Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google
Malattie apparato digerente

Esofagite


Sintomi
Calo ponderale, disfagia e dolore retrosternale bruciante, che si accentua con l'introduzione degli alimenti (odinofagia). Le manifestazioni acute più frequenti sono: l’esofagite catarrale (per diffusione di flogosi dalle vie respiratorie superiori e dalla faringe, ma anche per ingestione di sostanze e cibi irritanti, con arrossamento della mucosa e ipersecrezione di muco) e l’esofagite suppurativo-flemmonosa (con formazione di ascessi o di infiltrati purulenti diffusi, e possibile propagazione al mediastino). Particolarmente gravi sono le esofagiti conseguenti all'ingestione accidentale o suicidaria di sostanze chimiche (acide o basiche). Nelle esofagiti croniche si ha un ispessimento della tonaca mucosa, con possibile formazione di aree di leucoplasia (esofagite cronica idiopatica); infiammazioni croniche esofagee si possono avere anche in corso di lue terziaria, tubercolosi, sclerodermia e sarcoidosi. Frequenti le esofagiti in corso di AIDS, su base infettiva (virale: da herpes simplex virus e virus della varicella-zoster; micotica: da candida). I sintomi sono rappresentati da dolori retrosternali, deglutizione dolorosa, febbre. Le complicazioni nelle forme acute sono le emorragie e le perforazioni, mentre nelle esofagiti croniche possono comparire stenosi, acalasie secondarie e tumori maligni (da metaplasia gastrica dell'epitelio di rivestimento della porzione pre-cardiale dell'esofago: esofago di Barrett).

Cause
L’esofagite può comparire in seguito a infezioni (virali, batteriche o fungine, come quelle da Candida, in soggetti immunocompromessi), a terapia radiante o chemioterapia oncologica, o ancora a ingestione di sostanze caustiche. Più spesso la patologia si sviluppa come complicanza infiammatoria del reflusso gastro-esofageo di succo gastrico o di bile.

Terapia consigliata
La diagnosi è endoscopica con prelievi bioptici multipli, mentre la radiologia può essere d’aiuto nelle forme acalasiche e quando si sospettino degenerazioni neoplastiche. La terapia farmacologica è diretta contro i microrganismi causali, nelle forme infettive acute o croniche, mentre si basa sull’uso di cortisonici e di altri antinfiammatori nelle esofagiti in corso di malattie del collagene. Ma prima di procedere alla terapia farmacologica bisogna intervenire sulla causa scatenante del problema.


Farmaci

- ALOZOF*10CPS 100MG
- ALOZOF*2CPS 150MG
- ANADIR*14CPS 20MG
- ANTEPSIN*40CPR 1G
- ANTEPSIN*OS POLV 30BUST 2G
- ANTEPSIN*OS SOSP FL 200ML 20%
- ANTRA*14CPS 10MG
- ANTRA*14CPS 20MG
- ANTRA*INFUS 1FL 40MG
- APPRYO*14CPR GASTR 40MG
- ARILIAR*14CPS 20MG
- ARILIAR*14CPS 40MG
- AVIFLUCOX*10CPS 100MG
- AVIFLUCOX*7CPS 200MG
- AXAGON*14CPR GASTR 20MG
- AXAGON*14CPR GASTR 40MG
- CIMETIDINA TEVA*50CPR 400MG
- CLETUS*14CPS 20MG
- CRAFILM*OS SOSP 30BUST 1G 5ML
- CRAFILM*OS SOSP FL 200ML 20%
- CRONIZAT*20CPS 150MG
- DEGASTRIL*40CPR MAST 1G
- DEGASTRIL*OS 30BUST 2G
- DIOSMECTAL*OS SOSP 30BUST 3G
- DIOSMECTAL*OS SOSP 30BUST 3G
- DIOSMECTAL*OS SOSP 30BUST 3G
- DIOSMECTAL*OS SOSP 30BUST 3G
- DIZOLO*10CPS 100MG
- DIZOLO*2CPS 150MG
- DIZOLO*7CPS 200MG
- Vedi la sezione farmaci

Tag cloud dei sintomi

male di cuore difficoltà della deglutizione dolore alla deglutizione dimagrimento disfagia epigastralgia odinofagia calo di peso dolore al petto dolore al precordio snellimento dolore allo sterno toracalgia dolore al torace

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
Autore: Redazione - Sanihelp.it
Data ultima modifica: 28-12-2015
Ricerca libera:
Google




Promozioni:

Commenti