzando il bilancio osseo.
    Anche gli ISOFLAVONI DELLA SOIA che sui recettori beta estrogenici modulando l'iperattività degli osteoclast i contenuti anche in un'associazione molto iinteressante che si chiama SYMBIO FEM, indicata soprattutto nel periodo del climaterio femminile).
    Ultima modifica di anna1401; 01/03/2011 alle 09:44
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  8. #107
    Data Registrazione
    26/07/2010
    Messaggi
    107

    Verifica dello stato dell'osso?

    Salve Dottore
    ma per la sua esperienza i farmaci naturali che lei ha indicato, sono facilmente reperibili?

    e poi sempre in base alla sua esperienza con i propri pazienti, si può fare una verifica dello stato dell'osso? cioè se per esempio assumo Farmaci tradizionali o quelli naturali e dopo un anno eseguo un controllo sullo stato dell'osso vedrò miglioramenti? o non si riesce a vedere?
    Ultima modifica di anna1401; 30/10/2012 alle 22:56

  9. #108
    Data Registrazione
    07/04/2004
    Messaggi
    5,931

    Re: Verifica dello stato dell'osso?

    Risposta alla prima domanda: si, in farmacia.
    Alla seconda: i controlli clinici, laboratoristici e strumentali sono non solo opportuni, ma auspicabili, la medicina fisiologica di regolazione utilizza gli stessi strumenti diagnostiuci di quella tradizionale.
    Ultima modifica di anna1401; 30/10/2012 alle 22:57
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  10. #109
    Data Registrazione
    26/07/2010
    Messaggi
    107

    Re: Verifica dello stato dell'osso?

    grazie, ma i valori migliorano generalmente, con uno o l'altro modo di agire?
    Ultima modifica di anna1401; 01/11/2012 alle 23:02

  11. #110
    Data Registrazione
    07/04/2004
    Messaggi
    5,931

    Re: Verifica dello stato dell'osso?

    L'unico modo per saperlo è effettuare dopo congruo periodo di tempo i controlli di cui si parla sopra. Generalmente è considerato un risultato positivo anche un non peggioramento della eventuale riduzione della massa ossea. Nessun farmaco può dare assoluta certezza di risposta, e questo vale anche per i farmaci chimici. Quello che si cerca di fare è operare , almeno in questi casi, secondo un ragionamneto clinico e con un intervento mirato sulla fisiopatologia del proiblema, in questo caso l'osteoporosi.
    Ultima modifica di anna1401; 01/11/2012 alle 23:03
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  12. #111
    Data Registrazione
    26/07/2010
    Messaggi
    107

    Latte e bambini

    Citazione Originariamente Scritto da anna1401 Visualizza Messaggio
    Ma allora? Come spiegare l’Osteoporosi?

    Troppe proteine assunte durante i pasti, producono un eccesso di cenere acide (a seguito dell’ossidamento) che sovraccaricano le naturali capacità di neutralizzazione e smaltimento degli acidi. Un organismo inizialmente prenderà il sodio necessario per neutralizzare l’acidificazione incombente, dalla sua riserva Alcalina: una volta esaurita quella (a seguito dell’esagerato e continuativo abuso di proteine animali come carne, latte, ecc.), sarà costretto a prelevare il calcio dalle ossa per tamponare l’eccessiva acidità causata).

    Il latte è essenziale nei primi 6 mesi di vita, ma da questo momento in poi il latte, o meglio il lattosio, comincia ad essere “dimenticato” dalle cellule intestinali, in base alla legge filogenetica che sancisce che “è la funzione che sviluppa l’organo” e di contro, in questo caso l’intestino, spontaneamente non riesce più ad amministrare adeguatamente l’assorbimento del lattosi. Vorrà dire che è giunto il momento di smetterla di somministrare latte e derivati ai nostri figli, o ancor peggio ai nostri nonni a tutti i costi.
    ho letto ora questa cosa di smettere di dare il latte al bambino dopo 6 mesi: e dopo ????
    vado col te? o con cosa altro al mattino?
    cereali sminuzzati nel te ad esempio?
    Ultima modifica di anna1401; 17/01/2013 alle 23:19

  13. #112
    Data Registrazione
    07/12/2004
    Messaggi
    21,107

    Re: Latte e bambini

    Dipende che età ha il bambino.

    Finchè la mamma può allattare (anche oltre i sei mesi) , il bambino è sicuro di ricevere l'alimento più giusto, più sano e più indicato per lui oltre a crearsi le sue difese immunitarie. Poi si può intervenire con altri tipi di “latte” : di mandorle, di riso, di avena, di farro, di miglio .. magari alternandoli anche nella preparazione delle pappe.
    Senti anche la risposta del dr Valesi.

  14. #113
    Data Registrazione
    11/03/2011
    Messaggi
    7,380

    Re: Latte e bambini

    Citazione Originariamente Scritto da anna1401 Visualizza Messaggio
    Dipende che età ha il bambino.

    Finchè la mamma può allattare (anche oltre i sei mesi) , il bambino è sicuro di ricevere l'alimento più giusto, più sano e più indicato per lui oltre a crearsi le sue difese immunitarie. Poi si può intervenire con altri tipi di “latte” : di mandorle, di riso, di avena, di farro, di miglio .. magari alternandoli anche nella preparazione delle pappe.
    Senti anche la risposta del dr Valesi.
    anche io sono interessata, scusa Anna ma il late vaccino è sconsigliato? e perchè?
    io abito in un paese di collina e vado direttamente dal contadino a prenderlo...
    mia figlia ha 18 mesi ho smesso con l'allattamento al seno ad 11 mesi...
    **..sempre...comunque...dovununque... **

  15. #114
    Data Registrazione
    07/12/2004
    Messaggi
    21,107

    Re: Latte e bambini

    Citazione Originariamente Scritto da anna1401 Visualizza Messaggio
    Ma allora? Come spiegare l’Osteoporosi?

    Troppe proteine assunte durante i pasti, producono un eccesso di cenere acide (a seguito dell’ossidamento) che sovraccaricano le naturali capacità di neutralizzazione e smaltimento degli acidi. Un organismo inizialmente prenderà il sodio necessario per neutralizzare l’acidificazione incombente, dalla sua riserva Alcalina: una volta esaurita quella (a seguito dell’esagerato e continuativo abuso di proteine animali come carne, latte, ecc.), sarà costretto a prelevare il calcio dalle ossa per tamponare l’eccessiva acidità causata).

    Il latte è essenziale nei primi 6 mesi di vita, ma da questo momento in poi il latte, o meglio il lattosio, comincia ad essere “dimenticato” dalle cellule intestinali, in base alla legge filogenetica che sancisce che “è la funzione che sviluppa l’organo” e di contro, in questo caso l’intestino, spontaneamente non riesce più ad amministrare adeguatamente l’assorbimento del lattosio. Vorrà dire che è giunto il momento di smetterla di somministrare latte e derivati ai nostri figli, o ancor peggio ai nostri nonni a tutti i costi.
    Ciao gingerina, è per i motivi di cui abbiamo parlato in questa discussione Il latte va bene per tutti i cucciloli, ma una volta svezzati, non hanno più bisogno di latte, ma di tutte le altre sostanze per crescere bene comunque.

  16. #115
    Data Registrazione
    07/04/2004
    Messaggi
    5,931

    Re: Latte e bambini

    Credo che ci sia poco da aggiungere a quanto detto da Anna e da me condiviso. Nei mammiferi, il latte è l'alimento dei cuccioli. Si può disquisire sul momento preciso del distacco, ma rimane il principio. E le soluzioni alternative non mancano, ce ne sono tante, tipo quelle elencate. Consigliandosi naturalmente anche col pediatra per quanto riguarda i singoli casi specifici.
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  17. #116
    Data Registrazione
    07/12/2004
    Messaggi
    21,107

    Re: Latte e bambini

    e già
    La mucca, quella “naturale” che pascola libera nei prati, si procura calcio mangiando le ERBE (quella “industrializzata” ferma immobile nelle stalle invece si nutre di mangimi composti … oltre all’integrazione di ormoni artificiali, vaccini, farmaci, antibiotici ecc…). Le erbe a loro volta assorbono calcio dal terreno. Con l’allattamento poi la mucca passa il calcio al vitellino che deve costruire in fretta la sua ossatura per rendersi indipendente al più presto possibile.

    Nel latte materno c’è meno calcio rispetto a quello vaccino, ma è ricco di fosforo , perché la natura ha stabilito che il neonato ha bisogno di sviluppare in fretta dapprima il cervello.
    Quindi il latte della mucca è più adatto al vitello, mentre quello umano è adatto al bambino.

  18. #117
    Data Registrazione
    08/11/2010
    Messaggi
    42

    Osteobios, Menoflavon.. per osteopenia

    Buongiorno, scusate se mi inserisco nella discussione, ma è un'argomento che tocca pure me....visto che sono in osteopenia e ogni anno peggioro.... per cui , come già detto in altra discussione, mi hanno suggerito di riassumere estrogeni dopo 10 anni di menopausa...(io preferisco cure naturali!)...
    Ora, è possibile migliorare o meglio NON PEGGIORARE LA MIA OSTEOPENIA assumendo OSTEOBIOS gocce 15 x3, MENOFLAVON, e altro??
    faccio camminate e nuoto e bevo molto..acqua......

    grazie mille forse ho speranza!
    Ultima modifica di anna1401; 19/03/2014 alle 17:31

  19. #118
    Data Registrazione
    07/12/2004
    Messaggi
    21,107

    Re: Osteobios, Menoflavon.. per osteopenia

    Ciao amorilla, non scoraggiarti che si è sempre in tempo a fare qualcosa di utile per il proprio fisico
    Hai già dato un'occhiatina a quesa discussione? Ci sono già dei consigli utili.
    Importante è sicuramente curare l'alimentazione, perchè con quesa si può già fare buona parte del lavoro, e poi l'attività fisica, come già hai detto anche tu. Poi gli itegratori adatti danno senz'altro una mano. Per questi aspetta i consigli del dr Valesi.

  20. #119
    Data Registrazione
    07/04/2004
    Messaggi
    5,931

    Re: Osteobios, Menoflavon.. per osteopenia

    Citazione Originariamente Scritto da amorillia Visualizza Messaggio
    Buongiorno, scusate se mi inserisco nella discussione, ma è un'argomento che tocca pure me....visto che sono in osteopenia e ogni anno peggioro.... per cui , come già detto in altra discussione, mi hanno suggerito di riassumere estrogeni dopo 10 anni di menopausa...(io preferisco cure naturali!)...
    Ora, è possibile migliorare o meglio NON PEGGIORARE LA MIA OSTEOPENIA assumendo OSTEOBIOS gocce 15 x3, MENOFLAVON, e altro??
    faccio camminate e nuoto e bevo molto..acqua......

    grazie mille forse ho speranza!
    L'altro può essere l'associazione con LILIUM COMPOSITUM, una fiala una volta alla settiamana anche questo per tempi lunghi.
    dr. vincenzo valesi sanihelp

Pagina 6 di 6 PrimaPrima ... 23456

Discussioni Simili

  1. Acidificazione delle urine e osteoporosi
    Di patrizia59 nel forum Malattie, Sintomi e Consigli
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 09/09/2010, 16:53
  2. osteoporosi rimedi
    Di anna1401 nel forum Malattie, Sintomi e Consigli
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 05/02/2005, 18:22

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai LETTORI, sulla base dei dati e delle informazioni qui forniti sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio. Le informazioni qui riportate hanno carattere puramente divulgativo e orientativo; non sostituiscono la consulenza medica. È vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione scritta.
Un dietologo e un dietista a tua disposizione. Prova la dieta online