Logo
Cerca nel forum | Cerca in tutto il sito
Ricerca personalizzata Google
Video Home fitness
sondaggi - vota
Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima
Risultati da 1 a 20 di 33

Discussione: Ti ricordi,come giocavi "da piccolo/a".

  1. Registrato da
    02/11/2004
    Messaggi
    25,607

    Smile Ti ricordi,come giocavi "da piccolo/a".

    Dicono che la nostra infanzia influenza tutta la nostra vita.
    Allora si presume che i nostri giochi hanno influenzati il nostro essere da adulti.
    Oltre il solito gioco "esplorativo"del "dottore(mai dottoressa)e paziente"(già in posizione sottomessa il genere femminile).
    Ricordo che ero sempre la mamma,o la maestra.Indubbiament e ruoli di giuda
    Ecco a voi...
    Le persone che amano troppo il denaro,devono essere cacciate fuori dalla politica.Jose Mujica, presidente dell'Uruguay.

  2. # ADS
    Ti ricordi,come giocavi "da piccolo/a".
    Video del giorno Circuit advertisement
    Registrato da
    Always
    Messaggi
    Many
     
  3. Registrato da
    02/04/2005
    Messaggi
    7,117
    Anche a me piaceva fare la mamma, i bambini erano le mie bambole e ricordo che passavo tanto tempo giocando con loro inventandomi storie nuove. Poi altre volte invece mi divertivo a fare la zingara allora mi mettevo seduta in terrazza con una coperta che mi copriva tutta, anche la testa lasciando scoperto solo il viso, coi miei "bambini" in braccio nascosti sotto la coperta e chiedevo l'elemosina.....Da grande infatti ho sempre adorato bimbi e cuccioli....
    Be the change you want to see in the world.
    (Mahatma Gandhi)

  4. emma2 Ospite
    No, io non giocavo mai alla mamma, e nemmeno al dottore, i miei giochi erano più sul tema "l'imperatrice dell'universo"... chissà che vuol dire???????

  5. Registrato da
    05/03/2005
    Messaggi
    6,445
    io giocavo a "vendere"...Con le mie amiche inventavamo di tutto con poche cose...
    Allestivamo delle bancarelle...e poi con dei mattoncini rossi sbriciolati..facevam o la farina...con i sassi rotondi: le patate...con le erbe del prato: le verdure ecc,
    e si vendeva....

    Poi ..a volte...giocavamo al dottore...specie se c'era qualche maschietto che proponeva di fare il medico e di visitarci...e andavamo nelle cantine a farci "visitare" ma...niente di osceno...
    Vivi come credi. Fai cosa ti dice il cuore...ciò che vuoi,
    Canta, ridi, balla e ama e vivi intensamente ogni momento della tua vita,
    prima che cali il sipario e l'opera finisca senza applausi

  6. Registrato da
    25/05/2008
    Messaggi
    4,759
    Citazione Originariamente Scritto da frederika Visualizza Messaggio
    Dicono che la nostra infanzia influenza tutta la nostra vita.
    Allora si presume che i nostri giochi hanno influenzati il nostro essere da adulti.
    Oltre il solito gioco "esplorativo"del "dottore(mai dottoressa)e paziente"(già in posizione sottomessa il genere femminile).
    Ricordo che ero sempre la mamma,o la maestra.Indubbiament e ruoli di giuda
    Ecco a voi...
    io, secondo me, sono stata una bambina "anomala"
    non mi sono mai piaciuti i tipici giochi delle bambine, però mi ricordo una cosa: quando tutti avevano finito di cenare, io facevo finta di cucinare con le pentole rimaste ormai vuote! a dire il vero trovavo i giochi dei maschi più divertenti... di bambole ne ho avute poche perchè non le ho mai chieste, al contrario mi piaceva giocare con i modellini di auto di mio fratello, facendo finta di posteggiarle nel parcheggio che avevo fatto con le costruzioni (forse il mio gioco preferito)... però se ero con altri bambini, ammetto che avevo l'abitudine di "dirigere", questo si... praticamente dicevo loro come fare, ero una sorta di despota!!
    Il valore genera l'invidia nelle menti meschine e l'emulazione nelle anime grandi.
    Ogni minuto muore un imbecille e ne nascono due.

  7. Registrato da
    09/07/2008
    Messaggi
    1,137
    a me non è mai piaciuto giocare, beh piccola piccola sì con le bambole ma poi appena acquisita un pò di manualità mi piaceva scarabocchiare, giocare col punteruolo, fare cose, pensare e soprattutto mai giochi con altri bambini. infatti ho imparato a leggere e scrivere prima di andare a scuola perchè osservavo mia sorella di un anno e mezzo più grande di me.
    i giochi di società li odio anche ora.
    il mio giocattolo preferito? era un pestasale (???) rosso che conservo tutt'ora, passavo le ora a maneggiare questo arnese. strano

  8. Registrato da
    25/05/2008
    Messaggi
    4,759
    Citazione Originariamente Scritto da maryann Visualizza Messaggio
    il mio giocattolo preferito? era un pestasale (???) rosso che conservo tutt'ora, passavo le ora a maneggiare questo arnese. strano
    mia nonna aveva un pestasale in legno, io lo usavo facendo finta che fosse un microfono e la sera mi mettevo a cantare ( ), lei doveva fare la parte del pubblico (poverina!!!)
    Il valore genera l'invidia nelle menti meschine e l'emulazione nelle anime grandi.
    Ogni minuto muore un imbecille e ne nascono due.

  9. Registrato da
    09/07/2008
    Messaggi
    1,137
    povera nonna

    anche il mio era in legno, molto bello, sono ancora orgogliosa del mio pestasale

  10. Registrato da
    15/10/2006
    Messaggi
    898
    Io sono solitaria e lo ero anche d bambina: mi piaceva "setacciare" i sassolini del cortile alla ricerca dei "sassi belli"che poi collezionavo. Poi mi ricordo perfettamente le corse nei prati, con i fiori lilla del trifoglio e le farfalline pure lilla, e il solco dell'erba schiacciata, come in "Io non ho paura"...Scusate il quadro idilliaco, ma era davvero così. (Poi non ho detto che fossi felice, anzi, tuttaltro, ho avuto un'infanzia piuttosto triste).

  11. Registrato da
    02/11/2004
    Messaggi
    25,607
    Hehehehehe...ero la mamma,ma non delle bambole.Della truppa per strada.Si costruiva una specie di capanno vicino al muro,dove si raccontava storie di fantasmi e altri fatti inspiegabili.Poi li si divideva i pannini,e l'appello della giornata...che cosa fare,dove andare.C'era sempre il parco,che era vicino,dove andavamo a pescare con un filo,uno sughero infilato che faceva da gallegiante,poi sotto un amo fatto di una spilla e un dado di ferro che faceva da peso.Prendevamo certi pescioni.
    Poi c'era la spedizione alla zona delle luce rosse...a sfottere le prostitute
    Li vicono poi c'era il mercato famoso delle pulce..dove vendevano anche animali...Altrimenti se c'erano i fondi e non faceva troppo freddo...tutti in piscina.Ma quotidianamente si giocava a pallone(calcio)softb al,yo-yo,la trottola a filo,e la trottola a fungho,che con una mazza attaccato una cordina,facevi andare quella trottola.Poi c'era il salto della corda,la campana disegnata per strada,il badminton di strada,il palleggio da tennis con vecchie rachette comprati al mercato delle pulce,e rifatto a nuova con della corda normale...si rompeva sempre quella corda.
    E poi la bici...che era grande,e mi padre aveva messa dei blocchetti di legno sui pedali,altrimenti non c'arrivavo coi piedi.
    Le persone che amano troppo il denaro,devono essere cacciate fuori dalla politica.Jose Mujica, presidente dell'Uruguay.

  12. Registrato da
    01/10/2006
    Messaggi
    2,518
    io giocavo con mio fratello alle costruzioni, con le mie amichette alla "sirenetta" o a "sailor moon"
    da sola giocavo spesso sotto la pioggia (mia mamma era entusiasta ... ma non ho mai preso una brocopolmonite!!!! ) oppure... ehm... passavo le ore a "riordinare" ...soprattutto le mutande e calze di mamma e papà ...e al mattino sentivo mio padre che urlava che era in ritardo e aveva solo mutande col pizzo!!!!

  13. Registrato da
    28/12/2005
    Messaggi
    7,546
    A me dicevano sempre: tanto cambierà è un bambino!
    Il mio nome era sinonimo di casino. Dio santo quante ne prendevo di botte da mio nonno e dai miei perchè facevo disastri da tutte le parti.
    Risse, s*****ttate, lotte sia a scuola che in paese. Spesso ci ripenso e mi domando se io sia stato mai normale davvero, oppure se ero uno schizzofrenico già da bambino. Ero veramente un teppista. Organizzavo "giochi" che adesso ci farebbero un dossier televisivo. Mi ricordo, avrò avuto 9/10 anni e andando con mio nonno in armeria per comprare le cartucce da caccia, rubai una fionda in ferro che era una vera e propria arma. Con altri amici, organizzai una battuta di caccia alle auto in transito. Ci appostammo dietro un ciglio e sparavamo bilie in ferro con la fionda alle auto. Roba da ammazzare il conducente. Ero arrivato ad un punto che per qualsiasi casino davano la colpa a me anche se ero malato. A pensarci ora rabbrividisco perchè più botte prendevo dai miei, più diventavo aggressivo. Ho preso tante di quelle cinghiate con la cintura di cuoi dei pantaloni, che sulla schiena da una parte ho ancora una cicatrice. Ma questo non mi ha mai placato, anzi come sono diventato grande ho ributtato fuori tutta la violenza subita compreso gli interessi.

  14. Registrato da
    02/11/2004
    Messaggi
    25,607
    Citazione Originariamente Scritto da richarson Visualizza Messaggio
    Risse, s*****ttate, lotte sia a scuola che in paese. Spesso ci ripenso e mi domando se io sia stato mai normale davvero, oppure se ero uno schizzofrenico già da bambino. Ero veramente un teppista. Organizzavo "giochi" che adesso ci farebbero un dossier televisivo. Mi ricordo, avrò avuto 9/10 anni e andando con mio nonno in armeria per comprare le cartucce da caccia, rubai una fionda in ferro che era una vera e propria arma. Con altri amici, organizzai una battuta di caccia alle auto in transito. Ci appostammo dietro un ciglio e sparavamo bilie in ferro con la fionda alle auto. Roba da ammazzare il conducente. Ero arrivato ad un punto che per qualsiasi casino davano la colpa a me anche se ero malato. A pensarci ora rabbrividisco perchè più botte prendevo dai miei, più diventavo aggressivo. Ho preso tante di quelle cinghiate con la cintura di cuoi dei pantaloni, che sulla schiena da una parte ho ancora una cicatrice. Ma questo non mi ha mai placato, anzi come sono diventato grande ho ributtato fuori tutta la violenza subita compreso gli interessi.
    Ho un nipote di 8 anni e mezzo cosi.Non si sa come fare,perchè neanche con una specie di ragionamento lo convinci.Sa agire solo con le mani,e ha una mente sveglia,è intelligente,ma perchè è cosi a scuola non le maestre non lo riescono a domarlo,è mal tollerato..e gli di ragione.Sono caratteri forti.
    Le persone che amano troppo il denaro,devono essere cacciate fuori dalla politica.Jose Mujica, presidente dell'Uruguay.

  15. Registrato da
    02/11/2004
    Messaggi
    25,607
    Citazione Originariamente Scritto da pandessa Visualizza Messaggio
    io giocavo con mio fratello alle costruzioni, con le mie amichette alla "sirenetta" o a "sailor moon"
    da sola giocavo spesso sotto la pioggia (mia mamma era entusiasta ... ma non ho mai preso una brocopolmonite!!!! ) oppure... ehm... passavo le ore a "riordinare" ...soprattutto le mutande e calze di mamma e papà ...e al mattino sentivo mio padre che urlava che era in ritardo e aveva solo mutande col pizzo!!!!
    forte,quella parte delle mutande col pizzo
    Le persone che amano troppo il denaro,devono essere cacciate fuori dalla politica.Jose Mujica, presidente dell'Uruguay.

  16. Registrato da
    05/07/2008
    Messaggi
    3,555
    Se ne facevano di ogni
    Ricordo un periodo in cui mia sorella maggiore voleva fare la parte di Clara di Heidi, la ragazza bionda in sedia a rotelle. La mia parte era quella di Heidi, e dovevo portarla a spasso per casa e in giardino su un vecchio passeggino rosso, la comodona

  17. vafly Ospite
    Io invece giocavo con big jim e pistole...

  18. Registrato da
    05/07/2008
    Messaggi
    3,555
    Citazione Originariamente Scritto da vafly Visualizza Messaggio
    Io invece giocavo con big jim e pistole...
    eheheh, un'amica mia si è impuntata che voleva vestirsi da cow-boy un anno L'ha spuntata anche!
    P.S. Barbie niente?

  19. vafly Ospite
    Ne avevo solo una....alla quale tagliai capilli per farla diventare più glamour e poi cmq mi ributtavo sempre sul big jim e il suo camper...... e poi con le amiche i giochi da strada tipo la campana, i sassolini, creamy... (andavamo pazze per i cartoni animati) ....spesso facevamo le attrici.....e poi organizzavamo piccoli spettacoli....eh si bei tempi...la fantasia cmq l'ha sempre fatta da padrona...l'emulazio ne arrivava fino ad un certo punto.....i giochi erano coloriti dalla ns personalità....

  20. vafly Ospite
    Poi i lego, il das....... gira la moda.......che bello me lo ricordo come fosse ieri....quanto mi piacerebbe che bambini meno fortunati oggi abbiano lo stesso diritto di vivere la propria infanzia così, con la fantasia e la spensieratezza.....i problemi in famiglia c'erano anche in passato ma almeno i bambini non si alienavano come i bambini di oggi.....

  21. Registrato da
    05/07/2008
    Messaggi
    3,555
    Le recite erano dovertentissime! Per chi le faceva (noi bimbi)
    Secondo me gli adulti costretti a vederle si divertivano meno

    Gira la moda... A me piaceva un sacco anche l'Indovina Chi e in genere i giochi da tavolo. Tranne il Monopoli...

Pagina 1 di 2 12 UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. E se i brutti ricordi potrebbero "sparire"???
    Di frederika nel forum 4 chiacchiere
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 21/03/2007, 12:36
  2. Risposte: 5
    Ultimo Messaggio: 25/09/2006, 19:57
  3. Il nostro "cavo"principe ha "fregato" i giudici francesi!
    Di frederika nel forum 4 chiacchiere
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 11/09/2006, 22:54
  4. Topic "Piccolo forum cresce"
    Di hell0 nel forum 4 chiacchiere
    Risposte: 71
    Ultimo Messaggio: 09/12/2005, 17:50
  5. Ho un "piccolo" problema.
    Di nel forum Sesso e Dintorni
    Risposte: 18
    Ultimo Messaggio: 30/03/2005, 21:11

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai LETTORI, sulla base dei dati e delle informazioni qui forniti sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio. Le informazioni qui riportate hanno carattere puramente divulgativo e orientativo; non sostituiscono la consulenza medica. È vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione scritta.
Un dietologo e un dietista a tua disposizione. Prova la dieta online