Logo
Cerca nel forum | Cerca in tutto il sito
Ricerca personalizzata Google
Video Home fitness
sondaggi - vota

Pagina 1 di 7 12345 ... UltimaUltima
Risultati da 1 a 20 di 123

Discussione: malattie a trasmissione sessuale.

  1. Registrato da
    02/02/2005
    Messaggi
    5,862

    malattie a trasmissione sessuale.

    questo vuole essere solamente un elenco, a carattere informativo, che elenca ed informa quali sono i più indesiderati effetti collaterali del sesso, e come si trasmettono e si manifestano.
    non ci si vuole sostituire a nessuna figura medica di questo caso, ma solo rafforzare l'informazione per quanto riguarda questo argomento,
    dopo aver addirittura letto che alcune persone fanno l'amore senza preservativo perchè non c'è abbastanza informazione.....

    le malattie a trasmissione sessuale sono malattie infettive che colpiscono, salvo qualche eccezione, la zona dei genitali e le vie urinarie (l’uretra e vescica), possono essere causate da parassiti, virus, batteri o funghi.
    cominciamo dalle più comuni, cioè quelle che ci è capitato di sentire almeno una volta nella vita...

  2. Registrato da
    02/02/2005
    Messaggi
    5,862

    le piattole

    PIATTOLE
    Sono i pidocchi del pube (pediculus pubis) conosciuti per la loro forma con il popolare nome di "piattole".
    Possono trasmettersi durante un rapporto sessuale ma anche da lenzuola o bagni non lavati.
    COME SI PRESENTANO:
    Se il prurito è molto intenso e riguarda non solo i genitali esterni ma anche il pube, guardatevi i peli pubici accuratamente con una lente di ingrandimento.
    Potreste trovare degli animaletti di colore chiaro dal corpo piatto e le zampe simili a quelle di piccoli ragni.
    SOLITAMENTE non è niente di grave!!
    In farmacia vendono una polvere che li uccide senza nemmeno bisogno che vi depiliate. bisogna che la applichi anche il proprio partner, per tanti giorni quanti vi consiglierà il medico, a seconda della gravità del fastidio.
    appena notate qualcosa di strano, chiedete immediato consiglio al medico.

  3. Registrato da
    02/02/2005
    Messaggi
    5,862

    candida

    Alla base della grande maggioranza dei pruriti ginecologici vi è un microrganismo della specie dei miceti dal nome Candida.
    La Candida vive in realtà da ospite nel nostro corpo ed è causata generalmente da:
    la mancanza d'aria (può affliggere le unghie dei piedi per eccessivo uso delle scarpe da ginnastica e prende il nome di piede d'atleta);
    le scarse difese immunitarie (la bocca dei neonati, dove prende il nome di mughetto);
    la distruzione, tramite farmaci, dei suoi naturali nemici.
    Il sintomo:
    E' un prurito irrefrenabile che induce a grattarsi sia di giorno che di notte.
    Dal "grattamento" deriva un sollievo di breve durata. Spesso, ma non sempre, al prurito si accompagna una perdita bianca definita tradizionalmente a ricotta, parte solida, parte liquida a volte scarsa, a volta così abbondante da prendere un riflesso verdastro.
    All'esterno della vagina si possono avere sulla cute delle chiazze rosse che si estendono alla radice delle cosce, alle natiche, alla base della schiena.

  4. Registrato da
    02/02/2005
    Messaggi
    5,862

    continua candida

    Come si cura la candida?
    Esistono numerosissimi antimicotici locali.

    E' necessario curare l'alimentazione, limitare i dolci, assumere frutta e verdura regolarmente, yogurt e fermenti lattici.
    Non usate indumenti sintetici, non usate la microfibra per gli slip perché aderisce eccessivamente e alza la temperatura.
    Non usate pantaloni aderenti e comunque, in generale, non portate sempre i pantaloni, soprattutto levateli e passate alle gonne al primo fastidio.
    Non vi detergete troppo energicamente.

    limitate i rapporti sessuali, potreste intaccarla anche ai costri partner, e in questo caso, dovrà seguire la cura anche lui.

    Per altre info più dettagliate : Candida Albicans - FORUM - Sanihelp.it
    Ultima modifica di rosina; 29/11/2007 alle 16:43

  5. Registrato da
    02/02/2005
    Messaggi
    5,862

    Sifilide

    E' una malattia che si trasmette attraverso i rapporti sessuali e dalla madre al figlio durante la vita intrauterina.
    L'agente infettivo è un bacillo dal nome di Treponema pallidum, facilmente distrutto dall'essicazione e dai normali disinfettanti.
    Il sintomo
    La malattia inizialmente si esprime attraverso una piccola ferita non dolorosa, a cui si accompagna un significativo gonfiore linfonodale (es. piccola ferita, tagliettino sulla vulva, ghiandole dell'inguine molto gonfie).
    In pochi giorni l'ulcera guarisce senza lasciare traccia ma dopo qualche settimana si presenterà una febbre accompagnata di solito da un arrossamento sul petto.
    Come si cura
    Da sempre i medici che curano la sifilide, oltre agli specialisti in malattie infettive, sono i dermatologi.

    Raccomandazioni
    Rammentate che la sifilide è una delle malattie a trasmissione sessuale.
    Se avete rapporti non protetti con partner nuovi durante la gravidanza, non esitate a ripetere gli esami per le malattie sessualmente trasmissibili, se potete ricordatevi di usare il profilattico.
    Se pensate che il vostro partner non sia fedele e non usi precauzioni non esitate a chiedergli di controllarsi e, se può, di proteggersi.
    direi che è il minimo in tutti i casi, malattie a parte!

  6. Ospite
    ohhh ci voleva un 3d così! soprattutto per ricordare a chi pratica sesso con partner diversi che non usare il preservativo è da CRETINI! posso dirlo o passa come giudizio o offesa?

  7. Registrato da
    02/02/2005
    Messaggi
    5,862

    H.i.v. - A.i.d.s.

    Ministero della salute:
    C’è che dice che l’AIDS non è più un problema e che comunque riguarda solo alcuni, ma non è così, l’AIDS colpisce ancora oggi, approfittando dell’indifferenza. Nel nostro paese la soglia di attenzione nei confronti di questa malattia si è abbassata: il primo complice dell’AIDS è ancora la disinformazione. Oggi i casi di contagio sono in aumento soprattutto fra le persone che hanno rapporti sessuali pensando di non essere a rischio.
    L’invito del Ministero della salute è “L’amore per noi stessi è il primo che ci protegge dall’AIDS”.
    COME SI TRASMETTE IL VISRUS:
    Il virus si trasmette attraverso:
    @ il sangue;
    @ il liquido pre-eiaculatorio;
    @ lo sperma;
    @ le secrezioni vaginali;
    @il latte materno;
    @rapporti sessuali non protetti dal preservativo con persone infette o che ancora non sanno di esserlo.
    @ Attraverso il passaggio di sangue da una persona infetta ad una persona sana (es. lo scambio di siringhe infette).
    @ Da madre sieropositiva a figlio: durante la gravidanza, il parto e l'allattamento.

  8. Registrato da
    02/02/2005
    Messaggi
    5,862

    AIDS, parte due

    Le trasfusioni, i trapianti di organo e le inseminazioni, nei Paesi europei, sono sottoposti a screening ed accurati controlli per escludere la presenza dell'HIV. In casi di intervento chirurgico si consigliano le autotrasfusioni (il proprio sangue viene raccolto e conservato congelato qualora dovesse servire). Evitare i rischi ed adottare comportamenti responsabili è la prevenzione migliore, tutelare se stesse e gli altri significa agire in modo cosciente ed essere solidali.

    COME NON SI TRASMETTE IL VIRUS DELL'AIDS
    Con la tosse, gli starnuti, i baci, gli abbracci, le lacrime, il sudore, le strette di mano. Donando il sangue ad altri.
    Al ristorante, al bar, in piscina, nei locali, in palestra, a scuola, all'asilo, nei luoghi di lavoro, in treno, in autobus.
    Il contagio non può venire dai servizi igienici, dalle punture di insetti, dai vestiti, dalle maniglie, dall'uso comune di piatti, bicchieri, posate, asciugamani e lenzuola.
    ATTENZIONE A:
    Le procedure estetiche e curative che possono determinare fuoriuscita di sangue o che vengono effettuate con aghi o oggetti taglienti, possono determinare un rischio di esposizione al virus.Tali situazioni possono verificarsi in presenza di comportamenti scorretti:
    @ dal dentista;
    @ dall'estetista;
    @nei centri per l'agopuntura;
    @nei centro dove si fanno tatuaggi e piercing;
    @nei centri per la mesoterapia e per i trattamenti sclerosanti.

  9. Registrato da
    02/02/2005
    Messaggi
    5,862

    In Amore Non Si Scherza!

    E' fondamentale chiedere sempre aghi e strumenti monouso sterilizzati; è bene inoltre controllare attentamente che non vengano riutilizzati.
    Il Ministero della Salute ha emanato direttive che indicano chiaramente i comportamenti e le norme igienico-sanitarie da seguire. Nel rispetto della salute sia della donna, sia degli altri vanno seguite le normali regole igieniche: non scambiare depilatori elettrici ad ago, spazzolini da denti, rasoi, forbici appuntite, limette ed aghi.
    ******************** ******************** ************
    I rapporti sessuali non protetti possono trasmettere non solo l'HIV! Esistono oltre 30 malattie sessualmente trasmissibili (MTS). Il coito interrotto non protegge dall'HIV, così come l'uso della pillola anticoncezionale, del diaframma e della spirale.
    Ulcerazioni e lesioni dei genitali causate da altre patologie possono far aumentare il rischio di contagio. Le lavande vaginali, dopo un rapporto sessuale, non eliminano la possibilità di contagio, poiché la lavanda spinge all'interno lo sperma e il virus che potrebbe essere in esso contenuto.

  10. Registrato da
    02/02/2005
    Messaggi
    5,862

    parte 4

    COSA PROTEGGE DAL VIRUS H.I.V. logo_sanih

    Nei rapporti sessuali IL PRESERVATIVO
    è l'unica reale barriera protettiva per difendersi dall'HIV. Il miglior metodo di protezione è l'uso del preservativo insieme ad uno spermicida. Non vanno usati, invece, lubrificanti oleosi (vaselina, burro) perché potrebbero alterare la struttura del preservativo e provocarne la rottura. E' necessario usare il preservativo durante i rapporti vaginali, anali ed orali e cambiarlo dopo ogni rapporto.
    Anche un solo rapporto non protetto potrebbe contagiare.
    L'uso del preservativo deve essere, quindi, una consuetudine; in special modo se non si conosce o si conosce poco il partner…ma anche se si crede di conoscerlo.

    ISTRUZIONI PER L'USO CORRETTO DEL PRESERVATIVO
    @ Acquistare preservativi di buona qualità;
    @ leggere le istruzioni accluse;
    @ usarlo dall'inizio del rapporto sessuale;
    @ usarlo solo una volta; non va, infatti, mai riutilizzato;
    @ srotolarlo sul pene in erezione, facendo attenzione a non danneggiarlo con unghie o anelli;
    @ conservalo con cura: lontano da fonti di calore (cruscotto dell'auto ed altro) e senza ripiegarlo (nelle tasche, nel portafoglio)
    Ultima modifica di rosina; 11/11/2005 alle 14:49

  11. Registrato da
    02/02/2005
    Messaggi
    5,862
    Evitare l'infezione da HIV è possibile, i comportamenti responsabili e le misure sono i migliori alleati. Oggi i nuovi casi d'infezione sono dovuti prevalentemente a rapporti eterosessuali a rischio.

    L'uso del preservativo nei rapporti sessuali è oggi l'unico comportamento preventivo efficace e di tutela della propria salute , oltreché l'astensione nei rapporti sessuali.
    Se, comunque, si è incorse in un rischio, anche minimo, l'unico modo per accertare la presenza dell'infezione da HIV è quello di sottoporsi ad un semplice prelievo di sangue per effettuare i test HIV. Nelle strutture pubbliche viene svolto in modo confidenziale e gratuito. Una persona è sieropositiva se nel suo sangue sono presenti gli anticorpi anti-HIV: può vivere anni senza sintomi ma è comunque portatrice del virus e può trasmettere l'infezione ad altri.

    LE DONNE RISCHIANO DI PIU'


    Per motivi di ordine biologico:
    @ la conformazione della vagina determina un contatto più prolungato con lo sperma;
    @ lo sperma contiene una concentrazione maggiore di virus rispetto alle secrezioni vaginali;
    @ nella mucosa vaginale e nell'ano spesso sono presenti microlesioni che possono facilitare l'ingresso del virus.

  12. Registrato da
    02/02/2005
    Messaggi
    5,862
    Per motivi di ordine culturale e sociale e ideologico,
    @ spesso i partner ritengono il rapporto non protetto una forma di fedeltà e di fiducia;
    @ le differenze tra grandi metropoli e piccoli centri, le diverse tradizioni culturali, pesano molto sui comportamenti femminili;
    @ come donne non è sempre facile chiedere nei rapporti sessuali l'uso del profilattico;
    @ può essere difficile anche acquistarli o tenerli con sé, perché ci crea imbarazzo.

    E' sempre più evidente che le donne, in considerazione proprio delle caratteristiche tipiche del loro sesso, siano più esposte e rischino di più rispetto agli uomini di essere contagiate dal virus dell'HIV.
    I dati epidemiologici dimostrano che in Italia, negli ultimi quindici anni, la proporzione di donne malate di AIDS è andata progressivamente aumentando; si è passati, nel 1985, dal 16% di donne colpite nel totale dei pazienti con AIDS, al 25% nel 1999.

    Inoltre la trasmissione sessuale dell'infezione sta aumentando più rapidamente tra le donne rispetto agli uomini.Recentemente, uno studio comportamentale (Behepi-ICONA) realizzato in Italia su un campione di 2500 persone sieropositive e coordinato dall'Istituto Nazionale per le Malattie Infettive IRCCS Spallanzani di Roma ha fornito alcune importanti caratteristiche delle donne sieropositive italiane.
    Ultima modifica di rosina; 09/02/2008 alle 16:55

  13. Registrato da
    02/02/2005
    Messaggi
    5,862
    Circa il 60% delle donne di questo campione ha acquisito l'infezione tramite rapporti sessuali non protetti con uomini sieropositivi e più del 70% di loro ha avuto nella vita meno di 5 partner sessuali. Di queste l'80% ha dichiarato di aver acquisito l'infezione da HIV dal partner stabile (solo il 30% era a conoscenza della sieropositività del partner al momento del contagio).
    Questi dati fanno riflettere sulla pianificazione di futuri interventi di prevenzione rivolti a questo gruppo bersaglio di cui non è più possibile ignorare la particolare vulnerabilità rispetto a questa infezione.
    Fonte: Ministero della salute
    Vi sono esami del sangue per determinare se una persona è infettata dall'HIV. viene eseguita dalla scoperta di anticorpi all'HIV su uno stesso campione di sangue con due esami differenti, con il secondo esame che permette di confermare il primo. Poiché questi esami cercano gli anticorpi invece del virus attuale, è possibile che durante il tempo tra quando l'infezione accade e quando i livelli di anticorpi sono alti abbastanza per essere rilevati, un esame dell'HIV sarà negativo persino se la persona è attualmente infetta dall'HIV. Questo intervallo di tempo utile varia da persona a persona. Quindi le persone che pensano di poter essere infette devono aspettare 2-6 mesi dalla loro ultima esposizione possibile prima di essere esaminati.
    Ultima modifica di rosina; 09/02/2008 alle 16:56

  14. Registrato da
    23/09/2005
    Messaggi
    10,478
    Grazie rosina...un ottimo...anzi eccellente 3d...complimenti...

  15. Registrato da
    02/02/2005
    Messaggi
    5,862

    Gonorrea

    La Gonorrea è una malattia a trasmissione sessuale dovuta a un batterio di forma tonda e caratterizzato da una scarsa capacità di sopravvivere a lungo al di fuori dell'organismo umano.
    Come si presenta...
    Nella sua forma conclamata dà luogo ad abbondantissime perdite gialline che arrivano a bagnare i vestiti e le lenzuola.
    Da questo sintomo deriva il nome popolare di "scolo".
    Se non curata si può diffondere alle articolazioni dando luogo alla cosidetta Artrite Gonococcica.
    Le cure
    In Italia, ma non in tutti i paesi, è disponibile un farmaco ( la Spectinomicina in mono) somministrandolo per via intramuscolo.
    Numerosi antibiotici per via orale sono ugualmente efficaci.
    Tutte i farmaci indicati sono a carico del Servizio Santario Nazionale.
    La guarigione è completa, rapida e definitiva.


  16. Registrato da
    02/02/2005
    Messaggi
    5,862

    Trichomonas vaginalis

    E' un microrganismo unicellulare, un protozoo flagellato (cioè con la coda) che nuota frequentemente nell'apparato genitale maschile e femminile.
    Sopravvive pochissimo fuori dall'ambiente umano e per questo è una tipica infezione a trasmissione sessuale.
    Non è frequente contrarre l'infezione (anche se può accadere) tramite bagni, asciugamani o indumenti in comune.

    come si manifesta:
    Dopo una fase iniziale acuta contraddistinta da intenso prurito doloroso e perdite schiumose giallo verdastre dal caratteristico odore di "carne andata a male", l'infezione da trichomonas vaginalis tende ad autolimitarsi e può risolversi spontaneamente così come cronicizzare.

    Le cure per il trichomonas vaginalis?
    Il metronidazolo è il farmaco capostipite della terapia contro il microorganismo. Negli ultimi anni la frequenza del trichomonas è molto diminuita e così la sua capacità di resistere alla terapia e di ritornare.

  17. Registrato da
    02/02/2005
    Messaggi
    5,862

    I condilomi, le creste di gallo, human papilloma virus.

    E' L'infezione da papilloma virus può essere causata da vari tipi di virus, alcuni più altri meno pericolosi per la salute.
    Le sue forme cliniche sono:
    @ La condilomatosi florida conosciuta anche come creste di gallo;
    @ La microcondilomatosi, diagnosi non priva di controversie;
    @ La condilomatosi cosidetta "piatta" che riguarda soprattutto il collo dell'utero e che si diagnostica tramite il pap test e o la colposcopia.

    La condilomatosi florida è di facile diagnosi e consiste in piccole protuberanze carnose e mosce, da cui il nome popolare di creste di gallo con una radice di consistenza dura.
    Possono venire sulle grandi labbra, sulle piccole labbra, sul clitoride, sulla cute circostante, sull'ano, e anche nel retto.
    La microcondilomatosi ha dato luogo a infinite discussioni date le sue somiglianza con altre patologie.
    L'infezione da HPV sul collo dell'utero può essere sia "florida" che "microflorida" che "piatta" e richiede maggiori precauzioni in quando l'imbocatura dell'utero è zona a rischio per lo sviluppo dei tumori.
    Come ci si può accorgere??
    La condilomatosi può essere totalmente asintomatica ma quando le formazioni sono numerose è pittosto comune avere del prurito.
    La condilomatosi del collo dell'utero è sempre totalmente asintomatica.
    L'autodiagnosi in genere si verifica perchè lavandosi si percepiscono quelli che possono sembrare dei "brufoletti".

  18. Registrato da
    02/02/2005
    Messaggi
    5,862
    Le cure per condilomatosi
    Sostanzialmente, essendo in fondo delle verruche, si possono bruciare, congelare, causticare chimicamente, asportare chirurgicamente ma il successo della terapia è sostanzialmente legato alla capacità dell'organismo ospite di raggiungere una efficace competenza immunitaria.
    In altri temini è possibile che i condilomi tornino finchè l'organismo non ha imparato bene a tenere a bada il virus.

  19. Registrato da
    02/02/2005
    Messaggi
    5,862
    cosa dite, è abbastanza per far capire l'importanza dell'uso del preservativo??
    noo??
    oggi, se il tempo me lo permette, metto altre due tre patologie, vediamo poi i vostri pareri!

  20. Registrato da
    09/03/2005
    Messaggi
    2,834
    Grandissima rosina!Era ora che qualcuno inserisse una discussione veramente seria...Specialmente dopo che un pò di tempo fa era stata tolta...Ti darei10000punti se potessi...e soprattutto se non dovessi dare 30 punti in giro prima di ridartene dei nuovi...

Pagina 1 di 7 12345 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Trasmissione malattie sessuali da indumenti?
    Di ometto nel forum Sesso e Dintorni
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 09/09/2009, 13:54
  2. malattie
    Di aardwark nel forum Sesso e Dintorni
    Risposte: 6
    Ultimo Messaggio: 18/10/2007, 20:52
  3. bimbi e malattie
    Di tonfo nel forum Mamma e papà - aspiranti e non
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 12/12/2006, 20:17
  4. Malattie
    Di nel forum Sesso e Dintorni
    Risposte: 11
    Ultimo Messaggio: 31/12/2005, 12:55
  5. Prove tecniche di trasmissione
    Di hell0 nel forum Sesso e Dintorni
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 23/06/2005, 07:41

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Disattivato
  • [VIDEO] code is Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato
Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai LETTORI, sulla base dei dati e delle informazioni qui forniti sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio. Le informazioni qui riportate hanno carattere puramente divulgativo e orientativo; non sostituiscono la consulenza medica. È vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione scritta.
Un dietologo e un dietista a tua disposizione. Prova la dieta online