Logo
Cerca nel forum | Cerca in tutto il sito
Ricerca personalizzata Google
Video Home fitness
sondaggi - vota
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 20 di 27

Discussione: ionizzatore

  1. Registrato da
    05/05/2008
    Messaggi
    106

    ionizzatore

    ho sentito parlare degli effetti benefici di questo oggetto. mi sapreste spiegare meglio in cosa consiste e a cosa serve?

    ..soprattutto è utile??

  2. # ADS
    ionizzatore
    Video del giorno Circuit advertisement
    Registrato da
    Always
    Messaggi
    Many
     
  3. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121

    Parlando Uno ionizzatore d'aria? Daria?

    Che cos’è uno ionizzatore d’aria?
    (tratto dalla rivista "Focus" )

    Uno ione è un atomo cui sono stati strappati o aggiunti uno o più elettroni. Nel secondo caso, si ha uno ione negativo.
    Quando si parla di ioni in relazione all’aria, in particolare, ci si riferisce a ioni ossigeno negativi.
    Poiché i raggi solari ultravioletti e i fulmini ionizzano gli atomi di ossigeno, l’aria aperta contiene una quantità di ioni negativi variabile fra i mille e i 4 mila per centimetro cubo.

    Lo ionizzatore in sé è un circuito elettrico che mette a contatto gli atomi dell’atmosfera con un’altissima tensione (circa 10-15 mila volt).
    L’aria che esce dallo ionizzatore è quindi ricca di ioni.

    Ionizzare l’aria di un ambiente contribuisce a renderla più pulita: gli ioni negativi, infatti, si legano alle particelle in sospensione nell’aria (polveri, aromi, fumo, pollini e batteri) e le caricano elettrostaticamente.
    Di conseguenza la polvere tenderà a legarsi alle superfici che incontra (le pareti della stanza, per esempio) anziché svolazzare.

    In teoria le persone allergiche dovrebbero risentire un netto beneficio dall’utilizzo di uno ionizzatore, ma non tutte le ricerche al riguardo sono concordi.

  4. Registrato da
    05/05/2008
    Messaggi
    106
    carina la battuta!!!!!!!!! :P quindi..? è il caso di comprarlo o no? tu che mi consigli??

  5. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121
    Non saprei Daria Io non l'ho e quindi non so dirti .
    In attesa di sentire qualche esperienza, riporto altre info

  6. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121

    Lo Ionizzatore

    Lo Ionizzatore
    (tratto da : termoidramalfi.alter vista.org)


    Lo ionizzatore è un dispositivo in grado di generare ioni negativi.
    L'aria passa all'interno della batteria di scambio termico, che la priva della propria carica elettrostatica.
    Successivamente, attraversa lo ionizzatore, che provvede a ricaricarla di ioni negativi, vere e proprie “vitamine dell'aria”, che vengono poi ceduti all'ambiente interno.
    L'effetto ottenuto è quello di una piacevole sensazione di benessere e relax che spesso si prova in ambienti incontaminati.
    Ultima modifica di anna1401; 10/02/2014 alle 15:52

  7. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121

    Che differenza c'è fra uno ionizzatore e un purificatore d'aria ?

    (Tratto da : answers.yahoo.com )


    Uno ionizzatore immette nell'ambiente ioni negativi per compensare l'eccesso di ioni positivi nell'aria e ristabilire il corretto equilibrio ionico.

    Un purificatore d'aria invece filtra l'aria, trattenendo le particelle inquinanti e reimmettendo nell'ambiente aria pulita. Parliamo quindi di due strumenti completamente diversi, che purtroppo vengono spesso confusi. Vediamo però nel dettaglio come funzionano, quali vantaggi offrono e quali contro indicazioni possono avere.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 10/02/2014 alle 15:53

  8. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121

    Gli ionizzatori

    (Tratto da : answers.yahoo.com )

    • Gli ionizzatori, come detto in precedenza, producono ioni negativi. Perchè? Gli ioni positivi attraggono e trattengono particelle e sostanze inquinanti nell'aria.
    Gli ioni negativi al contrario attaccano le impurità dell'aria, appesantiscono le particelle e fanno in modo che queste si depositino sui muri, sul pavimento e su tutte le superfici della stanza.
    In pratica le particelle non vengono eliminate, ma "cadono" sulle superfici in modo da non poter essere inalate.
    Ultima modifica di anna1401; 10/02/2014 alle 15:54

  9. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121
    (Tratto da : answers.yahoo.com )

    Vi sono tuttavia alcuni problemi connessi all'utilizzo di uno ionizzatore
    .

    Innanzitutto uno ionizzatore non elimina la polvere e le particelle inquinanti dall'aria ma, come detto, le fa semplicemente "cadere" sulle superfici; basta quindi una semplice corrente d'aria per fare in modo che le particelle tornino a disperdersi nell'ambiente ed essere respirabili.
    Inoltre questo processo crea un forte aumento di sporcizia sulle superfici della stanza, provocando aloni scuri sui muri e accumuli di polvere su mobili e pavimento.

    Altro aspetto da tenere in grande considerazione è che per appesantire e far cadere le particelle inquinanti sulle superfici è necessario produrre una quantità enorme di ioni negativi, ben oltre le soglie ritenute sicure per la salute umana.
    Nell'aria indoor sono presenti mediamente dai 100 ai 200 ioni negativi per cm3, l'aria esterna invece ha dai 200 ai 500 ioni negativi per cm3, mentre una foresta ricca d'aria fresca e pulita contiene dai 1.500 ai 5.000 ioni negativi per cm3.
    Uno ionizzatore generalmente produce da 1.000.000 a 10.000.000 di ioni negativi per cm3, ovvero la quantità necessaria a far cadere le particelle sui muri e sul pavimento.
    Questa quantità è semplicemente eccessiva e può essere causa di mai di testa ed irritazioni a gola, naso ed occhi

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 10/02/2014 alle 16:07

  10. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121

    I purificatori d'aria

    (Tratto da : answers.yahoo.com )

    • Nei purificatori d'aria invece il sistema di ventilazione interno spinge l'aria attraverso un filtro il quale cattura particelle e sostanze inquinanti. L'aria filtrata viene poi reintrodotta nell'ambiente.
    Questo processo elimina letteralmente dall'aria le impurità responsabili dell'inquinamento indoor e non presenta effetti collaterali.

    L'efficacia del sistema può variare molto a seconda della tecnologia utilizzata e dei materiali impiegati. Nei sistemi più sofisticati è comunque possibile ottenere un'efficacia quasi totale nei confronti delle particelle di piccole e medie dimensioni pericolose per la salute dell'uomo.
    Ultima modifica di anna1401; 10/02/2014 alle 15:55

  11. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121

    Ionizzatore + purificatore d'aria

    (Tratto da : answers.yahoo.com )

    • Alcuni produttori attualmente sul mercato offrono sistemi all-in-one in cui convivono uno ionizzatore e un purificatore d'aria.

    Come detto in precedenza, ionizzare l'aria ha comunque effetti collaterali, come l'eccessiva produzione di ioni negativi, dannosa per la salute, e l'accumulo di sporcizia sulle superfici, che la funzione di purificazione dell'aria non può risolvere.

    Inoltre questi sistemi solitamente non utilizzano tecnologie sofisticate e materiali di qualità, sfruttando di norma filtri HEPA o ULPA standard, incapaci di filtrare le particelle di piccole dimensioni da 0.1 a 0.3 micron dannose per la salute dell'uomo.

    Per tutti i sistemi presi in considerazione, come per tutti gli altri elettrodomestici, è comunque importante verificare sempre che le emissioni d'ozono siano contenute entro la soglia di sicurezza, fissata dagli standard internazionali a 0.05 ppm (parti per milione).
    Ultima modifica di anna1401; 10/02/2014 alle 15:55

  12. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121

    Le lampadine ionizzanti aiutano la salute?

    ( Tratto da: ecowiki.it/tag/ozono )

    Le lampadine ionizzanti oltre alla luce emettono ioni negativi, in particolare ioni di ossigeno.
    Le consigliano agli allergici per migliorare la qualità dell’aria in ambienti chiusi e le consigliano agli anemici per stimolare la produzione di globuli rossi, imitando l’atmosfera di montagna.
    Gli ionizzatori abbattono gli odori e pare abbiano anche un effetto antidepressivo.

    La ionizzazione produce aggregazione delle particelle sospese, ovvero la caduta della polvere, che quindi se da una parte non viene respirata, dall’altra si deposita ovunque trovi qualcosa su cui appoggiarsi.
    I virus contenuti nell’aeroplancton cadono a terra e ne viene diminuita la capacità di infettare gli organismi bersaglio, tanto che si usano ionizzatori negli allevamenti di polli e nei reparti grandi ustionati degli ospedali, per motivi sanitari.

    La ionizzazione negativa dell’aria aiuterebbe gli sportivi a smaltire l’acido lattico e ne aumenterebbe le prestazioni, secondo il Centro di Ricerca in Bioclimatologia medica dell’Università degli Studi di Milano.
    Ultima modifica di anna1401; 10/02/2014 alle 15:56

  13. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121
    ( Tratto da: ecowiki.it/tag/ozono )

    La ionizzazione produce ozono e l’ozono e’ un fortissimo ossidante.
    Se da una parte l’ozono disinfetta, dall’altra brucia.
    In estate in molte città italiane scattano gli allarmi per la troppo alta concentrazione di ozono al punto che si sconsiglia agli sportivi di fare attività intensa nelle ore centrali della giornata, ai bambini di giocare all’aperto e a chi soffre di malattie respiratorie di uscire di casa.

    L’ozono reagisce con i clorofluorocarburi. Se questa reazione avviene nella fascia alta dell’atmosfera, perdiamo lo strato di ozono che ci protegge dagli ultravioletti, ragione per cui esiste il bando internazionale ai cfc.
    Se la stessa reazione avviene nella parte bassa, quella dove respiriamo noi, si impedisce ai cfc di salire a far danni.
    Ultima modifica di anna1401; 10/02/2014 alle 15:56

  14. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121
    (Tratto da: naturmed.unimi.it/meteolab_Ioni.html )


    REALIZZAZIONE DI UNA STAZIONE DI MISURA DELLA CARICA ELETTRICA ATMOSFERICA (IONIZZAZIONE POSITIVA E NEGATIVA) DELLA CITTA' DI MILANO


    LA IONIZZAZIONE DELL'ARIA

    L'aria diventa "ionizzata" quando molecole elettricamente neutre sono scisse in due o più parti con cariche elettriche positive o negative, la cui somma algebrica è di nuovo nulla.
    La ionizzazione avviene sempre per apporto di energia, naturale o artificiale, in modo che la molecola possa dissociarsi, formando una coppia di ioni di opposta polarità.

    I fattori legati alla ionizzazione dell'aria sono molto diversi tra loro. I più importanti sono rappresentati dalle onde elettromagnetiche, in tutta la gamma di frequenza, estesa dall'ultravioletto ai raggi gamma.
    Poi la radiazione cosmica, la radiazione alfa e beta, le scariche elettriche, i grandi incendi, la polverizzazione dell'acqua nelle grandi cascate oppure durante le tempeste oceaniche, ecc.

    In natura le condizioni ambientali più favorevoli alla ionizzazione sono la radioattività dell'aria, del suolo e la radiazione cosmica.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 10/02/2014 alle 15:57

  15. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121
    (Tratto da : naturmed.unimi.it/meteolab_Ioni.html)

    Di norma la carica ionica è positiva, cioè superiore ad uno, ed è molto più alta quanto più il grado di inquinamento è elevato, come nelle grandi città, specialmente durante il periodo invernale, quando esiste, a tutte le quote, la presenza di una zona di alta pressione stabile, chiamata anche anticiclone termico.

    Detta configurazione non è tuttavia la sola condizione per l'accumulo di sostanze inquinanti nei bassi strati; anche gli anticicloni di origine subtropicale, più rari ma sempre possibili nella stagione invernale, possono costituire una ottima argomento per l'accumulo di inquinanti in prossimità del suolo.

    In questo modo si sviluppa, in modo particolare negli strati d'aria più vicini al suolo, una "inversione termica", dalla quale niente può sfuggire in alto.
    Di solito lo strato di inversione termica è alto non più di duecento- trecento metri.
    Al di sopra le condizioni atmosferiche nel loro complesso sono completamente diverse ed in molti casi opposte.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 10/02/2014 alle 15:58

  16. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121
    (Tratto da : naturmed.unimi.it/meteolab_Ioni.html)


    In questo modo anche la carica di ioni si inverte da positiva a negativa, dando una particolare sensazione di benessere, a tutti i livelli.
    Questo fatto si spiega perché al suolo e nelle sue immediate vicinanze la presenza di notevoli quantità di particelle aerodisperse favorisce la formazione di ioni "large o extralarge" che sono dannosi all'organismo umano.
    Al di sopra dello strato di inversione termica invece, come abbiamo visto, proliferano gli ioni "small" che sono considerati favorevoli alla salute degli organismi viventi.

    Gli ioni pertanto sono stati classificati in quattro categorie: piccoli (o small), medi o intermediate, grandi o large ed extralarge.

    I piccoli ioni hanno naturalmente breve durata, ma quelli grandi possono durare per molto tempo, specie se l'inquinamento atmosferico è molto elevato. Questi ultimi trattengono, infatti, sia le particelle inquinanti, sia le molecole di vapore acqueo, conferendo al paesaggio una particolare tinta giallastra, con grande riduzione della trasparenza dell'aria e della visibilità orizzontale.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 10/02/2014 alle 15:59

  17. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121
    (Tratto da : naturmed.unimi.it/meteolab_Ioni.html)


    È importante sottolineare che uno degli indici di inquinamento prende in considerazione proprio il rapporto tra piccoli e grandi ioni. Se il rapporto è superiore a 50 vi possono essere seri pericoli per la salute degli esseri viventi.

    Va infine ricordato che solo i piccoli ioni negativi sono considerati fattore di benessere per l'organismo umano, anche se non tutti i ricercatori sono d'accordo su questo assunto.

    La ionizzazione dell'aria diventa negativa, in modo particolare nelle grandi città, solo quando l'aria è ripulita da forte pioggia accompagnata da scariche elettriche frequenti, come nei temporali di una certa intensità, oppure quando l'aria diventa molto secca per effetto del vento di caduta.

    Negli anni scorsi è stata data notevole importanza alla cura con ioni negativi - aeroionoterapia - (una cura di tipo sedativo):

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 10/02/2014 alle 15:59

  18. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121
    (Tratto da : naturmed.unimi.it/meteolab_Ioni.html)


    - nelle nevrosi d'ansia, accompagnate da disturbi somatoformi,
    - nelle cefalee tensive,
    - nelle emicranie,
    - nelle ustioni di primo e secondo grado,
    - nelle apatie sine causa,
    - nella sindrome da fatica cronica,
    - nelle broncopatie croniche ostruttive con o senza componente asmatica o allergica,
    - nonché per la riabilitazione negli esiti di fratture,
    - distorsioni,
    - gravi contusioni
    - ed anche come stimolante psicofisico per un migliore e più favorevole rendimento, a tutti i livelli, degli atleti. ecc.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 10/02/2014 alle 15:59

  19. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121
    (Tratto da : naturmed.unimi.it/meteolab_Ioni.html)

    Negli ultimi anni l'interesse per l'aeroionoterapia è diminuito, sia perché si è constatato che molti risultati ottenuti nelle varie forme erano più o meno sovrapponibili ad un buon "effetto placebo", sia perché si è notato che le apparecchiature che servono per modificare la ionizzazione da positiva a negativa, possono causare malesseri, specie se usate in continuazione come si faceva negli anni 80, in modo particolare per la cura delle broncopneumopatie croniche ostruttive a componente asmatica e nelle broncopatie con broncospasmo di tipo allergico.

    Mentre gli ioni positivi determinano una ipoventilazione polmonare, il contrario avviene quando la carica degli ioni diventa negativa, per effetto di una modificazione della pressione alveolare parziale con scarsità di ossigeno e di anidride carbonica.

    Si usa ancora la aeroionoterapia nelle terapie termali e come coadiuvante nelle attività sportive.
    In questi casi si ottiene un aumento del rendimento sia per un ridotto incremento della temperatura corporea, sia per una riduzione del consumo di ossigeno, sia anche per un migliore e più rapido decremento della lattacidemia, in modo particolare se dovuta ad attività sportive di tipo agonistico.
    Ultima modifica di anna1401; 10/02/2014 alle 16:00

  20. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121
    (Tratto da : naturmed.unimi.it/meteolab_Ioni.html)


    Gli ioni negativi sono usati anche in "beauty farm" come decontratturante muscolare, in modo particolare dei muscoli del viso, in modo da ridurre, almeno in parte, la formazione delle rughe, oppure, se sono già presenti, di favorire la loro progressiva e graduale riduzione.

    Il meccanismo di azione degli ioni negativi è ancora in via di accertamento. Si pensa, ad ogni modo, che essi possano entrare nel meccanismo della serotonina, determinando una effettiva riduzione dei suoi livelli ematici ed una contemporanea escrezione urinaria del suo principale metabolita: l'acido 5-idrossiindolacetico.

    Secondo questo punto di vista sarebbero gli ioni positivi, in modo particolare gli "extralarge", che stimolerebbero la produzione locale di serotonina e pertanto gli ioni negativi, in modo specifico gli "small", si opporrebbero a questa produzione, dando così quella particolare "sensazione di benessere psico-fisico" che si avverte con la loro presenza, specialmente dopo un forte temporale o nelle giornate di sole molto limpido.

    Un'altra ipotesi importante, segnalata da G. Rotondo in: "Ecobioclimatologia" , è quella della conservazione dei depositi ghiandolari di Vitamina C a livello delle ghiandole surrenali.
    In tal modo la vitamina C indurrebbe un aumento della quantità e ed efficacia di secrezione degli ormoni adrenocorticosurrena lici, la cui produzione comporta un proporzionale dispendio delle riserve di acido ascorbico.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 10/02/2014 alle 16:00

  21. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121
    (Tratto da : naturmed.unimi.it/meteolab_Ioni.html)


    Ne risulterebbe un benefico effetto sull'affaticamento fisiopsichico e, con il miglioramento della "performance" individuale, una ulteriore riduzione della produzione di calore: quindi un minor impegno funzionale degli organi della termoregolazione corporea ed un minor affaticamento generale a livello sia fisico che psichico" (Grossi).

    È altresì palese l'utilità degli ultimi ionizzatori in commercio, a radioisotopi ed a corona, nel contribuire in molti casi ad alleviare le sofferenze del malato, con il naturale corredo di specifici presidi farmacologici.
    A questo proposito è utile aggiungere che, oltre all'apporto di carica ionica negativa, gli attuali apparati generatori artificiali di aeroionizzazione negativa favoriscono certamente, in modo a volte anche importante, l'abbattimento di fumi, polveri ed odori, nonché una apprezzabile distruzione della carica batterica ambientale, che si deposita al suolo, divenendo così molto meno aggressiva sull'organismo umano.

    segue..
    Ultima modifica di anna1401; 10/02/2014 alle 16:01

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Disattivato
  • [VIDEO] code is Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato
Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai LETTORI, sulla base dei dati e delle informazioni qui forniti sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio. Le informazioni qui riportate hanno carattere puramente divulgativo e orientativo; non sostituiscono la consulenza medica. È vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione scritta.
Un dietologo e un dietista a tua disposizione. Prova la dieta online