Logo
Cerca nel forum | Cerca in tutto il sito
Ricerca personalizzata Google
Video Home fitness
sondaggi - vota
Pagina 2 di 7 PrimaPrima 123456 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 40 di 136

Discussione: Reiki - un modo naturale per stare bene

  1. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Guarigione secondo Reiki

    significa rientrare in un ciclo cosmico naturale da cui ci siamo separati, Illuminazione secondo Reiki significa vivere in armonia con il nostro Spirito, Amore significa essere tramiti dell'Energia della Vita e Fede in Dio significa lasciarci guidare docilmente verso il nostro destino.
    Reiki ci rende partecipi dell'Energia Universale della Vita, è questo il semplice segreto che nessuno potrà mai dimostrare o confutare, ma solo sperimentare: lasciare che ogni cosa scorra attraverso di noi...

  2. # ADS
    Reiki - un modo naturale per stare bene
    Video del giorno Circuit advertisement
    Registrato da
    Always
    Messaggi
    Many
     
  3. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    La Valle Delle Meraviglie

    Di Maurizio Canesi, medico, omeopata, antroposofo, musicista, Maestro di Reiki

    ... Avere le cose sotto gli occhi e non vederle: situazione assolutamente comune, direi fisiologica, che emerge continuamente nel quotidiano di ciascuno. Non è proprio che non si veda nel senso fisico...

  4. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Si possono motivare queste “perdite” in differenti maniere

    facendo riferimento sia alle caratteristiche dell’input che a quelle della struttura ricevente, ed ancora al momento e alle condizioni esterne all’evento: è stato comunque appurato che una delle condizioni che rende l’informazione fugace e non più recuperabile è il suo essere totalmente e profondamente estranea.

    L’inconosciuto è invisibile e muto anche quando ci passa davanti al naso rumoreggiando; e tutto ciò riguarda naturalmente non solo il senso della vista, ma anche ogni altro meccanismo di conoscenza.
    Accadono tuttavia eventi in ognuno che ci permettono di “vedere” ciò che fino a ieri, pur davanti a noi, non c’era: ed ogni volta emozioni anche forti accompagnano il mettersi a fuoco, nella coscienza, di una insospettata immagine: entusiasmo, gioia, passione.

  5. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    “Valle delle Meraviglie”

    Se in questo momento mi chiedessero di definire Reiki, lo chiamerei una “Valle delle Meraviglie”: percorrerla e scoprire nuove bellezze dietro ogni curva e ogni albero è per me un onore.

    Ho iniziato a scorrere i capitoli, muovendomi dall’oriente all’occidente: nei grandi movimenti religiosi che hanno guidato il divenire dell’umanità, nelle millenarie tradizioni mediche, da Usui a Steiner, dalla fisica quantistica alla ricerca del santo Graal e all’iniziazione Shintoista.
    Ho trovato la meraviglia, la meraviglia di vedere unirsi gli opposti, a comporre una realtà omogenea e piena.

  6. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    La meraviglia e il piacere

    di non sgomentarmi di fronte alla molteciplicità, di non sentire dicotomie o gerarchie, ma di poter integrare aspetti lontani nel tempo e nello spazio, uniti da Reiki.
    Come se Reiki, fatte chiare le sue origini “formali”, si mostrasse per quello che questo tempo e questo mondo sempre più “uno” gli consentono di mostrare agli uomini: l’essere uno strumento universale, diverso dagli elementi che ne hanno formato le radici, altro rispetto alle confessioni religiose, lontano nella sua pratica dalle scienze mediche o dalla scienza subatomica…
    Piuttosto, nuovo elemento di coesione tra l’antico e l’oggi, tra l’oriente e l’occidente, tra lo spirito e la terra.
    Strumento per questa umanità, appena pronta per interiorizzarlo e farlo crescere
    Ultima modifica di francyfre; 30/01/2012 alle 10:46

  7. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,043

    l'energia dell'universo

    Cosa c'è di più fantastico del pensare di poter disporre di tutta l'energia dell'universo nelle nostre mani, e cosa di più incredibile e incomprensibile della contrazione di tutta l'energia e la materia in quell'infinitesimale punto critico del big bang, e in fondo cosa c'è di così poco "scientifico" come la creazione, che pure è: non credo che l'uomo potrà mai diventare così grande da poterlo comprendere, ma potrà almeno sperare di diventare abbastanza umile per poter riconoscere i suoi limiti.

  8. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    ...

    semplicemente... meraviglioso...

  9. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Gibran Kahlil Gibran "Il Profeta"

    ...Voi parlate quando non siete in pace con i vostri pensieri
    e quando non riuscite ad abitare nella solitudine del cuore, vivete nelle labbra, dove il suono è distrazione e passatempo.
    E in molti vostri discorsi il pensiero è quasi ucciso.
    Perchè il pensiero è un ******* dell'aria, che in una gabbia di parole può forse spiegare le ali ma non può certo volare.
    E c'è chi ha in sè la verità, ma non la esprime con parole.
    Nel suo petto lo spirito dimora in armonioso silenzio.
    Ultima modifica di francyfre; 30/01/2012 alle 10:46

  10. cotto Ospite
    Questi sono pensieri troppo profondi per me. Io mi accontento di avere un po' piu' di "consapevolezza" e di sapere che ho la fortuna di poter aiutare .

  11. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    REIKI Domande e risposte

    (da: Il Reiki I canali dell’energia universale - Xenia Edizioni)

    Domanda: Il Reiki è un metodo per alleviare il dolore fisico, controllare l’ansia e calmare la mente. Al tempo stesso è anche una disciplina di crescita spirituale. Ma allora cos’è di preciso il Reiki?

    Risposta: Il Reiki è l’uno e l’altro: una tecnica di distensione e rilassamento e al tempo stesso un momento di intimo contatto con sè stessi e con la propria energia. Questo processo aiuta a riconoscere, da un lato la propria unicità, dall’altro a ristabilire la gioia e lo stupore della riscoperta di un “antico senso di appartenenza” e del “sacro della propria vita”.

  12. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890
    Domanda: che legami ha il Reiki con la religione?

    Risposta: Tutte le scuole di Reiki si dichiarano aperte ad ogni fede e negano qualunque legame con la religione, ma questo di per sè non sarebbe decisivo.
    Certamente Reiki non è semplicemente una tecnica perchè implica il riferimento a una energia con caratteristiche (meta) fisiche e si ispira a principi (la responsabilità della propria vita, il “ qui ed ora”, l’integrazione degli opposti, l’arte di imparare attraverso l’esperienza) che appartengono a molte religioni, al cristianesimo, al buddhismo, all’induismo, e alla filosofia Zen.
    Certamente Reiki si basa su una visione “spirituale” della vita, dove con spiritualità si intende “ una forma di relazione” con la realtà che comporta un senso di appartenenza a qualcosa di più grande di noi stessi”. Questa visione della spiritualità appartiene ad una cultura che valorizza l’esperienza personale come unica via di conoscenza e Reiki è un metodo esperienziale.
    In sintesi, Reiki non è nè una religione, nè una filosofia e può essere usato indipendentemente da qualsiasi religione, cultura, credenza o filosofia.

  13. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890
    Domanda: Alla nascita abbiamo naturalmente Reiki, ma poi già nel corso dei primi ani di vita, il fluire di Reiki si blocca a causa dei condizionamenti imposti dalla nostra educazione.
    Come si riacquisisce Reiki?

    Risposta: attraverso le attivazioni o inattivazioni, che si danno in tre livelli, da parte di un Reiki Master, durante seminari appositi, attraverso l’utilizzo di simboli che sono veri e propri archetipi universali. Queste “chiavi operative” canalizzano e armonizzano l’energia, creando una connessione consapevole tra l’individuo e l’infinita disponibilità di energia universale. Le attivazioni, una volta acquisite durano per sempre.

    In breve, rivivere le attivazioni Reiki significa mettere in sintonia la propria energia personale con l’energia universale, riarmonizzarsi con la realtà universale, imparando ad accettare il significato di ogni evento. Diventare un canale Reiki significa scegliere, sia pure inconsapevolmente, se e quanta energia prendere e l’energia va naturalmente e “intelligentemente” dove il soggetto ne ha più bisogno. Pertanto Reiki lavora indipendentemente dallo stato di salute fisica e psicologica dell’operatore, ma si adatta unicamente alle condizioni e alle esigenze di chi lo riceve.

  14. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890
    Domanda: cosa prova un soggetto durante un trattamento Reiki?

    Risposta: non esiste una regola fissa. Alcuni pazienti provano un gran rilassamento e spesso si addormentano. Altri fanno fatica a lasciarsi andare. Alcuni avvertono sensazioni di calore in tutto il corpo o in alcune parti del corpo, oppure freddo. Altri possono avvertire sensazioni di fastidio o di dolore al contato delle mani con alcune zone del corpo.
    Alcuni attivano la capacità di rappresentazione immaginativa, per lo più di scene piacevoli, legate all’atmosfera di vacanza: spiaggia, mare, natura incontaminata.
    In qualche caso è possibile che si attivino immagini più personali legate a esperienze recenti della vita del soggetto, o del passato, o addirittura dell’infanzia. Molti hanno la sensazione che non stia succedendo nulla.

  15. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890
    Domanda: e tra una seduta e l’altra di Reiki, cosa bisogna fare?

    Risposta: Si consiglia di essere attenti osservatori di sè stessi, di prendere nota dei fatti più significativi che accadono: una specie di diario su cui riflettere, possibilmente senza esprimere giudizi (questo è bello, questo è brutto; è colpa della cattiva sorte, di lui, di lei, del cattivo tempo...), e a cui fare riferimento nel futuro per valutare gli effetti del trattamento.
    All’inizio del ciclo di trattamento alcune situazioni sembrano peggiorare, ma solo temporaneamente: spesso si tratta di “crisi di risoluzione”, peggioramenti che stanno a indicare un movimento interiore e che preludono ad una guarigione più profonda e definitiva.
    Tra un trattamento e l’altro si consiglia di bere molto, per attivare i processi fisiologici di ricambio, e di concedersi, possibilmente tutti i giorni, un momento anche breve di relax, possibilmente sempre alla stessa ora del giorno, meglio al tardo pomeriggio al rientro dal lavoro, o alla sera prima di coricarsi. L’ideale sarebbe farsi tutti i giorni un trattamento di Reiki.
    L’autotrattamento, infatti, potenzia e stabilisce una sorta di continuità con i trattamenti eseguiti dagli operatori Reiki, abitua gradualmente al rilassamento e contribuisce alla ricarica energetica dell’organismo.
    L’autotrattamento se utilizzato alla sera prima di addormentarsi, facilita la distensione ed è un ottimo antidoto all’insonnia.

  16. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,043
    Citazione Originariamente Scritto da cotto
    Allora si scende sul personale..... peggio per Voi

    La cosa piu' importante che ho imparato sul Reiki e' che ha tutto per tutti. Mi spiego meglio.

    Da quando ho iniziato apraticare il Reiki mi sono imbattuto in persone con diverse esigenze e necessita'; io stesso in varie fasi della mia vita, ne ho avuto bisogno sotto diversi aspetti.

    Essendo una persona piuttosto materiale e scettica verso i "credo" dogmatici (insomma un po' un San Tommaso - piu' Tommaso che San) ho approcciato questa disciplina con un certo distacco e con la necessita' di essere convinto da qualcosa di "palpabile". Dopo aver ricevuto i primi trattamenti non avevo gia' piu' dubbi sul fatto che qualcosa succedeva realmente, e parlo proprio di sensazioni fisiche!!!
    Ma lo sai che il tanto vituperato Tommaso era il più "fino" dei dodici apostoli, quello in grado di recepire concetti più profondi ed evoluti, che magari agli altri sfuggivano? Si, perchè Gesù parlava sia agli umili che ai dotti...

  17. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890
    San Tommaso era un tipo concreto, ma con una mente aperta, e per questa sua caratteristica ha trovato e trova consenso anche tra i non cattolici.
    Un santo molto moderno...

  18. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890
    Domanda: Dal punto di vista del rapporto con l’operatore Reiki, come ci si comporta durante la seduta?

    Risposta: la seduta si svolge per lo più in tre fasi. Nella fase iniziale si svolge un breve colloquio riguardante lo stato di salute del soggetto. E’ importante conoscere se e come il soggetto ha elaborato e utilizzato quanto emerso sino a quel momento della terapia. Questa prima fase è variabile in funzione delle specifiche situazioni.
    La fase centrale consiste nella seduta vera e propria e dura dai 30 ai 45 minuti circa. E’ bene che questa fase si svolga in silenzio, tuttavia se la persona trattata è agitata, vuole parlare o ha specifiche domande da porre, è bene assecondarla. Reiki lavora ugualmente. Semmai si può tentare di portare il soggetto alla tranquillità interiore invitandolo a orientare la sua attenzione all’ascolto della musica di sottofondo.
    Nella fase finale, dopo che i l paziente ha assimilato in silenzio per qualche minuto la seduta, è utile un breve scambio di impressioni, sensazioni, una sorta di verbalizzazione dell’esperienza, di “fissazione “ da parte del paziente, e di “restituzione” da parte del terapeuta,

  19. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890
    Domanda : Reiki può essere assimilato ad una forma di psicoterapia che passa attraversando il corpo?

    Risposta: Per certi aspetti, sì, purchè l’operatore sia un professionista idoneo e preparato. Reiki è un metodo semplice ed efficace per ottenere un buon grado di rilassamento e per attivare componenti psicoemotive, nel contesto di una particolare atmosfera di tipo regressivo e di passività nei confronti dell’operatore.
    Questa caratteristica, oltre ai riscontri sul piano clinico, supporta l’utilizzo di questa tecnica particolarmente in ambito psicosomatico, dove il paziente, non riuscendo a verbalizzare le emozioni, tende a manifestare attraverso il corpo le sue disarmonie e i suoi squilibri. Molte patologie riconoscono una eziopatogenesi di questo tipo dove componente psicologica e componente fisica sono strettamente interconnesse.

  20. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890
    Domanda: come scegliere un operatore Reiki di fiducia?

    Risposta: Quello del Reiki purtroppo è ancora un settore privo di regolamentazione, ed è diventato indispensabile definire ruolo e competenze di questa figura professionale, a garanzia sia del cittadino utente che degli operatori in possesso di una adeguata preparazione teorico-pratica. Certamente bisogna stare attenti a ciarlatani e improvvisatori che promettono effetti miracolosi a livello terapeutico. E’ bene che i potenziali pazienti si cautelino rivolgendosi a professionisti formati presso scuole convenzionate con Istituti, Enti o Associazioni qualificate.

  21. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Cosa sono i Chakra?

    La parola "chakra" deriva dal sanscrito e significa "cerchio", "movimento", ma anche "ruota". Ogni chakra è un vortice di energia circolare che ruota sotto l'influenza di una corrente positiva (detta "pingala") o negativa (detta "ida"). I chakra sarebbero quindi centri di energia che si trovano tra l'aura (il riflesso dello stato di energia dell'organismo) e l'esterno del nostro corpo. Teorici della filosofia orientale sostengono infatti che l'essere umano fin dalla nascita possiede una sua fisiologia energetica che gli permette di entrare in relazione dinamica con il microcosmo che lo circonda e con le sue forze elettromagnetiche. I chakra si trovano in corrispondenza di ghiandole endocrine e le energie dei chakra sembrano così essere collegate con il sistema nervoso parasimpatico e autonomo e con la regolazione degli ormoni.

Pagina 2 di 7 PrimaPrima 123456 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Risposte: 73
    Ultimo Messaggio: 24/06/2018, 13:33
  2. tutto è bene quel che finisce bene però.....
    Di gingerina nel forum Malasanità - buonasanità
    Risposte: 8
    Ultimo Messaggio: 18/09/2012, 07:45
  3. Ma ha un senso stare qui??
    Di margot78 nel forum 4 chiacchiere
    Risposte: 16
    Ultimo Messaggio: 06/03/2012, 21:23
  4. ho capito bene sul modo di fare triestino?
    Di dingoman nel forum 4 chiacchiere
    Risposte: 47
    Ultimo Messaggio: 31/05/2011, 17:22
  5. stare in condominio.....
    Di agrodolce nel forum 4 chiacchiere
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 31/08/2007, 12:59

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Disattivato
  • [VIDEO] code is Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato
Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai LETTORI, sulla base dei dati e delle informazioni qui forniti sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio. Le informazioni qui riportate hanno carattere puramente divulgativo e orientativo; non sostituiscono la consulenza medica. È vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione scritta.
Un dietologo e un dietista a tua disposizione. Prova la dieta online