Le parole più cercate: Pancia piatta Influenza Cefalea
Ricerca personalizzata Google

Una malattia che colpisce anche i giovani

L'esperto risponde: vivere con il Parkinson

di
Pubblicato il: 13-12-2009

Dopo una diagnosi di Parkinson la vita può cambiare. Insonnia, umore depresso, stanchezza possono risultare d'ostacolo a una vita serena. Ecco qualche accorgimento utile.

L'esperto risponde: vivere con il Parkinson © Sxc Sanihelp.it - «A mio marito è stato appena diagnosticato il morbo di Parkinson. Da quel momento è caduto in depressione, non riesce più a dormire, si sente sempre stanco e si rifiuta di uscire di casa e di muoversi dalla sua poltrona. Cosa posso fare per aiutarlo?» Rita.

Risponde Giovanni Abbruzzese, Professore Ordinario di Neurologia del Dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Genova.

È molto comune che i pazienti con Malattia di Parkinson soffrano di depressione al momento della diagnosi, come naturale reazione. Alcuni casi di depressione dipendono però dalla stessa malattia di Parkinson, nel senso che quest'ultima può ridurre i livelli di alcuni neurotrasmettitori che controllano l'umore. In genere, prevalgono più la melanconia e l’anedonia, cioè l’incapacità di trovare piacevoli attività o situazioni che normalmente lo sono. Altri sintomi frequenti sono i disturbi del sonno e l’ansia.

La depressione può essere curata su più fronti: innanzitutto impostando una corretta terapia per la Malattia di Parkinson, in modo da tenere sotto controllo i sintomi.
La terapia cognitivo-comportamentale può migliorare i sintomi psicologici, trasformando i pensieri negativi in positivi o comunque in un atteggiamento più realistico. Infine, se questi accorgimenti non bastano, si può ricorrere anche agli antidepressivi.

Anche l’attività fisica è importante, per risollevare il tono dell’umore, per contrastare i sintomi motori e facilitare così i movimenti, e per prevenire: la stipsi, i disturbi del sonno e l’osteoporosi. L’esercizio fisico deve essere lieve e non estenuante, anche una semplice passeggiata giornaliera è sufficiente a migliorare la flessibilità delle articolazioni e a contrastare la rigidità.

Oltre all’esercizio fisico, è parere di molti pazienti che le terapie non farmacologiche siano molto utili nel promuovere uno stato di benessere psico-fisico generale e nel migliorare la qualità di vita.
D’accordo con il medico curante si può prendere in considerazione la fisioterapia, che migliora il movimento e la forza muscolare, la logopedia, la terapia occupazionale (valuta i pazienti nelle loro attività quotidiane, in modo da suggerire le strategie che permettano loro di essere il più autosufficienti possibile, nonché di adattare l’ambiente in cui vivono al progredire della malattia).

Molti sintomi legati alla Malattia di Parkinson, come la rigidità, il dolore, l’ansia e la depressione, possono poi avere un impatto negativo sul sonno. Anche alcuni farmaci usati per curare la malattia possono avere un effetto stimolante, riducendo le ore di sonno.

Parlarne con il medico è l’unica strada per trovare la giusta soluzione, che può andare da semplici accorgimenti che aiutano a dormire meglio, a tecniche di rilassamento, fino alla prescrizione di alcuni farmaci come un ansiolitico.

Anche la stanchezza fisica e/o mentale è molto comune nei malati di Parkinson e può essere uno dei primi sintomi che compaiono. Può essere causata dalla malattia stessa (gli sforzi per gestire i sintomi ma anche le variazioni chimiche nel cervello), dal sonno disturbato, dalla depressione.

Alcuni accorgimenti utili sono: dedicare allo svolgimento delle proprie attività tutto il tempo necessario, imparare a riconoscere e sfruttare i momenti in cui i farmaci sono più efficaci e ci si sente meno stanchi, assicurarsi che la dieta sia bilanciata come apporto energetico ed effettuare un regolare esercizio fisico in modo da mantenere i muscoli tonici.


FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI FONTE - CONFLITTO DI INTERESSI:
Redazione

© 2016 sanihelp.it. All rights reserved.
VOTA:
Vuoi ricevere la newsletter di Sanihelp.it?
Ti potrebbe interessare:


Promozioni:

Commenti