Logo
Cerca nel forum | Cerca in tutto il sito
Ricerca personalizzata Google
Video Home fitness
sondaggi - vota
Pagina 3 di 11 PrimaPrima 1234567 ... UltimaUltima
Risultati da 41 a 60 di 208

Discussione: Omeopatia e Omotossicologia - informazioni

  1. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121

    Come funziona il farmaco omeopatico?

    E’ noto che i farmaci omeopatici subiscono, durante la loro preparazione, una serie progressiva di diluizioni per cui della sostanza di partenza non resta più traccia.
    Questo ha comportato nella storia dell’Omeopatia dubbi intorno alla sua reale efficacia.
    Come può, infatti, una soluzione che non conserva più molecole della sostanza di partenza avere effetti sull’organismo?

    Questo è stato per molto tempo il nodo fondamentale dell’Omeopatia.
    Oggi, tuttavia, rigorosi studi clinici randomizzati, a doppio cieco, hanno mostrato differenze significative tra il farmaco omeopatico e il placebo.

    Le ipotesi più accreditate da parte di alcuni gruppi di scienziati parlano di un probabile effetto biofisico di queste sostanze e non biochimico. In particolare il procedimento di progressiva diluizione e successiva succussione del farmaco permetterebbe alle molecole dell’acqua di trattenere la "memoria" della sostanza di partenza.

    Oltre agli studi clinici rigorose ricerche in campo biologico hanno mostrato l’effetto indiscusso del farmaco omeopatico.

    Fonte medicinaomeopatica.i t

  2. # ADS
    Omeopatia e Omotossicologia - informazioni
    Video del giorno Circuit advertisement
    Registrato da
    Always
    Messaggi
    Many
     
  3. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121

    Arrow E ancora sull'omeopatia...

    Cos’è l’omeopatia?
    L’omeopatia è un ramo della terapia medica. Si tratta di un metodo terapeutico fondato sulla prescrizione di medicinali derivanti dal principio farmacologico della similitudine, generalmente utilizzati a dosi deboli o infinitesimali.

    Il principio della similitudine come punto di partenza già formulato da Ippocrate, il principio della similitudine stabilisce un legame tra l’azione terapeutica di una sostanza medicamentosa e il suo potere tossicologico.

    Consiste nel dare a un malato una sostanza medicinale che, in forti dosi, può provocare nell’uomo sano - tramite intossicazione - un insieme di sintomi analoghi a quelli che presenta nella malattia.
    Questo metodo è anche alla base del principio della vaccinazione, frutto dell’osservazione di Edward Jenner nel 1796, anno in cui Samuel Hahnemann pubblicava le sue ricerche sui principi delle droghe medicinali e sviluppava il suo approccio terapeutico.
    Ultima modifica di anna1401; 13/01/2009 alle 11:52

  4. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121

    L’infinitesimale: una sfida scientifica

    Applicando il principio della similitudine, l’omeopatia utilizza gli effetti terapeutici delle sostanze attenuando la loro tossicità tramite l’impiego di piccolissime dosi fino al livello detto «infinitesimale».

    L’esperienza dimostra che, malgrado l’elevatissima diluizione del principio attivo, l’effetto terapeutico rimane. Anche se ogni giorno si compiono dei passi avanti, ad oggi la scienza non permette ancora di spiegare il modo in cui agiscono le diluizioni infinitesimali.

    L’omeopatia conferma che le sostanze diluite al di là dei limiti conosciuti della materia* hanno un’attività biologica o fisica svelabile, misurabile, riproducibile e specifica della sostanza diluita, anche se non ne rimane alcune traccia. Sono state formulate numerose ipotesi per verificare questo postulato, ma l’infinitesimale resta una sfida scientifica.

  5. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121

    L’approccio omeopatico

    L’omeopatia è un metodo terapeutico scientifico e umano, aperto tanto allo sviluppo scientifico e alla tecnica quanto all’ascolto della persona malata. Questo metodo privilegia l’approccio preventivo.

    Esiste una sola medicina, quella che unisce la conoscenza scientifica all’ascolto e all’osservazione minuziosa del paziente nella sua specificità. È la medicina nel suo complesso che deve capire ogni singolo paziente, non soltanto l’omeopatia.

    Il medico quindi non deve scegliere a priori tale o tal altro trattamento, tale o tal altro metodo terapeutico, ma egli deve tenere in conto di volta in volta - e per ogni singolo caso - lo stato delle sue conoscenze per ogni terapia e per la specificità del malato.

    La scelta di un medicinale omeopatico richiede un’individualizzazio ne molto più spinta di quella di un antibiotico, per esempio. Una volta effettuata la diagnosi della malattia, una volta stabilita la scelta dell’omeopatia come terapia, al medico resta il compito di cercare il o i medicinali che corrispondono in modo specifico a quel malato per quella malattia.

    Ogni persona avrà il “suo” raffreddore, la “sua” angina”, il “suo” eczema, ossia svilupperà sintomi e modalità personali la cui valutazione orienterà il medico sulla scelta di tale o tal altro medicinale omeopatico.
    È altrettanto vero che per alcuni sintomi o in certe affezioni, tornano sistematicamente gli stessi medicinali omeopatici, al di là di ogni principio di personalizzazione

    Fonte: boiron.com/it
    Ultima modifica di anna1401; 13/01/2009 alle 11:53

  6. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121

    Regole e modalità di assunzione dei preparati omeopatici

    Il successo terapeutico è basato anche sul rispetto di alcune regole e divieti facili da seguire per tutti, grandi e piccini.

    1) Sciogliere in bocca, sotto la lingua, granuli e globuli omeopatici.
    I granuli e globuli devono essere lasciati cadere in bocca, sotto la lingua. Non devono essere deglutiti, ma lasciati sciogliere in bocca. La forma di assorbimento sublinguale assicura la migliore diffusione del medicinale omeopatico nell'organismo. Tuttavia in caso di impossibilità, come nel lattante, si può somministrare il preparato omeopatico sciolto in acqua o nel latte, senza che ne venga meno l'efficacia.

    2) Evitare il contatto dei granuli con le dita.

    I granuli e i globuli non devono essere toccati con le dita, ma versati nell'apposito tappo contenitore e lasciati cadere in bocca, sotto la lingua, per non modificare la configurazione molecolare particolare, responsabile dell'attività del medicinale. Per i bambini piccoli si può provvedere a sciogliere i granuli o monodose in un po' d'acqua minerale naturale, facendola poi assumere a piccoli sorsi.

    Per il lattante è opportuno scegliere i granuli in un cucchiaio di acqua minerale naturale o la monodose in un mezzo bicchiere d'acqua. Quando un medicinale deve essere assunto durante il corso della giornata, è utile sciogliere 20 granuli in 100 ml. di acqua minerale naturale e far assumere alcuni sorsi d'acqua ogni ora od ogni 2 ore, secondo indicazioni
    Ultima modifica di anna1401; 13/01/2009 alle 11:54

  7. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121
    3) Rispettare le medesime regole di somministrazione per granuli e globuli.


    4) Evitare di assumere menta, canfora, sostanze volatili e aromatiche. Queste sostanze possono interferire con l'assorbimento o con l'attività dei rimedi omeopatici. In particolare va evitato l'uso di dentifrici a base di menta.

    5) Assumere i medicinali lontano dai pasti, rispettando la posologia consigliata.
    Il medicinale omeopatico va assunto almeno un'ora dopo il pasto e mezz'ora circa prima del pasto.
    Il numero di granuli da assumere è uguale per tutte le età dell'uomo. L'esperienza ha evidenziato che 3-5 granuli rappresentano la posologia più appropriata.
    In generale, nelle forme acute il rimedio va assunto più volte al giorno, mentre nelle forme croniche la somministrazione avviene a intervalli più lunghi (settimanali, quindicinali, mensili) e per un lungo periodo.

    6) Richiedere direttamente al farmacista o al medico eventuali informazioni sul medicinale omeopatico.

    In omeopatia il medicinale non cura la malattia ma un insieme di sintomi che possono corrispondere a numerose malattie .
    Ultima modifica di anna1401; 13/01/2009 alle 11:56

  8. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121
    7) Conservare il tubetto dei granuli o dei globuli fino alla scadenza indicata in un luogo pulito e asciutto, al riparo da eventuali eccessi termici.


    8) Limitare l'uso di alcolici, tabacco e stimolanti in corso di trattamento.

    9) Informare il medico di eventuali aggravamenti marcati e prolungati dopo l'assunzione del medicinale omeopatico.
    Tale aggravamento omeopatico ha un significato favorevole, purchè sia limitato nel tempo e non comporti rischi per il paziente.

    10) Non allarmarsi per l'ingestione accidentale di una dose superiore a quella consigliata.
    Il medicinale agisce come uno stimolo specifico sull'organismo, adatto al singolo individuo e alla sua patologia, esso agisce esclusivamente su quella persona e sulla sua affezione. Pertanto l'assunzione di un preparato omeopatico non indicato non induce alcun effetto terapeutico o tossico anche perché i medicinali omeopatici sono di per se stessi privi di tossicità.

    Tratto da: Bruno Brigo, Omeopatia per tutti i giorni, tecniche nuove.
    Ultima modifica di anna1401; 13/01/2009 alle 11:57

  9. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121

    Cool E ancora... I Principi Fondamentali In Omeopatia

    La legge dei simili

    "Nell'organismo vivente un'affezione dinamica più debole è eliminata in modo duraturo da un'altra più forte se quest'ultima (di specie diversa) le assomiglia molto dal punto di vista della sua manifestazione". (dall'Organon) "similia similibus curantur"

    In natura esistono infatti sostanze che, se assunte da individui sani per un certo periodo di tempo, sono in grado di produrre sintomi tipici della sostanza stessa (intossicazione).

    Sappiamo inoltre che ogni malattia è caratterizzata da un quadro sintomatologico che le è tipico. La ricerca dell'analogia tra i sintomi della malattia di un paziente e quelli provocati dalla somministrazione di una sostanza naturale ad una persona sana (ottenuta tramite sperimentazione detta prooving), è alla base dell'operato del medico omeopatico (similia similibus curantur).

    Alla propria dottrina basata sul principio dei simili Hahnemann diede il nome di "Omeopatia" e riservò invece il nome di "Allopatia" alla pratica medica secondo la quale per la cura di una malattia devono essere usati quei farmaci che hanno effetto contrario ai sintomi della malattia in atto.
    Ultima modifica di anna1401; 13/01/2009 alle 11:58

  10. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121

    Specificità medicamentosa

    "Ogni medicamento produce effetti specifici nel corpo umano e nessun'altra sostanza medicinale può dare origine ad altri effetti che siano del tutto simili a quelli". (dall'Organon)

    Secondo questo postulato possiamo affermare che l'interesse del medico omeopatico non è sicuramente la diagnosi di malattia, bensì la diagnosi di "rimedio", cioè di quel medicamento che nel sano provoca i disturbi "più simili" a quelli presentati dal nostro paziente in esame. In natura infatti non esiste una sostanza che somministrata ad un paziente sano produca effetti uguali ad un'altra (patogenesia del rimedio).

  11. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121

    La dose infinitesimale

    La sostanza che si somministra ha esclusivamente funzione di "stimolare" la reazione, è la miccia che fa esplodere la bomba e come tale più che elevata nel dosaggio deve essere "specifica" per i disturbi del paziente.

    Diluizione e dinamizzazione aumentano progressivamente l'azione dei medicamenti.
    Qualunque sostanza o medicamento agente sulla vitalità è in grado di determinare un'alterazione dell'equilibrio della Forza Vitale e di conseguenza un cambiamento dello stato di salute della persona.

    Questo effetto è dovuto quasi esclusivamente alla sostanza somministrata e viene chiamato "Effetto Primario": è utilizzato dalla medicina allopatica.

    Alla somministrazione di una sostanza la Forza Vitale si oppone con carattere conservativo sempre a favore della vita, questo grazie al fatto che l'organismo umano appartiene alla categoria dei "Sistemi omeostatici" caratterizzati da una omeostasi fisiologica regolata da interscambi di informazioni biologiche e da tutte quelle attività che tendono a conservare costanti, o entro certi limiti accettabili, le varianti del Sistema.

    Chiameremo quindi questo "Effetto secondario", utilizzato dalla Medicina omeopatica.
    Ultima modifica di anna1401; 13/01/2009 alle 11:58

  12. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121
    Considerato che l'azione curativa in Medicina omeopatica sfrutta la reazione dell'organismo, la sostanza che si somministra ha esclusivamente funzione di "stimolare" alla reazione, è la miccia che fa esplodere la bomba e come tale più che elevata nel dosaggio deve essere "specifica" per i disturbi del paziente (meccanismo d'azione sotto certi aspetti paragonabile alla vaccinazione).

  13. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121

    Legge di Hering o di guarigione

    Per la caratteristica "centrifuga" della cura omeopatica che mira a "buttar fuori" la malattia anziché tendere a sopprimerla.

    Nelle "vere" guarigioni, dopo la somministrazione del rimedio corretto, il paziente non giunge allo stato di pieno benessere in modo casuale, bensì seguendo un iter scandito da una legge ben precisa di eliminazione dei sintomi.

    I sintomi spariranno dall'alto verso il basso (il che vuol dire che sparirà prima uno stato d'ansia che una pirosi gastrica); spariranno dall'interno verso l'esterno (al miglioramento di un'asma può far seguito un peggioramento di un eczema cutaneo che poi a sua volta migliorerà e non viceversa) questo per la caratteristica "centrifuga" della cura omeopatica che mira a "buttar fuori" la malattia anzichè tendere a sopprimerla.

    Spariranno inizialmente i sintomi che sono comparsi più recentemente e in un secondo tempo quelli che hanno un'origine più remota nel tempo.

    Fonte: omeoimo.it
    Ultima modifica di anna1401; 13/01/2009 alle 12:00

  14. Registrato da
    08/11/2005
    Messaggi
    17,237

    Tubercolina

    mi hanno prescritto la Tubercolina... qualcuno ne sa qualcosa?
    Ultima modifica di anna1401; 13/01/2009 alle 17:13

  15. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,102

    Tubercolina - nosode costituzionale

    TUBERCOLINUM è un cosiddetto NOSODE (nosos= malattia + oides = aspetto, richiamo, affinità) cioè un rimedio omeopatico ottenuto da materiale patologico contenente bacillo di Koch (mycobacterium tubercolosis).

    In particolare è definito anche nosode costituzionale perchè - pur non essendo obbligatoria questa associazione - tuttavia molto spesso si adatta a curare i problemi reattivi - cioè il modo, la vivacità, il tipo di reazioni - degli individui appartenenti alla costituzione chiamata fosforica.

    Ma, per non confonderti le idee, siccome l'argomento e' complesso e vorrei riuscire a farmi capire, e la verità è un "veleno" che deve essere somministrato a piccole dosi - e in questa affermazione proverbiale sta uno dei princìpi dell'omeopatia - preferireri prima di continuare, se la cosa ti interessa, che fossi tu a a farmi delle domande, a cui io ti prometto continuerò a rispondere secondo i limiti delle mie conoscenze e delle mie possibilità.
    dr. vincenzo valesi
    medico
    Ultima modifica di anna1401; 13/01/2009 alle 17:14
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  16. Registrato da
    08/11/2005
    Messaggi
    17,237

    Tubercolina

    intanto la ringrazio dottore!!!
    poi, l'omeopata mi ha detto infatti che è un veleno, ma che se somministrato in piccole dosi dovrebbe riuscire a far riemergere qualcosa.

    le dico che io sono molto scettica su tutto nella vita, e quindi faccio un pò fatica a credere che un dottore facendomi delle domande riesca a capire da dove sia scaturito il mio problema per poi cercare di curarlo con queste "medicine".
    ma voglio crederci questa volta, e vedremo come va.

    queste cose dovrebbero, se si è presa la cosa giusta provarmi un qualcosa e poi da li si studierà il tutto.
    ci capisco poco io eh!!

    una domanda quindi, questa, chiamiamola, sostanza che mi è stata data, a cos'è stata ricollegata??
    Ultima modifica di anna1401; 13/01/2009 alle 17:15

  17. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,102
    Non è obbligatorio che l'omeopata prescriva un rimedio solo facendo delle domande. Certo l'anamnesi, cioè la storia del paziente è molto importante, ma può anche e in alcuni casi deve fare una visita fisica, come tutti gli altri medici. Diciamo solo che in omeopatia può essere particolramente importante conoscere particolari riguardanti la persona, per cui diventa particolarmente importante la storia.
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  18. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,102
    TUBERCOLINUM è un nosode cioè un estratto derivato dal granuloma tubercolare diluito e dinamizzato, che si adatta particolarmente a un determinato modo di reagire, come spesso si ritrova in persone nella cui storia clinica personale e famigliare c'è una particolare incidenza di tubercolosi.

    La parola NOSODE deriva dal greco e significa letteralmente "rimmagine della malattia"

    Samuel hanemann, il padre dell'omeopatia, aveva identificato 3 modalità di reagire che aveva chiamtao miasmi o diatesi :
    PSORA
    SICOSI
    LUE
    A queste in seguito sono state aggiunte la diatesi TUBERCOLINICA e quella CANCERINICA
    Ultima modifica di anna1401; 22/04/2008 alle 18:03
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  19. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,102

    Psora

    La PSORA corrisponde a una modalità di reazione caratterizzata da tutte quelle manifestazioni per cui un individuo intossicato da molteplici fattori intesi in senso lato, esterni ed interni metabolici e psichici, cerca di mettere in atto una serie di meccanismi per eliminare all'esterno questi elementi:

    da cui colonpatie funzionali, dermatosi, bronchiti, parassitosi intestinali, il tutto dominato da alternanza di malattie, spesso favorite da comportamenti che ostacolano questo tentativo di eliminazione.

    Si associa soprattutto, ma non in maniera obbligata, alla COSTITUZIONE CARBONICA.
    Ultima modifica di anna1401; 22/04/2008 alle 18:07
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  20. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,102

    Sicosi

    La SICOSI è caratterizzata da un atteggiamento reattivo in cui domina la difficoltà di eliminare TOSSINE all'esterno:

    queste si accumulano nel tessuto connettivo determinandone dapprima imbibizione per accumulo di liquidi (FASE IDROGENOIDE), poi una irritazione che porta alle PROLIFERAZIONI (fibromi, miomi, cisti) poi alla SCLEROSI.

    NATRUM SULPHURICUM, THUYA, CAUSTICUM e MEDORRHINUM sono rimedi omepatici cosiddetti diatesici, perchè si adattano molto bene alle varie fasi della SICOSI.
    Ultima modifica di anna1401; 22/04/2008 alle 18:09
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  21. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,102

    Luetismo o Luesinismo

    LUETISMO o LUESINISMO
    E' l'attitudine a fare malattie con caratteri similari alla LUE cioè attraverso meccanismi di degenerazione e DISTRUZIONE FISICA (ulcere) e MENTALE.

    Questo modo di reagire che da un lato è condizionato da fattori genetici e che si estrinseca per l'interazione con abitudini alimentari scorrette (cibi grassi), alcoolismo, tabagismo,droghe.

    Questa modalità di reagire si esprime più facilmente nei soggetti appartenenti alla costituzione cosiddetta FLUORICA.
    Ultima modifica di anna1401; 23/04/2008 alle 10:04
    dr. vincenzo valesi sanihelp

Pagina 3 di 11 PrimaPrima 1234567 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Omeopatia - Omotossicologia in gravidanza
    Di giucky nel forum Terapie e Tecniche complementari
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 11/09/2015, 10:44
  2. Infiammazioni croniche e omotossicologia
    Di francycaos nel forum Malattie, Sintomi e Consigli
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 13/08/2010, 11:50
  3. informazioni
    Di milkshake nel forum Sesso e Dintorni
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 12/04/2010, 16:05
  4. omeopatia?
    Di lallla82 nel forum Smettere di fumare
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 14/10/2008, 20:44
  5. omeopatia
    Di vanda nel forum Smettere di fumare
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 05/09/2005, 10:52

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Disattivato
  • [VIDEO] code is Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato
Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai LETTORI, sulla base dei dati e delle informazioni qui forniti sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio. Le informazioni qui riportate hanno carattere puramente divulgativo e orientativo; non sostituiscono la consulenza medica. È vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione scritta.
Un dietologo e un dietista a tua disposizione. Prova la dieta online