Logo
Cerca nel forum | Cerca in tutto il sito
Ricerca personalizzata Google
Video Home fitness
sondaggi - vota
Pagina 4 di 11 PrimaPrima 12345678 ... UltimaUltima
Risultati da 61 a 80 di 208

Discussione: Omeopatia e Omotossicologia - informazioni

  1. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,102

    Tubercolinismo

    Il TUBERCOLINISMO può essere assimilato a una particolare struttura genica che permette di ammalarsi di certe patologie respiratorie.

    In pratica più recettiva al bacillo di Koch. Questo però non significa che il tubercolinico sia ammalato di TBC, ma solo che la sua maggiore recettività a tale bacillo è una delle tante facce di un modo di reagire dietro al quale c'è un deficit della risposta immunitaria:

    infatti vediamo maggiore suscettibillità alle infezioni soprattutto respiratorie che tendono a trascinarsi alle lunghe con difficoltà alla perfetta guarigione, ma anche infiammazioni della vescica urinaria, da cui febbri e febbricole persistenti, cistiti ricorrenti, infezioni intestinali ricorrenti.

    Il TUBERCOLINICO è spesso un individuo magro, caratterizzato da profonda ASTENIA che si accompagna a una grande IRRITABILITA' con crisi di VIOLENZA durante le quali secondo le materie medica può arrivare a scagliare gli oggetti.

    Il TUBERCOLINISMO si associa in maniera statisticamente significativa alla
    COSTITUZIONE FOSFORICA, della quale pertanto TUBERCOLINUM come già detto rappresenta il NOSODE COSTITUZIONALE.

    Viceversa l'individuo caratterizzato dalla modalità reattiva TUBERCOLINUM può subire l'influenza positiva del sale costituzionale CALCAREA FOSFORICA.

    dr vincenzo valesi
    Ultima modifica di anna1401; 22/04/2008 alle 18:16
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  2. # ADS
    Omeopatia e Omotossicologia - informazioni
    Video del giorno Circuit advertisement
    Registrato da
    Always
    Messaggi
    Many
     
  3. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,102

    Miasmi E Diatesi

    Samuel Hanemann, il moderno promotore dell'omeopatia, aveva chiamato le DIATESI col suggestivo termine di MIASMI, dal momento che anche se ancora non era stata dimostrata l'esistenza dei microbi (cosa che si sarebbe verificata da lì a pochi decenni) era acquisito che SCABBIA, SIFILIDE e LUE si trasmettevano per contagio.

    Queste tre grandi piaghe dell'umanità avrebbero condizionato, soprattutto se curate dall'esterno con un intervento solo locale sulle loro manifestazioni cutanee, un approfondimento della malattia, e comunque una non sua reale cura, e quindi un suo aggravamento o evoluzione verso la cronicità, con tutta una serie di manifestazioni caratteristiche delle tre diatesi.

    dr. vincenzo valesi
    Ultima modifica di anna1401; 22/04/2008 alle 18:17
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  4. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,102

    moderna interpretazione

    Alla luce delle successive scoperte della genetica, alla mappatura del DNA, al fatto che nel cromosoma degli individui ci sono geni condizionanti reattività enzimatiche, modalità reattive del sistema immunitario, geni che predispongono o determinano l'insorgenza di questa o di quella malattia, il miasma di Hanemann può essere correlato a questo assetto genetico determinato per trasmissione ereditaria, ma anche suscettibile di subire modificazioni determinate da fattori esterni non genetici mutageni come per esempio fattori tossici, veleni, radiazioni ionizzanti, persino forme virali che comportandosi come veri e propri files possono accompagnarci per tutta la vita, riattivandosi in condizioni particolari.

    dr. vincenzo valesi
    Ultima modifica di anna1401; 22/04/2008 alle 18:19
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  5. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,102

    Dna Spazzatura

    Senza contare che esistono rilevanti porzioni di DNA umano non specificamente correlato all'spressione di geni, cosiddetto "DNA SPAZZATURA"
    è auspicabile che le future conoscenze genetiche possano dare una spegazione a quello che una spiegazione ancora non ha...
    ____________________ ____________________ ____________________ ____________________ ________
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  6. Registrato da
    09/04/2008
    Messaggi
    2

    Cura omeopatica per bambina di 9 anni

    oggi ho portato mia figlia da una dott. omeopatica perchè: gelosa della sorellina, insofferente in tutto, sempre stanca, ha 9 anni e pesa 22 kg, non mangia ......

    mi ha dato le seguenti medicine, vorrei sapere a cosa servono..
    flower plex n 49
    psorinoheel n...
    brom compositum
    tutte in gocce
    grazie
    Ultima modifica di anna1401; 13/01/2009 alle 17:17

  7. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,102

    Re: Cura omeopatica per bambina di 9 anni

    FLOWERPLEX 49 è un rimedio complesso finalizzato secondo la visione bioenergetica alla risoluzione della rabbia;
    PSORINOHEEL è un'associazione omotossicologica di NOSODI, cioè di diluizioni decimali degli agenti causali di quelle che l'omeopatia considera le impregnazioni patologiche, in pratica è finalizzato a desensibilizzare dalle influenze ereditarie negative.
    Ultima modifica di anna1401; 13/01/2009 alle 17:18
    dr. vincenzo valesi sanihelp

  8. Registrato da
    09/04/2008
    Messaggi
    2
    grazie grazie

  9. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121

    Lampadina Le DIATESI (o MIASMI) altre info

    Per DIATESI si intende la predisposizione di un certo organismo a contrarre certe malattie.
    Sono caratterizzate da segni peculiari:

    - la psorica (dalla psora, termine che in greco indicava la scabbia)

    - la sicotica (dal greco sycon, fico, nome di una dermatosi genitale)

    - la luesinica (dalla lue, ovvero la sifilide).

    - Nebel e Vannier aggiunsero in seguito anche la tubercolinica.

    Di ogni diatesi viene fatto un quadro preciso che si basa sulla genesi delle patologie, sulle caratteristiche di esse e sui rimedi omeopatici di reazione.


    Ogni COSTITUZIONE tenderà preferibilmente ad una certa diatesi:

    - la Carbonica sarà più della diatesi Sicotica,

    - quella Sulfurica della Psorica

    - quella Fosforica della Tubercolinica

    quella Fluorica della Luesinica.

    fonte altrasalute.it
    Ultima modifica di anna1401; 21/04/2008 alle 18:42

  10. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121

    Le diatesi omeopatiche - tipologie

    Sicotica

    È il miasma (Diatesi) che Hahnemann collegò alla blenorragia e alla crescita di vegetazioni verrucose sui genitali esterni, la cui asportazione provocherebbe una malattia cronica caratterizzata da:
    neoformazioni cutanee, mucose, catarro cronico, ritenzione idrica, il tutto aggravato dall’umidità.
    A livello psichico il soggetto soffre di paure immotivate, fissazioni, fobie.

    Psorica

    Il miasma psorico provocherebbe manifestazioni periodiche e alternanti soprattutto a livello cutaneo, pruriginose, con tendenza alla parassitosi, a convalescenze lunghe e ad aggravamenti delle patologie in senso centripeto, ovvero verso l’interno, con riduzione della reattività.
    A livello psichico tende alla depressione.

    Luesinica

    Il miasma sifilitico ha un tropismo per il tessuto connettivo e osseo, con irritazioni, ulcerazioni, sclerosi, distrofie e dismorfismi.
    A livello psichico tende ad essere angosciato, ribelle, tormentato.

    Tubercolinica

    Deriva dal miasma psorico con cui ha in comune la grande variabilità morbosa e comportamentale.
    Il soggetto tubercolinico dimagrisce con facilità, è freddoloso, è predisposto alle malattie da raffreddamento e alla demineralizzazione.
    Presenta una notevole instabilità emotiva e la tendenza alla malinconia e alla ciclotimia.

    Fonte altrasalute.it

  11. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121

    Le Diatesi Omeopatiche O Miasmi

    (Dr Luigi Marcello Monsellato)

    Il concetto di diatesi omeopatica affonda le sue radici nella diversa concezione di malattia in omeopatia, intesa, in senso dinamico, come modificazioni dell’organismo e della sua struttura bioenergetica, della sua forza vitale, di fronte a cause esterne, potenzialmente morbigene o ostili.

    Le forze interne dell’individuo tentano di mantenere, sulla base della sua costituzione biotipologica, l’omeostasi, opponendosi alle aggressioni esterne.
    Le forze esterne, prevalentemente sociali, interpersonali, affettive, ma anche alimentari, batteriche o virali, tentano di modificare l’individuo, per adattarlo alle proprie leggi di necessità.

    Questa lotta, in realtà, è cominciata fin dalla comparsa dell’uomo sulla terra, ragion per cui la “forza vitale” degli individui, ovvero le potenzialità reattive degli esseri umani alle aggressioni esterne, si sono sempre di più indebolite.

  12. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121
    Tracce di questa lotta continua sono riconoscibili in ogni individuo, perché essa ha contribuito a determinare modificazioni stabili del terreno di questi individui.

    Tale sofferenza si è evoluta nel tempo, producendo successivamente quadri sintomatici svariati (le varie diatesi omeopatiche), che si arricchiscono e si approfondiscono con l’età del soggetto.

    A cosa serve a questo punto la medicina omeopatica?
    La medicina omeopatica contiene in sé l’espressione delle costituzioni umane e lo evidenzia nelle sue diatesi, nelle sue evoluzioni fisiologiche e nelle sue patologie.

  13. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121
    La dottrina omeopatica poggia su quattro capisaldi fondamentali:

    1. Studio dell’uomo, visto nella sua costituzione, intesa come unità psicofisica dinamico-umorale e diatesica.

    2. Studio della malattia, inserita ed interpretata nel contesto della legge della similitudine: («per guarire una malattia, bisogna propinare all’individuo che ne è affetto, un rimedio che gli provocherebbe, se fosse sano, la malattia che lo affligge»).
    È per un certo aspetto il concetto del vaccino e quindi della prevenzione.

    3. Impiego del farmaco individualizzato, inteso nel senso che ogni malato ha la sua malattia ed ha il suo farmaco specifico per quella malattia e per il terreno, su cui si è inserita.

    4. Impiego del farmaco in dosi infinitesimali, cioè un farmaco, che utilizza il potenziale energetico del bioelemento, che lo compone e che non ha più materia.
    Il rimedio omeopatico ha la funzione di risintonizzare l’organismo psicofisico sulla sua lunghezza d’onda ottimale.
    Ultima modifica di francyfre; 29/12/2011 alle 17:31

  14. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121

    Le DIATESI

    PSORA

    La psora è uno stato cronico di intossicazione determinato dalle più svariate patologie, sia ereditarie che acquisite ed ha due possibilità di manifestarsi.

    - Nella fase iniziale (detta attiva o stenica) c'è una eliminazione all'esterno delle tossine, per cui troviamo patologie come eczema, foruncoli, diarrea, rinite allergica.

    - Nella fase successiva, astenica, detta passiva non c'è possibilità di eliminazione centrifuga delle tossine che vengono convogliate verso organi interni , per cui è possibile arrivare a disturbi lesionali come ad esempio il diabete o la cirrosi.

    La psora in genere appartiene al soggetto di costituzione carbonica o sulfurica.
    Ultima modifica di anna1401; 23/04/2008 alle 10:06

  15. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121
    • Tubercolinismo

    Diatesi introdotta dallo svizzero Nebel e sviluppata dal francese Leon Vannier.
    Si riscontra in genere nella costituzione fosforica.

    Per quanto riguarda l'eziologia è evidente la possibilità di trovare negli avi problemi tubercolari.
    Fra le cause acquisite sono importanti le carenze alimentari gravi o malattie come la mononucleosi e le colibacillosi recidivanti.

    Le patologie a cui va incontro il soggetto tubercolinico sono le malattie broncopolmonari, i disturbi da difettosa circolazione venosa periferica e i dimagrimenti.
    Dei problemi psicologici sottolineo la labilità emotiva.
    Ultima modifica di anna1401; 23/04/2008 alle 10:07

  16. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121
    • Sicosi

    IL soggetto sicotico dal punto di vista generale presenta una imbizione del tessuto connettivo che determina sia un aumento di peso, sia un peggioramento dei sintomi con l'umidità.

    Le patologie a cui va incontro sono: manifestazioni catarrali croniche (ad esempio brochite cronica), uretrite cronica, ipofunzione progressiva dei tessuti fino alla sclerosi.

    Caratteristica fondamentale della sicosi è la predisposizione a produrre neoformazioni, dalle semplici verruche ai fibromi e papillomi.
    Dal punto di vista psicologico, il sicotico è soggetto alle idee fisse e alle fobie.

    Cause della sicosi: Hahnemann riconduceva l'eziologia della sicosi alla presenza di blenorragia negli antecedenti familiari, attualmente si dà molta importanza anche all'abuso di vaccinazioni e all'uso indiscriminato di farmaci come il cortisone.

    La diatesi sicotica prevale nel soggetto carbonico o nel soggetto sulfurico.

  17. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121
    • Luesinismo

    Il soggetto con questa diatesi può andare incontro alle ptosi viscerali o a patologie come la rettocolite ulcerosa, determinata da alterazioni tipiche del luesinismo: sfiancamento dei tessuti di sostegno e occlusioni delle arteriole.

    Altre predisposizioni morbose: scarlattina, stomatiti, varici, disfunzioni ormonali, disturbi della dentizione.

    Dal punto di vista psicologico: i bambini imparano tardi a parlare e negli adulti sono frequenti i disturbi del sonno e l'instabilità psichica che può sfociare nella schizofrenia.

    Per quanto riguarda l'eziologia è da ricercare la sifilide o l'alcolismo negli antecedenti familiari.

    La diatesi luesinica è in genere presente nel soggetto di costituzione fluorica.
    Ultima modifica di francyfre; 29/12/2011 alle 17:31

  18. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121

    Diatesi

    Diatesi o modalità di reazione.

    Hahnemann intendeva per diatesi (o miasma) la predisposizione di un organismo ad essere affetto simultaneamente o successivamente da patologie che hanno un substrato della stessa origine ma con manifestazioni differenti.

    Oggi, per diatesi si intende una modalità particolare del terreno reattivo individuale, cioè una particolare strategia messa in atto dall’organismo per liberarsi delle tossine o neutralizzarle e per ristabilire il proprio equilibrio.
    Ultima modifica di anna1401; 28/12/2010 alle 16:02

  19. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121
    Modo reattivo psorico: tendenza ad eliminare le tossine attraverso la cute, le mucose, o gli emuntori fisiologici.

    Modo reattivo tubercolinico: accelerazione dei processi catabolici (coiè attivando i processi di degradazione delle tossine) frammentazione ed eliminazione.

    Modo reattivo sicotico: rallentamento degli scambi nella zona dove sono accumulate le tossine, con tendenza alla formazione di "accumuli" che col passare del tempo tendono a diventare come escrescenze, delle vegetazioni (polipi, papillomi , tumori benigni)

    Modo reattivo luesinico: fissazione delle tossine (o degli agenti patogeni in un luogo del corpo) con conseguente disorganizzazione/distruzione dei tessuti interessati.

  20. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121
    Quindi l’obiettivo del medico omeopata è anzitutto identificare la costituzione del paziente, le cui caratteristiche costituzionali non sono mai pure (non esiste un biotipo puro ma è sempre una prevalenza di un biotipo: cioè non si troverà mai un soggetto ectoblasta puro, ma si troverà un soggetto con un 40-50% di ectoblastismo, 15-20% di endoblastismo ed il rimanente di mesoblastismo ).

    In secondo luogo individuare lo psichismo, (cioè come un soggetto reagisce alla malattia.
    Ad esempio: un paziente si deprime, un altro diventa irascibile, un altro ipersensibile etc.

    In seguito, individuare la diatesi, così procedendo si arriva ad individuare delle modalità con le quali quel soggetto particolare risponde alle varie cause che scatenano la malattia e le modificazioni psicologiche che avvengono per effetto della malattia stessa che sono caratteristiche di ciascun soggetto.

  21. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    24,121
    Si individua così il rimedio similare ed eventualmente una serie di rimedi che vengono definiti satelliti, utili nelle varie localizzazioni delle patologie, ma appartenenti sempre a determinate modalità di reazione.
    Cioè per patologie che si localizzano in vari organi ma che hanno come base la stessa modalità di risposta.

    Esempio: in un paziente che in un periodo della sua vita presenta malattie polmonari, poi dopo qualche anno malattie all’apparato gastroenterico, poi articolari, le lesioni anatomiche saranno sempre identiche, (perché quella è la diatesi-modalità di reazione del soggetto) anche se gli organi interessati sono diversi, e quindi si daranno dei rimedi che andranno a lavorare su quegli organi, ma che a livello patogenetico daranno quelle manifestazioni.

Pagina 4 di 11 PrimaPrima 12345678 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. Omeopatia - Omotossicologia in gravidanza
    Di giucky nel forum Terapie e Tecniche complementari
    Risposte: 24
    Ultimo Messaggio: 11/09/2015, 10:44
  2. Infiammazioni croniche e omotossicologia
    Di francycaos nel forum Malattie, Sintomi e Consigli
    Risposte: 3
    Ultimo Messaggio: 13/08/2010, 11:50
  3. informazioni
    Di milkshake nel forum Sesso e Dintorni
    Risposte: 10
    Ultimo Messaggio: 12/04/2010, 16:05
  4. omeopatia?
    Di lallla82 nel forum Smettere di fumare
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 14/10/2008, 20:44
  5. omeopatia
    Di vanda nel forum Smettere di fumare
    Risposte: 1
    Ultimo Messaggio: 05/09/2005, 10:52

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Disattivato
  • [VIDEO] code is Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato
Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai LETTORI, sulla base dei dati e delle informazioni qui forniti sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio. Le informazioni qui riportate hanno carattere puramente divulgativo e orientativo; non sostituiscono la consulenza medica. È vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione scritta.
Un dietologo e un dietista a tua disposizione. Prova la dieta online