Logo
Cerca nel forum | Cerca in tutto il sito
Ricerca personalizzata Google
Video Home fitness
sondaggi - vota
Pagina 4 di 10 PrimaPrima 12345678 ... UltimaUltima
Risultati da 61 a 80 di 196

Discussione: il corpo racconta

  1. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Naturalmente “ascoltare” non significa usare solo l’udito

    ma capire ciò che gli altri dicono e quali sono le loro intenzioni. Anche quando la comunicazione si trasmette con parole scritte anziché “a voce”. E proprio perché non vediamo le altre persone (e non possono correggerci subito, con una parola a con un gesto, se le capiamo male) dobbiamo essere particolarmente attenti nell’ascoltare e capire.

  2. # ADS
    il corpo racconta
    Video del giorno Circuit advertisement
    Registrato da
    Always
    Messaggi
    Many
     
  3. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Il mondo è pieno di persone che ascoltano soprattutto se stesse.

    Di solito, se non sanno capire gli altri, non hanno neppure una percezione chiara del loro gonfiato ma confuso “io”. Passano tutta la vita a coltivare un “sé” immaginario, che cercano di imporre al prossimo. Il problema è che spesso ci riescono, perché c’è anche nella natura umana il desiderio di essere “seguaci”, di accodarsi a qualcun altro; e chi parla più forte ha ragione, anche se non sa quello che sta dicendo. Il risultato è che si può coesistere, perfino convivere, senza mai capirsi o avere alcuna vera comunicazione.

  4. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    La percezione può fare curiose magie.

    Stiamo davanti a uno schermo televisivo su cui si muovono immagini piatte, “persone” alte una spanna. Sono pupazzi; molto spesso identità costruite, che somigliano poco alle persone reali come le potremmo percepire se le incontrassimo in carne e ossa. Ma nella nostra mente quelle immagini si formano come veri esseri umani; impariamo ad amarli, odiarli, a sentire simpatia o antipatia, a “viverli” fino al punto che li sentiamo parte della nostra vita quotidiana. Si crea così, davvero, un mondo “virtuale” che non riusciamo più a distinguere da quello “reale”.

  5. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    In rete non è così.

    Un giorno, forse, se tutto il mondo avrà davvero voglia di comunicare con webcam o altri sistemi “audiovisivi”... avremo ricreato nell’internet una specie di “televisione per tutti”. Che avrà tutte le falsità della televisione “a senso unico”, perché è difficile che una persona si comporti in modo “naturale” e spontaneo quando sa di essere davanti a una telecamera.

  6. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    la rete com’è.

    Ma lasciamo perdere le fantasie e vediamo la rete com’è. Ogni cosa che accade è comunicazione. Prima di pensare a ciò che possiamo dire o scrivere, l’importante è saper ascoltare e capire. Chi vuole comunicarci qualcosa e perché? Siamo sicuri di aver capito bene le sue intenzioni e ciò che sta cercando di dirci? Non è una fatica, né uno sforzo, se abbiamo un atteggiamento disposto ad ascoltare. Diventa facilmente un istinto, un modo di essere. Ed è molto più interessante capire, sentire il valore e il senso della comunicazione che limitarci al significato superficiale delle parole.

  7. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Ascoltare vuol dire, prima di tutto, mettersi nei panni degli altri.

    Capire le cose dal loro punto di vista. Ma si tratta anche di percepire ciò che forse un’altra persona non aveva intenzione di dirci, ma involontariamente “trasmette” con il suo stile, il suo comportamento, il suo modo di esprimersi. Il “tono di voce” si può chiaramente percepire anche in un messaggio scritto. In rete cadono (o almeno si attenuano) i ruoli, le posizioni, le gerarchie. Si crea con sorprendente facilità una “confidenza” che non è sempre facile in un incontro “fisico”. Ma se non sappiamo ascoltare c’è il rischio che anche in rete ci sia solo una serie di soliloqui, un “dialogo fra sordi”.

  8. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Il dizionario Devoto-Oli definisce così la parola “ascoltare”:

    «Trattenersi volontariamente e attentamente a udire, prestare la propria attenzione o partecipazione a qualcuno o qualcosa in quanto informazione o motivo di riflessione». Certo... non tutto quello che sentiamo dire, non tutto quello che leggiamo merita di essere capito e approfondito. Ma ci vuole qualcosa di più di un “buon orecchio” per cogliere i segnali interessanti che spesso non sono dove ce li aspettavamo. Se entriamo in un dialogo, in uno scambio, abbiamo scarse probabilità di farci capire (e di essere ascoltati) se prima non abbiamo saputo ascoltare “con attenzione e partecipazione” – e anche riflettere.

  9. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Ascoltare è un affettuoso regalo ...

    che facciamo a chi sta cercando di dirci qualcosa. Ma spesso è anche un grande regalo per chi ascolta.

    L’internet ci offre infinite possibilità di ascoltare e di capire. Se non le sappiamo cogliere, perdiamo uno dei più grandi valori della rete. E se nel dialogo non sappiamo ascoltare non sapremo mai comunicare bene.

  10. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890
    fonte: comunicobene.com/contenuto/ascoltare

  11. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Il cerchio della comunicazione

    (di Linda Scotti)

    Quando parliamo con qualcuno, quanto pesa il nostro stato emotivo? Sì molto, lo sappiamo tutti sulla pelle delle esperienze che abbiamo vissuto. Si dice, infatti, che si avvia un incontro con "il piede giusto", oppure con "il piede sbagliato" e, a seconda del caso, l'esito finale sarà ipotecato da questa scelta di partenza.

  12. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Scoraggiare all’ascolto...

    Che ne dite, ad esempio, di una conversazione che comincia con un "Adesso stai ad ascoltarmi perchè sono stufo della tua indifferenza!"? Insomma, per quanto un'affermazione del genere sia supportata dai fatti, si può immaginare che chi ascolta abbia già perso la voglia di stare a sentire il seguito del discorso.

  13. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    E’ la forma che "impacchetta" il messaggio

    C'è chi sostiene che, quello che conta davvero, è la sostanza di un discorso, ovvero le informazioni e i fatti da raccontare agli altri. L'esempio qui sopra e, credo, anche le "testate" prese nel corso della vita, dimostrano che è la forma a contare più della sostanza. Anzi, è proprio la forma che "impacchetta" il messaggio e gli attribuisce un significato ben preciso.

  14. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    il linguaggio funziona come una pila

    Un esempio che illumina questo punto è l'uso di un linguaggio connotato dal segno + o dal segno - . Sì, perchè il linguaggio funziona come una pila: ha un polo positivo e un polo negativo.
    I poli opposti sono in perfetta corrispondenza con i nostri stati emotivi e mentali.

    Se ci sentiamo bene, in pace con l'umanità e con il sole che splende alto nel cielo, allora saremo come un meraviglioso focolare che scalda e illumina le persone vicino a noi.

    Al contrario, se le cose girano dalla parte sbagliata, fuori grandina e siamo di pessimo umore, ecco che tutto si colora di grigio e diventiamo insopportabili.

  15. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    La comunicazione è lo specchio del nostro stato interno

    La nostra comunicazione con gli altri, in questo senso, è spesso uno specchio fedele del nostro stato interno. Quando parliamo con qualcuno e "condiamo" il nostro discorso con parole come "triste", "ansioso", "incerto", si può immaginare facilmente qual è l'effetto che otteniamo sull'umore del malcapitato.

  16. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Usare un linguaggio positivo

    ci aiuta a far partire il discorso sempre con "il piede giusto". Chi ci sente parlare con termini come "sviluppo", "soluzione", "fiducia", è certo ben contento di starci a sentire e sarà più disponibile ad ascoltare le nostre idee.

  17. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Per chiarire meglio questo punto, è importante aggiungere altre due considerazioni:

    1. Far uso di una terminologia positiva o negativa dipende dal nostro modo di guardare e valutare le cose. Questo per dire che, se vediamo la vita come un campo minato sempre pronto a procurarci qualche ferita, sarà poi impossibile usare un linguaggio positivo.
    2.
    3. La comunicazione, secondo me, si poggia sempre su basi di etica. Se usiamo parole ricche di messaggi positivi per convincere il prossimo della nostra buona fede e poi commettiamo crimini di ogni genere, allora prendiamo in giro noi stessi (insieme agli altri).

    fonte: comunicobene.com/contenuto/cerchio

  18. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Comunicazione come Relazione

    Chi legge Pragmatica della Comunicazione Umana si lascia stupire e conquistare, riga dopo riga, capitolo dopo capitolo. Paul Watzlawick scrive con una chiarezza espositiva e concettuale che lo distanzia di lunghi passi dalla maggioranza dei testi dedicati all'analisi del comportamento umano.

    Nella Pragmatica della Comunicazione Umana sono enunciati i cosiddetti assiomi della comunicazione che, dalla pubblicazione del testo (1967), hanno modificato in modo radicale ed irreversibile il percorso della psicologia contemporanea.

    Capire la psiche dell'uomo significa, in quelle pagine, analizzare e saper comprendere le relazioni interpersonali che generano i comportamenti.

  19. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    i pensieri sono impulsi elettrici

    L'analogia della scatola nera è alla radice di questa svolta "pragmatica". Il cervello è chiuso nelle ossa del cranio, come la scatola nera nelle lamiere di un aereo.
    Non è possibile "vedere" quello che è contenuto nel cervello, perchè i pensieri sono impulsi elettrici che hanno un'origine chimica. Le idee sono scariche di energia che nascono e si dissolvono nel buio dei misteri cerebrali e non è possibile catturarli in una rete, per poi analizzarli con tutta calma.

  20. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Il comportamento si puà vedere subito

    Questo presupposto guida Watzlawick in direzione di un approccio alla comunicazione umana che egli stesso definisce "pragmatico", ovvero pratico, comportamentale e relazionale. Quello che noi sappiamo di una persona è il suo comportamento: possiamo vederlo, perché è disponibile immediatamente sotto i nostri occhi.

  21. Registrato da
    07/12/2004
    Messaggi
    23,890

    Non tutto è visibile...

    L'insieme degli stimoli, dei bisogni, delle esperienze che contribuiscono alla costruzione di ciò che si vede, non è subito disponibile. Anzi, secondo Watzlawick, il discorso eziologico - sulle "cause" - riveste un ruolo che è perfino secondario (almeno in ordine di tempo), se messo a confronto con quello che possiamo vedere.

Pagina 4 di 10 PrimaPrima 12345678 ... UltimaUltima

Discussioni Simili

  1. mangiare sul suo corpo....
    Di gommagomma nel forum Sesso e Dintorni
    Risposte: 42
    Ultimo Messaggio: 27/02/2008, 17:53
  2. Quando un poeta ci racconta le ragioni della vita
    Di dado nel forum 4 chiacchiere
    Risposte: 22
    Ultimo Messaggio: 16/01/2008, 21:49
  3. Eiaculazione sul corpo...
    Di Il Professore nel forum Sesso e Dintorni
    Risposte: 28
    Ultimo Messaggio: 23/05/2006, 14:33
  4. gente che m racconta fantasie?
    Di nel forum Sesso e Dintorni
    Risposte: 7
    Ultimo Messaggio: 01/02/2006, 04:40
  5. Risposte: 58
    Ultimo Messaggio: 15/01/2006, 01:12

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •  
  • Il codice BB è Attivato
  • Le faccine sono Attivato
  • Il codice [IMG] è Disattivato
  • [VIDEO] code is Disattivato
  • Il codice HTML è Disattivato
Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai LETTORI, sulla base dei dati e delle informazioni qui forniti sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio. Le informazioni qui riportate hanno carattere puramente divulgativo e orientativo; non sostituiscono la consulenza medica. È vietata la riproduzione anche parziale senza autorizzazione scritta.
Un dietologo e un dietista a tua disposizione. Prova la dieta online