Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Setticemia


La malattia è anche conosciuta come:
sepsi


Infiammazione a rapido decorso, è causata da batteri e coinvolge tutto l’organismo. Se non trattata in tempo l’esito è quasi sempre fatale.

Categoria: Malattie infettive


Che cos'è - Setticemia

nascondi

Una grave infezione potenzialmente letale

Infiammazione potenzialmente fatale che coinvolge tutto l’organismo e che insorge quando batteri (streptococchi, stafilococchi, pneumococchi, meningococchi ecc.) provenienti da una zona infetta del corpo entrano in circolo attraverso il flusso sanguigno. La complicanza più temibile, che insorge nel caso in cui il moltiplicarsi dei batteri non venga fermato e che può portare  alla morte del paziente, è lo shock setticemico una grave infezione secondaria che può causare insufficienza circolatoria acuta, contrazione della diuresi, stato confusionale e insufficienza multi-organo. Il lasso di tempo immediatamente successivo all’esecuzione di un intervento chirurgico è il periodo più a rischio riguardo l’insorgere di shock  setticemico o setticemia  in quanto il sistema immunitario è provato e indebolito dalla malattia in corso. Tra le complicanze più comuni della setticemia ci sono la coagulazione intravascolare disseminata (CID), grave condizione patologica caratterizzata da una abnormale coagulazione del sangue che causa trombi ed emorragie; la meningite, infezione dell’encefalo; l’endocardite, infezione della superficie del muscolo cardiaco e la necrosi tubulare acuta, che impedendo l’afflusso sanguigno ai reni causa insufficienza renale acuta.
 
19097


Prevenzione - Setticemia

nascondi

Fondamentale la prevenzione in ambito ospedaliero

La mortalità in caso di shock settico rimane ancora molto alta e proprio per questo la prevenzione è fondamentale. Vista l’alta incidenza della patologia durante la convalescenza post operatoria, le misure preventive più efficaci devono essere adottate proprio in ambiente ospedaliero e consistono in alcuni semplici accorgimenti: evitare la contaminazione di cateteri venosi ed urinari; curare molto e in modo efficace l’igiene del malato avendo cura di evitare l’insorgenza di piaghe da decubito; monitorare attentamente il degente in modo da riconoscere l’eventuale insorgenza della setticemia già dai primi segni e poter di conseguenza intervenire efficacemente. In caso di interventi chirurgici particolarmente delicati e in presenza di soggetti potenzialmente a rischio è utile la somministrazione a scopo preventivo di adeguati farmaci antibatterici in grado di prevenire eventuali complicanze settiche. In caso di insorgenza di un’infezione in qualche parte del corpo, come ad esempio nel cavo orale, è importante rivolgersi in modo tempestivo al proprio medico in modo da adottare subito la giusta terapia che potrà evitare successive complicanze e degenerazioni.
 
19099


Sintomi - Setticemia

nascondi

Sintomi molto evidenti da individuare subito

Il periodo in cui è più alto il rischio dell’insorgenza di una setticemia è sicuramente la convalescenza da un intervento chirurgico, ma il rischio è presente anche in caso siano semplicemente presenti infezioni in corso o ferite. I sintomi sono molto forti ed evidenti e i più comuni sono febbre alta e brividi, respiro affannato, mal di testa e nausea e talvolta a questa sintomatologia si accompagna bassa pressione sanguigna, perdita di appetito e perdita di conoscenza. Ad un esame visivo si possono osservare strisce di arrossamenti che si diramano da punti arrossati simili a foruncoli. In pazienti giovani e anziani, e in persone col sistema immunitario indebolito in modo particolare, possono presentarsi sintomi atipici come l’ipotermia e la localizzazione dell’infezione può risultare oltremodo difficile. Sebbene la patologia non sia provocata dagli agenti patogeni in sé, ma dalle tossine che vengono da questi rilasciate, i sintomi non derivano solamente dalle sostanze tossiche in circolo, ma dalla  reazione che l’organismo oppone all’invasione delle sostanze potenzialmente dannose.
 
19098


Diagnosi - Setticemia

nascondi

Diagnosi tempestiva è indispensabile per evitare il peggio

Una diagnosi tempestiva è fondamentale per intervenire in modo efficace contro la sepsi ed evitare un decorso che purtroppo è molte volte fatale. L’alto tasso di  mortalità, infatti, è spesso provocato proprio dal riconoscimento tardivo della patologia e dal ritardo nell’adozione di adeguate terapie.
Entro le prime tre ore dal primo sospetto di shock settico, gli esami diagnostici messi in atto dovrebbero prevedere la misurazione del lattato sierico oltre che colture finalizzate ad individuare i farmaci più indicati per il trattamento antimicrobico. Per identificare l’agente patogeno devono essere eseguite almeno due emocolture (aerobi ed anaerobi), con almeno un prelievo per via percutanea e uno attraverso un catetere vascolare. In caso si sospettino altre fonti di infiammazione, sarà necessario eseguire adeguati esami su urina, liquido cerebrospinale, ferite e secrezioni respiratorie. Entro 12 ore dai primi sintomi e sospetto di sepsi è necessario avere la diagnosi giusta ed escludere fonti di infezione che richiederebbero altri controlli come infezioni del tessuto molle necrotizzante, peritonite, colangite, infarto intestinale. La diagnosi differenziale di sepsi è ampia e comprende le condizioni che possono causare i segni sistemici di SIRS (Sindrome da Risposta Infiammatoria Sistemica), infiammazione che coinvolge l’interno organismo in assenza di chiare cause di infezione: astinenza da alcol, embolia polmonare, tireotossicosi, anafilassi, insufficienza surrenalica e shock neurogeno.
 
19100


Cura e Terapia - Setticemia

nascondi

Importanti la terapia e il monitoraggio in terapia intensiva

Visto il rapido decorso e la gravità della malattia i pazienti richiedono un attento monitoraggio durante la cura e spesso è necessario il ricovero nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale. La terapia si basa principalmente su farmaci somministrati per via endovenosa, antibiotici specifici per l’agente patogeno responsabile dell’infezione in corso ai quali si accompagna sovente una cura reidratante. In presenza di disfunzione d’organo può essere necessario applicare l'emodialisi in caso di insufficienza renale e ventilazione meccanica in presenza di disfunzione polmonare e in alcuni casi possono essere somministrati farmaci steroidei per alleggerire l'infiammazione, farmaci vasopressori (per incrementare la pressione arteriosa), insulina (per il mantenimento dei valori glicemici nella norma), antidolorifici e, quando necessario, modulatori del sistema immunitario. Può anche rendersi necessario un intervento chirurgico al fine di rimuovere meccanicamente la fonte di infezione, come accade  per gli ascessi dentali. Gli antibiotici più comunemente impiegati per la cura della sepsi sono ceftriaxone, cefuroxima, ceftazidima, cefotaxima, tobramicina, vancomicina e ampicillina. Per quanto riguarda invece i famaci vasosopressori, che favorendo la vasocostrizione aumentano i valore della pressione arteriosa, solitamente bassa nei pazienti affetti da sepsi, troviamo noradrenalina, dopamina e adrenalina o epinefrina .
 
19101


Glossario per Setticemia - Enciclopedia medica Sanihelp.it

 - Emodialisi
 - Antibatterici
 - Sistema immunitario
 - Sistema immunitario
 - Antibiotici
 - Febbre
 - Meningite
 - Endocardite
 - Trombo
 - Emorragia
 - Insufficienza renale
 - Insufficienza respiratoria


Farmaci

 - CEFALOTINA BIOPH.*INIET F 1G+F
 - CEFAZOLINA TEVA*IM 1F 1G+F 4ML
 - CEFAZOLINA TEVA*IV F 1G+F 10ML
 - CIPROFLOXACINA RAT*10CPR 250MG
 - CIPROFLOXACINA RAT*6CPR 500MG
 - CIPROFLOXACINA TEV*10CPR 250MG
 - CIPROFLOXACINA TEV*12CPR 750MG
 - CIPROFLOXACINA TEV*6CPR 500MG
 - CROMEZIN*IM 1F 1G+F 4ML
 - CUROXIM*EV 1FL 1G+F 10ML SOLV
 - CUROXIM*IM 1FL 1G+1F 4ML SOLV
 - CUROXIM*IM 1FL250MG+F 1ML SOLV
 - CUROXIM*IM 1FL500MG+F 2ML SOLV
 - CUROXIM*IV 1FL 2G
 - ESARONDIL*16CPS 300MG
 - GENTAMICINA B.BRAUN*10FL 240MG
 - GENTAMICINA B.BRAUN*10FL 360MG
 - GENTAMICINA B.BRAUN*10FL 80MG
 - IBITAZINA*IM 1FL 2G+250MG/4ML
 - LIMERIK*IM 1FL 2G+250MG/4ML
 - METRONIDAZ.B.B.*EV 20FL 100ML
 - PENTAVAC*1FL 1D+1SIR 0,5ML+2AG
 - PIPERACILLINA TA IB*EV 2+0,25G
 - PIPERACILLINA TA IB*EV 4G+0,5G
 - PIPERACILLINA TA TE*EV4G+500MG
 - PIPERACILLINA TA TE*IM2G+250MG
 - REPITA*EV FL 4G+500MG
 - REPITA*IM 1FL 2G+250MG/4ML
 - TENACID*EV FL 20ML 500MG+500MG
 - TOBRAMICINA IBI*INIET 1F 100MG
- Vedi tutti i farmaci

Tag cloud - Riepilogo dei sintomi più frequenti

affaticabilità anuria aritmia assenza astenia alterazioni del battito cardiaco accelerazione del battito brividi colorito livido coma confusione perdita di conoscenza perdita di coscienza aumento del ritmo del cuore debolezza diaforesi riduzione della diuresi diminuzione o scomparsa della diuresi ematemesi esauribilità febbre mancanza delle forze aumento della frequenza cardiaca ipertermia ipotensione lipotimia livore assenza o diminuzione della minzione riduzione della minzione obnubilamento oliguria orripilazione pallore pelle d'oca irregolarità del polso pressione bassa diminuzione della pressione del sangue aumento delle pulsazioni irregolarità delle pulsazioni rallentamento alterazioni del ritmo cardiaco aumento del ritmo sbiancamento perdita dei sensi sincope sonnolenza spossatezza stanchezza stupore sudorazione sudorazione notturna sudori freddi svenimento tachicardia innalzamento della temperatura torpore traspirazione diminuzione della emissione dell'urina mancata emissione dell'urina blocco urinario sangue nel vomito

FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Sepsi Miriade di risposte, Aspetti controversi, Soluzioni possibili. Collana: Anestesia e Medicina C

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
Autore: Redazione - Sanihelp.it
Data ultima modifica: 28-12-2015

Ricerca libera:
Google




Promozioni:

Commenti