Logo
Cerca nel forum | Cerca in tutto il sito
Ricerca personalizzata Google
Video Home fitness
sondaggi - vota
Risultati da 1 a 4 di 4

Discussione: Cura omeopatica e cura omotossicologica... chiedo informazioni

  1. Registrato da
    27/04/2007
    Messaggi
    2

    Cura omeopatica e cura omotossicologica... chiedo informazioni

    Ho sofferto per più di un anno di candida. Stremata mi sono rivolta ad un'omeopata unicista,ho cambiato ginecologo ed ho pure cominciato ad andare da una psicoterapeuta. Ora sto meglio. In 6 mesi ho avuto solo una ricaduta.
    C'è però da dire che in questi mesi mi sono sempre sottoposta a tamponi dal ginecologo con olio di genziana e cicli di AB300

    Purtroppo penso troppo così, presa da certi scrupoli, ho voluto prenotare una visita anche da un omotossicologo. Ieri ci sono andata ed ora sono sconvolta...

    Cura: eliminare latticini, carne rossa, frumento, foglie, frutta e una lista infinita di gocce e pillole (baptisia, graphytes, sepia, pulsatilla, focus, causticum, gorse, eugiavid, sedaflor, cicloflor)da diluire in 1/2 litro d'acqua. In più capsule di zinco e di potassio.

    Ho paura che cominciando questa cura, proprio ora che sto meglio, che ci possano essere effetti collaterali.
    Il farmacista da cui sono andata a fare la scorta di medicinali mi ha assicurato che si tratta esclusiv. di una cura che depura l'organismo, nulla di più e che pertanto può solo farmi bene.

    Vengo da un'omeopata unicista che mi dava giusto 3 granuli al dì (medorrinum 30 CH poi Thuja). Questo omotossicologo invece mi ha caricato di dosi!
    Da ignorante in materia mi domando: incominciando la cura ora (che sto cmq meglio) passando da cure dell'unicista a queste... ci possono essere degli scompensi?
    Perdonate l'ignoranza
    Ultima modifica di anna1401; 03/02/2009 alle 15:44

  2. # ADS
    Cura omeopatica e cura omotossicologica... chiedo informazioni
    Video del giorno Circuit advertisement
    Registrato da
    Always
    Messaggi
    Many
     
  3. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,102

    omotossicologia e unicismo

    Unicismo e omotossicologia non sono conflittuali
    oggi si parla anche di PNEI cioè di psiconeuroendocrinoi mmunologia considerando un asse che partendo dalla "soffitta"(la psiche) scende i vari piani della casa fino ad arrivare in "cantina"(la parte biochimica)
    l'OMOTOSSICOLOGIA permette spesso un approccio più immediato e clinico a vari problemi lavorando soprattutto sull'aspetto più basso biochimico(riprenden do il concetto dei romani antichi che una buona mente alberga meglio in un corpo sano)pur senza escludere l'utilizzo dei rimedi UNICI mentre l'OMEOPATIA UNICISTA costantemente alla ricerca del rimedio unico postula un intervento che parte dall'alto e mirabilmente scende a pioggia su tutti gli altri livelli inferiori.
    I due approcci non sono assolutamente inconciliabili, anzi: però a mio avviso dovrebbero essere armonizzati dalla stessa
    manus medica secondo una strategia coerente
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  4. Registrato da
    27/04/2007
    Messaggi
    2
    Io prima mi sono rivolta ad un'unicista che cmq ho risolto il mio problema. Solo per scrupolo sono andata anche da un omotossicologo, senza sapere bene di cosa si trattasse. A vedere quella lunga lista mi sono spaventata...
    Oggi mi domando se è davvero il caso di cominciare la cura. Secondo l'unicista non avrei più bisogno di nulla. Discordante?!

    Se la cura non viene dalla stessa mano, oltre che da un approccio completamente diverso... ci possono essere effetti collaterali?
    Io prima prendevo solo Medorrinum 30 CH. Ma già da più di un mese non prendevo più nulla.
    Oggi vedo quella lista e mi domando quale corrente seguire...
    Ultima modifica di anna1401; 03/02/2009 alle 15:46

  5. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,102

    detto latino una volta almeno non mascalzone

    Diceva un grande saggio latino che "nulla contrasta la guarigione più del continuo modificare una cura" soprattutto se-aggiungo io-si sono ottenuti dei risultati positivi.
    Il problema non è se è meglio l'UNICISMO o il PLURALISMO omotossicologico, ma riuscire a capire quando stiamo migliorando, in modo da proseguire lungo la strada della guarigione senza interferire e senza tentazioni di cambiamenti che non sono motivati dalla evoluzione positiva e favorevole del quadro clinico.
    dr. vincenzo valesi sanihelp

Discussioni Simili

  1. Informazione su una cura omeopatica
    Di Dmonica75 nel forum Malattie, Sintomi e Consigli
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 11/06/2013, 10:46
  2. cura acne...
    Di niko92 nel forum Consigli di bellezza
    Risposte: 2
    Ultimo Messaggio: 31/08/2007, 22:32
  3. Cura per la crescita
    Di maz nel forum Medicine naturali
    Risposte: 33
    Ultimo Messaggio: 01/11/2005, 17:39
  4. Cura per ... l'astinenza
    Di and321 nel forum Sesso e Dintorni
    Risposte: 13
    Ultimo Messaggio: 02/05/2005, 14:10
  5. cura per gastroesofagite
    Di anna1401 nel forum Malattie, Sintomi e Consigli
    Risposte: 4
    Ultimo Messaggio: 07/02/2005, 19:06

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Disattivato
  • [VIDEO] code is Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato
Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai LETTORI, sulla base dei dati e delle informazioni qui forniti sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio. Le informazioni qui riportate hanno carattere puramente divulgativo e orientativo; non sostituiscono la consulenza medica. È vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione scritta.
Un dietologo e un dietista a tua disposizione. Prova la dieta online