Logo
Cerca nel forum | Cerca in tutto il sito
Ricerca personalizzata Google
Video Home fitness
sondaggi - vota
Pagina 2 di 10 PrimaPrima 123456 ... UltimaUltima
Risultati da 21 a 40 di 196

Discussione: il corpo racconta

  1. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    i tratti somatici della bocca

    Anche i tratti somatici della bocca possono rivelarci qualcosa sulla personalità di chi abbiamo di fronte:

    · se è aperta, indica stupore o attenzione;
    · se è strizzata, manifesta rifiuto o chiusura;
    · e ha gli angoli orientati verso il basso, fa trasparire dolore o delusione;
    gli angoli verso l’alto trasmettono rilassatezza e simpatia;
    · il deglutire ripetutamente tradisce imbarazzo e insicurezza;
    · l’irrigidire le mascelle è un segnale di tensione.

  2. # ADS
    il corpo racconta
    Video del giorno Circuit advertisement
    Registrato da
    Always
    Messaggi
    Many
     
  3. Registrato da
    29/09/2005
    Messaggi
    3,935
    interessanti queste cose.
    ne so una che potete provare su voi stessi e su chiunaue. è infallibile.
    quando si cerca di ricordare qualcosa, qualcosa di realmente accaduto gli occhi vanno a sinistra. provate a ricordare, sarà più forte di voi, vanno a sinistra.
    se invece cercate di inventare una bugia o una scusa vanno a destra!!!!!!!!!!!!!

  4. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890
    caspita! questa è una prova bellissima e utilissima...

  5. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    La risata

    Attenti a non sembrare troppo seri, ma nemmeno a eccedere nella risata. Se per un caso, nel corso della conversazione vi può accadere di ridere ad una battuta del vostro esaminatore, tenete presente che potreste comunicare attraverso questa spontanea manifestazione di ilarità una serie innumerevole di messaggi.

    Il riso per molti psicologi costituisce un ottimo punto di riferimento per giudicare il carattere di un soggetto.
    Una risata un po' eccessiva rispetto alla causa che la ha suscitata può, ad esempio, farvi apparire insicuri, indecisi o addirittura servili;


    una risata smodata, instabili o arroganti e collerici.

    Ma anche essere poco propensi al riso può trasmettere all'esaminatore un'immagine di voi distorta. Potreste sembrare troppo timidi o poco franchi.

  6. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    La voce

    È forse il primo elemento ad essere notato e valutato in un colloquio e, probabilmente, il più difficile da controllare. Una voce stridula, pungente, nasale o una cadenza troppo monotona, pur non pregiudicando in alcun modo la validità dei concetti espressi, possono creare all’interlocutore un inconscio senso di fastidio o distrarlo da quanto state dicendo; un tono di voce troppo basso può essere interpretato come una spia di scarsa sicurezza di sé e delle proprie competenze, allo stesso modo parlare a voce troppo alta potrebbe comunicare aggressività, arroganza o presunzione.

  7. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Mantenere la calma

    e controllare la respirazione possono essere accorgimenti preziosi per esordire in maniera pacata, cercando di essere il più possibile espressivi e comunicativi, scegliendo accuratamente le parole e pronunciandole con calma e semplicità. Evitate di schiarirvi spesso la voce, tossicchiare, sospirare: sono impulsi condizionati che esprimono frustrazione, così come i "tic linguistici" (ripetere sempre uno stesso avverbio, congiunzione o perifrasi: "diciamo", "cioè", "possiamo dire che" etc.).
    Dimostrarvi a vostro agio e non in preda al panico renderà automaticamente più bendisposto anche chi vi sta di fronte.

  8. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    E ancora due consigli da tenere sempre a mente:

    · mai tentare di coprire o nascondere la bocca con le mani, potrebbe rivelare il tentativo di occultare la verità;

    · giocare al gioco dello specchio con il nostro interlocutore cercando di imitarne i gesti, la postura, il modo di ridere e di parlare (senza, è ovvio, cadere nella parodia o nella caricatura), può instaurare un clima di sinergia e di rilassatezza nella conversazione.

  9. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Le mani

    In una situazione di tensione o di stress emotivo, come quella che può essere generata dal colloquio, aumenta generalmente la frequenza degli autocontatti: giocherellare con le mani o nasconderle nelle tasche per poi tirarle fuori successivamente, pizzicarsi o torcersi le mani, tirare la pelle del mento, passarsi una mano sul collo sono un modo per mascherare una situazione di disagio, di insicurezza o di nervosismo, per ridurre la tensione o per consolarsi; in alcune situazioni, invece, toccare con discrezione qualcuno può generare un senso di fiducia e di affabilità.

  10. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    La mano aperta

    con il palmo rivolto verso l’interlocutore, è poi il segnale principale di sincerità e disponibilità e tende a generare fiducia negli altri. Il palmo rivolto verso l’interno, invece, indica il tentativo di bloccare l’influenza altrui e di non dare eccessiva confidenza. In ogni caso, meglio tenere le mani in vista, che nascoste nelle tasche, sotto la scrivania o dietro la schiena.
    Un consiglio sempre valido? Non presentatevi ad un colloquio di lavoro con le unghie mangiucchiate, nel linguaggio del corpo significano una cosa sola: insicurezza!

  11. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    La gestualità

    Gesticolare significa, in una certa misura, gestire il proprio spazio e quello dell’interlocutore, essere più o meno comunicativo, comunicare interi concetti con un solo segno della mano o del capo..

    C’è poi una serie di gesti che non facciamo consapevolmente, ma che sono indicativi di stati emotivi in contrasto, a volte, con quello che si sta esprimendo razionalmente con le parole:

    · accarezzarsi i capelli, ad esempio, è generalmente un segnale di forte interesse;

    · giocherellare con l’anello e ruotarlo attorno al dito può denunciare carenze affettive;

    · gesti calmi e solenni esprimono sicurezza e potenza,

    gesti affrettati inquietudine e ambizione,

    gesti piccoli e lenti timidezza e prudenza;

    · gesti orientati verso il corpo sono segno di rifiuto o difesa, verso l’esterno di disponibilità;

    · chi mentre parla con apparente calma tamburella con le dita sul tavolo, tenta di mascherare una situazione di disagio o di nervosismo,

    se invece si gratta dietro l’orecchio o allarga meccanicamente il colletto della camicia con le dita manifesta insofferenza, desiderio di evadere da una situazione che gli "sta stretta".
    Ultima modifica di francyfre; 29/12/2011 alle 12:09

  12. Registrato da
    15/11/2005
    Messaggi
    330
    Grazie di tutte queste cose,sono interessantissime!

  13. Registrato da
    09/10/2005
    Messaggi
    5,496
    Citazione Originariamente Scritto da fataturchina
    Evitare di incrociare lo sguardo dimostra disagio ed imbarazzo.
    Verissimo, io rivolgo lo sguardo per ogni dove pur di non guardare negli occhi: ho paura che l'interlocutore mi possa rubare l'anima o che io la possa involontariamente rubare a lui

  14. Registrato da
    14/08/2004
    Messaggi
    1,146
    Citazione Originariamente Scritto da anna1401
    .. posso aggiungere che, anche attraverso la classica stretta di mano di presentazione si possono capire parecchie cose dell'altro/a?

    Io, quando "stringo la mano" per la prima volta ad una persona, mi faccio subito un'idea del suo carattere! ... di che tipo si tratta...

    -Una stretta di mano vigorosa e prolungata a mano piena : persona molto cordiale, aperta, disponibile al dialogo e all'ascolto, ama e cerca nuovi contatti...

    - Una stretta di mano di medio vigore: persona di carattere moderato, senza eccessi di espansività, ma anche senza eccessi di diffidenza, disposta ad avere nuovi contatti, ma con un certo periodo di studio della personalità di terzi prima di porre la propria fiducia...

    -Una stretta di mano "molle" con poco contatto: persona disinteressata a nuove conoscenze, un po' superficiale e diffidente verso gli altri, distaccata...

    -una stretta di mano... che non è nemmeno una stretta, nel senso che quasi ritrae la mano invece di porgerla: persona molto diffidente, introversa, che non ama contatti con persone nuove, quasi infastidita da nuove conoscenze ...
    anna
    Quoto in pieno! Soprattutto quando conosco una persona dell'altro sesso la stretta di mano è una cosa alla quale faccio molto caso

  15. Registrato da
    07/04/2004
    Messaggi
    7,054

    SEPIA e CALCAREA CARBONICA

    Figurati che anche l'omeopatia si è occupata di questo aspetto
    nell'ambito di un inquadramento del soggetto, identificando in CALCAREA CARBONICA e SEPIA due rimedi che corrispondono alle caratteristiche dell'ultimo e del penultimo tipo.

  16. Registrato da
    29/11/2005
    Messaggi
    536
    E' verissimo..dalla stretta di mano di presentazione anch'io intuisco anche se in minima parte la personalità della persona!!!

  17. titti65 Ospite
    stretta di mano....e sguardo negli occhi....due metodi per capire subito chi hai davanti.....
    raramente mi sbaglio...una persona mi piace subito...o non la posso sopportare -questo mi capita raramente - e prima o poi viene fuori il perché non mi piaceva la persona....

  18. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    La voce è un importante strumento di seduzione, specie per l’uomo.

    Chi sa usarla, in ogni caso, ha una “marcia in più”.

    Donne e uomini parlano due lingue diverse; i contenuti, il modo di gestire il dialogo, ma anche aspetti come velocità dell’articolazione, il tono e lo spessore della voce cambiano da un sesso all’altro. La donna, nel parlare, ha una voce mediamente più acuta, aspirata, sottile e nasale; inoltre mostra una maggiore variabilità nel ritmo e nel registro rispetto ai rappresentanti del “sesso forte”. Sulla base della sola voce, i giudici di un esperimento, hanno attribuito alle donne un maggior calore.

  19. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Per verificare in che misura la voce incida sulla percezione dell’attrazione

    gli psicologi giapponesi Takashi Oguchi e Hiroto Kikuchi hanno condotto due indagini con degli studenti universitari di entrambi i sessi. Nel primo studio, 25 donne dovevano dare un giudizio su dei loro pari sulla base dell’aspetto fisico, della voce o di entrambi i parametri. Si è così appurato che nel fascino maschile, la componente voce è valutata indipendentemente dall’aspetto e tutt’e due contribuiscono a rendere qualcuno attraente o meno.

  20. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    caratteritiche che piacciono nella voce maschile

    Il secondo esperimento condotto sempre impiegando degli studenti, ha confermato gli esiti del primo e ha messo in risalto le caratteritiche che piacciono nella voce maschile: deve essere chiara, robusta, di timbro di fondo bassa, ma dotata di una buona varietà di toni.
    In una ricerca analoga, si è appurato come una voce maschile attraente venga automaticamente associata ad un carattere forte, potente e dominante. Di tipo completamente diverso sono le associazioni legate ad una voce femminile: da l’idea di una persona calda, onesta e gentile. Queste caratteristiche permangono anche quando la persona adotta un tono più infantile; come quando vuole apparire innocuo o amichevole o fare un approccio.

  21. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    sia l’uomo che la donna usano un tono più acuto del solito

    In quest’ultima situazione, sia l’uomo che la donna usano un tono più acuto del solito; da l’impressione di essere cordiali e genuini. Le osservazioni hanno dimostrato che la voce di chi interagisce con un amico o di chi vuol flirtare sono parecchio diverse: nel caso si abbiano solo intenzioni amichevoli, quest’ultima è neutra, non particolarmente calorosa, con relativamente poche risate e pause abbastanza lunghe.

Pagina 2 di 10 PrimaPrima 123456 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. mangiare sul suo corpo....
    Di gommagomma nel forum Sesso e Dintorni
    Risposte: 42
    Ultimo Messaggio: 27/02/2008, 17:53
  2. Quando un poeta ci racconta le ragioni della vita
    Di dado nel forum 4 chiacchiere
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 16/01/2008, 21:49
  3. Eiaculazione sul corpo...
    Di Il Professore nel forum Sesso e Dintorni
    Risposte: 28
    Ultimo Messaggio: 23/05/2006, 14:33
  4. gente che m racconta fantasie?
    Di nel forum Sesso e Dintorni
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 01/02/2006, 04:40
  5. Risposte: 58
    Ultimo Messaggio: 15/01/2006, 01:12

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Disattivato
  • [VIDEO] code is Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato
Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai LETTORI, sulla base dei dati e delle informazioni qui forniti sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio. Le informazioni qui riportate hanno carattere puramente divulgativo e orientativo; non sostituiscono la consulenza medica. È vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione scritta.
Un dietologo e un dietista a tua disposizione. Prova la dieta online